Skip to content

Conversione di Giacinto Butindaro: “Ero lontano e senza il Signor, ora son salvo per fè”

20 aprile 2011

Conversione di Giacinto Butindaro: Ero lontano e senza il Signor, ora son salvo per fè

Giacinto Butindaro racconta come e quando il Signore lo ha salvato

Sono stato crocifisso con Cristo, e non son più io che vivo, ma è Cristo che vive in me; e la vita che vivo ora nella carne, la vivo nella fede nel Figliuol di Dio il quale m’ha amato, e ha dato se stesso per me. (Galati 2:20).

Sono nato il 13 Ottobre 1964 da genitori che al tempo erano già dei Cristiani per cui sin dalla mia fanciullezza sono stato in contatto con dei Cristiani e sono cresciuto con un istruzione cristiana. Sapevo che Gesù Cristo era morto sulla croce anche per i miei peccati, sapevo che ciò era stato la manifestazione del grande amore che Dio ha avuto per il mondo intero, pregavo e cantavo pure; ad alcuni credenti sembravo perfino un Cristiano perché apparentemente tale sembravo ad essi. Ai miei amici non mi vergognavo di dire che ero un ‘Cristiano Evangelico’; non mi vergognavo neppure di frequentare i locali di culto delle Chiese Evangeliche perché ero conscio di frequentare le persone giuste anche se io ancora ero perduto. Certo, arrivato all’età di 16-18 anni, mi dava fastidio che l’orario dei culti coincideva con gli orari di qualche programma televisivo a me gradito o con qualche partita di pallacanestro al palazzetto dello sport, per cui preferivo non andare al culto (prendendomi la puntuale riprensione dei miei genitori). Ciononostante continuavo a sentire dentro di me che andare al culto era una cosa giusta.

Quando ne avevo l’occasione attaccavo i preti, le statue, l’incenso della Chiesa Cattolica Romana, e mi sforzavo di dimostrare gli errori della Chiesa Cattolica Romana, ma è meglio dire che facevo solo conoscere la differenza tra noi e i Cattolici romani, tutto lì, naturalmente facendo uso delle mie limitatissime conoscenze bibliche. Io in realtà più che confutare i Cattolici Romani facevo sapere ai miei amici le differenze che io vedevo con i miei occhi tra i nostri riti e le nostre pratiche e le loro, prendendo naturalmente la parte degli Evangelici anche se non riuscivo a spiegare biblicamente tante cose. Contemporaneamente però mi comportavo più o meno come i Cattolici; ero un peccatore.

Come ho già detto, io ero perduto. Ero perfettamente conscio di essere perduto; nel mio intimo lo sapevo; ero sicuro che se fossi morto in quello stato sarei andato all’inferno. Spesso di notte avevo degli incubi che mi terrorizzavano; mi svegliavo impaurito. L’eternità senza Dio mi metteva paura perché sapevo di essere un peccatore davanti a Dio e Lui i peccatori non li avrebbe portati in cielo. Il solo pensiero di non andare in cielo mi metteva paura. Riflettevo spesso sul senso della vita quando mi trovavo da solo; e quando consideravo la mia esistenza giungevo alla conclusione che facevo una vita inutile perché non conoscevo e non servivo il Signore. Tra me e me dicevo: ‘Ma a che serve vivere una vita come quella che faccio io?’ e: ‘Che ne avrò da questa vita che non ha senso perché tutto passa?’

Sentii molte volte parlare di Gesù e l’appello ad accettarlo come personale Salvatore e Signore; ed ogni volta al mio interno si scatenava una lotta tremenda. Sapevo che dovevo farlo per essere salvato, ma c’erano forze spirituali avverse che mi spingevano a resistere a Dio. Io pensavo che per l’età che avevo (ero un adolescente) fosse ancora prematuro prendere questa decisione così importante; per cui posticipavo sempre. Dio mi chiamava al ravvedimento e a credere nel suo Figliuolo ma io dicevo tra me e me: ‘Più avanti, non ora’. Una delle ragioni per cui posticipavo era la convinzione che quando avrei creduto in Gesù Cristo avrei pian piano perso tutti i miei amici; sarei diventato loro nemico per cui mi avrebbero lasciato e per l’età che avevo, tenendo anche presente che andavo ancora a scuola, non me la sentivo di perderli. Questa convinzione l’avevo perché io, quantunque fossi un ipocrita e coprissi molto bene la mia ipocrisia, avevo intenzione un giorno di smettere di fare l’ipocrita, cioè il ‘cristiano evangelico’ che quando ero in presenza dei credenti faceva il credente e quando ero con i peccatori si conformava con piacere alle loro concupiscenze. Io volevo diventare un vero Cristiano, un esempio sia agli increduli che ai credenti; sì, pure ai credenti perché quello che vedevo con i miei occhi era che c’erano di quelli che dicevano di avere accettato Gesù e si erano fatti battezzare ma facevano una vita mondana: tra loro e quelli del mondo non vedevo alcuna differenza. Ero disgustato da questa loro ipocrisia: io almeno non avevo deciso di farmi battezzare per testimoniare di avere accettato Gesù (e questo perché ancora non lo aveva accettato), ma loro sì (appunto perché dicevano di avere accettato Gesù). Ricordo che una mattina, mentre andavo a scuola e mi trovavo da solo, parlando con me stesso, dissi: ‘Quando mi converto, gli faccio vedere io!’ Dissi quelle parole ingenuamente, ma sinceramente. Il mio desiderio infatti era quello di smettere di fare l’ipocrita e fare vedere sia a quelli del mondo che ai credenti che io, accettando Cristo, avevo deciso di fare sul serio non curante della reazione altrui.

Nell’estate del 1983, dopo avere passato gli esami di maturità, andai in vacanza in Inghilterra. Mi recai per circa quattro settimane presso una Scuola Biblica vicino a Londra dove pagando il vitto e l’alloggio si potevano passare le proprie vacanze estive (si trattava insomma di una specie di campeggio estivo). Durante la mia permanenza in quel posto, venne piantata una tenda di evangelizzazione nel terreno appartenente a quell’Istituto. Cominciai allora a sentire sempre più forte di decidermi a credere in Cristo man mano che frequentavo le riunioni. E così una sera, dopo avere sentito per l’ennesima volta l’invito ad accettare Gesù come mio proprio personale Salvatore e Signore, decisi di pentirmi dei miei peccati e di credere in Cristo. Ricordo molto bene che mentre mi trovavo in piedi al mio posto, mentre venivano cantati dei cantici dai presenti, convinto di peccato dallo Spirito di Dio, mi pentii di tutti i miei peccati e mi misi a piangere chiedendo personalmente perdono a Dio e chiedendogli di farmi un suo figliuolo. L’orgoglio che per tanti anni mi aveva impedito di pentirmi dei miei peccati e umiliarmi davanti a Dio era stato sconfitto con l’aiuto di Dio. All’istante sentii come un peso rotolare via dalle mie spalle e una gioia e una pace grande venire nel mio cuore. Assaporai così la bontà di Dio, e da quel momento fui certo di essere stato salvato dal peccato e dall’inferno. Fu così che cominciò la mia vita in Cristo. Tornato in Italia tutti si avvidero del cambiamento avvenuto in me, e come avevo giustamente previsto, pian piano tutti i miei vecchi amici mi lasciarono. Ma il Signore fu con me fortificandomi e confermandomi nella fede.

Ora, mi rivolgo a voi giovani e meno giovani che siete ancora perduti, schiavi di ogni sorta di concupiscenza menanti la vita in malizia, quantunque talvolta riuscite molto abilmente a coprire la vostra vera condotta. Voi siete diretti all’inferno, siatene certi di questo, e questo perché non siete ancora nati di nuovo. Vi dico quindi questo: pentitevi dei vostri peccati e credete che Gesù Cristo è morto per i nostri peccati e risorto il terzo giorno per la nostra giustificazione. Questa è la Buona Notizia del Regno di Dio, potenza di Dio per la salvezza di ognuno che crede. Vi sentirete allora rinascere a nuova vita e non sarete mai più gli stessi. Dio vi darà un cuore nuovo, fatto di carne, al posto di quello di pietra che avete adesso; e metterà dentro di voi uno spirito nuovo, lo Spirito del suo Figliuolo per il quale comincerete a gridare: ‘Abba, Padre’, al posto dello spirito del mondo che avete adesso il quale è uno spirito di servitù. La paura dell’inferno svanirà da voi perché essendo diventati dei figli di Dio sarete diventati eredi del Regno di Dio che Egli ha promesso a coloro che lo amano. La vostra vita acquisterà un senso; fino ad ora avete servito il peccato, avete condotto un modo di vivere vano, ma una volta rinati tutto cambierà perché comincerete a vivere per il Signore che è morto e risuscitato per noi, e quindi una vita al servizio della verità e della giustizia. Questa è la vita che vale la pena di vivere, questo è il modo di vivere che ha una ricompensa nel mondo avvenire. Oggi, se udite la sua voce non indurate il vostro cuore. Dio vi benedica.

Giacinto Butindaro

[Tratto dal libro: “Testimonianze“, Vol. 1, scritto da Giacinto Butindaro V.D.M.]

[Scarica il libro “Testimonianze” in formato zip]

About these ads
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Il Buon Deposito

Dottrine della Bibbia

Il blog di Aldo Prendi

La sana doctrina bíblica

Quien tiene oídos para oír, oiga

Guardatevi e separatevi da:

"Or io v'esorto, fratelli, tenete d'occhio quelli che fomentano le dissensioni e gli scandali contro l'insegnamento che avete ricevuto, e ritiratevi da loro."(Rm 16:17)

Chiesa Evangelica Pentecostale di Augusta

Gesù disse: Io son la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muoia, vivrà (cfr. Giovanni 11:25)

ELIM

1° Giovanni 4:8 Chi non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore.

La Massoneria Smascherata

"non v'è niente di nascosto che non abbia ad essere scoperto" (Matteo 10:26)

La Babilonia Cattolica Romana

" Poi udii un'altra voce dal cielo che diceva: Uscite da essa, o popolo mio, affinché non siate partecipi de' suoi peccati e non abbiate parte alle sue piaghe"(Ap 18:4)

La Spada dello Spirito

Il blog di Enrico Maria Palumbo

SALVATI per GRAZIA

Blog Di Giuseppe Palamara

La verità rende liberi!

Sito di attualità e informazione cristiana

Listen to the sound of the sword

«Stand in the ways and see, and ask for the old paths, where the good way is, and walk in it» (Jeremiah 6:16)

Suonate la tromba in Sion e date l'allarme sul mio santo monte! (Gioele 2:1)

"perchè le armi della nostra guerra non sono carnali, ma potenti in Dio a distruggere le fortezze,distruggendo i ragionamenti ed ogni altezza che si eleva contro la conoscenza di Dio e facendo prigioniero ogni pensiero all'ubbidienza di Cristo" 2 Corinzi 10:4-5

Egli è altresì scritto...

Blog di Nicola Iannazzo

Non tollero Jezabel

Il blog di Gian Michele Tinnirello

Sana Dottrina

Perché verrà il tempo che non sopporteranno la sana dottrina; ma per prurito d'udire si accumuleranno dottori secondo le loro proprie voglie e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole.(2Timoteo 4:3-4)

La Buona Strada

Il blog di Giuseppe Piredda, cristiano evangelico pentecostale

He who has ears let him hear

A voice crying in the wilderness

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: