Vai al contenuto

Difesa di Giacinto Butindaro contro l’ accusa di essere bugiardo, mossagli dai pastori Umberto Trovato e Nicola Sulano

17 ottobre 2009

Difesa di Giacinto Butindaro contro l’ accusa di essere bugiardo, mossagli dai pastori Umberto Trovato e Nicola Sulano

Non andrai qua e là facendo il diffamatore fra il tuo popolo, né ti presenterai ad attestare il falso a danno della vita del tuo prossimo. Io sono l’Eterno. (Levitico 19:16)

Per gli smemorati, i furbi, i bugiardi e coloro che non sanno come stanno realmente le cose a proposito dell’eresia insegnata dal pastore Umberto Trovato.

Roma, 14 Ottobre 2009
Dopo la mia confutazione dell’eresia ‘Sulla croce non è morto solo il Figlio, ma anche il Padre e lo Spirito Santo’, nella Chiesa di Siracusa (di cui è pastore Umberto Trovato) ed in quella di Augusta (di cui è pastore Nicola Sulano, ma nella pratica ‘comanda’ Umberto Trovato) si è sollevata una protesta e un coro di accuse contro di me, e contro i fratelli che mi hanno riferito che il pastore Umberto Trovato insegna questa eresia. La sostanza dell’accusa è che io e i fratelli Francesco Spinali, Salvatore Larizza e Salvatore Ferraguto, i quali mi hanno riferito la cosa, siamo dei bugiardi. 

Infatti – tra le altre cose – in data 10 Ottobre 2009 mi è arrivata questa mail da parte di un membro della Chiesa di Siracusa, che riassume molto bene queste accuse:

Caro amico, o letto e ascoltato ciò che lei ha scritto sull’eresia di cui i pastori Trovato e Sulano si sono macchiati, perché come lei asserisce, detti pastori predicano che sulla croce non andò solo il Figlio, ma anche il Padre e o Spirito Santo. Io mi chiedo quale figliolo di Dio con una così leggerezza e immaturità spirituale, accusa i suoi fratelli o presunti tali, senza averli mai contrattati o ascoltati, per aver una visione chiara di quello che asserisce, ma gli basta solo sentire accuse infondate da persone che con leggerezza anno accusato i su detti pastori, e lei come il supremo giusto è conoscitore di tutta la scrittura, a cavalcato tale accusa. Io, non voglio accusarlo di nessuna colpa, ma voglio credere che tutto ciò che ha scritto sia in buona fede, anche se non trovo nelle scritture un tale comportamento, di mettere alla berlina un uomo di Dio senza essere sicuro di ciò che asserisce. Personalmente io conosco i due pastori ed in modo particolare il pastore trovato da più di ventanni e posso assicurarlo che in tutti questi anni non ho mai ascoltato dalla sua bocca tale insegnamento. Credo perciò che lei sia stato male informato, e per amor di quel Dio che lei ritiene di servire, le consiglio a motivo di verità di mettersi in contatto telefonico con il pastore Trovato e sicuramente potrà rendersi conto personalmente che ciò che ha divulgato è falso. Pertanto anche se difficilmente può, riparare al danno arrecato ai pastori su detti sarebbe opportuno da parte sua smentire sul suo sito ciò che è stato scritto, tutto questo deve avvenire perchè il nostro Dio è in Dio di verità e non di menzogna, ma la menzogna come lei mi insegna appartiene al diavolo. Dio la illumini e la benedica.
Caruso Sebastiano

La mia risposta è stata la seguente:

‘Sebastiano, la Sacra Scrittura mi ordina di non ricevere accusa contro un anziano se non sulla deposizione di due o tre testimoni (1 Timoteo 5:19). E io ho mosso questa accusa di eresia contro un pastore sulla deposizione di tre testimoni fedeli e veraci. Quindi la mia riprensione pubblica verso Umberto Trovato e Nicola Sulano è verace perchè è basata su tre testimoni. Faranno dunque bene ambedue a riconoscere il loro grave errore, senza alcuna ambiguità. I testimoni mi hanno riconfermato le cose, quindi coloro che si devono ravvedere siete voi. Dio ti benedica. Giacinto Butindaro

Niente di meno ieri, 13 Ottobre, Umberto Trovato durante una assemblea di Chiesa ha avuto la sfacciataggine di negare di avere mai sostenuto una simile cosa, e ha fatto appello a Nicola Sulano, che era presente anche quando lui ha affermato questa eresia ma che adesso guarda un po’ non ricorda di averla sentita, per difendersi, dicendo che dato che Nicola Sulano non se lo ricorda non può essere che lui abbia detto quella cosa!!!

Sono dunque costretto a raccontare le cose sin dal principio affinché si riconosca la validità della mia accusa e affinché coloro che leggeranno possano rendersi conto di chi sono coloro che hanno agito fino ad ora con furbizia e falsità.

Alcune settimane fa si è tenuta a casa di Umberto Trovato una riunione in cui sono stati invitati Francesco Spinali, Salvatore Larizza e Salvatore Ferraguto, ora ex membri di quella Chiesa di Augusta, per discutere di alcune cose. Erano presenti oltre ai suddetti, anche la moglie di Umberto Trovato e Nicola Sulano, che è ora il pastore della Chiesa di Augusta. Ora, durante quella serata si parlò di diverse cose dottrinali, e mentre si parlava della Trinità Umberto Trovato rivolgendosi a Salvatore Larizza gli ha chiesto: ‘Secondo te chi è morto sulla croce?’ Il fratello Larizza gli ha risposto: ‘Il Figlio di Dio!’. Al che Umberto Trovato lo ha fermamente ammonito davanti a tutti dicendo: ‘No, ma anche il Padre e lo Spirito Santo’, al che il Larizza è rimasto turbato e molto perplesso, e gli ha ribattuto che invece era stato soltanto il Figlio a morire sulla croce. Ma Umberto Trovato ha persistito e ha detto: ‘No, ma che c’entra? … Lui è anche il Padre e lo Spirito Santo’.

Essendomi stata riferita quello stesso giorno la cosa dal fratello Larizza, ed essendomi stata confermata anche da Francesco Spinali e Salvatore Ferraguto, ho deciso di confutare pubblicamente il Trovato. Cosa è successo a questo punto? Che il Trovato si è messo a negare di avere detto quelle cose, il Sulano afferma di non ricordare (eppure le cose sono accadute qualche settimana fa soltanto e non tanti anni fa!!), e i credenti di Augusta e quelli di Siracusa si sono indignati contro di me e i fratelli che mi hanno riferito la cosa. Ecco dunque come sono andate le cose.

Passo ora a difendere pubblicamente il mio operato e la testimonianza resa dai fratelli Spinali, Larizza e Ferraguto.

● Paolo disse a Timoteo di non ricevere accusa contro un anziano se non sulla deposizione di due o tre testimoni (cfr. 1 Timoteo 5:19), e questo perché ogni parola deve essere confermata per bocca di due o tre testimoni (cfr. Matteo 18:16). In questo caso l’accusa di eresia è stata confermata da tre testimoni fedeli e veraci, che mi hanno tutti e tre dichiarato che il Trovato ha detto loro che sulla croce non è morto solo il Figlio ma anche il Padre e lo Spirito Santo. E io quindi ho dovuto ricevere l’accusa. Una volta ricevuta l’accusa, il Trovato è stato da me confutato e ripreso pubblicamente. Ed anche in questo caso ho agito biblicamente perché è scritto: “Quelli che peccano riprendili in presenza di tutti” (1 Timoteo 5:20). Per altro, il Trovato era stato già ripreso davanti ad altri fratelli ma la riprensione se l’era gettata alle spalle.

● Il Trovato afferma di non avere mai detto o sostenuto quella cosa. Ma oltre ad averla detta a quei fratelli quella sera, egli l’ha anche avallata dinnanzi alla Chiesa di Augusta il 20 Marzo 2009 alla fine di una predicazione fatta da un certo Franco Napolitano, che durante un culto ad Augusta aveva affermato proprio questo, e cioè che sulla croce è morto sia il Figlio che il Padre che lo Spirito Santo. L’affermazione letterale è stata questa: ‘In croce è andato il Figliolo, ma è andato il Padre, è andato lo Spirito Santo. I Tre sono uno, e uno è Tre’! In che maniera l’ha avallata il Trovato? Ringraziando Dio per quella predicazione subito dopo la predicazione, dicendo tra le altre cose: ‘In questa sera Padre ti vogliamo ringraziare dal profondo del nostro cuore per la parola che Tu hai mandato, essa è propizia alle anime nostre, Signore, perché Tu mandi la Tua parola perchè hai da fare un lavoro dentro di noi …..’.

Per chi vuole accertarsi personalmente ecco qui di seguito i file audio che confermano ciò:
a) Tutta la predicazione del Napolitano più la preghiera del Trovato (la dichiarazione del Napolitano è al minuto 40 e 40 secondi, mentre la preghiera del Trovato è al minuto 45 e 30 secondi);
b) Solo l’affermazione oggetto della contesa e parte della preghiera finale del pastore Umberto Trovato.

Non è questa una chiara ed inconfutabile prova che Umberto Trovato era d’accordo con quella eresia? Per noi lo è. Quando un pastore ringrazia Dio pubblicamente per avere mandato la Sua parola, dopo che è stato predicato che in croce sono andati sia il Figlio, che il Padre che lo Spirito Santo, non mi pare che si possa dire che egli sia in disaccordo con una tale affermazione. Se l’avesse considerata una eresia avrebbe ripreso immediatamente e pubblicamente il Napolitano, COME DICE DI FARE LA SCRITTURA, ma non lo ha fatto, anzi ha ringraziato Dio per tutta la predicazione.

Adesso, ovviamente, la Chiesa di Augusta dice che si dissocia dalla falsità detta da Franco Napolitano in quel giorno. Voglio però che facciate attenzione a queste cose:

1 – La dissociazione doveva essere mostrata dal pastore Umberto Trovato IMMEDIATAMENTE e PUBBLICAMENTE, e non solo si doveva dissociare ma anche riprendere il suddetto Napolitano. Molto facile dire adesso che si dissociano, dopo che io li ho confutati pubblicamente.

2 – Quand’anche Umberto Trovato dicesse adesso che non era d’accordo con quello che il Napolitano aveva detto durante la predicazione, anche in questo caso sarebbe trovato colpevole, perchè se per lui quella era una menzogna che non ha niente a che fare con la verità, e lui lo sapeva e se ne era reso conto, poi ha ringraziato Dio anche per quella menzogna! Domando allora: Che tipo di ringraziamento avrebbe fatto dunque in quell’occasione? Un ringraziamento falso! Io sono sicuro che se quel giorno avesse predicato qualcuno sulla predestinazione, il pastore Trovato si sarebbe dissociato pubblicamente e immediatamente da quanto aveva detto, perché lui ritiene la predestinazione una eresia. Dico questo per farvi capire di come il fatto che il Trovato abbia approvato in toto quella predicazione – senza minimamente riprovare quella parte di quella predicazione – significa che egli era d’accordo anche con la dichiarazione del Napolitano secondo cui in croce ci sono andati il Figlio, il Padre e lo Spirito Santo. E ciò peraltro è comprovato da quello che mesi dopo egli stesso ha detto a Salvatore Larizza davanti ad altri.

● Alle affermazioni di taluni secondo cui il Trovato non ha mai predicato dal pulpito questa cosa, rispondo in questa maniera. Ciò non significa niente, perché una eresia la si può predicare anche ‘dalla sedia’, mentre si è a tavola a mangiare, mentre si cammina per strada, mentre si sta parlando in macchina, ecc. In altre parole, non necessariamente una eresia deve essere proclamata dal pulpito, perché basta che sia sostenuta in qualche maniera e in non importa che luogo essa comunque sia è una eresia. Peraltro di pastori pentecostali che non dicono certe menzogne dal pulpito ma solo ‘dalla sedia’ o fuori dagli orari di culto, ce ne sono tanti. Faccio alcuni esempi: ci sono tanti pastori che non hanno mai detto dal pulpito che il fuoco dell’inferno è allegorico, ma lo credono e lo dicono privatamente quando parlano con altri. Ci sono pastori che dal pulpito non hanno mai detto che se una sorella della loro comunità – dove le sorelle devono mettere il velo quando pregano o profetizzano – va in visita presso una comunità dove il velo non si mette ella allora in quella comunità non se lo deve mettere, ma questa cosa la dicono privatamente. Potrei proseguire con il fare tanti e tanti altri esempi, ma mi fermo qui. Quindi, non ci sarebbe per niente di che meravigliarsi se fosse vero (perché è tutto da dimostrare questo) che Umberto Trovato questa eresia non l’ha mai predicata dal pulpito: potrebbe essere vero questo, ma rimane il fatto che privatamene l’ha sostenuta e difesa. Le false dottrine non sono tali solo quando vengono predicate dal pulpito!

Dunque, alla luce di ciò, il pastore Umberto Trovato e i suoi collaboratori si devono ravvedere non solo della suddetta eresia (affermando chiaramente che l’hanno sostenuta e poi l’hanno abbandonata), ma anche di avere detto delle menzogne su me e sugli altri fratelli che mi hanno riferito le fedeli informazioni sopra indicate.

La grazia del Signore nostro Gesù Cristo sia con tutti coloro che lo amano con purità incorrotta.

f.to: Giacinto Butindaro

6 commenti leave one →
  1. riccardo permalink
    1 gennaio 2010 05:18

    Buonasera,
    elogio la profonda conoscenza scritturale dimostrata da Giacinto Butindaro.
    Puntuale e puntiglioso giunge ogni riferimento, talmente puntuglioso che – mi permetterà certamente – mi giunge doveroso opporre un “sta anche scritto” e più precisamente :sta anche scritto “Ama il tuo prossimo come te stesso”. Non vi è alcun altro comandamento maggiore di questi>>.(Mc.12:31)
    Mi spiace notare dai Suoi scritti che il rispetto a questo comandamento di nostro Signore Gesù Cristo sia stato soppiantato dal desiderio di imporre la Sua personalità e, talvolta, citare frasi e/o parti di predicazioni isolandole dal contesto a fini, vergognosamente, pretestuosi e diffamatori.
    Credo inoltre che i rapporti che vi erano tra l’apostolo Paolo e Timoteo, di cui lei cita, non siano riconducibili a quelli che intercorrerebbero tra Lei ed il pastore Trovato; Lei ha raccolto le critiche ed i commenti avallati da registrazioni di due o tre testimoni ( e critiche rimangono ) ma, mi spiace ricordarglieLo lei non è nella posizione da poter rimproverare nè additare nessuno in quanto ciò che l’apostolo Paolo intendeva dire a Timoteo nell’epistole da Lei citata si riferisce ad un ammaestramento che l’apostolo Paolo dava a Timoteo relativamente a quanto Timoteo stesso avrebbe dovuto fare conducendo la chiesa da lui diretta.
    Mi pare Lei non diriga la chiesa di Augusta nè quela di Siracusa, pertanto Lei avrà raccolto critiche e,forse, malcontenti ma ciò non Le attribuisce assolutamente la facoltà di “riprenderli in presenza di tutti”.
    In buona sostanza credo che Lei, almeno in questa circostanza, abbia commesso un grossolano errore da neofita mosso da eccesso di zelo.
    Desidero comunque ardentemente amarLa e salutarLa con quell’amore, in mancanza del quale ogni cosa, carissimo Butindaro, è come bronzo risuonante o squillante cembalo.
    Le auguro di poter maturare il frutto dello spirito che è:” amore, gioia, pace, pazienza, gentilezza, bontà, fede, mansuetudine, autocontrollo.” ed anche “bontà, giustizia e verità,” ma certamente non giudizio e scandalo!
    La amo dell’amore di Cristo.
    Dio la benedica.
    Riccardo Fulgoni

    "Mi piace"

  2. 2 gennaio 2010 14:35

    Allora, per non creare confusione in chi legge a proposito del più grande comandamento è doveroso apportare delle correzioni a quanto da te detto.

    (Marco 12:28-31) “Or uno degli scribi che li aveva uditi discutere, visto ch’egli aveva loro ben risposto, si accostò e gli domandò: Qual è il comandamento primo fra tutti?
    Gesù rispose: Il primo è: Ascolta, Israele: Il Signore Iddio nostro è l’unico Signore: ama dunque il Signore Iddio tuo con tutto il tuo cuore e con tutta l’anima tua e con tutta la mente tua e con tutta la forza tua.
    Il secondo è questo: Ama il tuo prossimo come te stesso. Non v’è alcun altro comandamento maggiore di questi.”

    Quindi, il primo e il più grande comandamento abbiamo visto quale è, e quello che hai citato tu Riccardo è solo il secondo, e non serve a nulla osservare il secondo e non osservare il primo.

    Infatti sapere che nelle chiese vengono insegnate false dottrine, eresie, talvolta che menano in perdizione, si viene presi dallo zelo dell’Eterno e si viene sospinti a cercare di apportare le giuste correzioni a favore dei fratelli prigionieri delle false dottrine.
    Non c’è carità senza la verità! Quindi, coloro che annunziano eresie e falsità non credano di avere carità, perché la carità è presente solo insieme alla verità.

    Quando le predicazioni, false e eretiche nel nostro caso, sono di pubblico dominio, cioè poste sul web affinché tutti le sentano e ne vengano “contaminati”, mi pare che sia una cosa giusta rispondere con una CONFUTAZIONE sempre sul web, apportando così gli aggiustamenti alla sana dottrina.

    Mi domando come mai tu ed altri riteniate che chi confuta le vostre false dottrine diffami i fratelli, mentre chi insegna le false dottrine e le eresie non DIFFAMA forse la VIA DELLA VERITA’?

    Ebbene, è venuta l’ora di smetterla con l’insegnare false dottrine perpetrarle sul web per ingannare il numero maggiore possibile di credenti. O meglio, possono continuare a farlo, ma con la variante che si devono aspettare di essere confutati.

    E bada bene, non c’è nessuna calunnia, perché le cose SONO vere e certe.
    Non c’è diffamazione perché si diffamano da soli pubblicando eresie sul web o nelle riviste o addirittura nei canali TV.
    L’unica persona che viene diffamata è Gesù Cristo, e noi questo non lo possiamo permettere.
    Infatti, quando si dice che Gesù ha insegnato di pagare la decima a sé stesso e ai suoi disceopoli non è forse una calunnia? Sì che lo è, Gesù ha insegnato di pagare la decima ai leviti, perché solo a loro è dato di ricevere le decime, nel tempo della grazia non c’è il comando di imporre la decima (sono molti quelli che impongono la decima, tra cui le ADI).
    Non è forse calunniare Gesù quando si dice che il fuoco dell’inferno non è un vero fuoco e la nuova Gerusalemme non è una vera città (queste cose le ha dette e insegnate Toppi).
    Non è forse calunniare Gesù quando si insegna l’eresia del RAPIMENTO SEGRETO”, perché Gesù non ha assolutamente insegnato una tale falsa e dannosa dottrina.
    Non è forse calunniare Paolo quando si fa passare il dono di interpretazione delle lingue come uguale alla profezia, perché non lo è assolutamente così.
    Si potrebbe continuare con il battesimo di luce che ha insegnato Di Iorio; con la calunnia contro il giusto Lot che è stato ritenuto ingiusto; con la fiaba dei tre diavoli che è falsa nella sostanza e nella forma; con la predica di Loria per quanto riguarda l’elemosina; con l’ecumenismo di Renato Mottola nella sua comunità; con il permettere di predicare ad una donna come ha fatto Antonio Rozzini della comunità ADI di Bergamo; etc…

    Quindi, ricordati Riccardo, che non c’è carità se non c’è VERITA’!

    E se uno annunzia una falsa dottrina ai suoi parenti o amici nel salotto di casa sua, noi non siamo interessati; ma nel momento in cui uno annunzia una falsa dottrina e la rende PUBBLICA, dico PUBBLICA, con qualsiasi mezzo, per ingannare il più possibile i credenti, allora noi abbiamo il dovere di INTERVENIRE e dimostrare la falsità di quella dottrina per liberare i fratelli dal giogo della falsità e dell’eresia. Che ti piaccia o no, le cose stanno così.

    Voi continuate a predicare le vostre falsità ed eresie PUBBLICAMENTE, e noi continueremo a CONFUTARVI PUBBLICAMENTE affinché i fratelli conoscano la verità e la verità li renda liberi.

    Voi predicate falsità e prelevate pure i soldi dai fratelli che state UCCIDENDO spiritualmente, noi annunziamo la VERITA’ che li rende liberi e non preleviamo loro niente.

    Io posso dire che amo la verità della Parola di Dio, e mi impegnerò sempre per “distruggere i ragionamenti ed ogni altezza che si eleva contro alla conoscenza di Dio,” (2 Corinzi 10:5).

    Non c’è nessun grossolano errore, è tutto fatto secondo la volontà di Dio, per distruggere le false dottrine di cui avete riempito i fratelli; ed è venuta l’ora di fare pulizia e di liberarli da ogni immondizia che hanno accumulato nel loro cuore e nelle loro menti.

    Devi sapere, tu e tutti quelli che pensano come te, che noi stiamo da tanti anni combattendo per la verità e confutando le eresie anche prima dell’avvento di internet, solo che i pastori non si sono mai degnati di considerare la Parola di Dio come avrebbero dovuto. Ma ora, vogliano o non vogliano, è venuto il tempo di internet, è venuto il tempo che i fratelli, tutti i fratelli devono sapere la verità su tante cose, e voi non ci potete fare niente, quelli che il Signore vorrà liberare dalle vostre grinfie da gente rapace, li libererà e darà loro intendimento, e già lo sta facendo, sono molti ormai quelli che ringraziano e ci fanno saper che IDDIO HA LORO APERTO GLI OCCHI!

    Apri gli occhi anche tu, Riccardo, aprili, perché hai gli occhi chiusi e sei schiavo di una denominazione. Liberati e torna ad appartenere SOLO A CRISTO GESU’, e vivrai nella pace e col tuo cuore sereno, certo di non essere svergognato da cosa alcuna.

    Inoltre, quel tuo saluto, quel BUONASERA, non è forse un atteggiamento di una persona settaria? Certo che lo è, ti è stata inculcata un’altra falsa dottrina e credenza, che dice che i salvati e i veri fratelli sono solo quelli della tua organizzazione.

    In ogni parola che hai scritto c’è un sentimento, un peso, un significato, così come lo hanno le mie parole.

    SVEGLIATI O TU CHE DORMI E CRISTO TI INONDERA’ DI LUCE!

    "Mi piace"

  3. Matteo M. permalink
    17 gennaio 2010 07:48

    Scusate, ma una persona che si trovi a passare di qui e a leggere questa “lotta” a colpi di citazioni e interpretazioni, cosa deve pensare? Che la religione è violenza? Non dovrebbe esserci più amore nel vostro modo di argomentare?

    "Mi piace"

  4. 17 gennaio 2010 09:42

    Pace a te,
    se nelle chiese vengono insegnate numerose false dottrine che danneggiano le anime dei fedeli, cosa dovremmo fare, lasciarli tutti a sè stessi?
    Facciamo quello che hanno fatto Gesù e gli apostoli, mettiamo in guardia i fratelli dalle false dottrine.
    Certo non si vede amore inverso le false dottrine, tuttavia per chi vuole vedere, l’amore c’è verso la verità e versa i fratelli prigionieri di certe falsità e di certi pesi che vengono imposti sulle loro vite.
    Cerca di guardare e capire anche la posizione dell’altro, cerca di pensare ai danni che producono le false dottrine nella chiesa, e forse Iddio ti darà di capire ciò che stiamo facendo. Lo facciamo noi perché nelle chiese ormai non c’è quasi nessuno che si solleva contro le menzogne.

    "Mi piace"

  5. 26 Mag 2011 23:11

    sono un fratello in fede anche se da poco tempo, e sono profondamente convinto che la verita trionferà sempre.
    apprezzo tanto che combattete per la verità, e che non vi fermate davanti a niente.
    questo e il vero amore verso Gesù, e verso tutti coloro che lo amano,pace il Signore ti benedica e ti dia la forza per combbattere per la verità.

    "Mi piace"

  6. 26 Mag 2011 23:54

    Amen! Ringraziato sia Dio, che sempre attraverso i suoi figlioli incoraggia i suoi servitori ad andare avanti.
    Che Dio ti benedica e grazie anche a te per l’incoraggiamento, che in mezzo a tanti avversari della verità è sempre utile.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

No Temas Sino Habla

Entonces él Señor dijo de noche en visión á Pablo: No temas, sino habla, y no calles: Porque yo estoy contigo, y ninguno te podrá hacer mal (Hechos 18:9-10)

Blog di Aldo Prendi

Per la diffusione e la difesa delle dottrine bibliche

Acordai-vos

Tocai a trombeta em Sião, e dai o alarma no meu santo monte.

Egli è altresì scritto...

Blog di Nicola Iannazzo

Destatevi

"Suonate la tromba in Sion e date l'allarme sul mio santo monte" (Gioele 2:1)

Il Buon Deposito

Dottrine della Bibbia

Listen to the sound of the sword

«Stand in the ways and see, and ask for the old paths, where the good way is, and walk in it» (Jeremiah 6:16)

Sana Dottrina

Perché verrà il tempo che non sopporteranno la sana dottrina; ma per prurito d'udire si accumuleranno dottori secondo le loro proprie voglie e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole.(2Timoteo 4:3-4)

La Buona Strada

Blog di Giuseppe Piredda, cristiano evangelico pentecostale trinitariano fondamentalista

He who has ears let him hear

A voice crying in the wilderness

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: