Skip to content

Lettera aperta al pastore Renato Mottola della Chiesa ADI di Matinella (SA)

25 ottobre 2009

Lettera aperta al pastore Renato Mottola della Chiesa ADI di Matinella (SA)

Logo delle ADIPace a te fratello Mottola, ho guardato il video dal quale si comprende che all’inaugurazione del nuovo locale di culto di Matinella hai invitato, tra le altre autorità, anche il reverendo della comunità cattolica (così l’hai chiamato tu).
Ho veduto anche che davanti a tutta la tua chiesa e le altre presenti, gli hai dato la parola al microfono dal pulpito, il quale, tra le altre cose, ha detto:

… Innanzi tutto riconoscere qui che lo Spirito del Signore ci ha convocati, che lo Spirito del Signore è NEI NOSTRI CUORI, che lo Spirito del Signore CI PORTA AVANTI SULLA STRADA DIVERSA, MA VERSO DI LUI, ed è questo che colma il mio cuore di commozione e anche di gioia. E per cui con questo proprio sentimento, di QUESTA NOSTRA COMUNE FEDE, DI QUESTO NOSTRO ESSERE CONVOCATI TUTTI DALLO SPIRITO,…

Inoltre, alcuni della chiesa al termine del discorso del prete cattolico romano, dicono: AMEN! e qualcuno applaude.

Ora, io desidero farti alcune domande in proposito, per comprendere bene quale sentimento ti ha spinto a fare ciò che hai fatto, quello dei santi che tu pasturi e, infine, quello di tutto il corpo pastorale delle ADI, tra cui il presidente dell’organizzazione, Antonio Felice Loria, che era lì presente.

1. Quale è il motivo per il quale hai invitato, tra le altre autorità del luogo, anche il prete (reverendo) della comunità cattolica Carlo? Perché gli hai dato la parola dal pulpito davanti alle chiese e al corpo pastorale? Perché hai desiderato dargli la parola?

2. Perchè alcuni della chiesa dei santi, dopo aver sentito le parole del prete, che ha detto diverse cose che non sono conformi a verità, ha detto AMEN e poi qualcuno lo ha applaudito in SEGNO DI APPROVAZIONE?
Cosa hai insegnato ai membri della tua chiesa a riguardo del significato della parola “amen”? Quando i santi possono pronunciare l’amen?

3. Nelle parole del prete cattolico romano si evince una certa familiarità e comunione con te e con tutta la comunità evangelica, come lo spieghi? C’è forse ecumenismo tra la tua chiesa o le ADI in genere, con la chiesa cattolica romana? Se la risposta è no, quali comportamenti i santi devono tenere nei confronti dei cattolici romani seguaci del papa e di Maria, per coerenza tra il parlare e l’operare?

4. Perchè il pulpito delle chiese ADI è chiuso ai pastori e fratelli di altre denominazioni, mentre hai permesso ad un seguace del papa e di Maria di parlare dal pulpito, illudendolo che le sue parole sono degne di essere accettate come vere dalla chiesa dei santi?

5. Perchè la tua reazione pubblica nei confronti del prete che ha parlato è stata sommessa e controllata, con chiaro intento di non urtare la sensibilità del prete e la sua religione idolatra? Non avresti dovuto annunziargli il ravvedimento e che avrebbe dovuto credere nell’evangelo, portando frutti degni del ravvedimento e abbandonare il suo culto agli idoli, per ottenere la salvezza dell’anima, facendolo così scampare al fuoco dell’inferno?

6. Ritieni che i cattolici romani siano salvati ed abbiano in loro lo Spirito del Signore? Se non annunzi l’evangelo ai perduti all’interno della tua comunità, dove e a chi lo annunzi l’evangelo? In quale evangelo hai creduto? Non è forse doveroso per un pastore annunziare lo stesso evangelo che lo salvato e che può salvare gli idolatri cattolici romani?

7. Se quel video lo vedranno molti seguaci cattolici romani, non avranno essi la sensazione che fra gli evangelici e loro ci sia una certa comunione di intenti?

Il mio parere è che voi siete stati di scandalo sia per i santi sia per i cattolici romani che sono perduti nei loro falli e nei loro peccati, tra cui si sono macchiati, tra tante altre cose, anche di idolatria, cose tutte queste di cui molti dei santi sono stati purificati, ma forse, dopo molto tempo vi siete dimenticati delle cose del quale il nostro Signore Gesù Cristo vi ha lavati e purificati.

Giuseppe Piredda


Articoli correlati che mostrano che le ADI si sono date all’Ecumenismo con la Chiesa cattolica e al tavolo interreligioso con diversi gruppi religiosi:

  1. Pure una Chiesa ADI al tavolo interreligioso. Una Chiesa delle Assemblee di Dio in Italia, e precisamente quella che si raduna a Largo Tripi a Roma, ha partecipato al tavolo interreligioso.
  2. Pastore ADI ad incontro ecumenico. Tommaso Fiorentini, pastore della chiesa ADI di Gallipoli, ha partecipato alla ‘Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani’;
  3. Segnali di apertura ecumenica nelle ADI. Nonostante la posizione ufficiale delle ADI sia contraria all’Ecumenismo, e quindi al dialogo ecumenico con i Cattolici Romani e ad ogni forma di collaborazione con essi, ci sono dei cattivi segnali che fanno presagire che questa posizione prima o poi cambierà..;
  4. Alcune notizie su Giorgio Spini (1916 – 2006), e alcune domande per Francesco Toppi, ex-presidente delle ADI, che ne era fraterno amicoBreve biografia e commistione con le Assemblee di Dio in Italia.
Annunci
96 commenti leave one →
  1. Marco permalink
    3 novembre 2009 14:36

    Perchè non inviare le rimostranze direttamente a Renato Mottola?

    Ho fatto una ricerca su internet e ho trovato il sito della sua comunità con il suo indirizzo mail.

    http://www.adimatinella.it.

    Perchè non inviargli al suo mail questa lettera aperta?
    Almeno avrai una corrispondenza, no? Saluti

    Mi piace

  2. Luca permalink
    6 novembre 2009 12:16

    Pace Fratello,

    toglimi una curiosità,oltre a scrivere in questo blog,hai mai scritto direttamente al pastore? tramite il sito? in qualche modo hai mai comunicato con lui?
    in questo blog ho letto di molte rimostranze verso i pastori ADI,però non ho mai letto una loro risposta,possibile che non ti abbiamo mai risposto direttamente in questo blog o via posta o in qualsiasi altro modo? possibile che siano sempre stati in silenzio? o semplicemente caro fratello ti limiti a scrivere in questo blog?

    scusa le domande ma sono molto curioso di sapere cosa rispondono le ADI

    Mi piace

  3. 6 novembre 2009 13:31

    Pace a te, fratello Luca,
    la tua è una legittima curiosità.
    Da quando mi sono convertito ed ho incominciato a studiare la Parola di Dio mi sono accorto che ciò che veniva insegnato dai pulpiti non era tutto l’evangelo, ma solo quello previsto dall’organizzazione.
    I pastori e anziani che ho incontrato personalmente ho detto loro quello che puoi anche leggere sia in questo blog che nel sito Sentieri Antichi. Ma i pastori hanno sempre reagito non rispondendomi biblicamente, ma mettendo in guardia i fratelli come se fossi chissà chi. E questo lo fanno con tutti quelli che non sono d’accordo con loro, quindi, sapendo ciò, molti fratelli che non sono d’accordo con il pastore non possono dire niente altrimenti vengono discriminati.
    Poi ho mandato delle lettere con studi biblici a molte chiese ADI, e nessuno mi ha mai risposto per dirmi va bene o va male, tranne un anziano di una comunità che mi ha telefonato e mi ha chiesto di non mandargli più gli studi biblici perché non li condivideva, ed io non gli e li ho più spediti.
    Poi è giunto l’avvento di internet, che ritengo in ambito comunicativo tra le invenzioni più importanti, ed eccomi qua, con il mio blog e il mio sito.

    Ci tengo a spiegare per l’ennesima volta questo concetto, cioé che i peccati che sono pubblici, devono essere ripresi pubblicamente, primo per disciplinare la persona che ha insegnato eresie o posto in esser comportamenti contrari alla Parola di Dio; secondo per manifestare che non tutti i santi sono d’accordo con certe cose o certe eresie, tanto per non far credere ai nemici dell’evangelo che i credenti evangelici sono tutti uguali.

    Ora veniamo all’effetto e al beneficio che ne hanno i fratelli: i fratelli delle comunità ne hanno un gran beneficio di questo lavoro, perchè chi parla dal pulpito deve stare più attento a ciò che dice, deve studiare di più la Parola e deve stare attento a non dire eresie, altrimenti potrebbe accadere che venga RIPRESO pubblicamente davanti a tutti facendo un misera figura oltre che essere tacciato di aver insegnato eresie. Quindi il beneficio non ce lo prendiamo noi direttamente, ma tutti i fratelli delle comunità, che dalle notizie che ci giungono, piano piano si stanno svegliando, diventando sempre più esigenti in termini di coerenza biblica nei confronti dei loro pastori, ed è una cosa giusta.

    A me dispiace per coloro che sono sinceri e non capiscono che ciò che facciamo lo facciamo per il loro bene, noi non prendiamo soldi, decime, offerte, da nessuno, a differenza di molti cianciatori che vivono alle spalle dei fratelli, e si permettono persino di non insegnare tutto il consiglio di Dio che è utile ai fratelli, e insegnano persino cose da loro stessi inventate, vedi il “battesimo di luce di Davide Di IORIO”, e tante altre cose sconvenienti.
    Che Dio faccia risplendere il suo volto su te e ti illumini nella comprensione della sua Parola.

    Mi piace

  4. giovanni permalink
    12 novembre 2009 14:24

    questi pastori sono bloccati dall’orgoglio, e poi non avrebbero niente da dire a loro difesa. se scrivono l’unica cosa che potrebbero fare è di chiedere perdono a tutti per l’errore. ma ripeto, preferiscono rimanere nell’errore piuttosto che ammettere di avere trasgredito insegnamenti bibblici.

    Mi piace

  5. Marco permalink
    17 novembre 2009 16:52

    Giovanni, a prescindere dalla denominazione, ahimè, hai proprio ragione!
    Io però tuttavia, se fossi al posto di Giuseppe, manderei a Renato Mottola questa bella lettera aperta, la manderei direttamente al suo indirizzo email e vedere cosa succede. Giuseppe sono convinto che tu non l’abbia fatto e sono pure convinto che Renato Mottola non sappia nemmeno di questa attività che hai iniziato nei suoi confronti!

    Che ti costa mandarla? Facci sapere!

    Mi piace

  6. 17 novembre 2009 18:40

    Pace Marco,
    sì hai proprio ragione, non ho inviato a Mottola la lettera direttamente, perché so come andrebbe a finire, infatti anni fa, quando ancora non c’era internete, ho mandato molte comunicazioni a tante chiese ADI, lettere e insegnamenti scritti, ma non mi hanno degnato neppure di un cenno di risposta.
    Ecco perché non sono propenso a mandargliela direttamente, ma se lo viene a sapere dai suoi membri di chiesa o altri, allora è costretto a rendere conto di ciò che ha fatto.

    A testimonianza delle ultime cose che ho detto in questo commento, riporto quello che ha scritto un credente, che ho trovato scritto sotto il video di cui stiamo dibattendo sul canale di youtube.

    IXOYE358 scrive:

    MI PRESENTO : Io sono un Pastore Evangelico (A.D.I.) di una comunità della provincia di Napoli e quando ho visto questo video stavo quasi cadendo dalla sedia. In 30 anni di ministerio non ho mai visto una cosa del genere.
    NON SAPEVO NULLA e parlerò a più presto con i Pastori Mottola e Lauria.

    Ci sono tanti fratelli pastori delle chiese evangeliche libere che vorrebbero predicare nelle nostre chiese e vorrebero invitarci nelle loro chiese. Ma non è possibile.

    Quindi, come si vede, i contenuti della lettera sicuramente gli saranno già giunti alle orecchie, anzi sappiamo che ha creato molto scalpore tra tutte le chiese ADI del circondario di Matinella.

    Mi piace

  7. Marco permalink
    17 novembre 2009 23:52

    Caro Giuseppe, se è così, ti chiedo scusa e mi auto-rettifico, ma allo stesso tempo apprezzo moltissimo che tu abbia detto la verità. Non è cosa da poco, credimi! Ad ogni modo sarebbe stato veramente interessante leggere l’eventuale disanima da parte dell’interessato. Io sono convinto, e questo lo prova il commento del pastore ADI che hai postato, che in diversi ambiti delle ADI sia seriamente riprovato quanto accaduto nella Chiesa di Matinella. Mi chiedevo poi perchè mai taluni pastori delle ADI debbano prendersi, spudoratamente, la briga di non dover rendere conto del loro operato e del loro insegnamento! Ma l’apostolo Pietro non ci ha forse insegnato a dover rendere a chiunque ragione della nostra fede? E la nostra fede non si manifesta, oltre che negli articoli, anche nel modo in cui operiamo e ci muoviamo? Perchè dunque i pastori con cui hai avuto a che fare in passato e l’attuale Mottola, fanno scena muta? Credo di non sbagliarmi se affermo che quest’atteggiamento è invece imposto ai semplici credenti che, forse, per paura di non essere screditati, vivono con l’ansia addosso. Sbaglio? Correggetemi vi prego!

    Mi piace

  8. giovanni permalink
    18 novembre 2009 13:38

    in un certo senso è come dici tu, io personalmente credo che in quasi tutte le chiese adi ci sia un certo liberismo per evitare di opprimere troppo i fedeli che a loro volta potrebbero lasciare la comunità. Se i fedeli lasciano la comunità ci sono moltissime offerte di denaro in meno. quindi i pastori tendono a benedire tutti e ad accettare ogni tipo di trasgressione commessa da i fedeli tra cui il divorzio. addirittura hanno fatto cadere in suggestione migliaia di fedeli con il battesimo dello spirito santo proprio per far credere che nelle adi c’è molta benedizione.purtroppo da come ho capito credo che in futuro ci sarà una fusione con i cattolici romani, perchè se una denominazione vuole avere dei privilegi e dei riconoscimenti a livello statale deve per forza avere l’approvazione del vaticano. Per avere tale approvazione si devono sottomettere al vaticano. spero che sia solo un mio pensiero e che non succederà mai…
    ma visto che anche loro hanno un specie di papa, (Felice Loria)…..

    Mi piace

  9. GIANCARLO permalink
    18 novembre 2009 20:40

    CARI NEL SIGNORE QUELLO CHE VEDO CHE SI FINISCE CN UNA CHIESA E SI INCOMINCIA CON UN ALTRA, MA LA SMETTETE DI FARE I PORTAVOCE DEL SIGNORE? QUI SULLA TERRA NESSUNO PUO’ PRENDERSI LA BRIGA DI CREDERSI DI ESSERE SUPERIORE AGLI ALTRI.
    QUELLO CHE TI HO DETTO UNA VOLTA TE LO RIPETO: CHI GIUDICA SARA’ GIUDICATO.
    DIO TI BENEDICA
    PS: PER NON DIRE CHE NON MI SONO PRESENTATO SONO GIANCARLO DI CASTELLAMMARE

    Mi piace

  10. 18 novembre 2009 21:33

    E’ finita l’epoca in cui i pastori erano liberi di dire e fare tutte le cose sconce che volevano, adesso se peccano, se insegnano eresie, se fanno cose sconvenienti, i fratelli hanno il diritto di saperlo.
    Poi, se i fratelli pensano che i pastori sono liberi da ogni giudizio e possono fare quello che vogliono, come fai tu, allora siete liberi di farlo, ma noi siamo liberi di dissentire dalle ERESIE e dai COMPORTAMENTI CONTRARI ALLA BIBBIA E SCONVENIENTI.

    Per quanto riguarda il giudicare, ebbene ti invito a leggere alla destra di questa pagina, tra gli AVVISI AI CREDENTI, la dottrina riguardo il giudicare.
    I santi possono e devono giudicare di ogni cosa, solo che devono farlo con giusto giudizio e non basandosi sull’apparenza.

    E’ ora ormai che tiri fuori la Bibbia dal cassetto dove l’hai relegata e la studi, in ginocchio possibilmente, in preghiera pure, affinchè Iddio apra i tuoi occhi spirituali che sono chiusi.

    Mi piace

  11. giovanni permalink
    18 novembre 2009 23:26

    Giancarlo prima di giudicare male quello che facciamo devi studiare se quello che diciamo corrisponde a realtà, dopo se pensi di poter confutare quello che viene riportato su questo blog con prove fondate come le nostre allora ci tireremo indietro. mi spieghi perchè ti schieri a favore di chi disprezza il signore?

    Mi piace

  12. GIANCARLO permalink
    19 novembre 2009 21:50

    Pace giovanni io non mi mette ha favore di chi disprezza il Signore, ma chi si affatica a far uscire dalle nostre chiese quel falso bonismo che non giova a nessuno.
    Per giuseppe io la bibbia non la tengo in un comodino ma la leggo e la medito giorno x giorno. Poi x lo più io in quelle che scrivo ci credo perchè è il Signore che mi spinge a scriverlo, quello che fate voi non lo so da quale spirito siete mossi.
    Dio vi benedica

    Mi piace

  13. 19 novembre 2009 23:41

    Noi siamo mossi dallo Spirito della verità, dall’amore per la verità, perché la carità gioisce con la verità e non gode dell’ingiustizia, e di ingiustizia nelle chiese ce ne sono tante, tanti fratelli sono trattati male dai conduttori.

    Mi piace

  14. GIANCARLO permalink
    20 novembre 2009 19:33

    SCUSAMI PERO’ DEVI VEDERE ANCHE IL PERCHE’…SE SN COME TE!!!!!LASCIAMO STARE….A ME NESSUNO ME LO TOGLIE DALLA TESTA CHE TU VOLEVI DIVENTARE PASTORE ADI E TI HANNO RIFIUTATO.
    DIO TI BENEDICA

    Mi piace

  15. 20 novembre 2009 20:09

    Quello che dici viene da te o te le suggeriscono? Se te le suggeriscono ti comunico che sono male informati.

    Mi piace

  16. GIANCARLO permalink
    20 novembre 2009 22:14

    NO….NESSUNO ME LO SUGGERISCE MA VIENE DA COSE CHE VEDO..TI SPIEGO ANCHE IL PERCHE’….SEI PIENO DI ODIO CONTRO I CONDUTTORI DELLE ADI E DA QUESTO è CHE DEDUCO DUE COSE: 1) HO SEI STATO ALLONTANATO DALLE ADI
    2) O VOLEVI DIVENTARE CONDUTTORE ADI E LE ADI PER LA TUA CATTIVA CONDOTTA NON TI HANNO ACCETTATO.
    E’ SEMPLICE NO???????
    DIO TI BENICA

    Mi piace

  17. 21 novembre 2009 00:04

    Permettimi di dirti che non è nè l’uno nè l’altro.
    E poi in fondo sai che io non odio i conduttori delle ADI, ma vorrei che insegnassero ai fratelli le verità della Parola di Dio non dottrine strane e inutili.
    Se io amo la verità e non sopporto la menzogna, non è odio verso le persone, l’odio è un sentimento malvagio e io non voglio che tali conduttori siano distrutti da Dio, voglio solo che si ravvedano dalle loro falsità e continuino a pasturare per il bene delle pecore.
    E’ solo questo, non ci sono cose segrete, è tutto qui.

    Mi piace

  18. GIANCARLO permalink
    21 novembre 2009 20:09

    BHO…..SARA’ ANCHE COME TU DICI MA NON MI CONVINCE LO STESSO. POI APPOSTA DI PERDERE TEMPO A SCRIVERE QUESTE COSE FARESTI PRIMA A PREGARE X LORO E BASTA. POI GESù COSA CI DICE CHE CHI NON è DA DIO SE NE ANDRA’ DA SOLO.
    DIO TI BENEDICA

    Mi piace

  19. 21 novembre 2009 22:03

    Noi dobbiamo imitare Gesù, ed Egli non solo pregava per i farisei ma dimostrava anche la falsità delle loro dottrine e delle loro tradizioni.

    Quindi anche noi oggi dobbiamo sia pregare sia dimostrare per le Scritture le falsità che certuni insegnano.

    Mi piace

  20. Fraver permalink
    28 novembre 2009 10:10

    E’ tanto che non frequento più internet, informato di certe notizie sonmo andato a cercarlee .. vedo che la storia si ripete!
    Come furono pronti a puntare il dito contro Gesù che riprendeva comportamenmti empi e proclamava la verità senza mezze misure, così succede ancora oggi a quanti Iddio fortifica ed usa per proclamare la verità.

    I religiosi di adesso, come i farisei di allora, hanno lo stesso comportamento, vogliono eliminare la verità, vogliono eliminare il vero messaggio di Dio ed i Suoi messaggeri.

    Fratello Giuseppe continua a proclamare la verità, certamente con amore, continua però a proclamarl anche con forza, e per certo Iddio ti sosterrà e così tanti cari fratelli ridotti a fare “i mattoni senza paglia” potranno alzare lo sguardo a Dio il quale è potente ancora oggi da liberarli da ogni faraone travestito da angelo di luce.

    Mi piace

  21. 28 novembre 2009 10:35

    Fratello, grazie per il tuo incoraggiamento, che Dio ti benedica e ti dia sempre ciò che il tuo cuore desidera nel Signore.

    Mi piace

  22. Francesca permalink
    14 dicembre 2009 17:44

    Sono una counselor( consulente psicologica), ma prima di tutto una credente……e sono molto disgustata……puntare il dito, condannare, assalire, polemizzare……mamma mia…….credo che i più bisognosi delle cure psicologiche siano i credenti al posto di quelli del mondo….
    Nei commenti leggo, frustrazione, rabbia, giudizio, ORGOGLIO!!!!, se anche questo fratello ha sbagliato, è questo il modo di farglielo capire?
    E’ così che si dimostra l’amore nel correggere un fratello?mettendolo a giro sopra una rete?
    ………………………………………

    Mi piace

  23. 14 dicembre 2009 20:15

    Il peccato che è stato smascherato era già pubblicato dalla stessa persona che lo ha commesso, ben visibile nella rete. Noi abbiamo solo manifestato la nostra contrarietà a tale atto, confermata anche da diversi pastori delle ADI, cioè della stessa organizzazione che Mottola serve.
    Peccato pubblico sul web? Allora c’è bisogno di una riprensione pubblica sul web!
    Non ti piacciono questi metodi?
    Se leggessi di più la sacra Bibbia vedresti che né Gesù, nè gli apostoli, né i profeti andavano tanto per il sottile nel riprendere il peccato.
    Sorella Francesca, dovresti prima di intervenire, prendere maggiore cognizione di tutte le cose che si stanno trattando, non basta una occhiatina superficiale dalla finestra, perché come uno legge e risponde, così vive la sua vita da credente, se lo fa superficialmente…
    Lo so che sei intervenuta per difendere la tua organizzazione, ma bisogna scendere prima di tutto nella sostanza della cosa, poi argomentare le proprie ragioni con la Bibbia, solo così la discussione si alimenta in modo utile per tutti.
    Ricordati sempre che Gesù ha detto che dall’abbondanza del cuore la bocca parla, quindi quello che diciamo proviene dal nostro cuore, se diciamo cose insensate…

    Mi piace

  24. federica permalink
    25 dicembre 2009 14:27

    …anche satana conosce bene la parola di dio…”caro” fratello…

    Mi piace

  25. 25 dicembre 2009 17:22

    @Federica del 25.12.2009
    Questo è vero, ma se badi bene a quello che leggi, vedrai che Gesù rispondeva “ALTRESI’ STA SCRITTO”, quindi ha risposto servendosi della Parola di Dio e dando il giusto significato alle cose, anche a quelle citate in modo sbagliato da Satana. Stiamo ancora aspettando il vostro: “Sta altresì scritto!”, ma per fare ciò bisogna esserne capaci e conoscere le sacre Scritture. Hai scritto poche parole, ma hai mostrato tanta, tanta ignoranza nella conoscenza delle sacre Scritture, e non fai di certo onore a coloro che ti stanno ammaestrando nella verità della Parola di Dio.
    E poi la parola “caro” tra virgolette te la potevi risparmiare, è una parola ipocrita, perché io non ti sono caro, in quanto mi hai detto poco prima che sono Satana e poi mi chiami caro, e le virgolette significano che lo hai fatto in segno di scherno.
    Tu dovresti chiedermi perdono sorella, dovresti vergognarti e ravvederti del fatto di avermi chiamato Satana, per quanto un fratello non sia d’accordo con me, se dice di essere nato di nuovo è pur sempre un fratello; questo tuo comportamento manifesta un cuore settario, forse insegnato e trasmesso da coloro che ti istruiscono nella via del Signore. Ma è forse questa la via che devi perseguire? quella del settarismo?

    Mi piace

  26. GIOVANNI permalink
    31 dicembre 2009 11:47

    Mi dispaice per quello che è successo nella chiesa in presenza dei fratelli responsabbili, ma credo che devono prendono un provvedimento in merito ,non e la prima volta che succede qualcosa di simile, dopo aver messo i fedelli sotto pressione per fare una chiesa con la crisi che in italia anno speso un saccho di soldi peri caloriferi poi anno messo una stufa peri fedeli per riscaldarsi un pastore che decide di servire Dio al pieno tempo deve servire al Dio non ai uomini DIO NON TI FA MANCARE NULLA NON PRETENDERE AI FEDELI DI UN STIPENDIO O FATTI COMPRARE AUTO O REGALA€RE AUTO COME AUDI A/4 O FA€R FARE LA COLETTA PER COMPRARE UN VESTITO O MANDARE LA MOGLIE A UN ISTITUTO DI BELLEZZA
    REGALATO E PAGATO DAI FEDELI CI SONO DELLE COSE PIU IMPORTANTI UN GIORNO SE PUO ANDARE ALLA CARITAS PER VEDERE LA SUA CITTA IN CHE STATO STA TUTTI NOI DOVREMMO ANDARE I POVERI STANNO FRA DI NOI

    Mi piace

  27. mimmo r. permalink
    14 gennaio 2010 21:33

    Viviamo in tempi molto difficili, dove regna l’ egoismo, l’ orgoglio, l’amore per il danaro e per la gloria e tante altre cose. oggi conta sempre di piu’ l’avere che l’essere. Ma esistono fratelli che tentano di combattere tutto questo, inclusi noi attori e citati in questa discussione. Ritengo pertanto che tanti comportamenti, a volte sbagliati, siano frutto di nostra incapacita’ di comportarci di fronte a un mondo che vorremmo diverso. Che diverso non sara’ mai. Qualcuno combatte, dedicando tempo, soldi, reputazione e altro. A questo proposito, ammesso che l’ invito del fratello Mottola al prete sia stato inopportuno, comunque il prete ci ha visti, ci conosce, sa in cosa crediamo, ci rispetta come figli di Dio. Penso che i fratelli della comunita’ del fratello Mottola, dopo l’incontro col prete non si inginocchieranno davanti a statue o adoreranno altri dei. Ciononostante puo’ darsi che Mottola abbia commesso un errore. Ma era un mezzo evangelistico presumo – e noi dobbiamo usare ogni mezzo per diffondere la parola di Dio, anche correndo qualche rischio. Dio benedica i fratelli che lavorano per Lui, magari anche commettendo errori. Solo chi non lavora non sbaglia. Concordo con alcune riflessioni del fratello Piredda ma quello che abbiamo nel cuore dobbiamo esprimerlo per costruire, per l’ edificazione di tutto il corpo di Cristo, non per distruggere. E chi replica al fratello Piredda deve dimostrargli altrettanto amore perche’ credo che pur manifestando zelo “eccessivo” in alcuni casi, comunque mi piace pensare che sia animato da sentimenti di amore per la Parola di Dio. Conclusione: amiamoci, siamo tutti fratelli salvati dallo stesso sangue, quello di Gesu’.
    Con rispetto e amore. Dio ci benedica tutti.

    Mi piace

  28. melania permalink
    28 febbraio 2010 18:28

    pace vorrei dirvi solo una cosa smettete di parlare male del fratello mottola commettete peccato parlare male di un fratello per lo piu’alle sue spalle se avete il coraggio andate personalmente a matinella e gli lo dite purtroppo stiamo negli ultimi tempi il signore c’è lo avverte non tutti quelli che diranno signore e signore entreranno nel regno dei cieli,e la prima pulizia sara’in casa mia….percio’ve lo ripeto smettetela se volete vedere dio un giorno e pregate per voi stessi…

    Mi piace

  29. 28 febbraio 2010 21:44

    Pace a te, sorella Melania,
    comprendo il tuo rammarico, ma è venuto il tempo che le malefatte che i pastori e gli anziani compiono PUBBLICAMENTE siano ripresi e riprovati, perché la Parola di Dio ci insegna che dobbiamo riprendere le opere infruttuose delle tenebre.
    Peccato pubblico? Allora c’è bisogno di una riprensione publica.
    Questo serve per porre un freno al peccato e alle falsità che si insegnano.
    Sorella, noi non stiamo parlando male, la nostra non è maldicenza, ma è RIPROVAZIONE di comportamenti e dottrine sbagliate.
    Vai a leggere la Parola di Dio e vi troverai tanti passi in cui è descritto che sia Gesù che gli apostoli hanno ripreso le opere infruttuose delle tenebre.
    Non hai mai letto queste cose nelle Scritture? Forse il tuo pastore non te ne ha mai parlato, ma se è così, il tuo pastore ti ha nascosto parte delle cose utili ai santi che Iddio ci ha lasciato affinché le imparassimo.
    Di pure tranquillamente a chi ti capita, che noi non smetteremo di riprendere le opere infruttuose delle tenebre, così come non smetteremo di CONFUTARE le false dottrine che insegnano i pastori delle ADI e di tutti gli altri gruppi religiosi.

    Mi piace

  30. melania permalink
    1 marzo 2010 18:03

    pace il mio pastore è degno dell’ opera che fa’e conduce molto bene la nostra chiesa quello che volevo dire io che continuo a confermare che non mi piace il vostro modo di dire queste cose bisogna avere rispetto per i nostri conduttori , la bibbia la leggo e quello che mi fa piu rabbia che queste cose che voi scrivete le persone non convertite le possono benissimamente leggere e cosi’ fate in modo che non si accositno mai al signore impariamo a tacere e pregare perche ‘ colui che giudica le azioni di ogni essere umano e specialmente di ogni figliuol di dio è solamente il nostro signore gesu’ .E con questo vi lascio con la Pace……

    Mi piace

  31. 1 marzo 2010 19:03

    Eh no, Melania, il tacere davanti a Dio non è buono, chi conosce la verità la deve dire, deve sì anche pregare, ma deve anche parlare.
    Comunque comprendo che tu queste cose non le comprendi perché te le ha sempre nascoste il pastore, ma se tu me lo consenti, voglio citarti alcuni passi da cui si comprende che gli anziani e i pastori devono essere ripresi pubblicamente.

    “Non ricevere accusa contro un anziano, se non sulla deposizione di due o tre testimoni. Quelli che peccano, riprendili in presenza di tutti, onde anche gli altri abbian timore.” (1 Timoteo 5:19,20 )
    Come leggi, l’apostolo Paolo dice a Timoteo che se degli anziani peccavano doveva riprenderli davanti a tutti.

    E ora vediamone un altro, e poi facciamo una riflessione tenendo conto dei tempi attuali. Sta scritto:
    Galati 2:11 “Ma quando Cefa fu venuto ad Antiochia, io gli resistei in faccia perch’egli era da condannare.”
    Galati 2:14 “Ma quando vidi che non procedevano con dirittura rispetto alla verità del Vangelo, io dissi a Cefa in presenza di tutti: se tu, che sei Giudeo, vivi alla Gentile e non alla giudaica, come mai costringi i Gentili a giudaizzare?”

    Si comprende dalle Scritture che gli anziani che peccano, e i pastori sono anch’essi degli anziani, vanno ripresi davanti a tutti, in presenza di tutti dice la Scrittura.
    Insegnando delle eresie o compiendo delle azioni contrarie alla Parola di Dio si commettono dei peccati, e nel caso specifico di Renato Mottola, il suo comportamento è stato pubblicato sul web, creando scandalo davanti a tutti.
    Noi cosa abbiamo fatto, davanti allo stesso ipotetico pubblico, quello del web, che li consideriamo “i tutti” citati da Paolo, lo abbiamo ripreso e nello stesso tempo abbiamo lanciato una comunicazione a questi “tutti” che noi non siamo d’accordo con certi modi di comportarsi, ci dissociamo e riprendiamo le opere infruttuose delle tenebre.
    Bisogna tenere conto che a scandalizzare nel web è stato Mottola non io, anzi, io ho cercato di ridare l’onore che merita alla Parola di Dio riprendendo lo sbaglio, il peccato.

    In conclusione, sorella, se Mottola dice eresie nel salotto di casa sua e lo senti solo tu, a noi non ci interessa, ma se le eresie o si conduce malamente in faccia a tutto il mondo, interessa tutti, quindi noi lo riprendiamo, checché se ne dica, noi lo riprendiamo. Così impara a comportarsi e sta più attento a quello che insegna, deve sforzarsi di leggere meno i manuali ADI e studiare di più la Bibbia. A chi ne viene bene di questo stimolo a stare più attento? A te sorella, e a tutte le pecore che gli sono toccate in sorte. Perché noi distruggiamo la falsità, ma edifichiamo la verità nei cuori dei fratelli, peché noi vogliamo bene alla fratellanza, con tutto il cuore, in quanto Iddio ha messo questo amore senza confini nel nostro cuore a favore di tutti i fratelli, verso tutti quelli che Dio ha rigenerato.

    Quale interesse nascosto avremmo avuto a fare questo se non venisse da Dio?
    Chiediamo forse soldi passando con un cestino delle offerte? No, noi non lo facciamo e siamo contrari a quelli che lo fanno.
    Chiediamo forse la vostra decima? No, noi insegnamo che la decima non va imposta.
    Vi abbiamo chiesto forse dei vestiti? Vi abbiamo detto forse di venire dietro a noi?
    No di certo, noi desideriamo che ritorni la Parola di Dio nel pulpito, perché questi pastori, tra cui Mottola, l’hanno fatta scendere e ci sono saliti loro con i manuali pieni di precetti umani e di tradizioni umane, che contrastano con la Parola di Dio, in molti punti annullano la Parola di Dio, e tu e altri pretendereste che noi stessimo zitti? Così non sia! Per la verità in alcuni paesi ci sono fratelli che muiono e vengono incarcerati e noi qui, che non rischiamo, per ora, queste cose dovremmo stare zitti mentre i falsi dottori e i falsi profeti devastano la vigna di Dio? No di certo.
    E’ con tutto il cuore che ti scrivo, e desidero tanto che anche tu comprenda e ritorni alla Parola di Dio.
    Ora, voi usate fare così, un fratello vi dice che sta scritto un passo, voi andate a chiedere al vostro pastore, ma questi vi dice che il significato non è quello o cerca altri sofismi per annullare quello che è scritto, perché gli è contrario, cosa fate voi? Credete alle parole di un uomo, del pastore e non date ascolto alla Parola di Dio. E questo vi rende colpevoli anche a voi, voi vi siete mischiati e siete compagni della falsità e del peccato in questa maniera, disprezzando e annullando la Parola di Dio.
    Diceva bene Gesù, in Marco 7:8 : “Voi, lasciato il comandamento di Dio, state attaccati alla tradizione degli uomini … Come ben sapete annullare il comandamento di Dio per osservare la tradizione vostra!”

    Credimi, voi di tradizioni che annullano i comandamenti di Dio ne avete tanti, sta a te scoprirli ed emendarli dalla tua vita, dalla tua mente e dal tuo cuore.

    Sono forse diventato tuo nemico dicendoti la verità?

    Quante cose abbiamo ancora da dirvi, ma ogni cosa sarà detta a suo tempo.
    Pace a te.
    [P.S. a riguardo del giudicare ti sbagli, Gesù in Giov. 7:24 dice: “Non giudicate secondo l’apparenza, ma giudicate con giusto giudizio.” Come vedi, Gesù non ha detto che non dobbiamo mai giudicare, ma di farlo con giusto giudizio, usando un metro di misura giusto, e questo metro di misura per noi è solo la Parola]

    Mi piace

  32. melania permalink
    2 marzo 2010 14:57

    va be’preferisco non andare oltre a parlare con voi…..non mi sei diventato nemico perche’io amo i miei fratelli.che dio vi benedica….

    Mi piace

  33. 2 marzo 2010 17:48

    Grazie per esserti sforzata per capire il nostro punto di vista, sono già contento per questo e Dio compirà la sua opera di persuasione in colui che deve essere persuaso. Pace a te e che il Signore ti dia sempre ciò che desideri secondo la Sua Volontà.

    Mi piace

  34. Albano Giuseppe permalink
    3 aprile 2010 00:39

    Per chi non ha subito sulla propria pelle le accuse come : ribelli , separati,bisognosi di ravvedimento,ecc… e questo non su internet ma in pubbliche piazze è cosa facile cnsigliare al fratello Piredda di pregare per il fra. Mottola invece di accusrlo usando internet, ma non per cquesto non lo facciamo, ma ti posso assicurare che se c’è qualcosa di impossibile,ebbene ,questa è dialogare con le ADI. mi ha ferito molto vedere il video di Mottola, sapendo che si erge un muro,che tuttora esiste, con quelli che hanno gustato il vero amore sperimentato le benedizioni del cielo, per dare spezio e opprtuntà alla menzogna nel popolo di Dio. Ma la cosa non mi preoccuperebbe tanto se il fatto fosse limitato a Mottola,ma per la ufficialtà della cosa vista la presenzo del legale rappresentante nella persona di Loria Felice. Consderariamo da quale buca siamo stati tratti!

    Mi piace

  35. Volto permalink
    6 aprile 2010 19:01

    PIREDDA, COSA HAI A CHE FARE CON I PASTORI ADI? NON HAI ALTRO DA FARE CHE CRITICARE A VANVERA I PASTORI ADI!! IO LI CONOSCO BENE I PASTORI ADI E TI DICO CON COGNIZIONE DI CAUSA CHE NE’ IO E NE’ TU SIAMO DEGNI
    DI SCIOGLIERE LORO LE STRINGHE DELLE SCARPE. STAI PERCORRENDO UNA STRADA CHE TERMINA CON UN DIRUPO. ATTENTO!!
    Volto Digennaro

    Mi piace

  36. 7 aprile 2010 09:38

    Una tale cosa è scritta solo di Gesù e solo a lui deve rimanere, come è scritto:
    Marco 1:7 “E predicava, dicendo: Dopo di me vien colui che è più forte di me; al quale io non son degno di chinarmi a sciogliere il legaccio dei calzari.”
    E’ Giovanni Battista che parla riferendosi a Gesù.

    Questo commento mostra quanto deboli e insensate siano le difese avanzate dai fratelli delle ADI, nulla di costruttivo, nulla di biblico, anzi in questo caso paragonando i pastori delle ADI a Gesù è stata proprio una cosa offensiva nei confronti di Gesù.
    A voi, fratelli delle ADI, pastori o anziani che siete, se non sapete cosa dire per difendere la vostra organizzazione, fate più bella figura stando zitti, invece parlate e mostrate la vostra mancanza di senno e conoscenza delle Scritture.

    Certo che voi delle ADI non vedete un dirupo davanti ai vostri piedi, perché ci siete già caduti, ed è per questo che avanzo la mia richiesta a Dio chiedendo che liberi il suo popolo dal dirupo in cui è caduto cadendo prigioniero dell’organizzazione ADI.

    Mi piace

  37. Albano Giuseppe permalink
    7 aprile 2010 15:31

    Pace. sono Giuseppe. voglio raccontare un episodio molto significativo. Io frequento Napoli da Un pò di tempo,sapevo di una comunità ADI a Miano ma non avevo mai l’opportuntà di visitare, premetto che dovunque vedo un locale di culto pentecostale sono portato ad entrare passibilmente. Un giorno ebbi questa opportuntà e vi entrai. Era un’incontro di preghiera! molto sobria ordinata e mi sentii bene. Al termine il pastore ,notando che ero nuovo cioè per la prima volta con loro, giustamente mi avvicinò per conoscermi, gli dissi la mia provenienza cioè del mio paese ,mi raccomandò con molta allegrezza di salutare il suo “collega”. ma gli feci notare che ero,e lo sono tuttora,responsabile della comuntà “libera fondata negli anni 40 poi in un locale proprio dal 1952. NOn terminai neppure a cncludere la parola libera che tutto sorpreso mi invitò a non parlare forte anzi a non parlare più ,a non far capire a tutti chi ero.NON chiedetemi il nome di questo pastore non c’è stato il tempo per saperlo! Mi sarebbe piaciuto condividere la mia esperienza, la mia conversione,la nostra posizione in merito alla dottrina pentecostale con lui ovviamente!,niente! chiuso. come volete che non ci indignamo a sentire un prete,che per noi ha bisogno della grazia di Dio,dire in una comunità pentecostale ,che lo Spirito Santo” LO ha Convocato”e dire di seguire Gesù su strade diverse ma nella nostra unica fede.Pensa, che se un fratello se ha idee diverse o solo le pensa viene ammonito. Io non giudico ma consentitemi almeno di dissentire.Rigurdo all’essere degni o no di sciogliere le stringhe delle scarpe be ne sarei anche disposto ma i pastori ADI si lacserebbero toccare? Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il Suo Unigento Figliuolo affinchè “chiunque” crede in lui non perisca ma abbia vita eterna. Pace.

    Mi piace

  38. Albano Giuseppe permalink
    7 aprile 2010 20:59

    Una correzione, il locale non è di mia proprietà, come si potrebbe intendere, ma di tutta la fratellanza locale libera, con uno statuto notificato alle autorità competenti che ne definisce tutte le condizioni in materia. mi scuso ancora. pace

    Mi piace

  39. angelo permalink
    1 giugno 2010 15:15

    Ti saluto nell’amore del Signore

    Vorrei sapere, se ti fa piacere rispondermi, dove fondi la teoria che segue nella parola di Dio, non mi pare, la Bibbia dica di riprendere le persone il pubblico solo perchè l’errore è avvenuto in publico.
    Ci tengo a spiegare per l’ennesima volta questo concetto, cioé che i peccati che sono pubblici, devono essere ripresi pubblicamente, primo per disciplinare la persona che ha insegnato eresie o posto in esser comportamenti contrari alla Parola di Dio; secondo per manifestare che non tutti i santi sono d’accordo con certe cose o certe eresie, tanto per non far credere ai nemici dell’evangelo che i credenti evangelici sono tutti uguali.

    Ora veniamo all’effetto e al beneficio che ne hanno i fratelli: i fratelli delle comunità ne hanno un gran beneficio di questo lavoro, perchè chi parla dal pulpito deve stare più attento a ciò che dice, deve studiare di più la Parola e deve stare attento a non dire eresie, altrimenti potrebbe accadere che venga RIPRESO pubblicamente davanti a tutti facendo un misera figura oltre che essere tacciato di aver insegnato eresie.

    Ti ringrazio per la risposta.

    Mi piace

  40. 1 giugno 2010 16:32

    Pace,
    essenzialmente mi baso su questi due passi:
    “Non ricevere accusa contro un anziano, se non sulla deposizione di due o tre testimoni. Quelli che peccano, riprendili IN PRESENZA DI TUTTI, onde anche gli altri abbian timore.” (1 Timoteo 5:19,20)

    “Ma quando Cefa fu venuto ad Antiochia, io gli resistei in faccia perch’egli era da condannare.
    Difatti, prima che fossero venuti certuni provenienti da Giacomo, egli mangiava coi Gentili; ma quando costoro furono arrivati, egli prese a ritrarsi e a separarsi per timor di quelli della circoncisione.
    E gli altri Giudei si misero a simulare anch’essi con lui; talché perfino Barnaba fu trascinato dalla loro simulazione.
    Ma quando vidi che non procedevano con dirittura rispetto alla verità del Vangelo, io dissi a Cefa IN PRESENZA DI TUTTI: se tu, che sei Giudeo, vivi alla Gentile e non alla giudaica, come mai costringi i Gentili a giudaizzare?” (Galati 2:11-14)

    Al quesito di chi sono questi “TUTTI”, rispondo che nel nostro caso specifico siano TUTTI coloro che sono stati scandalizzati dal comportamento sconveniente e contrario alla Parola di Dio, sono tutti quelli che potenzialmente possono rimanere deviati dalla verità con tale comportamento o in seguito all’eresia insegnata.
    Il comportamento sconveniente è avvenuto pubblicamente e poi anche trasmesso sul web, quindi è sul web che la menzogna e lo scandalo va ripreso, davanti a TUTTI (potenzialmente) quelli che hann potuto vedere o sentire le cose antibibliche perpetrate da taluni predicatori.

    Forse a qualcuno verranno in mente i passi di Gesù dove invita prima a riprendere da solo colui che sbaglia; ma io rispondo che quello innanzi tutto si tratta di un errore o peccato o torto subito nei confronti del singolo credente, allora sì che chi sbaglia va ripreso direttamente da colui che ha subito il torto, ma il caso specifico nostro in questione non rientra in questa casistica, ma in quella precedente dove ne ho citato anche i passi biblici.

    Facciamo un esempio ancora per i più volenterosi e quelli più desiderosi di approfondire ancora l’argomento, e facciamo notare che quando una eresia è pubblicata sulla stampa, sul web, sulle TV e sulle radio, questa diffusione diventa una propaganda che tende a convincere di tale cosa TUTTI coloro che l’ascoltano, quindi, per equità, è necessario che sempre pubblicamente venga fatta una CONTRO PROPAGANDA dimostratoria della falsità che è stata fatta o detta nell’eresia, per dare gli strumenti ai primi lettori o ascoltatori di sentire e analizzare anche la parte contraria.
    Ecco, quindi, che col nostro intervento confutatorio o di riprensione, non si fa altro che analizzare una certa situazione anche da un altro punto di vista e il lettore-visitatore può liberamente farsi una idea di chi sta dicendo la verità e quale sia il comportamento scorretto biblicamente posto in essere. Si lascia libertà al lettore di esprimere un giusto giudizio su quanto viene detto e mostrato. Iddio guiderà i santi ad analizzare l’argomento e ad esprimere un giusto giudizio.
    Pace a te e che Dio ti conceda di comprendere che anche quest’opera viene da Dio e non dal diavolo come molti pensano, in quanto stiamo riprendendo le falsità e le menzogne e gli scandali, che il maligno tende a nascondere e a far entrare nelle chiese di soppiatto.
    Ancora, se la nostra opera non è da Dio, voi che siete contrari pregate il Signore che la faccia cessare ed Egli vi risponderà se è secondo la sua volontà. Pregate fratelli, non ditelo solo a noi che dobbiamo pregare, ma fatelo voi per primi.

    Mi piace

  41. angelo permalink
    1 giugno 2010 16:42

    Non vogli assolutamente polemizzare sul lavoro che svolgi in questo sito ed altri siti, volevo solo capire il perchè di certe affermazioni, credo che se ciò è il piano di Dio questo vostro lavoro potrà continuare, altrimenti Egli stesso Vi porrà fine.

    Dio ti benedica

    Mi piace

  42. 1 giugno 2010 18:29

    E’ esattamente quello che ho detto nel mio commento precedente. Considerando che ci stiamo lavorando da più di 20 anni e che ora cominciamo a vederne i primi frutti, dico sì, il nostro lavoro è voluto da Dio, perché in ogni epoca Iddio ha stabilito delle sentinelle che suonassero la tromba di Dio, della verità, in modo da svegliare il suo popolo. Oggi, Iddio ha messo anche a noi in mano una bandiera per difendere la verità ed una tromba squillante per svegliare i santi e metterli in guardia dei pericoli che si corrono nelle chiese oggigiorno.
    Pace e che Dio benedica te e tutti coloro che sono sinceri e desiderano conoscere veramente la verità che li rende liberi.

    Mi piace

  43. donald permalink
    21 giugno 2010 13:57

    @melania il 1 marzo 2010 18:03

    Cara sorella con molto ritardo ti scrivo solamente perchè da poco mi è capitato di leggere questo blog.
    Leggo che sei una strenua difensora di Mottola, trovo normale l’attaccamento al proprio pastore, sorvolando l’analisi sui meccanismi psicologici che si creano nei confronti dei conduttori, ti dico che farei lo stesso con il mio almeno per l’affetto che dopo tanti anni si sviluppa e per l’aiuto fornito quando necessario.
    Ma anche se sono credente ADI pure io, non credo per questo di dovere camminare con il paraocchi come i cavalli. Pur non condividendo le pubbliche e plateali rimostranze, ahimè non posso ignorare che anche il tuo pastore Mottola non si è fatto scrupolo di fare plateali rimostranze, denunciando e portando in tribunale delle persone della sua stessa chiesa, finendo così, sulla cronaca dei quotidiani: https://labuonastrada.wordpress.com/2010/05/20/adi_denuncia_5credenti/
    Forse questa azione è buona perchè l’ha fatta lui?
    Non credo proprio!
    E’ anche questo il modo in cui vengono impiegati i soldi che mensilmente fluiscono nella tesoreria delle ADI? Per fare sfoggio di forza e consolidare per vie legali la propria immagine di potere?
    Ti posso assicurare che oltre alla fede in Cristo, null’altro mi lega a questi fratelli in fede che sono diventati scomodi con le loro plateali rimostranze nei loro siti, nonostante ciò nella stessa comunità che io frequento (e per discrezione vorrei mantenere anonima), le mie stesse richieste di approfondimento sull’opportunità del ricorso ai tribunali, sortiscono il fastidio tipico di chi si crogiola comodamente sul generale consolidato assopimento dell’assemblea, abituata a non porre domande “complesse”, ma si mangia e si beve il puntuale e provvidenziale trimestrale edito da ADIMEDIA.
    Non pensi che dovresti piuttosto parlarne con il tuo Pastore delle sue iniziative che lo hanno fatto balzare agli onori delle cronache? Oppure è solo Piredda che lava i panni sporchi in pubblico, perchè osa attaccare la condotta di pubblico dominio di un eminentissimo pastore omologato ADI?
    Purtroppo ho un altro difetto tra i tanti, sono un credente un pò all’antica. Non credo nei pastori scaturiti dall’IBI o comunque ordinati dal Consiglio Generale delle Chiese ADI, ne di nessun’altra corporazione dotata di scuola biblica all’uopo costituita, ma in quelli ordinati da Dio stesso che dona loro una chiamata al Ministerio accompagnata da frutti e opere.

    @Volto di Gennaro il 6 aprile 2010 19:01

    Ho letto molte tue riflessioni sul Risveglio Pentecostale e su Cristiani Oggi, sei un caro fratello in fede e ti stimo moltissimo. Ma ti chiedo nell’amore del Signore, non ti fare prendere dallo zelo per l’organizzazione scadendo in paragoni blasfemi. Ricordiamoci noi membri ADI, che se pure le ADI dovessero prendere una via diversa, pure il solido fondamento di Dio rimane fermo portando questo sigillo: il Signore conosce quelli che sono suoi.

    Mi piace

  44. 2 novembre 2010 14:47

    Chi pensi di stare ritto si guardi dal non cadere, non giudicate affinchè non siate giudicati, e non guardare la pagliuzza nell’occhio del fratello quando nel tuo vi è una trave.
    N.B. questo messaggio non è un atto difensivo nei confronti del fratello Mottola, ma un richiamo a tutti coloro che spendono il loro tempo a giudicare i servi del Signore in ogni loro opera, anzichè adoperarsi per i malati del popolo del signore e di provvedere per i bisognosi, e di dare una parola di conforto per chi ne ha bisogno

    Mi piace

  45. 2 novembre 2010 18:51

    Pace a te, innanzi tutto il saluto è d’obbligo sempre, perché è segno di educazione, benché non siamo della stessa opinione, pure il saluto rimane sempre un obbligo civico a cui i santi devono sempre ottemperare per quanto dipenda da loro.

    Secondo te invitare il prete alla inaugurazione di un locale di culto e farlo parlare dal pulpito, quando, invece, altri pastori non ADI non vengono mai invitati, ti pare che sia una pagliuzza? A me non pare.

    Aver ingannato tutti i MEMBRI DELLE ADI MANIPOLANDO I LIBRI DI SPURGEON, facendo credere loro che era Spurgeon che parlava mentre in realtà ERANO I DIRIGENTI ADI CHE PARLAVANO FIRMANDOSI CON IL NOME DI SPURGEON per dare maggiore credito alle TANTE ERESIE e falsità che insegnano, ti pare che sia una pagliuzza? A me non mi pare e in questo caso anche molti MEMBRI ADI che si sono avveduti di essere stati ingannati non sono molto contenti, anzi, sono adirati e a giusta ragione (scarica il libro che dimostra la MANIPOLAZIONE FATTA AI LIBRI DI SPURGEON da ADI-MEDIA)

    Insegnare diverse false dottrine, maltrattare i fratelli in vari modi, cacciare via i fratelli che umiliandosi chiedono aiuto monetario AL DIRIGENTE della Comunità, TRATTARE DA INDEMONIATI, da LEGATI SPIRITUALMENTE i MEMBRI DI COMUNITA’ che credono nella predestinazione, ti pare che siano cose PAGLIUZZE? Eppure, il principe dei predicatori come gli stessi DIRIGENTI ADI affermano, cioé Charles Spurgeon, CREDEVA NELLA PREDESTINAZIONE e non che il “DESTINO SE LO CREA L’UOMO”, anche Spurgeon dobbiamo considerarlo INDEMONIATO?

    L’aver fatto scomparire il fuoco dell’inferno, la nuova Gerusalemme, l’aver dato una SPERANZA ILLUSORIA AGLI SVIATI E AI TIEPIDI con la storia stravagante e immaginaria del RAPIMENTO SEGRETO DELLA CHIESA, ti paiono delle pagliuzze? A me non mi paiono pagliuzze, ma travi.

    L’aver fatto a gara nel comprare locali di culto grandi, enormi, con costi quasi insopportabili per i fratelli, solo per gareggiare con gli altri gruppi religiosi in termini di secolarizzazione e non rendere conto dei denari ai MEMBRI DELLE VARIE CHIESE, ti paiono delle pagliuzze? A me non mi pare.

    L’aver sostituito la Parola di Dio con i regolamenti e lo statuto ADI, ti paiono delle pagliuzze? A me non mi pare.

    L’aver voluto attingere all’8 per mille dallo stato, in modo che RIMANESSERO IMBAVAGLIATI e non potessero più parlare liberamente contro L’ADORAZIONE DEI SANTI, DI MARIA E DEL PRIMATO DEL PAPA e le altre cose cattoliche, ti pare che siano delle pagliuzze? A me non mi pare e pure Robero Bracco ha scritto a riguardo di questa organizzazione ADI, che si è sviata dietro a VIE LATERALI, lasciando i sentirei antichie, la buona strada.

    Per i neofiti a questi argomenti, eccovi il link dove vengono riportate le maggiori argomentazioni contro LA CONDOTTA TENUTA E LA DOTTRINA INSEGNATA DAI DIRIGENTI ADI (scusa ma non riesco più a definirli pastori, anziani, ministri, perché si stanno conducendo come DIRIGENTI NON COME MINISTRI), eccovi il link per leggere la lista e i conseguenti documenti comprovanti le falsità di condotta e degli insegnamenti: Lista attuale dei falsi insegnamenti e delle condotte scellerate poste in essere dai DIRIGENTI ADI.

    Altro che pagliuzze, questi sono dei PILONI DI FERRO.

    Ora veniamo a parlare delle travi che tu e diversi altri vedono nei nostri occhi, perché non è sufficiente lanciare ACCUSE e non dimostrarle, lo scopo deve sempre essere quello di far migliorare gli altri, gli accusati, e non mi pare che tu ed altri abbiate DELLE TRAVI DA MOSTRARCI. L’unica cosa che sapete dire è che noi ACCUSIAMO I FRATELLI! Ponendo pure che noi accusiamo e portiamo le prove delle vostre malefatte, almeno LE ACCUSE SONO VERACI; ma voi, che DITE DI AMARE LA FRATELLANZA, PERCHé LI AVETE INGANNATI E FRODATI DANDO LORO DEI LIBRI MANIPOLATI, facendoli pure pagare quelle nefandezze.
    Poi ci accusate che giudichiamo, e anche su questa dottrina biblica vi abbiamo risposto, dimostrando per le Scritture che i santi possono e devono giudicare di ogni cosa di questa vita, come insegnano le Scritture. Ecco qui l’insegnamento, leggi tu e gli altri questo anche questo scritto, così comprenderete cosa insegna la Parola di Dio sul GIUDICARE SECONDO VERITA’ e non basandosi sulle apparenze come fate voi: I santi possono e devono giudicare di ogni cosa di questa vita.; e ancora questo link: Giudicare: quando è vietato e quando è comandato.

    Per terminare, devi sapere tu e tutti gli altri, che noi stiamo provvedendo a liberare i fratelli dall’ipocrisia di cui sono stati investiti i MEMBRI DELLE ADI, sì, ipocrisia e anche ozio, perché I DIRIGENTI NON fanno gustare ai membri quanto è buono servire l’ETERNO, li fanno oziare e insegnano loro anche a frodare i fratelli, infatti lo dimostra il fatto che hanno MANIPOLATO I LIBRI DI SPURGEON, e quell’opera è un’opera che proviene dal cuore, e da un cuore corrotto non ci si può aspettare buoni frutti, perché un ALBERO CATTIVO FA FRUTTI CATTIVI.
    Anche i fratelli che sono stati maltrattati dai DIRIGENTI ADI hanno bisogno di incoragggiamento, così come i bisognosi che i DIRIGENTI ADI hanno cacciato via senza dare loro il necessario di cui bisognavano hanno bisogno di conforto, i malati li andiamo a trovare e preghiamo per loro, guai a noi se non lo facessimo.

    Sul fratello Mottola abbiamo scritto e abbiamo dimostrato con video ciò che è accaduto e da tale condotta si sono indignati anche altri pastori delle ADI, quindi, se volevi difendere MOTTOLA avresti dovuto almeno farlo in maniera più concreta, portando della sostanza nella difesa.
    IL NULLA che hai portato in difesa di MOTTOLA E DI TUTTE LE ADI è una chiara dimostrazione della stoltezza di cui abbondi tu e diversi altri, che inghiottono il cammello (LE OPERE INFRUTTUOSE DELLE TENEBRE poste inessere dai vostri DIRIGENTI) e stanno andando in giro a cercare dei presunti moscerini. Siete diventati patetici, mi fate quasi pena, voi siete ciechi e non sapete quel che dite e quel che state facendo. Ma quando vi sveglierete? Quando? Certo che se uno ha famiglia ed è stipendiato dalle ADI fa fatica a parlare contro chi gli da da mangiare, mi pare che questo deve essere chiaro per tutti ormai.

    Hai avuto la possibilità di intervenire in questo mio blog e credo che sia stata anche l’ultima, considerato che sei intervenuto mostrando una stoltezza e una ignoranza nelle sacre Scritture notevole, non vedo l’utilità di un tuo nuovo intervento se non ti ravvedi e non apri gli occhi alla verità.
    Salvato per grazia mediante la fede in Cristo Gesù: Giuseppe Piredda, al servizio di Dio a pro di tutti i santi della chiesa invisibile, senza nessuna delimitazione di denominazione.

    [P.S.: Voi vi illudete quando pensate che la salvezza è solo nelle ADI, inoltre chi abbandona le ADI non abbandona di certo Iddio; una tal cosa la dicevano già i cattolici ai tempi della riforma e voi gli state assomigliando parecchio in questi tempi ai cattolici, vi state avvicinando sempre di più al papa anziché a Lutero]

    Mi piace

  46. 3 novembre 2010 12:33

    di certo la salvezza non è solo nelle adi e non cercare di difenderti voltando pagina con il saluto … tu sei uno che non ha avuto spazio nelle adi..sei rimasto ferito.. e poi queste cose le potevi dire direttamente a mottola .. solo davanti a lui .. di certo non bisogna dichiararlo a tutto il mondo! è sbagliato.. cosi crei una gran confusione e dividi le adi con le chiese libere quando poi siamo tutti fratelli e ci amiamo.. tutti sbagliamo chi di + ki di meno .. e mottola ha sbagliato! non guardiamo a nostri fratelli che cadono. la carne è fallace!!! solo con l’aiuto del signore nn sbagliamo . pace nel signore e non accanirti sulle adi dove anke lì il signore opera ! alla fine ci vogliamo un mondo di bene perche vuoi dividerci con gli altri fratelli di chiese libere ? 😦

    Mi piace

  47. 3 novembre 2010 12:48

    poi il signore è misericordioso perchè non possiamo esserlo anche noi ? e se non usa la sua misericordia sta a lui giudicare ! se guardiamo ai fratelli che cadono ci rattristiamo solamente ..anche io sono stato salvato dal signore ho una gran pace ora…lui mi guida solo lui .. e se non fosse per lui sarei anche morto! il signore ti benedica

    Mi piace

  48. 3 novembre 2010 13:09

    Pace, non sono di certo io che voglio dividere LE ADI dalle chiese libere, lo sanno tutti che le ADI non hanno contatti e non li vogliono i contatti con le altre denominazioni, e a tal proposito potrei citarti tanti esempi.
    Io ritengo che tra i membri delle ADI ce ne siano moltissimi che sono in buona fede, ma sono i DIRIGENTI che non vano bene, infatti il servizio e il lavoro che facciamo lo facciamo per il bene dei membri delle ADI, per farli svegliare e liberarli da quella morsa dei DIRIGENTI ADI che li tiene prigionieri.

    Per venire al caso di Mottola, ebbene, se Mottola avesse sbagliato e lo avessi saputo solo io o pochi altri, bene, allora hai ragione avrei dovuto riprenderlo tra me e lui solo; ma considerato che il suo peccato è stato PUBBLICATO per tutto il mondo, l’unica cosa da fare era riprenderlo pubblicamente.
    Al peccato pubblico deve obbligatoriamente seguire la RIPRENSIONE PUBBLICA, e ci sono i passi biblici che ci danno ragione, Paolo che riprende Pietro pubblicamente, e ancora Paolo che da istruzioni a Timoteo di riprendere DAVANTI A TUTTI gli anziani che peccano.
    Queste cose venivano praticate anche nel XVII secolo, leggi il libro di Richard Baxter: “l’opera del pastore”.

    Per quanto riguarda la misericordia, ebbene, anche Dio è misericordioso, ma come si legge in apocalisse? Gesù minaccia di punire gravemente quella donna Jezabel che non voleva ravvedersi della sua fornicazione. E ancora, nei vangeli sta scritto che Gesù ha detto allo storpio guarito di NON PECCARE PIU’, altrimenti gli sarebbe accaduto di PEGGIO.
    Riprendere le opere infruttuose delle tenebre non vuole dire non avere misericordia, anzi, la si stimola, perché chi pecca deve convincersi di aver peccato e chiedere perdono ai fratelli. Hai tu sentito che MOTTOLA ha chiesto scusa ai fratelli per il suo peccato? Io non ho saputo nulla, quindi, noi siamo misericordiosi e pronti a perdonare, ma MOTTOLA non è pronto a chiedere perdono, anzi, si indurisce lui e TUTTI I DIRIGENTI ADI, i quali, anziché BRUCIARE tutti quei libri tradotti di Spurgeon, che sono MANIPOLATI E ORMAI QUASI TUTTI LO SANNO, continuano a donarli o a metterli invendita, NON SI SONO RAVVEDUTI DEL LORO PECCATO E DEI LORO INGANNI, quindi, il problema non è sul concetto di MISERICORDIA DA PARTE NOSTRA, ma è loro che NON VOGLIONO RAVVEDERSI per orgoglio, hanno la faccia tosta.
    Ma Iddio rende la faccia ancora più tosta a coloro che vogliono servire IDDIO per contrapporsi al peccato DELLA DIRIGENZA ADI.
    Pace a te, io capisco il tuo sfogo, il tuo dolore, ma bisogna prender atto che oggi i DIRIGENTI ADI non sono come devono essere, non sono come VUOLE CHE LA PAROLA DI DIO che siano, e questo lo diceva già Roberto Bracco ai suoi tempi, quindi, oggi stiamo assistendo solo ad un peggioramento della DIRIGENZA e un addormentamento dei membri.
    Che Dio ti benedica, te e tutti i membri sinceri, affinchè seguano in tutta coscienza la verità che sta scritta nella Parola di Dio, per il bene dell’anima loro.

    Mi piace

  49. 3 novembre 2010 13:20

    adi non è un etichetta e solo per stare a posto con la legge e per stare + uniti e per creare raduni dove possono venire anche i fratelli di chiese libere anzi con questa etichetta come la chiami te ha aiutato a dare permessi di evangelizzazione a chiese libere ci aiutiamo a vicenda .. se sbaglia un fratello che è delle adi non bisogna incolpare tutte le adi .. non è detto ke se sbaglia uno solo sbagliano tutti gli altri … anche noi aiutiamo i poveri e i malati cacciando somme folli e sopratutto l’africa.. non creare scisma .

    Mi piace

  50. 3 novembre 2010 13:33

    comunque ho saputo che ha chiesto perdono

    Mi piace

  51. 3 novembre 2010 14:16

    ora chiedilo tu!!! mi hai solo fatte delle specie di offese .. mentre io ti ho consigliato!!!!! ravvediti! piredda ravvediti!!!

    Mi piace

  52. 3 novembre 2010 17:43

    Per quanto riguarda l’aiuto rivolto ai poveri, le informazioni che ho letto riguardo l’8 per mille che le adi hanno ricevuto, non ricordo a quale anno si riferiva, hanno destinato ai poveri una misera cifra, quando, invece, ai poveri dovrebbe andare la maggior parte delle entrate.
    In poche parole, a riguardo della gestione dei soldi delle ADI, quello che voglio dire è che devono pensare IN PRIMO LUOGO AI POVERI, e oggi ce ne sono più di ieri, vista la crisi che c’è, e bada bene non sto dicendo che bisogna PRESTARE I SOLDI, ma DONARLI AI BISOGNOSI, a quelli veramente bisognosi; ma ciò non avviene, perché i soldi vanno via per la maggior parte per la parte gestionale e immobiliare. Gesù non ci ha ordinato di diventare proprietari di locali e di terreni, ma di provvedere alle necessità dei poveri.
    Per quanto riguarda l’evangelizzazione, posso dire che si dovrebbe discutere su cosa SIGNIFICHI EVANGELIZZARE e a chi BISOGNA EVANGELIZZARE, perché ormai non annunziano il VANGELO che sta scritto, cioé il RAVVEDIMENTO e il CREDERE IN CRISTO, ma parlano solo di un Dio solo buono, tralasciando la cattiva notizia che riguarda L’INFERNO, luogo nel quale vanno a finire coloro che non credono. Insomma, bisogna parlare come dicono le Scritture e bisogna praticare le opere che Dio vuole che facciamo, e non ATTENERSI AI REGOLAMENTI E GLI STATUTI.
    Come ho già detto, io credo che nelle ADI ci siano molti MEMBRI fedeli a Cristo, e gloria a Dio per questo; tuttavia i DIRIGENTI non sono molto fedeli a Cristo e questo fa si che tutti i membri siano CONTAMINATI E AVVELENATI DALLA LORO CONDOTTA E DAI LORO INSEGNAMENTI.
    Perché i MEMBRI NON CHIEDONO E NON VOTANO COME PASTORI E ANZIANI QUELLI CHE SONO COME DICE LA SCRITTURA? Anche volendo non possono, perché i pastori devono essere GRADITI ALLA DIRIGENZA, e i membri non possono scegliere chi vogliono, ma devono scegliere chi gli viene loro proposto.
    Hai visto, dunque, quanti legami hanno i membri delle ADI, ed è questi legami che noi vogliamo che siano spezzati per liberare le anime loro.
    pace

    Mi piace

  53. 3 novembre 2010 18:14

    Ecco come vanno a finire i dibattiti con quelli delle ADI, proprio in questa maniera. Pare che fino ad un certo punto ragionino, poi quando chiedono ai loro DIRIGENTI, cambiano completamente modo di pensare e di ragionare, non riflettono più con la loro testa e con il loro cuore, ma con il cuore malvagio DELLA DIRIGENZA DELL’ORGANIZZAZIONE, e s’interrompe ogni dialogo.
    Non fa niente, siamo abituati, e si adempie ogni volta la Parola che dice: “Anche se tu pestassi lo stolto in un mortaio in mezzo al grano col pestello, la sua follia non lo lascerebbe.” (Proverbi 27:22)

    Un giorno quando ognuno di noi comparirà davanti a Dio otterrà il premio della propria opera e del proprio servizio nel Signore, quindi, arrivederci in quel giorno.

    Mi piace

  54. CIRO permalink
    3 novembre 2010 20:45

    carissimo fratello in cristo ti scrivo per dirti grazie per quello che fai penso che cio e buono per tutti quelli che hanno da capire che la denominazione a d i ha da essere provati per come si propongono a i fratelli in cristo secondo tutto l evangelo grazie per questo filmato che m ha fatto vedere un fratello pastore che e stato uno scandalo per castellammare di stabia giovanni scarallo mai messo in disciplina ammonito e fermato solo per appartenenza parentale al consiglio di disciplina di napoli melluso che ipocriti falsi e cattivi ,bugiardi verso Dio e gl uomini provarli per credere

    Mi piace

  55. donald permalink
    3 novembre 2010 20:55

    @luca

    caro fratello, ti chiamo fratello perchè immagino che se intervieni qui tu sia un credente salvato per grazia come tutti noi, io trovo giuste le tue affermazioni riguardo al fatto che se anche Gesù ci ha dato l’esempio di amore, perdòno, umiltà e servizio in eguale maniera dobbiamo seguitarlo. “Se dunque io, che sono il Signore e il Maestro, vi ho lavato i piedi, anche voi dovete lavare i piedi gli uni agli altri.” Giovanni 13:14 Per questo trovo strano che la mansuetudine, l’amore e l’umiltà la si pretenda da coloro che sono reputati semplici credenti mentre i conduttori godono di licenza di fare ciò che meglio credono, spesso mantenendo atteggiamenti spocchiosi e offensivi nei confronti di coloro che non si “sottomettono” alle loro arbitrarie decisioni, senza che questi atteggiamenti vengano mai riconosciuti come tali.

    “Infatti bisogna che il vescovo sia irreprensibile, come amministratore di Dio; non arrogante, non iracondo, non dedito al vino, non violento, non avido di guadagno disonesto, ma ospitale, amante del bene, assennato, giusto, santo, temperante, attaccato alla parola sicura, così come è stata insegnata, per essere in grado di esortare secondo la sana dottrina e di convincere quelli che contraddicono.” Tito 1:7-9

    Non dobbiamo trascurare che le opere pubbliche in particolare, debbono essere sempre irreprensibili, così come la Parola di Dio vuole siano coloro che ambiscono all’ufficio di vescovo 1 Timoteo 3. Perciò se qualcuno dei conduttori, sopratutto se sono “in vista”, in una sua decisione arriva a finire sui giornali e provoca così un pubblico scandalo, è bene correre ai ripari puntualizzando altrettanto pubblicamente che ogni iniziativa privata, non è considerata dalla totalità della chiesa come un atto legittimo e in sintonia con essa, ma con la Parola di Dio prendere le dovute distanze da ogni atteggiamento che non glorifichi il nome del Signore.
    Io non sono di quelli che danno gloria agli uomini ne hanno interesse a conservargliela. “Umiliatevi davanti al Signore ed Egli vi innalzerà” Queste sono le parole di un bel cantico che credo la maggior parte di noi conoscono bene. Ma finché l’innalzamento viene dagli uomini il destino è sempre il pubblico naufragio.
    Forse il Mottola ha chiesto perdono, a me non risulta ma neppure voglio che chieda perdono ne a me o ad altri, se lo deve a qualcuno è al Signore che deve farlo. Per il resto sarebbe bene che cambiasse atteggiamento riguardo al ricorrere ai tribunali.
    “Ma se vi mordete e divorate gli uni gli altri, guardate di non essere consumati gli uni dagli altri.” Galati 5:15 Per quanto attinente ai problemi della chiesa dove si sono creati questi spiacevoli eventi, credo che se anche i conduttori avessero messo in atto ciò che pretendevano dai credenti, cioè l’amore, la temperanza, la mansuetudine e l’umiltà, forse avrebbero saputo ascoltare quei credenti che a più riprese hanno scritto al consiglio generale delle chiese senza ottenere la minima attenzione, e forse non avrebbero suscitato le non condivisibili reazioni di estrema protesta inscenate in quelle occasioni. Si sa che un follia chiama un’altra follia, mentre una parola dolce calma gli animi. Cosa vogliamo fare noi? Amiamo il Signore al punto da rinunciare a noi stessi e metterci davvero al Suo servizio senza confondere la Sua volontà con la nostra?? Abbiamo un lavoro affidatoci dal Signore, non c’è nessuno che stia in prima linea rispetto ad altri, il Signore ci ha chiamato tutti in prima linea, non ci sono servitori di prima classe e servitori di seconda classe, ma servitori volenterosi e genuini contrapposti a quegli altri con le forme della pietà. Intanto c’è un mondo che versa in gravi condizioni, ci sono uomini e donne perduti da raggiungere con l’Evangelo e certe notizie giornalistiche scaturite dalle linee di condotta assunte dai dirigenti ADI, non sono in questo senso. Ci sono persone che nel mondo perdono la loro vita per l’amore del Signore. Domandiamoci quale incarico ci ha affidato il Signore e non perdiamoci nella confusione che Satana sta spargendo tra le anime riscattate dal Signore. Torniamo umilmente ai piedi del Signore e lasciamoci inondare dal Suo Santo Spirito! Non chiediamo le scuse di nessuno a me personalmente non servono a nulla, ma preghiamo per il loro ravvedimento che il Signore gli dia grazia di ritornare sul sentiero del servizio a Lui e a Lui solo!!!

    Mi piace

  56. 3 novembre 2010 21:05

    Pace,
    grazie dell’incoraggiamento fratello.
    La mia richiesta a Dio è che risvegli i credenti MEMBRI delle ADI e anche delle altre denominazioni, affinché tornino ALLA SOLA SCRITTURA, rigettando tutti gli altri regolamenti, statuti e tradizioni varie e anche contrarie alla Parola di Dio.

    Mi piace

  57. giuseppe mei permalink
    5 dicembre 2010 18:39

    sono un credente delle adi, vedo che cercate credenti perfetti, non ci sono!
    Una volta ho assistito ad una predica che conteneva una grande eresia, alla fine del culto ho fatto presente l’eresia a chi ha presieduto, e con meraviglia ho constatato che molti non se ne erano accorti, dico questo perchè Dio sà come turare le orecchie dei puri, persone come Piredda e altri non fanno che spandere lo sporco ancora di più.
    Ogni volta che mi imbatto in uno dei vostri commenti mi sento male, e penso che grazie a Dio colui che mi giudica non è uno come voi, anzi avendo creduto sono passato dalla morte alla vita, io non ti giudico.

    Mi piace

  58. 5 dicembre 2010 20:10

    Pace a te,
    ora ti faccio vedere quanto le tue parole siano di parte e provenienti da un animo doppio.
    1) Tu ci hai giudicato dicendo che “noi cerchiamo credenti perfetti”. Questo è un giudizio basato sull’apparenza, che non hai espresso secondo giustizia. Infatti, noi sappiamo bene che i credenti perfetti non ci sono oggi, non ci sono mai stati e non ci saranno mai e lo saranno solo in cielo; noi cerchiamo credenti imperfetti che ascoltano la Parola di Dio e si impegnano a migliorarsi. Solo i ribelli non accettano la riprensione, quando è chiara, certa e dimostrata dalle Sacre Scritture. I più hanno piacere di ascoltare il pastore più che la Parola di Dio.

    2) Hai espresso, invece, un giusto giudizio quando hai ripreso colui che ha predicato, quando hai sentito la grande eresia. Questo dovrebbero farlo tutti i fratelli che conoscono la verità, ma non lo fanno, così le eresie pullulano nelle ADI, come nelle altre denominazioni. Volesse Iddio che il nostro intervento non fosse più necessario nel confutare le false dottrine e nella riprensione delle condotte scellerate. Ciò significherebbe che in ogni comunità ogni membro sarebbe maturo spiritualmente, sveglio e pieno della conoscenza delle sacre Scritture e di coraggio, cose che per ora mancano nei membri delle chiese, quindi, il Signore deve sospingere altri a confutare e riprendere I VOSTRI DIRIGENTI, per addirizzare le vie del Signore e riportare i santi dalle vie delle tenebre dello statuto e del regolamento a quella della luce della Parola di Dio.

    3) Tu ci giudichi di spandere sporcizia ancora di più. Devi sapere, tu e tutti gli altri che la pensano come te, che la sporcizia noi la stiamo PULENDO dalle chiese, e sto parlando di tutta quella sporcizia che già circola nel mondo evangelico da anni e che pochissimi si sono prodigati a porvi fine, ma Iddio ha voluto agire oggi per mezzo nostro, non che noi lo volessimo, ma siamo chiamati a farlo, come Gesù lo ha dovuto fare con i farisei, con gli scribi, con i sadducei, e gli apostoli in tante occasioni di cui le epistole ne sono piene. Queste cose non le vedono i ciechi o coloro che non le vogliono vedere, chissà tu di quale fai parte? Tanto cieco non sembri, visto che una ERESIA L’HAI GIUDICATA, GIUSTAMENTE, e ti sei pure accorto che tutti gli altri non se n’erano accorti, e di questo sono contento per te, non pensare che tali cose ci dispiacciono, anzi, e del risultato ringraziamo Iddio.
    Come mi ha detto un caro fratello: “è vero che i nostri siti sono pieni di immondizia, ma non l’abbiamo prodotta noi, noi la vogliamo pulire, raccogliere e distruggere, incenerendola con il FUOCO DELLA PAROLA DELLA VERITA'”, visto che non si trovi nessun altro che lo fa!
    Questo tuo ragionamento è così insensato da far crollare anche le cose buone che hai detto in questo commento, infatti, usando una similitudine, è come se le persone se la prendano con gli spazzini per tutta l’immondizia che esiste e che circola, infatti, che colpa ne hanno gli spazzini se l’immondizia abbonda nelle città? Qualcuno la deve pur fare l’opera di pulizia, e in questi anni nelle chiese non è stata fatta pulizia, e l’immondizia nel cuore dei credenti è cresciuta a dismisura.

    4) Non è vero che noi non ti possiamo giudicare, perché se tu sbagli, se ti metti ad insegnare delle eresie, gli altri possono e devono giudicare quello che fai e quello che dici, sempre alla luce della Parola, perché è la Parola in realtà che giudica, non l’uomo, non noi. Le sacre Scritture insegnano che dobbiamo confutare le false dottrine e riprendere le opere infruttuose delle tenebre, e noi vogliamo farlo per il bene dei fratelli.
    Facciamo un esempio concreto, se ADI-MEDIA ha FRODATO TUTTI I MEMBRI DELLE ADI e non ha ascoltato le lettere private che le sono arrivate da vari fratelli e pastori, anni fa quando la FRODE ebbe inizio, non è forse corretto porre fine ad una frode perpetrata per anni contro i membri delle ADI? Si che si deve porre fine a questa MANIPOLAZIONE, a questa FRODE E FALSITA’, e lo facciamo per amore verso i fratelli, verso la verità, mentre coloro che hanno messo in atto quella FRODE si devono ravvedere e chiedere perdono a TUTTI I MEMBRI, pubblicamente. Come mai nel tuo commento non ci sono parole di riprensione contro le malefatte dei DIRIGENTI ADI, ma solo parole amare verso di noi che abbiamo ripreso I DIRIGENTI ADI E ADI-MEDIA? Se noi siamo da biasimare, I FRODATORI delle ADI-MEDIA come devono essere considerati? Io lo so, sei tu che fai orecchie da mercante, e quando ti è convenuto, hai RIPRESO, per le cose che non ti convengono NEPPURE TU LE VEDI.
    Io capisco bene che fa molto male sapere che hai riposto tutta la tua fiducia nei pastori e nell’organizzazione delle ADI, a tal punto che quando dici che ti senti male è perché capisci che hai affidato la tua anima a persone umane, fallaci non poco, a persone FRAUDOLENTE, a persone che si soffermano sui soldi dei credenti ma non sulla loro salute spirituale, sulla loro felicità e grado di crescita spirituale.
    Tu non sai quanto mi sento MALE IO, INVECE, NEL VEDERE COME I FRATELLI MEMBRI DELLE ADI SONO SFRUTTATI E MALTRATTATI, e quasi tutti stanno zitti senza denunciare le malefatte e i soprusi, perché chi parla viene estromesso e guardato con sospetto.
    Se Gesù camminasse oggi in mezzo a noi, sicuramente avrebbe molte cose di cui riprendermi, ma FARISEI E CODARDI di certo CHIAMEREBBE VOI DELLE ADI, non certo me ed altri, perché siete voi che avete sostituito la Parola di Dio con le vostre tradizioni, con il vostro statuto e con il vostro regolamento (il fratello ha scritto anche su questi argomenti, dimostrando dove e quanto tali precetti umani siano contrari ai comandamenti di Dio); siete voi che tacete di fronte alle ingiustizie; siete voi delle ADI che non vi mettete dalla parte degli oppressi e dei bisognosi.
    Non è forse vero che i pastori dicevano fino a poco tempo fa che SOLO NELLE ADI VENIVA ANNUNZIATA TUTTA LA VERITA’? Ora non possono più dirlo, perché è dimostrato ormai che sono pieni di opere nefande e di false dottrine tanto quanto le altre denominazioni libere.
    Ora, per entrare un attimo nel merito dell’articolo sotto al quale stiamo dibattendo, ma non è forse vero che LE ADI NON INVITANO I PASTORI DI ALTRE DENOMINAZIONI A PREDICARE DAI LORO PULPITI? Tuttavia a MATINELLA, MOTTOLA, ha fatto salire sul pulpito un PRETE, che ha detto un sacco di cose false? Allora noi dovremmo pensare che i dirigenti delle ADI prediligono i preti nei loro pulpiti? E come mai non parlano contro l’idolatria nei programmi TV, nelle loro riviste e nelle RADIO? Non è forse una conseguenza del RECIPROCO RISPETTO citato nello statuto? Ebbene sì, con l’accordo con lo Stato hanno preso anche il bavaglio, e se lo tengono ben stretto nella bocca.
    Ci sarebbero tante altre cose da dire, ma per ora basta così, e come ti ho dimostrato, tu giudichi ma non come stiamo facendo noi, perché NOI DIMOSTRIAMO dove sta l’errore proponendo LA VERITA’, ma tu hai espresso dei giudizi solo per difendere la tua organizzazione, poi vai pure a dire che TU NON GIUDICHI! Questo a parer mio è ipocrisia, è un parlare doppio.

    Chi ha orecchie da udire oda.

    Salvato per grazia mediante la fede in Cristo Gesù: Giuseppe Piredda

    Mi piace

  59. Daniela permalink
    3 marzo 2011 12:28

    Io non voglio parlare nè contro nè a favore di nessuno. Vorrei solo far notare che, GRAZIE ai vostri commenti per nulla edificanti ma solo pieni di “sapere”, molte anime semplici e ai primi passi nella fede ne sono rimasti confusi e scandalizzati (e ne conosco diversi)… Ma il compito dei credenti non dovrebbe essere quello di parlare dell’opera di Amore e Salvezza del nostro Salvatore e lasciare a Lui i giudizie e le condanne? Questa è maturità??

    Mi piace

  60. 3 marzo 2011 13:41

    Ciò che si dice bisogna anche provarlo con le Scritture, e mi pare che non ci sia da nessuna parte che non si debbano riprovare le OPERE INFRUTTUOSE DELLE TENEBRE, noi non ci faccciamo imbavagliare da certe persone disordinate che fa amicizia col mondo e fa parlare i preti dal pulpito e i cui dirigenti dell’organizzazione ingannano i membri manipolando i libri di Spurgeon e di Pearlman.
    Gli scandali li provocano chi li commette, NON CHI LI RIPRENDE.

    Mi piace

  61. 3 marzo 2011 19:19

    Pace a te, Daniela,
    la cosa più importante per poter esprimere dei giusti giudizi e valutazioni occorre conoscere le Scritture, se non le si conoscono, allora si parla secondo i propri pensieri.
    Anche ai tuoi quesiti bisogna andare alla Parola di Dio per poter rispondere come si conviene.
    Se le tue parole fossero vere e sarebbero indice di maturità spirituale, allora dovremmo avere anche delle conferme nella Parola di Dio, invece le cose non stanno così, perché nella Parola sono riportati anche gli scandali che gli uomini di Dio hanno compiuto, per nostro ammaestramento, per fare un esempio, era necessario che si scrivesse dell’aspra discussione tra Paolo e Barnaba fino a giungere alla separazione? Non è stato uno scandalo quello? E potrei fare anche altri esempi.
    Ancora, è scritto che gli anziani devono essere ripresi davanti a tutti quando peccano.
    Quindi, mi pare che ciò che stiamo facendo noi lo possiamo confermare con la Parola di Dio.
    Ma Mottola e gli altri pastori ADI, possono dimostrare con la Bibbia che si può far parlare dal pulpito un idolatra perduto nei falli e nei peccati? Si può provare con la Bibbia che i pastori ADI possono MANIPOLARE i libri di Spurgeon e di Pearlman?
    Potrei continuare anche qui a fare una lunga lista tra eresie insegnate dai pastori ADI e condotte scellerate, ma ciò che conta è che venga espresso un concetto che stimoli la riflessione del lettore.
    Bisogna sempre tener conto che noi stiamo mettendo SOLTANTO la punta dell’iceberg, del marciume che conosciamo e che certi commettono, spetta poi ai singoli membri verificare di persona per vedere se i pastori amano il denaro, pascono se stessi e si conducono disordinatamente.
    Sono stati abituati da troppi anni a far tacere FORZATAMENTE tutte le voci contrarie, ma oggi Iddio ha voluto togliere questo bavaglio e metter in faccia tutto il marcio che questi hanno combinato.
    Tutti devono sapere che non tutti gli evangelici sono malvagi e corrotti, ma che ci sono quelli come me che riprovano certe opere e certe cose storte.
    Gli scandali li provocano coloro che li fanno, NON COLORO CHE LI RIPROVANO.
    Pace a te e che Dio ti apra gli occhi per intendere la verità.

    Mi piace

  62. Daniela permalink
    7 marzo 2011 15:00

    Se è per questo è scritto anche:”Chi avrà scandalizzato uno di questi piccoli che credono in me,meglio per lui sarebbe che gli fosse appesa una macina da mulino e fosse gettato in fondo al mare” Matteo 18
    Come ho già detto, conosco diverse anime ai primi passi (piccoli) che sono rimasti confusi e scandalizzati e sono ritornati indietro dopo aver letto i vostri bei commenti…Di questo non ve ne preoccupate?? o vi siete eletti “Paladini della giustizia” solo per denunciare gli errori degli altri?
    Se avete un gregge, se siete pastori (e di questo ne dubito) pensate ad ammaestrare le vostre pecorelle, per aiutarle a crescere lontano da tutto ciò che voi definite eresie e marciume.
    Anche perchè la verità non la dite fino in fondo!

    Mi piace

  63. 7 marzo 2011 18:22

    Una cosa vera l’hai detta, che non stiamo mostrando tutto quello che sappiamo, ma ci stiamo limitando.
    Per quanto riguarda il passo da te citato, ebbene, devo ripetere per l’ennesima volta, che a scandalizzare non siamo noi che riprendiamo le false dottrine e le opere infruttuose delle tenebre, ma scandalizza solo chi le commette.
    “Onde molti dei suoi discepoli, udite che l’ebbero, dissero: Questo parlare è duro; chi lo può ascoltare?
    Ma Gesù, conoscendo in se stesso che i suoi discepoli mormoravan di ciò, disse loro: Questo vi scandalizza?
    D’allora molti de’ suoi discepoli si ritrassero indietro e non andavan più con lui.
    Perciò Gesù disse ai dodici: Non ve ne volete andare anche voi?” (Giovanni 6:60,61,66,67)

    Il parlare di Gesù era duro, e riprendeva i farisei e tutti gli ipocriti, e non gli importava nulla se questi si scandalizzavano e lo abbandonavano, perché evidentemente lo seguivano solo per interesse e non per conoscere la verità.

    E ancora leggiamo:
    E ne nacque un’aspra contesa, tanto che si separarono; e Barnaba, preso seco Marco, navigò verso Cipro;” (Atti 15:39)
    Vedi, la Scrittura NON NASCONDE niente, neppure certi scandali, e questo citato tra Paolo e Barnaba è solo uno, quindi, non si capisce perché DEVONO ESSERE TUTTI OMERTOSI nelle comunità, come lo sono dentro le ADI, mentre il Signore ci chiama a riprendere le opere infruttuose delle tenebre, anche pubblicamente se è necessario, infatti, l’apostolo Paolo ha scritto:
    “E non partecipate alle opere infruttuose delle tenebre; anzi, piuttosto riprendetele;” (Efesini 5:11)

    Certamente se un cattolico romano va nella chiesa di Matinella perché vuole convertirsi dall’ipocrisia del papa e dei suoi seguaci, e capita proprio mentre c’è una riunione in cui parla UN PRETE, questi penserà ma dove sono capitato? A cosa serve abbandonare la chiesa cattolica per cadere in mezzo a questi che fanno comunella con i preti? Non sono forse la medesima cosa, non hanno forse il medesimo sentire se fanno comunella?
    Ma torniamo all’omertà tanto desiderata e incoraggiata nelle chiese ADI, perché voglio rammentarvi che chi tace per amore dell’organizzazione a scapito della verità e della Parola di Dio, commette peccato e si posiziona come debitore nei confronti della Parola di Dio, infatti GLI OMERTOSI e quelli privi di coraggio non piacciono al Signore, e la Scrittura non ne parla bene.
    Questo dissero i suoi genitori perché avean paura de’ Giudei; poiché i Giudei avean già stabilito che se uno riconoscesse Gesù come Cristo, fosse espulso dalla sinagoga.” (Giovanni 9:22)
    Nelle comunità delle ADI è pieno di OMERTOSI, di gente che mormora di nascosto dal pastore ma non ha il coraggio di parlare in faccia, hanno PAURA DI ESSERE ESPULSI o maltrattati, tacciono di fronte alle ingiustizie e quando i dirigenti opprimono dei fratelli e li maltrattano, mostrandosi così CODARDI.
    Anche i filistei erano tanti, ma furono attaccati da Jonathan e dal suo scudiero e gli misero in rotta, qundi, non sono i numeri che contano, non sono le cattedrali che dimostrano che siete nella verità, anche i cattolici romani hanno le cattedrali e numeri più ampi dei vostri, ma non hanno la verità, così siete voi, le cattedrali sono piene di persone codarde, e come i filistei bastano due uomini per metterli in fuga.
    Se io mi sbaglio, perché non rispondono i tuoi dirigenti alle obiezioni che sono state mosse loro? Perché non rispondono e spiegano ai loro membri perché li hanno FRODATI con la MANIPOLAZIONE dei libri di Spurgeon e di Pearlman?
    Sono queste le opere dei tuoi dirigenti ADI? Te li puoi tenere pure, tu e tutti quelli che li vogliono seguire. Ma oggi le cose stanno cambiando, sempre più credenti stanno imparando a levare la loro voce in alto per farsi sentire contro le FALSITA’ di costoro e contro le loro ingiustizie, e sono in progressivo aumento, ogni giorno che passa AUMENTANO gli scudieri di Jonathan, e diminuiscono i filistei.
    Che ti piaccia o no, per noi la cosa più importante è la verità, perché questo vuole il Signore, che ci diciamo tutta la verità sempre, gli uni gli altri, cosa che molti di voi devono imparare a praticare e non a parlare male nei vostri salotti, ma in faccia dovete parlare!
    Per ora ti saluto, ma ci sarebbero molte altre cose che vorrei dirti, solo che per ora non credo che tu sia disposta ad ascoltare, perché i sordi non sentono.
    Comunque sia, se questa opera che stiamo facendo non è da Dio, allora cesserà e nessuno ne avrà danno e ognuno sarà giudicato da Dio per ciò che avrà detto e fatto, ma se questa opera è da Dio, allora i DIRIGENTI ADI devono solo TREMARE perchè l’ETERNO STA MARCIANDO CONTRO DI LORO, e chi potrà liberarli dalla sua mano?

    Mi piace

  64. Daniela permalink
    7 marzo 2011 19:18

    Non avete altro sentimento se non rabbia e rancore, e dite solo quello che vi piace dire! Perchè non publicate anche la risposta del Mottola alle parole del prete? Io ero presente in quell’occasione e credo che faccia piacere anche agli altri sapere come è andata tutta la vicenda!

    Mi piace

  65. 7 marzo 2011 20:07

    La tua è una buona proposta ed io la voglio accogliere favorevolmente, voglio aggiungere il link del video completo del sito della comunità di Matinella, in modo che i fratelli possano sentire da soli tutta la risposta di Mottola.
    Fammi sapere il link del video nel sito delle ADI così i fratelli possono sentire anche la risposta di Mottola al prete, in maniera che i fratelli possano esprimere da soli la loro valutazione.
    Che io sappia lo hanno tolto dal sito. Presumo che abbiano PREFERITO NASCONDERLO e negarne la visione ai fratelli, anziché lasciarlo e permettere a tutti di guardarlo ed ascoltarlo completamente in modo da farsi un’idea completa della faccenda.
    Comunque, metto qui sotto una parte scritta da Giacinto Butindaro nel suo sito:
    ” … In questo breve video (vedi sotto la tabella) potrete vedere e ascoltare in ordine Renato Mottola e il prete. Per guardare invece tutto il video andate qua (il video è il nono)
    http://www.adimatinella.it/index.php?option=com_hwdvideoshare&Itemid=80 …” [Tratto dal sito: http://www.lanuovavia.org/video-adi-mottola-e-prete.html%5D
    Il culto è del 17.10.2009.

    Come si può vedere al link del sito ADI di Matinella, il nono video manca, quindi è stato reso IMPOSSIBILE ogni comparazione a quella parte che abbiamo messo noi, che per brevità è stato tagliato, ma come si può vedere da quanto è scritto nel sito LA NUOVA VIA vi era anche il link per visionare TUTTO IL VIDEO.

    Se volete vederlo, e se credete che il video si difenda da sè, chiedete a MOTTOLA di renderlo di nuovo visibile, ma se si rifiuta, allora potete capire quanto efficace era la RISPOSTA DI MOTTOLA alle parole del prete. Chi ha orecchie oda.
    Noi siamo abituati ad agire nella massima correttezza, non abbiamo nessun interesse ad ingannare i fratelli, né a inventarci delle accuse false, ma tutto è provato e verificato.
    Attendo di rivedere il link del video nel sito delle ADI, in modo che possa linkarlo anche nell’articolo e renderlo visibile a tutti coloro che lo vogliono vedere.
    Mi dispiace deluderti, ma noi non abbiamo nessun rancore e nessun odio, ma noi AMIAMO la verità prima di tutto e non sopportiamo le ingiustizie e non sopportiamo che si ingannino i fratelli, e a questo proposito d’inganno, domanda anche a Mottola come mai ADI-MEDIA ha manipolato i libri di Spurgeon e i libri di Perlman, perché questo comportamento fraudolento si riscontra solo nelle sette, non è certamente un comportamento che onora la verità e Gesù Cristo.
    Pace

    Mi piace

  66. franco permalink
    8 marzo 2011 02:46

    Daniela, non posso fare a meno di notare che il tuo intervento è l’ennesimo volto a “tutelare il buon nome di Mottola”, che il tuo intervento è l’ennesimo proteso a rimarcare “il livore degli interventi di Butindaro & Co.”, ma non entra mai nel merito degli addebiti.

    Per le ADI, questa linea di condotta è davvero autolesionista in quanto richiama alla mente una delle caratteristiche a cui ricondurre una SETTA cioè, quella di fare quadrato intorno ai “CAPI” i quali essi stessi, pontificando sulla sottomissione dovuta ai conduttori, glissano però sugli argomenti oggetto di discussione.
    Non hai paura di scadere in ciò che gli antichi servitori di Dio come il fr. Corbo (uno dei pionieri di Matinella, ora col Signore) denunciavan come pericolo per la assemblea dei Santi, il mischiarsi con gli infedeli e il conformarsi con il presente secolo?
    Perchè se il tentativo di essere politically correct, cioè dare dei buoni segnali di pacifica tolleranza, accettazione e convivenza con il clero vaticano presente sul territorio (davanti alle autorità appositamente invitate per mostrare la grande capacità delle ADI di saper dialogare con tutti), vuole dimostrare che tutto sommato i nostri predecessori con un pò più di saggezza avrebbero pure potuto sopportare agevolmente la restrittiva legge Buffarini-Guidi, forse è arrivato il momento di riflettere su quegli insegnamenti che i fratelli che ci hanno preceduto, ci hanno tramandato in un tempo purtroppo ormai dimenticato.
    Adesso tutti (ADI, AD, MAD, PAROLA DELLA GRAZIA, ECC..) sappiamo come conciliare i nostri culti con gli agi della vita, e tutto sommato un pò di rilassatezza rispetto ai rigidi modi di servire il Signore di tanti anni fa, non fa male a nessuno anzi, aiuta a essere meno bigotti nei costumi e disporsi per il Signore con più semplicità (..queste sono convinzioni di molti pastori ADI e non).

    Io e la casa mia serviremo al Signore.

    Mi piace

  67. Daniela permalink
    8 marzo 2011 15:30

    Sono partita dicendo che non volevo parlare nè contro nè a favore di nessuno. Poi invece ho fatto l’errore di entrare in discorsi che non hanno nulla di edificante. Ho voluto semplicemente dire che ero ospite quella sera dell’episodio citato e che ricordando perfettamente le parole espresse sia dal prete e subito dopo dal Mottola, nn mi sembra affatto giusto condannare qualcuno in questo modo se pure abbia sbagliato tanto più che non ha confermato come veritiere quelle parole ma ha subito e chiaramente corretto!
    Comunque io vi saluto e lascio a voi i vostri “bei” discorsi.

    Mi piace

  68. 8 marzo 2011 17:46

    @Daniela
    Considerato che hai scritto che ricordi perfettamente sia le parole di Mottola che quelle del prete, considerato il fatto che quelle del prete le abbiamo già messe, puoi scrivere la risposta di Mottola alle parole del prete. Naturalmente mi riservo di controllare e di confermare o smentire le parole che scriverai.
    Mi pare che le cose siano semplici, io ho messo le parole del prete, tu metti le parole di Mottola, in modo che tutti si facciano una idea completa della faccenda.

    @Franco
    Grazie per l’intervento, soprattutto ho avuto piacere di leggere ciò che hai scritto sul fatto che è necessario che in un dibattito tra due parti contrarie, gli argomenti dell’una e dell’altra parte debbano essere sempre supportate da qualcosa che entrando nel merito confermi la tesi proposta. Altrimenti rimangono solo parole campate in aria.

    Mi piace

  69. franco permalink
    8 marzo 2011 22:23

    Vedi Daniela, non è che per forza di cose devi vederla come uno scendere in polemica, ma per amore di verità credo sia costruttivo per tutti portare avanti con serenità un discorso che più che “condannare” un uomo in questo caso il Mottola, sottolinea delle decisioni discutibili non solamente sue, ma anche degli altri “dirigenti” delle ADI. Tu non mi conosci e neppure il moderatore di questo blog mi conosce. Quello che dico lo dico di mio per cui potrebbe essere non condiviso, ma parlo così come sento nel cuore di parlare e tutti possono liberamente comunicarmi il loro disaccordo mostrandomi dove sbaglio.

    “Dormendo un poco, sonnecchiando un poco, Piegando un poco le braccia per riposare; La tua povertà verrà come un viandante, E la tua necessità come uno scudiere.”

    Mi farebbe piacere continuare in privato la discussione con te e ti chiedo di scrivermi al mio indirizzo di posta elettronica.

    Mi piace

  70. Luca della chiesa nella provincia di Salerno permalink
    28 aprile 2011 13:08

    Molti fratelli e sorelle in Cristo hanno sofferto; molti pastori hanno sofferto per dare una buona e sana dottrina portando l’evangelo facendone conoscere con l’aiuto di Dio la verità .Molti di loro hanno sofferto…….. sono stati scherniti…. maltrattati……. persequitati alcuni torturati e uccisi hanno vissuto giorni terribili dove solo la presenza di DIO li ha potuti consolare per rimanere fermi nella verità . Molti pastori hanno rinunciato con gioia alla carriera lavorativa mettendo al primo posto l’opera di Dio dedicando la propria vita al servizio di Dio e ai fratelli . Tù personalmente che cosa fai guasti ciò che i nostri fratelli e sorelle in Cristo hanno costruito per dare onore e gloria a Dio. Hai … con le tue accuse ridicolizzato ciò che è sano dando scandalo e creando dubbi sulla vericità delle chiese . Ricorda tutti possono sbagliare e tutti siamo soggetti a peccare solo Dio con l’unzione dello Spirito Santo può darci intendimento e capire la sua parola …Io una cosa ti chiedo per amor del Signore e per amor dei veri fratelli e sorelle in Cristo di rispettare chi ama Dio

    Mi piace

  71. Luca della chiesa nella provincia di Salerno permalink
    28 aprile 2011 13:11

    Guarda solo Gesù perchè è da lui solo che viene la salvezza delle anime nostre

    Mi piace

  72. 28 aprile 2011 15:15

    Fratello Luca, per quanto riguarda la sofferenza, la persecuzione, la tortura e la morte, dei predicatori pentecostali italiani, è riferita a molti anni fa, MOLTI, MOLTI ANNI FA, ai tempi del fascismo e qualche anno dopo, FINO A QUANDO i pastori delle ADI non hanno stretto un ACCORDO CON LO STATO, sotto il beneplacito della CHIESA CATTOLICA, accordo consacrato poi con l’8 per mille alle ADI e con tanti altri privilegi.
    Tutto ciò ha fatto in modo che le ADI non fossero più perseguitati, perché ti ricordo, a te e tutti quelli che hanno la memoria corta, che i maggiori persecutori delle ADI erano appunto i cattolici romani, che spingevano le autorità alla persecuzione.
    Oggi, invece, come viene riportato nell’articolo, i pastori delle ADI li invitano in COMUNITA’ E LI FANNO PARLARE DAL PULPITO. Di conseguenza niente più persecuzione, niente più sofferenze, niente più rischi, MA SOLO PRIVILEGI.
    Per queste tue parole, ebbene, posso dire che molti hanno rinunciato alla propria carriera lavorativa, per INTRAPRENDERNE UN’ALTRA, forse più redditizia e dove ci si sporca e si fatica molto di meno, tanto più che abbiamo già detto che si NON CI SONO PIU’ RISCHI.
    Alla base di questo tuo ragionamento c’è una san ignoranza ed uno scopo solo di difendere l’organizzazione, perché esaminando bene i fatti tutti possono riconoscere che non sono io che scandalizzo, non sono io che ho invitato un PRETE A PARLARE DAL PULPITO DELLA CHIESA, CHE HA DETTO DELLE ERESIE E DELLE FALSITA’, e ciò è stato fatto sotto gli occhi del presidente delle ADI e di una buona parte di pastori che dirigono l’organizzazione.
    Non sono io che ho fatte quelle cose, io le ho solo RIPRESE E FATTE NOTARE, commentate e manifestato il mio disappunto, o non si può muovere NESSUN DISAPPUNTO CONTRO DI VOI?
    Come mai non fate PREDICARE NESSUN PASTORE DELLE COMUNITA’ LIBERE NELLE VOSTRE RADUNANZE, ma avete fatto parlare un PRETE DAL PULPITO?
    La verità è che voi siete diventati settari, vi siete chiusi in voi stessi, pensavate che solo voi foste la chiesa di Cristo, invece vi dovete svegliare, prima perché il Signore salva tanti fratelli anche FUORI DALLE CHIESE ADI, per seconda cose che voi NON STATE INSEGNANDO LA VERITA’, LA SANA DOTTRINA, TUTTO L’EVANGELO. Voi state insegnando solo ciò che piace a voi, per il vostro interesse, per non ESSERE PERSEGUITATI DAI PRETI e da altri.
    Non mi pare che invitare un prete e farlo PREDICARE DAL PULPITO ERESIE, TRATTANDOLO COME UN FRATELLO, sia un semplice errore, perché ciò è un SISTEMA DI ERRORI, ed è ben un’altra cosa dallo sbagliare.
    Vero è che Dio per mezzo del suo Spirito santo ci fa comprendere la sua Parola, ma mi domando, come mai A VOI VI FA INTENDERE SOLO COSE CHE CONTRASTANO CON LA PAROLA?
    Se c’è scritto una cosa voi ne capita una contraria, e poi non conoscete le SCRITTURE, voi IGNORATE TANTE PARTI DELLE SCRITTURE, VOI INSEGNATE FAVOLE AI FRATELLI, VOI AVETE MANIPOLATO I LIBRI DI SPURGEON E IL LIBRO DELLE DOTTRIN DELLA BIBBIA, per fargli dire IL PENSIERO DI TOPPI E indurre all’errore molti fratelli.
    Sì, noi rispettiamo chi ama Dio, chi è sincero, chi cerca di fare la volontà di Dio anche se sbaglia, MA QUELLO CHE NON SOPPORTIAMO E CHE VOI INGANNIATE I FRATELLI, li sfruttiate e li usiate solo per prelevare loro il DENARO CHE VI SERVE PER SOSTENERE LA VOSTRA TORRE DI BABELE, CHE VOI CHIAMATE “L’OPERA”, E CHE IO CHIAMO LA VOSTRA TORRE DI BABELE, che Dio provvederà a distruggere.
    Come mai cacciate via i poveri e non li sostenete? Come mai prestate i soldi solo a chi vi fa comodo e non a tutti coloro che ne hanno bisogno?
    Potrei continuare, potrei riportare qui in questo COMMENTO tutto ciò di MALE che avete fatto e ciò che DI SBAGLIATO AVETE PREDICATO, ma ci sono gli articoli, basta leggerli e sono ben spiegati e commentati, le dottrine vostre FALSE SONO CONFUTATE, quindi non c’è bisogno che riporto qui TUTTO CIO’ CHE E’ STATO DIMOSTRATO BIBLICAMENTE CONTRO DI VOI.
    È BENE CHE TU TI SVEGLI e cominci a fare di nuovo la volontà di Dio, come facevano i primi PASTORI, che non erano neppure delle ADI, perché LA VOSTRA OPERA E’ NATA DOPO, è ora ormai che TORNIATE ALLA PAROLA DI DIO, e GETTIATE VIA I BIGLIETTINI CHE VI PORTATE NEL PULPITO PER PREDICARE, e benché usiate i bigliettini, perché non credete che lo Spirito santo possa GUIDARVI NELLA PREDICAZIONE, insegnate lo stesso DELLE FALSITA’ E DELLE FAVOLE CHE ORMAI SONO NOTE A TUTTI, e molte altre usciranno fuori.
    BASTA COMPRARE TERRENI E LOCALI DI CULTO, BASTA SPENDERE SOLDI PER CRESCERE NEL POTERE TEMPORALE COME FECERO I PAPI, il vostro obbligo nel Signore è solo quello di INSEGNARE CIO’ CHE STA SCRITTO NELLA BIBBIA, non nei vostri manuali ARTEFATTI E MANIPOLATI, ma NELLA BIBBIA.
    Un’altra cosa, andiamo a vedere come vivono molti di questi VOSTRI PASTORI, COME VESTONO, quanto spendono per vestire, per mangiare, DOVE VIVONO, IN CHE CASA UMILE VIVONO?
    Non è forse per questo che molti non invitano i fratelli semplici e poveri nella loro casa? Non è forse così?
    Noi rispettiamo chi ama Dio, ma RIPRENDIAMO COLORO CHE RITENIAMO SIANO SVIATI QUANTO ALLA FEDE E ALLA DOTTRINA, che si conducono male e non hanno amore per la verità e per i fratelli.
    Esci dal passato di tanti anni fa, e guarda oggi cos’hanno i pastori di OGGI CON I PASTORI DI 60, 70 ANNI FA? Non hanno più nulla, NULLA!
    Hanno rinunciato alla carriera i pastori di oggi? Non l’avranno fatto come ha fatto TOPPI, che mi hanno detto che siccome non trovava lavoro nel mondo secolare, ha intrapreso LA CARRIERA DEL PREDICATORE E DEL PASTORE, ed è persino riuscito a SCALARE LA VETTA.
    Ma come mai ha parlato contro i sogni, le visioni e molte sorelle si sono scandalizzate dalle sue parole? (NE STO PRENDENDO UNO DI PASTORE COME ESEMPIO DI DEDIZIONE E ABNEGAZIONE)
    Come mai ha detto ad una riunione in un campeggio che i sogni LI POTEVANO RICEVERE SOLO LE DONNE IN MENOPAUSA E I FRATELLI CHE HANNO ALZATO IL GOMITO?
    Sono parole da dire queste? Non dobbiamo riprendere un UOMO CHE PARLA IN MODO COSì INSENSATO? Certo che lo riprendiamo, certo che non ce ne stiamo zitti, e siccome questi MALTRATTANO I SANTI, PERCHé QUANDO VENGONO RIPRESI, E SENZA DIMOSTRARE NULLA FANNO LE VITTIME? Non fanno le stesse cose con i fratelli e LI SIGNOREGGIANO E GUAI AI FRATELLI SE SOLO SI PERMETTONO DI FARE UNA DOMANDA CHE NON SIA IN LINEA CON LE IDEE DELLE ADI.
    Tu fai la vittima in questo tuo commento, non MI COMMUOVI MICA, perché io so che molti di voi hanno molte facce, che tirano fuori quella giusta al momento opportuno, e tu o sei uno di questi, o STAI DORMENDO E NON VEDI QUELLO CHE TI ACCADE ATTORNO.
    Basta, mi hai rubato anche troppo tempo, e non credo che tu me ne possa rubare altro, hai avuto la tua occasione di spiegarti, basta così.
    Che Dio abbia pietà della sua chiesa e costituisca, finalmente, dei pastori secondo il suo cuore, manifesti i mercenari e tolga loro la vigna affinché sia data a coloro che ne sono veramente degni.

    Mi piace

  73. 28 aprile 2011 15:27

    Non devo guarda a Gesù soltanto io, ma anche voi, ma anche i pastori delle ADI.
    Ed è appunto perché guardo a Gesù, che guardo alla PAROLA DI DIO, che vi vedo scritto che LE OPERE INFRUTTUOSE VANNO RIPRESE DAVANTI A TUTTI, e che i fratelli e pastori disordinati VANNO RIPRESI, anche davanti a TUTTI, e che la chiesa va alimentata NON CON STATUTI E FAVOLE, MA CON LA BIBBIA, la Parola di Dio.
    Basta insegnare le favole, basta insegnare argomenti ARTIFICIOSI CHE PORTANO GLORIA NON A DIO ma solo all’organizzazione ADI, IO DICO BASTA, e molti FRATELLI OGGI STANNO COMPRENDENDO la verità della PAROLA DI DIO e stanno tornando ad essa, ecco perché siete in difficoltà, SOLO PERCHè I SANTI STANNO TORNANDO ALLA PAROLA E STANNO DIVENTANDO DI NUOVO CREDENTI CHE DANNO RETTA SOLO ALLA PAROLA, SOLO AD UN LIBRO.
    Solo Gesù salva, è vero, ma siccome ha stabilito dei ministri PER L’AMMAESTRAMENTO DEI SANTI, allora quando questi si SVIANO DALLA VERITA’, IDDIO STABILISCE DELLE SENTINELLE AFFINCHé SIANO RIPRESI QUESTI SVIATI, e oggi sta accadendo proprio questo.
    LA VOSTRA INCAPACITA’ DI DIMOSTRARE CON LE SCRITTURE CHE LE CONFUTAZIONE CHE VI VENGONO FATTE SONO FALSE, E’ LA PROVA CERTA DELLA VOSTRA IGNORANZA E DELLA VOSTRA MANCANZA DI GUIDA DELLO SPIRITO SANTO.
    Voi avete scuole bibliche, voi avete molti pastori e predicatori, ma non si è trovato nessuno che DIMOSTRASSE BIBLICAMENTE CHE LE CONFUTAZIONI CHE VI SONO STATE MOSSE ERANO FALSE, USANDO LE SCRITTURE, SIETE STATI SOLO CAPACI DI GUARDARE ALLA PERSONA E GRIDARE: DI GUARDARE SOLO A GESU’. Ma è proprio questo il punto, perchè noi guardando a Gesù riceviamo ordini da Lui, e tra i cui ordini ci sono proprio questi, che DOBBIAMO MANIFESTARE A TUTTI I LUPI E LE FALSE DOTTRINE. Se tu e altri insegnate falsità, è solo colpa vostra, e non nostra.
    PROVA A GETTARE VIA LONTANO DA TE I MANUALI, GLI OPUSCOLI DELLE SCUOLE DOMENICALI, I COMMENTARI E LEGGI SOLO GESU’, LEGGI SOLO LA BIBBIA, E VEDRAI DOPO POCO TEMPO CHE QUELLO CHE VIENE INSEGNATO DAL PULPITO NON CORRISPONDE ALLA PAROLA DI DIO.
    Se vuoi continuare a dormire, continua a GUARDARE AI MANUALI e non a GESU’, e continuerai a camminare nelle vie storte delle eresie e delle falsità.
    Guarda solo a Gesù, quel Gesù che c’è nella Bibbia, non quel Gesù che viene presentato NEI VOSTRI MANUALI CORROTTI, e nei libri di DOTTRINA MANIPOLATI.
    Fratelli che temete IDDIO, guardate solo a Gesù, guardate solo alla PAROLA DI DIO e non altri scritti umani.

    Mi piace

  74. Luca della chiesa nella provincia di Salerno permalink
    28 aprile 2011 21:16

    Dimmi la tua soluzione in poche parole secondo te i provvedimenti che bisogna prendere o chi ha sbagliato che cosa bisogna fare? Però ricorda che tutti possono sbagliare ! Io non sono pratico nella telecomunicazione però quello che stai facendo forse diciamo che è giusto o forse è sbagliato io non sò però cerca di vivere la vita con serenità e non accanirti contro chi può aver sbagliato cerca di perdonare e non accanirti con le ADI e poi io c’ero quella sera e conosco personalmente il pastore Mottola ti prego per amor di pace e del Signore che tu anche hai… Gesù ci ama e perdona i nostri peccati il giusto pecca 70 volte sette tutti commettiamo degli errori e pecchiamo contro Dio anche senza volerlo . Ricordati che puoi trovarti solo in questa battaglia che non ha senso e chi ti appoggia può abbandonarti e chi ti è amico può diventare un tuo nemico accusandoti come stai facendo tu stesso agli altri

    Mi piace

  75. 29 aprile 2011 12:43

    Non è abbastanza chiara la soluzione che stiamo dando? L’unica soluzione possibile per ogni problema e falsità posta in essere è: TORNARE ALLA PAROLA DI DIO, compiere le opere che sono richieste nella Parola di Dio e parlare come parla La PAROLA DI DIO.
    E non pensare che lo stiate già facendo, perché non è così, i pastori delle ADI SONO LONTANI DALLA PAROLA DI DIO.
    Per prima cosa bisogna GETTARE VIA GLI STATUTI E I REGOLAMENTI, perché HANNO SOSTITUITO la Parola di Dio, e come tu e tutti quanti possono comprendere, ciò non va bene.
    Poi bisogna ridare LA DIGNITA’ che spetta a ciascun membro delle chiese, perché TUTTI hanno il diritto di parlare e di esprimere il proprio pensiero sulle decisioni importanti che si prendono nella chiesa, non bisogna farli trovare davanti ai fatti compiuti e SPREMERE DA LORO SOLO DENARO.
    I pastori che non edificano bisogna CACCIARLI VIA, e che si trovino un altro lavoro più consono alle loro capacità.
    La gerarchia va eliminata, che cosa sono I COMITATI DI ZONA, I CONSIGLIERI, I PRESIDENTI, I SEGRETARI, I TESORIERI, ma cosa sono tutti questi termini che non ESISTONO NELLA BIBBIA.
    Ogni singola chiesa deve essere libera di gestirsi autonomamente, infatti perché ROMA deve dare direttive a TUTTI quando non conoscono i fratelli, i problemi locali e altro. I pastori comunicano centralmente solo ciò che fa loro comodo, non le giuste LAMENTELE di alcuni fratelli, che sono stati maltrattati dal pastore.
    Le raccolte di denaro devono essere fatte SOPRATTUTTO IN FUNZIONE dei poveri, e non PER CRESCERE IL PROPRIO POTERE TEMPORALE e poi andare in giro a vantarsi che abbiamo GROSSI LOCALI, TANTI LOCALI.
    Le scuole bibliche strutturate come sono adesso NON SONO UTILI ALL’OPERA DI CRISTO, ma servono solo per STABILIRE CHI SONO QUELLI CHE UBBIDIRANNO ALLA DIRIGENZA E BASTA.
    Potrei continuare, ma in una parola, NELLE ADI SERVE UNA GRANDE “RIFORMA”, simile a quella che ci fu ai tempi di LUTERO, perché la chiesa cattolica era sviata, ma i membri e i dirigenti di essa non se ne avvidero e vollero continuare in tale maniera di sempre, QUINDI CI FU UNA SEPARAZIONE tra quelli che scelsero la Bibbia e la verità, da quelli che scelsero LE BOLLE E LA TRADIZIONE.
    Che Dio abbia misericordia del suo popolo, lo risvegli spiritualmente e lo aiuti a superare ogni difficoltà.

    Mi piace

  76. Luca della chiesa nella provincia di Salerno permalink
    30 aprile 2011 13:24

    Fratello caro io non capisco perchè accanirsi solo con le ADI perchè non accanirsi anche con il cattolicesimo perchè non esprimersi con anche con chi ci stà intorno aprirgli gli occhi …. noi dobbiamo avere l’unzione dall’alto dallo SPIRITO SANTO e poi quello che tu dici di spremere i fratelli per avere soldi nessuno ci obbliga a dare chi c’è lo chiede anzi molti fratelli hanno dato per propria volontà …Anzi quello che dico sempre noi dobbiamo dare quando lo sentiamo nel cuore quando Gesù ci parla … Dio ama un donatore allegro… e poi chi si fà spremere sono persone che non hanno ricevuto la grazia di DIO sono persone che stanno li ad aspettare che qualcuno li guidi nel donare nel pregare ecc… persone tiepide che non leggono non pregano non hanno al primo posto Dio.

    Mi piace

  77. Luca della chiesa nella provincia di Salerno permalink
    30 aprile 2011 13:52

    Ricordi Eli il sacerdote … la fine di Eli quale fù?

    Mi piace

  78. 30 aprile 2011 14:29

    Se tu leggessi anche qualcos’altro sul mio blog, oltre che questa pagina, vedresti quanto materiale sto pubblicando sulle falsità dei cattolici romani, dei testimoni di Geova, degli avventisti. Per chi vuole vedere, le cose ci sono, quindi, il tuo giudizio contro di me che mi sto accanendo contro le ADI è sbagliato.
    Guarda un po’ la HOME del blog e vedrai ciò che sta scritto.
    Tuttavia le tue parole mi fanno comprendere che siccome il tuo pastore ti ha detto che io ed altri ci siamo accaniti contro le ADI soltanto tu ci hai creduto e ripeti a pappagallo le parole del tuo pastore, e TI SEI SBAGLIATO GRANDEMENTE. Guarda la home del blog, allarga le tue vedute, rifletti con la tua testa e vedrai che sia tu che i tuoi pastori vi state sbagliando.
    Come vedrai noi parliamo anche contro la chiesa cattolica, senza freni, senza problemi, liberamente, facendo anche i nomi di coloro che predicano cose sbagliate anche da parte cattolica (vgs l’articolo sulle falsità predicate da Cantalamessa).
    Mi sorge però una domanda nei confronti delle ADI, come mai le ADI attraverso i suoi numerosi canali e massmedia non parlano dei cattolici romani? Adesso giro la questione, e mentre io ho potuto rispondere con i fatti degli articoli del blog, io non ricordo nelle riviste e nelle prediche dei pastori ADI che parlino CHIARAMENTE contro le dottrine della chiesa cattolica romana. Anzi, dal video su questo articolo, voi delle ADI anziché RIPRENDERE i cattolici per le loro falsità, LI FATE SALIRE SUL PULPITO ad insegnarvi.
    L’altro argomento a cui voglio risponderti è sui soldi, perché sta avvenendo che nelle vostre riunioni stanno continuamente chiedendo soldi, ora per questo, ora per quello.
    Facciamo degli esempi pratici, prendiamo ad esempio la chiesa di Torino, la più grande, guidata da Gargano.
    In quella comunità c’è la busta per le decime (con lo spazio per il nome), la busta delle offerte (con lo spazio per il nome), la busta per il mutuo del locale di culto (sempre con il nome), e poi la busta per le offerte dell’amore e poi ci sono le offerte domenicali.
    Ciò non è chiedere soldi e sfruttare i fratelli? A me pare che vengano spremuti a più non posso.
    Poi, dove vanno a finire i soldi? Perché se tutte queste richieste servissero per sovvenire ai poveri, allora gloria a Dio, ma domandati dove vanno a finire tutti quei soldi raccolti? Quanta parte va a finire ai poveri? E mi fermo qui, perché chi ha orecchie da udire capirà.
    Non sai, inoltre, che imporre la decima ai santi non è scritturale? Hai fatto bene a citare quei passi sul dare a Dio, perché sono corrette, ma i tuoi pastori, molti pastori delle ADI, anche se non tutti, ma in linea generale e ufficiale è così, impongono la decima, con annessa MALEDIZIONE DI MALACHIA se non la danno.
    Non è sfruttare i fratelli ciò? Certo che lo è, infatti si usano delle maledizioni della legge per spaventare i fratelli e farli dare la decima. Ah, quasi dimenticavo, e questi pastori ci tengono a far sapere alla fratellanza che devono fare i conti della decima non sul netto dello stipendio, MA SUL LORDO. Come sono bravi i tuoi pastori?
    Facciamo una prova, che poi è valida per tutti i santi membri delle chiese ADI, andate a trovare il vostro pastore, vivete con lui una giornata, guardate come vive, accertatevi come usa i soldi, se vive da povero come fece Gesù e gli apostoli o gli piace vivere nel lusso e vestirsi di vesti morbide. Andate pure a fare le vostre verifiche.
    Guardate che macchina ha, guardate tutto quello che possiede e come le usa le cose che ha, e vi renderete conto del perché predicano SUL DARE I SOLDI E LA DECIMA.
    Se ve la faranno fare la prova, vi renderete conto, ma non credo che ve lo permetteranno, altrimenti …
    La tiepidezza spirituale non dipende e non si vede dalle donazioni di soldi, perché un povero che non ha nulla e non può dare soldi non significa che sia spento spiritualmente, così come chi dà molto all’organizzazione non vuol dire che sia spiritualmente elevato. Sono altri i paragoni da prendere, sono ben altri per sapere se un credente è spirituale o addormentato spiritualmente.
    I parametri da usare per misurare la spiritualità di un credente sono principalmente due, quanto tempo dedica alla preghiera al giorno a casa sua da solo e quanto tempo ogni giorno dedica nello studiare la Parola di Dio, ho detto BIBBIA e non commentari o manuali delle ADI, che sono MANIPOLATI a piacimento dei dirigenti ADI, come dimostrano il libro delle dottrine della Bibbia e i libri di Spurgeon.
    Non ho capito perché hai citato Eli, perchè su lui è caduto il giudizio di Dio a cagione del fatto che non ha saputo FRENARE il peccato dei suoi figli, HA TOLLERATO il loro peccato, come anche l’angelo della chiesa di Tiatiri? Voi delle ADI credete che Dio non manda GIUDIZI DI DISTRUZIONE sugli uomini, oppure quando vi fa comodo lo dite? Quando vi fa comodo citate i giudizi di Dio? Come anche fanno i pastori contro coloro che non danno la decima?
    Mettetevi d’accordo, perché se Dio punisce i miei peccati, ed io lo credo questo perché è biblico, allora punirà anche i vostri, anche coloro che stanno frodando i fratelli e li stanno sfrutando.
    Ci vuole coerenza nel credere e nel parlare. Io credo che Dio mandi i suoi giudizi sugli uomini, su tutta la terra, ma come li può mandare su me li può mandare altresì sugli altri, su di voi che peccate e tollerate TANTI PECCATI, come fece Eli. E guarda caso si trattavano anche di peccati carnali, e i dirigenti della ADI oggi tollerano il peccato di fornicazione e di adulterio, e qualche volta lo incoraggiano.
    Che stiano attenti, dunque, a ciò che è accaduto ad Eli, come anche a ciò che è accaduto all’angelo della chiesa di Tiatiri, a quello che è successo al popolo di Israele quando si è sviato e a tanti altri.

    Mi piace

  79. Luca della chiesa nella provincia di Salerno permalink
    30 aprile 2011 18:48

    Bè affrontarmi cosi … mi fai credere che pensi che io sia manipolato dal pastore Mottola e che il mio modo di pensare sia un suo lavaggio del cervello non è cosi perchè lui non sà chi sei e non sà che fai o almeno penso . Non ha mai parlato di queste faccende però su una cosa ti sbagli di grosso che io non ti accuso e che …. quando ho menzionato Eli si riferiva a chi sbaglia e persiste nel peccare disubbidendo a Dio poi tu parli di sfruttare IO PERSONALMENTE Sè VOGLIO DARE Dò Sè PER Mè è sbagliato quando una persona decide IO non gli dò agio nel parlare e decidere per mè .Il tuo blog non l’avevo letto bè c’è da dire che hai coraggio da vendere però FRATELLO CARO diciamo che quello che dici è vero …secondo tè……. gli errori il peccato la superbia della vita non ci saranno mai!

    Mi piace

  80. 30 aprile 2011 19:53

    Bene, quello che volevo di più era riconoscere che nel mio blog io non ce l’ho con le ADI, assolutamente no. Ci sono dei cari fratelli sinceri anche in quella organizzazione, come si trovano anche nelle altre denominazioni.
    Come avrai visto io sono in guerra, contro la menzogna, contro la falsità, contro l’ipocrisia, contro le eresie e anche contro lo sfruttamento dei fratelli, insomma, sono in guerra contro il diavolo.
    Tutti i santi devono essere in guerra contro il diavolo, ma pare che la maggior parte non abbia voglia di combattere, ma di fare alleanze con lui.
    Per quanto riguarda Mottola, ebbene, io so che queste cose gli sono venite alle orecchie, infatti se leggi tra i numerosi commenti vi è anche quello di un pastore arrabbiato che ha detto che gli avrebbe telefonato.
    Forse non conosce me e le parole che ho scritto, ma certamente sa che ci sono stati dei fratelli che hanno mostrato il loro dissenso per quello che ha fatto.
    Poi un’altra cosa, se non c’era niente di male in ciò che Mottola ha fatto, perchè HA TOLTO IL VIDEO? Non ti pare strano questo, prima lo mette e lo rende pubblico sul web, affinché tutti vedano il SUO CULTO E LA SUA DEDICAZIONE DEL LOCALE, e poi lo toglie dopo che lo abbiamo ripreso per il fatto del prete. Non ti pare strano?
    Ma se io mi sto sbagliando, perché Mottola ha nascosto le prove dal suo sito? beh, non è l’unico, ogni qualvolta abbiamo preso qualcosa dai siti ADI che sono pubblici, li hanno fatto sparire le prove. Forse hanno capito di aver sbagliato? E le scuse pubbliche dove sono? Non vogliono fare polemica? Però sappiamo che quando vogliono polemizzare con i fratelli membri e maltrattarli, le polemiche le vogliono fare, è solo pubblicamente che non vogliono rispondere, perchè così tutti si renderebbero conto della qualità della persona che sono, senza foglietti, quando vengono chiamati in causa su argomenti che non si sono preparati e non hanno studiato i loro manuali.
    Per ora va bene così, l’importante è che hai visto che non ce l’abbiamo SOLO con le ADI, ma con tutto ciò che non è vero e contrario alle Scritture, da chiunque provenga, e ti chiedo di farlo sapere questo, che non siamo accaniti contro le ADI, per noi le falsità delle ADI sono uguali alle falsità della PAROLA DELLA GRAZIA, REMO CRISTALLO e di altri.
    Pace

    Mi piace

  81. Luca della chiesa nella provincia di Salerno permalink
    2 maggio 2011 00:35

    Ricorda per esperienza personale chi fà ed è convinto totalmente che è giusto quello che fà non avendo pietà o polemizzare o criticare un’altro fratello o accusarlo o decidere per lui azzittendolo o avendo comportamenti poco piacevoli maltrattandolo; come quel fratello ha deciso per gli altri cosi DIO deciderà per lui e nella bibbia ci sono molti esempi. Davide commise adulterio e volle camuffare il peccato mà Dio decise per lui e non ascoltò Davide mà suo figlio mori. Noi abbiamo un DIO SANTO GIUSTO AMOREVOLE MISERICORDIOSO E A LUI APPARTIENE LA GLORIA E L’ONORE E LA GIUSTIZIA .

    Mi piace

  82. 2 maggio 2011 17:37

    L’esempio di Davide non è corretto, dovresti piuttosto trovare quei passi in cui taluni che hanno peccato o hanno insegnato cose false sono stati ripresi, perché ci sono scritti nella Bibbia, e ne ho ripetuto i passi fino alla nausea (vgs Gesù che riprende i farisei, i sadducei e altri; veggasi Paolo che riprende severamente Pietro; veggasi la lettera di Giacomo).
    Quello che dici è giusto, ma stai invertendo le parti. Non siamo noi quelli che GIUSTIFICANO il peccato e non lo riconoscono.
    Dio è misericordioso, è vero, ma lo è con chi si ravvede, riconosce i suoi peccati e li ABBANDONA, e per ora non ho visto che I DIGIRENTI ADI abbiano riconosciuto e abbandonato i loro peccati e i loro falsi insegnamenti.
    Quale è il mio peccato? Quello di riprendere i peccati degli altri e di confutare le false dottrine? Ma queste sono cose che non sono riconosciute come peccati, ma come opere buone che devono essere fatte.
    Non è stata da sempre la volontà di Dio che il peccato del popolo fosse pubblicato per essere confessato e abbandonato? Certo, è così, basta leggere i profeti.
    L’unica cosa a cui devo stare attento è a non fare le cose che riprendo, altrimenti sì che condannerei me stesso, ma se io non commetto ciò che riprendo, allora la Parola dice che può essere fatto.
    Questo dalla parte mia, ma dalla parte vostra, invece, che state continuamente scandalizzando e frodando, basta pensare ai libri di Spurgeon e gli altri che li avete manipolati per ingannare i membri, come mai non si vedono ravvedimenti, pentimenti, richieste di perdono, e abbandono delle falsità?
    SIETE VOI CHE VI STATE GIUSTIFICANDO DEL PECCATO E DELLE ERESIE CHE STATE INSEGNANDO. VOI NON SIETE CAPACI PIU’ A VERGOGNARVI DI ALCUN CHE, E QUESTO Iddio lo sa e ve ne chiederà conto.
    Siete voi delle ADI che state CAMUFFANDO LE ERESIE CON DEI SOFISMI, L’ECUMENISMO CON LA PAROLA “NON FARE POLEMICHE”, IL TOLLERARE I PECCATI NELLA SOLENNE RAUNANZA CON IL “NON GIUDICARE”, E TANTE ALTRE COSE, che sono ben evidenziate in questo e in altri blog.
    Ascoltami Luca, il tuo parlare si è fatto sterile, non li trovo più interessanti, quindi ritengo che la nostra diatriba termini qui.
    I DIRIGENTI DELLE ADI DEVONO SOLO RAVVEDERSI E CHIEDERE PERDONO AI MEMBRI PER TUTTA LA FRODE E IL MALE CHE HANNO FATTO LORO.

    Mi piace

  83. Luca della chiesa nella provincia di Salerno permalink
    2 maggio 2011 22:02

    GRAZIE

    Mi piace

  84. Luca della chiesa nella provincia di salerno permalink
    14 maggio 2011 10:35

    Numeri 15:24

    se il peccato è stato commesso per errore, senza che la comunità se ne accorgesse, tutta la comunità offrirà un toro come olocausto di profumo soave per il SIGNORE, con la sua oblazione e la sua libazione secondo le norme stabilite, e un capro come sacrificio per il peccato.

    ciò significa che gli errori possono accadere

    Mi piace

  85. 14 maggio 2011 11:46

    C’è differenza tra colpa e dolo. Il prete non si è trovato lì per caso, come non è stato invitato per caso a parlare dal pulpito ADI, quindi, in quel caso non c’è errore per colpa, ma doloso, cioé, Mottola sapeva bene quello che stava facendo e la portata di ciò che sarebbe avvenuto. Gli applausi di alcuni della comunità dimostrano che ciò che stava avvenendo non li aveva per nulla scandalizzati, come se fossero abituati ad una scena del genere.
    Se si considera anche il fatto che nelle ADI viene permesso, anzi vengono incitati i membri a partecipare ai culti cattolici, funerali, matrimoni, ecco dimostrato che tra LE ADI E I CATTOLICI STA AVVENENDO UNA COMMISTIONE, un ecumenismo che piano piano sta prendendo sempre più piede e giungerà fino a perdersi interamente dentro LA SANTA MADRE CHIESA CATTOLICA ROMANA.
    Vedendo tale fine a cui sono spinti i santi, non vi pare che coloro che come noi non sono d’accordo debbano manifestare la loro contrarietà, il loro dissenso? Ma certo, per il bene dei membri delle chiese ADI, non per il mio, ma per il loro bene, faccio sapere loro che tali comportamenti sono il preludio per qualcosa di più grande e grave, quindi devono guardarsi e valutare attentamente ogni cosa.
    Ho voluto applicare il passo biblico dell’apostolo Paolo di Efesini 5:11 che dice:
    E non partecipate alle opere infruttuose delle tenebre; anzi, piuttosto riprendetele;”
    Ora bisogna domandarsi: è lecito far parlare un prete dal pulpito di una comunità evangelica?
    Io lo avrei permesso, ma solo per raccontare la sua testimonianza di conversione, la sua testimonianza di salvezza, e non per esprimere i suoi pensieri, le sue eresie.
    Quindi, a parere mio, ma ho capito che non è il parere di voi tutti, è UN’OPERA INFRUTTUOSA DELLE TENEBRE, cioè che non porta buon frutto per l’evangelo, far parlare un prete dal pulpito e poi nota bene le parole insensate e false che ha detto.
    Domandiamoci ancora un’altra cosa, ma come mai è stato fatto parlare un prete, e non vengono fatti parlare i pastori di altre denominazioni evangeliche? Non sarebbe stato meglio invitare anche altri pastori e anziani di altre denominazioni e far parlare loro anziché il PRETE?
    Mi dispiace, ma dove c’è un piano preordinato da tempo non può esserci ERRORE COLPOSO, ma vi è un dolo, la piena volontà di compiere quello che è stato compiuto.
    Ora, se ciò è ritenuto da voi un bene, un errore insignificante, continuate pure a farlo, puoi dire ai pastori di continuare a invitare i preti a predicare dal pulpito, ma se è una cosa vergognosa, che presenti le sue richieste di perdono pubblicamente, prima alla chiesa e poi a tutti gli altri membri delle altre comunità, compresi tutti quei pastori e anziani di altre denominazioni che avrebbero piacere di partecipare all’opera di Cristo con la vostra denominazione e avrebbero piacere invitare i vostri pastori talvolta per predicare dai loro pulpiti.
    In una parola, anzia due, il comportamento della DIRIGENZA ADI sono questi: 1. Sono settari perchè tendono all’isolamento dei membri non riconoscendo i fratelli di altre denominazioni come facenti parte della chiesa di Cristo; 2. Sono diventati ecumenici, dimenticando il male che la chiesa cattolica romana ha fatto ai nostri cari fratelli del passato.
    Questo “ERRORE” come lo chiami tu, non è frutto di una circostanza del momento, ma di una condotta che sta diventando normale in questi tempi, e noi vogliamo che coloro che non sono d’accordo IMPARINO FINALMENTE a manifestare il loro dissenso.

    Mi piace

  86. silvio permalink
    17 maggio 2011 16:01

    pace fr.Piredda,
    scusatemi se entro nel vostro discorso.. apprezzo molto quanto fatto nel sito, del mostrare le varie eresie ecc… nell amore del Signore l’unica cosa che non mi và proprio giù e come tu e giacinto prununciate le vostre dichiarazioni, è giusto mettere in risalto questi errori, ma questo deve essere di edificazioni, se la lingua non è usata in modo corretto può distruggere, non edificare (un piccolo fuoco può incendiare una foresta).. lo scopo DEVE essere quello di edificare e portare a ravvedimento, non ricordo parole di Gesù, a parte quelle rivolte ai farisei, toni aspri o puntare il dito sul peccatore chiedendone PUBBLICHE scusa, gesù alla donna adultera disse percaso CHIEDI PUBBLICAMENTE scusa? no,non avvenne questo…disse và e non peccare più! ora lo trovo un accanimento verso questo pastore,e come se Gesù dicesse a Lui anche se mediante voi “hai sbagliato,vai e non peccare più” …ma pretendere scuse pubbliche questo mi sembra x orgoglio vostro come x pubblicizare:”siamo bravi avevamo ragione noi”
    l’amore del Signore non dice questo
    se dovesse perseverare nell’errore allora ok ci vorrebbero delle scuse pubbliche,ma già il fatto di aver rimosso quel video e come dire”ok ho sbagliato,ora vado avanti per la giusta strada”…
    questo e confessare pubblicamente il peccato…non tramite dichiarazioni richieste espicitamente….
    ho espresso il mio semplice pensiero senza l’intenzione di offendere nessuno, perchè credo che da tutto ciò bisogna ricevere edificazione ed incoraggiamento, non riprensione e scoraggiamento…
    Pace Del Signore!

    Mi piace

  87. 18 maggio 2011 18:56

    Quando uno sbaglia contro un altra persona non deve forse chiedere scusa? Certo, deve chiedere perdono e sarà perdonato.
    Ma se un pastore fa UN’OPERA PUBBLICA, sbaglia a danno di tutta la comunità, a danno di tutta l’organizzazione, a danno di tutti i cristiani evangelici, portando discredito al buon nome di Gesù Cristo, non ci si aspetta forse almeno una minima richiesta di scuse, di riconoscimento pubblico di aver sbagliato?
    Il fatto che abbia tolto il video NON ERA ASSOLUTAMENTE una parvenza di richiesta di scuse, MA ERA UN GOFFO TENTATIVO DI NASCONDERE QUANTO ERA SUCCESSO a TUTTI I FRATELLI ADI delle altre comunità italiane. Insomma, se noi non avessimo fatto notare ciò, nessuno avrebbe saputo e chi avrebbe saputo non avrebbe neppure compreso che tale cosa non fosse stato sconveniente.
    Inoltre, devi sapere che le scuse non deve chiederle a noi, ma bensì ai membri stessi della sua comunità e a tutti i membri delle ADI, e soprattutto deve domandare scusa a Gesù Cristo, e perché no, anche a tutti quei pastori di altre denominazioni che eventualmente ha detto no allo scambio ai pulpiti.
    Non è di certo nascondendo le proprie malefatte che si acquista un buon grado per il regno dei cieli, ma è preferibile l’ammissione di colpa pubblica, la richiesta di perdono, perché quando IL PECCATO E’ PUBBLICO, e lo ha pubblicato lui il peccato, lo compiuto lui e anche gli altri pastori, anche la riprensione deve essere pubblica.
    Questo ha validità sia per MOTTOLA che per tutti gli altri che stanno disprezzando i fratelli con i loro modi di fare, basti pensare ALLE MANIPOLAZIONI dei libri di Spurgeon EDITI da ADI-MEDIA.
    Purtroppo molti hanno già provato con i discorsi in privato, a scrivere direttamente al pastore, a scrivere al comitato di zona, ma la risposta è sempre stata di disprezzo verso coloro che hanno fatto la segnalazione PRIVATA, ora, invece, finita l’era della riprensione privata perché le risposte non erano soddisfacenti, si è passati alla RIPRENSIONE PUBBLICA PER TUTTI QUEI PECCATI CHE SONO PUBBLICI, E PER LE ERESIE E FALSE DOTTRINE INSEGNATE CHE VENGONO PUBBLICATE. Forse gli interessati non si ravvedono, ma almeno tutti i fratelli sono informati di tutto quello che succede nelle ADI e anche fuori nelle altre denominazioni, insomma, i fratelli è giusto che sappiano ANCHE QUELLO CHE I PASTORI VOGLIONO LORO NASCONDERE.
    Ti faccio un altro esempio: perché non hanno pubblicato lo statuto e il regolamento, in modo completo, i DIRIGENTI ADI? Perché li tengono ben nascosti e non ne consegnano una copia a tutti i membri? Perchè lo abbiamo dovuto far conoscere noi?
    Capisci, non è più tempo di nascondere niente ai fratelli, è ora che sappiano TUTTO QUELLO CHE SUCCEDE, è ora, ormai, che RIPRENDANO IN MANO LA LORO VITA da cristiani e si pongano delle domande su quello che viene fatto dai LORO DIRIGENTI e su quello che viene loro insegnato.
    Noi vogliamo che il passo: IL MIO POPOLO PERISCE PER MANCANZA DI CONOSCENZA, si avveri sul minor numero possibile di credenti.
    Io capisco che la RIPRENSIONE PUBBLICA DIA FASTIDIO, molto fastidio, ma non abbiamo avuto altra scelta, perché le altre strade le abbiamo percorse già senza successo, e non siamo stati solo noi, ma anche tanti altri, e ancora oggi molti lo fanno ma vengono snobbati.
    Comunque voi delle ADI non dovete preoccuparvi, perché se VOI SIETE DA DIO, dovete soffrire afflizioni e subire anche la maldicenza da parte di coloro che vi maledicono, ma la stessa cosa è valida per noi, se noi quello che facciamo è da Dio, nessuno può fermare la mano di Dio.
    Non preoccupatevi di nulla, perché Iddio è giusto giudice che darà a ciascuno secondo le su opere, sia a noi e sia a voi delle ADI.
    Devo confessare che la mia delusione più grande è stata quella di sapere che in mezzo alle ADI non vi è nessun prode che con Bibbia alla mano abbia dimostrato che i discorsi Biblici fatti contro certi vostri insegnamenti eano falsi, non si è trovato nessuno, benché abbiate scuola biblica, proprietà di numerosi locali di culto, soldi che non si contano, pastori numerosi, e non si è trovato nessuno che con studi biblici abbia DIMOSTRATO CHE BUTINDARO SI SBAGLIA PUBBLICAMENTE. Forse lo fanno in privato, dove nessuno può obiettare contro ciò che dicono, dove non può uscire quello che dicono, ma PUBBLICAMENTE, NIENTE, non si sente niente, TUTTO TACE, e questo significa a parer mio che non vi è nessun uomo nelle vostre COMUNITA’ che abbia una tale sapienza e una tale conoscenza da essere capace di FARE UNA CONTRO-CONFUTAZIONE agli studi biblici che ha fatto BUTINDARO contro le vostre eresie.
    Perché, vedi, non è solo il caso di chiamare un PRETE nel pulpito che sbagliano le ADI, ma tante altre cose, tra cui vi è quella di PERMETTERE ai santi di andare alle MESSE CATTOLICHE ROMANE, in certi casi sì, ma LA MESSA E’ UNA GROSSA BESTEMMIA CONTRO CRISTO in tutti i casi, infatti anticamente i MEMBRI DELLE ADI non si avvicinavano nemmeno alle basiliche cattoliche, oggi, invece, applaudono i preti che parlano dai loro pulpiti. Come cambiano i tempi, la Parola di DIo rimane ferma, ma il comportamento dei santi è cambiato. Ciò significa che gli effetti del risveglio pentecostale SONO TERMINATI, il movimento è morto ed ora bisogna aspettarne un altro, e così sta avvenendo, piano piano, come era nuovo allora il movimento PENTECOSTALE, lo è oggi un altro movimento di RITORNO ALLA PAROLA DI DIO E ALLA SANTIFICAZIONE.
    Pace a te e che Dio ti benedica e ti dia sapienza e intelligenza spirituale per capire IL BENE CHE STIAMO FACENDO AI SANTI nel far loro sapere tutto ciò che I PASTORI VOGLIONO NASCONDERE LORO.

    Mi piace

  88. peppe permalink
    22 giugno 2011 02:09

    Caro fratello, ti faccio solo una domanda…..sei nel giusto? Sei nell’insegnamento giusto? Esiste la chiesa perfetta? Gesù non dice che solo Lui conosce il cuore degli uomini? Quindi sei tu la persona che ha autorità di dire se ciò che dici è giusto? DIO ti benedica. peppe

    Mi piace

  89. 22 giugno 2011 13:10

    Pace a te,
    nell’articolo che cosa c’entrano le tue parole? Non ti pare che sono discorsi fuori tema?
    Il fatto che non esista una chiesa perfetta autorizza forse i pastori a fare ciò che piace loro e a fare alleanze con i preti cattolici? Anzi, Mottola lo ha fatto parlare dal pulpito, ed è stato trattato come un fratello, il prete, che è perduto nei falli e nei peccati ed è un idolatra; anziché annunziargli l’evangelo della grazia, lo hanno fatto parlare dal pulpito ai santi, ed abbiamo sentito cosa ha detto, VI HA CONSIDERATO suoi fratelli. Questo significa che lì, in quella città, in qualla comunità, non STATE PARLANDO CONTRO LE STATUE, contro l’idolatria, contro il Papa, contro il magistero cattolico e tutte le eresie e le falsità che insegnano i cattolici romani.
    Ora, considerato che a molti altri pastori di altre denominazioni è vietato parlare dai pulpiti ADI, come mai Mottola ha fatto parlare il prete? Quale utilità aveva a permettere ciò? Non poteva semplicemente dal posto alzarsi e salutare e basta?
    Non reggono le tue tesi difensive, sono fuori tema, non entrano nel merito e sono prive di sostanza, anzi, non fanno che portare maggiore danno alla tua causa, perchè le difese sbagliate e inconsistenti non fanno altro che rafforzare ciò che io ho detto nella lettera a Mottola.
    Chi interviene deve cercare di rispondere alle domande e ai quesiti che ho sollevato a Mottola, e non rispondere deviando dal merito.
    Per terminare, apri i tuoi occhi perchè anche tu stai dormendo, oppure hai degli interessi in comune, con i preti cattolici.
    Pace.
    [P.S.: Anche sforzandomi non riesco a capire come mai non vi firmate con nome e cognome, affinché tutti sappiano di quale sapienza e rivelazione spirituale chi scrive sia dotato. Forse la difesa del tuo pastore non ne vale comunque la pena di esporsi pienamente? La mancanza di firma conferma questo. Io mi espongo e scrivo firmandomi, non capisco perché tu ed altri non lo facciate? E’ molto più semplice scrivere in modo spensierato, senza rischiare di fare brutte figure!]

    Mi piace

  90. ezio permalink
    27 giugno 2011 23:01

    pace Giuseppe, leggendo la lettera e avendo visto anche il video integrale (che non è qui) e parlato con chi era presente quel giorno posso darti ragione del fatto che la presenza del prete, il fatto che abbia parlato e che qualcuno abbia applaudito e detto pure amen (a me sembra che sia proprio Mottola a dire amen,forse sbaglio) siano indubbiamente fuoriluogo (forse anche per un pò di ignoranza a mio parere)..c è da dire che quando il prete parla di vie DIVERSE dopo Mottola spiega che la via è una SOLA cioè Gesù…e che quindi non possono esistere strade diverse..sulla questione del fatto che la dottrina cattolica contenga dottrine assolutamente anti-bibliche come culto di Maria ecc sono d’accordo ma parlare di chi va in cielo o no non lo vedo necessario perchè non siamo noi a decidere chi è salvato o no..o se magari verranno salvati o no..può essere che quel prete che ha sentito la predicazione insieme forse a qualche altro cattolico con lui siano stati toccati da Dio e che possano correggere la loro via..io non sono del parer che solo gli evangelici adi vadano in cielo ma allo stesso tempo non posso dire chi ci va o meno..questo lo sa Dio e Dio soltanto…quello che noi possiamo fare è sforzarci di camminare per la via stretta che ci porterà con Gesù..è giusto che se c è qualcosa che non va vada detto e non sempre si viene ascoltati ma credimi di riprensioni come le tue ne ho lette tantissime e penso che anche se il pastore abbia sbagliato a questo punto penso e spero abbia capito…può essersi pentito di questa cosa ma come sai se lo è davvero o meno?

    Mi piace

  91. Giancarlo permalink
    1 febbraio 2012 12:59

    Per il fratello Ciro

    per dover di cronaca il fratello Scarallo era stato messo sotto disciplina, poi si è scoperto che chi lo accusava erano persone non degne perchè il fratello Scarallo non ha commesso niente di quello che lo accusavano ed è vero.

    Dio ti benedica

    Mi piace

  92. OFELIA permalink
    24 marzo 2012 23:40

    a giuseppe piredda: ma che modi sono questi????i VERGOGNATI. per me il fratello non ha sbagliato. IL FRATELLO MOTTOLA è veramente un caro e valido servo di DIO. non vi vergognate???? che testimonianza state dando????anche se un fratello sbaglia bisogna riprenderlo, (anche se per me non cè niente di male) non scandalizzando un mondo intero. Un giorno ne renderai conto a Dio di aver calunniato tuo fratello “se cosi vogliamo dire” invece di amarlo e dimostrargli amore. Poi mi vieni a parlare di parola…. e la usate come arma per attaccare i fratelli..!! adesso capisco quel verso che dice che in mezzo a noi ci sono falsi dottori….. Dice la bibbia guai a chi scandalizza uno dei miei minimi, non ti sembra di aver scandalizzato troppo?????in tutto il mondo si vede in prima pagina tutte le calunnie che scrivete. UN GIORNO IL SIGNORE GIUDICHERA’ E SARA’ GIUSTO.

    Mi piace

  93. 25 marzo 2012 12:09

    A Ofelia Babbaro:
    Più che ai miei modi, bisognerebbe guardare il video, e ascoltarlo attentamente, perché io ho visto un PRETE nel pulpito ADI che parla e tratta i membri di quella comunità come fratelli. Ecco i modi a cui bisogna porre attenzione. Anni fa era totalmente impensabile che un prete parlasse da un pulpito ADI, ora, invece, i pastori ADI partecipano alla settimana santa dei cattolici, e fanno parlare i preti dal pulpito. Bella roba, e questo è davanti a tutto il mondo, tutti lo possono vedere e notare, ed è un grave scandalo per il BUON NOME DEL SIGNORE GESU’. Ma noi ci opponiamo all’ecumenismo, noi ci oppniamo fortemente e RIPRENDIAMO QUESTE OPERE INFRUTTUOSE delle tenebre, da chiunque esse provengano.
    Quindi, Ofelia, chi si deve vergognare non sono io che ho ripreso L’ECUMENISMO DEI VOSTRI PASTORI ADI, ma siete voi che state tacendo e vi state bevendo tutto ciò che vi stanno insegnando e inculcando, vi state mangiando il VELENO E LE PIETRE, e non dite niente, perché siete stati AMMALIATI, vi siete addormentati e non discernete più ciò che è bene e ciò che è male. A voi la vergogna, quindi, A VOI LA VERGOGNA! Per me Mottola, Loria e tutti i pastori che erano presenti hanno sbagliato, eccome se hanno sbagliato, ed infatti anche molti altri pastori delle stesse ADI si sono adirati quando hanno visto UNA TALE ROBA ECUMENICA, quindi, ancora nelle ADI, ci sono taluni che ragionano secondo le Scritture, non sono tutti come te. Se un fratello sbaglia va ripreso, e se sbaglia PUBBLICAMENTE, va RIPRESO PUBBLICAMENTE.

    Per quanto riguarda la calunnia, ebbene, come si può vedere nel video io non ho lanciato nessuna CALUNNIA, perché tutto ciò che ho messo è provato e vero, ed è stato RESO PUBBLICO DALLO STESSO MOTTOLA, nel suo sito, quindi, io non ho CALUNNIATO NESSUNO, ho solo RIPRESO un’opera che non è da Dio, ma dal diavolo: L’ECUMENISMO.

    Certo, guai a chi scandalizza, ma il fatto che non vi entra in testa è che siete voi che state SCANDALIZZANDO, non noi che riprendiamo le opere INFRUTTUOSE DELLE TENEBRE, il peccato e lo scandalo sta nel FARE ECUMENISMO CON I PRETI CATTOLICI, non nella riprensione. Ma chi ti ha insegnato a ragionare in questa tua maniera così contorta e sbagliata? I tuoi pastori, naturalmente, ma di certo non c’è sapienza nè intelligenza in ciò che dici.

    È vero che verrà il giorno in cui Iddio giudicherà, tuttavia bisogna ricordare che Dio giudicherà i fornicatori e gli adulteri, Iddio giudicherà quei pastori che tollerano i fornicatori e gli adulteri, Iddio giudicherà coloro che hanno frodato i fratelli vendendo loro dei libri MANIPOLATI, Iddio giudicherà coloro che si sono uniti all’EGITTO e hanno trovato rifugio all’ombra di Faraone, che si sono unitie e fatto comunella con Babilonia, con la Chiesa cattolica Romana. Non giudicherà di certo coloro che si sono opposti a tutti questi comportamenti scandalosi e che hanno scandalizzato molti.
    Certo, Iddio giudicherà con giusto giudizio, un giorno, ma giudicherà coloro che non osservano la Sua Parola, e voi DELLE ADI non state osservando la Parola di Dio, ma state seguendo le TRADIZIONE DELL’AZIENDA ADI, i suoi regolamenti e i suoi statuti, a scapito della PAROLA DI DIO.
    Tornate in voi stessi, svegliatevi dal sonno mortale in cui siete caduti, e ritornate SULLA BUONA STRADA, sui sentieri antichi che sono segnati nell Scritture, affinché siate di nuovo graditi a Dio, perché per ora, voi siete FUORI STRADA, e la vostra via non mena in cielo, sappiatelo questo, perché lo stiamo ampiamente provando, a causa dei vostri SCANDALI e delle vostre ERESIE.

    Mi piace

  94. CARMELA permalink
    28 marzo 2012 22:05

    Pace fratello giuseppe sono carmela ,sono d’accordissimo con te che DIO… possa maNDARE UN RISVEGLIO ….LA CHIESA IN GENERALE STA DORMENDO …..ma le adi di cui faccio parte dorme …pe fortuna che io frequento la cellula dove suona mi marito e il nostro fratello …aziano e all’antica nella parola….e siamo un piccolo gregge che DIO ci aiuti a mantenerci vivI nello spirito ….sappi e ti ringarzio …faccio e leggo gli studi che fai mi sono di incoraggiamento e …quello che dici e proprio la verita’ non in tutte le chiese adi per fortuna ma tante pultroppo stanno andando fuori dottrina..pregliamo al nostro DIO che li illumini …..pace

    Mi piace

  95. 29 marzo 2012 15:33

    Pace a te Carmela,
    fate bene a riunirvi nelle case, perché Iddio è già da tempo che ha smesso di operare nelle cattedrali, nelle torri di Babele, ma la presenza di Dio si sente maggiormente nelle riunioni in casa. Infatti c’è da domandarsi come mai i direttori spirituali delle ADI hanno dato ordine di non fare più le cellule di preghiera in casa?
    Come ai primi tempi del risveglio pentecostale, che si riunivano nelle case e Dio li benediceva e BATTEZZAVA CON LO SPIRITO SANTO VERAMENTE, così ancora oggi bisogna riunirsi nelle case per pregare Iddio con tutto il cuore, senza nessun vanto, senza nessuna vanagloria personale, senza ALCUN COMPROMESSO CON LA CHIESA CATTOLICA ROMANA.
    Pace.

    Mi piace

  96. 2 aprile 2012 20:05

    Ho aggiornato l’articolo aggiungendo i links di quegli articoli correlati che mostrano che le ADI si sono date all’Ecumenismo con la Chiesa cattolica e al tavolo interreligioso con diversi gruppi religiosi.
    Ho riportato anche qui gli articoli che riguardano le ADI:

    Pure una Chiesa ADI al tavolo interreligioso. Una Chiesa delle Assemblee di Dio in Italia, e precisamente quella che si raduna a Largo Tripi a Roma, ha partecipato al tavolo interreligioso.

    Pastore ADI ad incontro ecumenico. Tommaso Fiorentini, pastore della chiesa ADI di Gallipoli, ha partecipato alla ‘Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani’.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...