Skip to content

La parabola del seminatore. Tu di quale terreno fai parte?

22 ottobre 2010

La parabola del seminatore. Tu di quale terreno fai parte?

Premessa

Il seminatoreQuesta parabola è stata prima raccontata e poi spiegata da Gesù stesso; tanto è importante questa parabola quanto è semplice da comprendere.
L’Apostolo Paolo nella seconda epistola ai Corinzi (II Corinzi 13:5) fa questa esortazione: “Esaminate voi stessi per vedere se siete nella fede; provate voi stessi.
I credenti sono chiamati continuamente a verificare se sono ancora nella fede e questa parabola è tra i passi che servono a tale scopo, non devono ignorarla, anzi devono meditarla attentamente.
Il Signore, con questa parabola, ha mostrato che ci sono quattro categorie di persone: la prima sono gli increduli e tali eravamo tutti noi prima che il Signore ci purificasse con il suo sangue, per mezzo della fede; la seconda sono coloro che credono ma poi si traggono indietro quando la loro fede viene messa alla prova; la terza sono coloro che continuano a frequentare la comunità e i fratelli, ma dentro di loro la Parola di Dio è soffocata; la quarta è quella che rappresenta i fedeli perseveranti nella fede secondo la Parola di Dio, con un cuore dato completamente al Signore.

La parabola del seminatore raccontata e spiegata da Gesù

[Luca 8:4-8] “Or come si raunava gran folla e la gente d’ogni città accorreva a lui, egli disse in parabola:
Il seminatore uscì a seminar la sua semenza; e mentre seminava, una parte del seme cadde lungo la strada, e fu calpestato e gli uccelli del cielo lo mangiarono.
Ed un’altra cadde sulla roccia; e come fu nato seccò perché non avea umore.
Ed un’altra cadde in mezzo alle spine; e le spine, nate insieme col seme, lo soffocarono.
Ed un’altra parte cadde nella buona terra; e nata che fu, fruttò il cento per uno. Dicendo queste cose, esclamava: Chi ha orecchi da udire, oda.”
[…]
[Luca 8:11-15] “Or questo è il senso della parabola: Il seme è la parola di Dio.
Quelli lungo la strada son coloro che hanno udito; ma poi viene il diavolo e porta via la Parola dal cuor loro, affinché non credano e non siano salvati.
E quelli sulla roccia son coloro i quali, quando hanno udito la Parola, la ricevono con allegrezza; ma costoro non hanno radice, credono per un tempo, e quando viene la prova, si traggono indietro.
E quel ch’è caduto fra le spine, son coloro che hanno udito, ma se ne vanno e restan soffocati dalle cure e dalle ricchezze e dai piaceri della vita, e non arrivano a maturità.
E quel ch’è in buona terra, son coloro i quali, dopo aver udita la Parola, la ritengono in un cuore onesto e buono, e portan frutto con perseveranza.”
[vedi anche: Matteo 13:1-23 e Marco 4:1-20]

La Parola lungo la strada:  Gl’increduli

Quando si annunzia l’Evangelo ad una persona incredula, il diavolo cerca in tutti i modi di impedire che questa persona creda, perché sa che se la Parola di Dio penetra nel suo cuore, questi crede e il Signore lo salva strappandolo dal regno delle tenebre, trasportandolo nel regno della luce.
Molteplici sono i modi mediante il quale il maligno si oppone affinché l’incredulo non intenda la Parola di Dio e sia salvato. Un esempio a conferma del fatto che il diavolo si oppone affinché le anime non si convertano a Dio è riportato da Luca nel passo di Atti 13:8-10: “Ma Elima, il mago (perché così s’interpreta questo suo nome), resisteva loro, cercando di stornare il proconsole dalla fede. Ma Saulo, chiamato anche Paolo, pieno dello Spirito Santo, guardandolo fisso gli disse: O pieno d’ogni frode e d’ogni furberia, figliuol del diavolo, nemico d’ogni giustizia, non cesserai tu di pervertir le diritte vie del Signore?“
Spesso i credenti sono chiamati a rispondere riguardo alla loro fede e ad annunziare l’Evangelo; è utile sapere, pertanto, che contro il popolo di Dio agiscono le forze del male per far sì che le persone che ascoltano la Parola non credano. I credenti devono contrastare questa azione del maligno perseverando nella preghiera, chiedendo a Dio del continuo, tra le altre cose, che salvi le persone che sono state evangelizzate e le preservi dal maligno.
Fratelli, non dobbiamo ignorare le macchinazioni del diavolo.

La Parola sulla roccia: I credenti che si traggono indietro

In taluni casi gli increduli ricevono e accettano la Parola appena viene loro annunziata. Ma, quando la loro fede viene messa alla prova con la persecuzione e la tribolazione, non essendo fortificati nella fede, questi si traggono indietro.
È importante accettare la Parola di Dio ma lo è altrettanto crescere ed essere fortificati nella fede, per non venire meno. La fede si fortifica perseverando nella preghiera senza stancarsi, nella meditazione della Parola di Dio, anelando continuamente la presenza di Dio. Se un credente non prega, non medita la Parola di Dio, egli non si fortifica spiritualmente, non impara a discernere le cose dello spirito, quindi non è pronto per affrontare le prove della sua fede, che certamente arriveranno, finirà indubbiamente per trarsi indietro.
Leggiamo cosa dice la Parola in Giacomo 1:2-3, 12: “Fratelli miei, considerate come argomento di completa allegrezza le prove svariate in cui venite a trovarvi, sapendo che la prova della vostra fede produce costanza. … Beato l’uomo che sostiene la prova; perché, essendosi reso approvato, riceverà la corona della vita, che il Signore ha promessa a quelli che l’amano.“
La mia richiesta a Dio per coloro che hanno creduto da poco tempo è che il Signore li fortifichi nella fede, nella speranza e li faccia abbondare nella carità.

La Parola sul terreno spinoso: I credenti soffocati dalle sollecitudini di questo mondo

Le spine che affogano la Parola di Dio sono:

- le cure mondane o sollecitudini di questo secolo (Matteo 6:25 – Luca 21:34) possono essere le gozzoviglie, le feste, le ubriachezze, i cosiddetti divertimenti e piaceri della vita in genere, anche se ritenuti innocui; il lavoro, anche se necessario, talvolta può soffocare la Parola di Dio se si dedica ad esso tempo eccessivo, o si lavora anche in momenti inopportuni (Luca 10:38-42), anche per affermarsi sul lavoro; il tempo speso davanti alla televisione, al teatro, al cinema, nel leggere libri mondani, cose, queste, di nessuna utilità per la fede; qualsiasi altra attività mondana che non edifica il credente ma lo impoverisce spiritualmente;
– l’inganno delle ricchezze, sì perché ci sono dei credenti, anzi addirittura movimenti interi di credenti, i quali tendono a diventare ricchi non in fede ma di vil denaro; costoro predicano un particolare messaggio detto “della prosperità“; a tutti coloro che desiderano diventare ricchi economicamente, l’Apostolo Paolo dice nella prima lettera a Timoteo cap. 6 versetto 9: “Ma quelli che vogliono arricchire cadono in tentazione, in laccio, e in molte insensate e funeste concupiscenze, che affondano gli uomini nella distruzione e nella perdizione. …“ Gesù e gli Apostoli erano poveri di denaro ma ricchi in fede e di Spirito santo;
– le cupidigie delle altre cose, cioè tutti quegli intensi desideri rivolti verso cose o persone, sia per motivi puri che impuri; i desideri della carne.

Queste ed altre cose, penetrando dentro il cuore dei credenti rendono infruttuosa la Parola di Dio.
Inoltre, in un altro passo della Parola di Dio i credenti che fanno parte di questo terreno sono paragonati a degli alberi che non producono frutto e rendono addirittura improduttivo il terreno.

La Parola sulla buona terra: I credenti che odono la Parola e la mettono in pratica

Qui troviamo i credenti che odono la Parola e la ritengono in un cuore onesto e buono, portando frutto con perseveranza.
Sono coloro che amano il Signore Iddio con tutto il cuore; che hanno il cuore pieno di fede; che fanno ogni cosa con letizia e semplicità di cuore; obbediscono di cuore ai comandamenti del Signore; hanno gli occhi del loro cuore ben illuminati e sanno a quale speranza Iddio li ha chiamati; cantano di cuore a Dio, amano i fratelli di cuore, intensamente e non con un amore finto.
In Romani 7:4 sta scritto: “Così, fratelli miei, anche voi siete divenuti morti alla legge mediante il corpo di Cristo, per appartenere ad un altro, cioè a colui che è risuscitato dai morti, e questo affinché portiamo del frutto a Dio.“
Noi che apparteniamo a Cristo siamo chiamati a portare frutto; ma cosa si deve intendere per “frutto“? La Parola di Dio ci ammaestra anche su cosa si intende per portare frutto; l’Apostolo Paolo dice ai Romani: (Romani 6:22) “Ma ora, essendo stati affrancati dal peccato e fatti servi a Dio, voi avete per frutto la vostra santificazione, e per fine la vita eterna.“
Agli Efesini scrive: (Efesini 5:9-10) “Conducetevi come figliuoli di luce (poiché il frutto della luce consiste in tutto ciò che è bontà e giustizia e verità), esaminando che cosa sia accetto al Signore.“
In Colossesi 1:10 sta scritto: “affinché camminiate in modo degno del Signore per piacergli in ogni cosa, portando frutto in ogni opera buona e crescendo nella conoscenza di Dio;“
Ancora in Tito 3:14: “Ed imparino anche i nostri ad attendere a buone opere per provvedere alle necessità, onde non stiano senza portar frutto.“
E ancora in Filippesi 4:16,17 sta scritto: “poiché anche a Tessalonica m’avete mandato una prima e poi una seconda volta di che sovvenire al mio bisogno. Non già ch’io ricerchi i doni; ricerco piuttosto il frutto che abbondi a conto vostro.“
La Parola di Dio ci mostra che per frutto si intendono la santificazione e le buone opere, quindi noi credenti abbiamo l’obbligo di santificarci e di compiere opere buone, con un cuore allegro e con perseveranza, senza stancarci.
Ringraziato sia Dio che sempre porta a compimento la sua opera.

Conclusioni

Gli Anziani delle comunità, tra gli altri, hanno il dovere di: evangelizzare i non credenti, fortificare coloro che hanno creduto, che sono ancora deboli e prepararli a far fronte alle persecuzioni ed alle tribolazioni che per certo giungeranno; edificare la Chiesa di Cristo, per far arrivare tutti all’unità della fede e della conoscenza del Figliuolo di Dio, affinché tutti giungano ad essere degli uomini compiuti in Cristo, crescendo in ogni cosa verso Colui che è il capo, cioè Cristo.
Purtroppo oggigiorno ho visto che questo viene fatto da pochi Anziani; dico questo a vergogna di coloro che si fregiano del titolo di Anziano, ma non portano a compimento il proprio dovere.
Inoltre, esorto voi, fratelli semplici, a fortificarvi nella fede studiando la Parola di Dio perseverando nel contempo nella preghiera senza stancarvi, ricordandovi sempre di coloro che vi ammoniscono, vi esortano e vi ammaestrano nella Parola.

Ecco solo alcune delle cose su cui meditare per mezzo di questa parabola.

Salvato per grazia mediante la fede in Cristo Gesù:  Giuseppe Piredda

About these ads
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Il Buon Deposito

Dottrine della Bibbia

Il blog di Aldo Prendi

La sana doctrina bíblica

Quien tiene oídos para oír, oiga

Guardatevi e separatevi da:

"Or io v'esorto, fratelli, tenete d'occhio quelli che fomentano le dissensioni e gli scandali contro l'insegnamento che avete ricevuto, e ritiratevi da loro."(Rm 16:17)

Chiesa Evangelica Pentecostale di Augusta

Gesù disse: Io son la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muoia, vivrà (cfr. Giovanni 11:25)

ELIM

1° Giovanni 4:8 Chi non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore.

La Massoneria Smascherata

"non v'è niente di nascosto che non abbia ad essere scoperto" (Matteo 10:26)

La Babilonia Cattolica Romana

" Poi udii un'altra voce dal cielo che diceva: Uscite da essa, o popolo mio, affinché non siate partecipi de' suoi peccati e non abbiate parte alle sue piaghe"(Ap 18:4)

La Spada dello Spirito

Il blog di Enrico Maria Palumbo

SALVATI per GRAZIA

Blog Di Giuseppe Palamara

La verità rende liberi!

Sito di attualità e informazione cristiana

Listen to the sound of the sword

«Stand in the ways and see, and ask for the old paths, where the good way is, and walk in it» (Jeremiah 6:16)

Suonate la tromba in Sion e date l'allarme sul mio santo monte! (Gioele 2:1)

"perchè le armi della nostra guerra non sono carnali, ma potenti in Dio a distruggere le fortezze,distruggendo i ragionamenti ed ogni altezza che si eleva contro la conoscenza di Dio e facendo prigioniero ogni pensiero all'ubbidienza di Cristo" 2 Corinzi 10:4-5

Egli è altresì scritto...

Blog di Nicola Iannazzo

Non tollero Jezabel

Il blog di Gian Michele Tinnirello

Sana Dottrina

Perché verrà il tempo che non sopporteranno la sana dottrina; ma per prurito d'udire si accumuleranno dottori secondo le loro proprie voglie e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole.(2Timoteo 4:3-4)

La Buona Strada

Il blog di Giuseppe Piredda, cristiano evangelico pentecostale

He who has ears let him hear

A voice crying in the wilderness

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: