Vai al contenuto

Riflettendo sulla dottrina della Trinità

20 maggio 2010

Riflettendo sulla dottrina della Trinità

Articolo sulla Trinità

Articolo che concerne anche la Trinità

Fratelli “trinitariani”, voglio ricordarvi che comunemente usiamo questi termini rivolgendoci alle persone della Divinità, diciamo: Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito santo.

Ebbene, sappiate che sono parole giuste, bibliche, che danno fastidio agli UNITARIANI o ANTITRINITARI, ma non ci possono fare nulla perché questo nostro parlare è biblico, e lo dimostriamo subito con un passo:

“Poiché, come tutti muoiono in Adamo, così anche in Cristo saran tutti vivificati; ma ciascuno nel suo proprio ordine: Cristo, la primizia; poi quelli che son di Cristo, alla sua venuta; poi verrà la fine, quand’egli avrà rimesso il regno nelle mani di Dio Padre, dopo che avrà ridotto al nulla ogni principato, ogni potestà ed ogni potenza.
Poiché bisogna ch’egli regni finché abbia messo tutti i suoi nemici sotto i suoi piedi.
L’ultimo nemico che sarà distrutto, sarà la morte.
Difatti, Iddio ha posto ogni cosa sotto i piedi di esso; ma quando dice che ogni cosa gli è sottoposta, è chiaro che Colui che gli ha sottoposto ogni cosa, ne è eccettuato.
E quando ogni cosa gli sarà sottoposta, allora anche il Figlio stesso sarà sottoposto a Colui che gli ha sottoposto ogni cosa, affinché Dio sia tutto in tutti.” (1 Corinzi 15:22-28)

Vedete, questo passo ci dice che Gesù Cristo, il Figliolo di Dio, rimetterà il Regno nelle mani di DIO PADRE.
Inoltre notate queste parole: “ Iddio ha posto ogni cosa sotto i piedi di esso; ma quando dice che ogni cosa gli è sottoposta, è chiaro che Colui che gli ha sottoposto ogni cosa, ne è eccettuato.

Come vedete, Paolo ha scritto tali parole per significare che tutte le cose sono sottoposte a Gesù Cristo, il Figliolo di Dio Padre, ma naturalmente Dio Padre ne è eccettuato, cioé non E’ SOTTOPOSTO A Gesù. E questo non poteva essere, perché sta scritto:
Ma io voglio che sappiate che il capo d’ogni uomo è Cristo, che il capo della donna è l’uomo, e che il capo di Cristo è Dio.” (1 Corinzi 11:3)

Fratelli nel Signore, studiatevi i passi biblici sulla Trinità, affinché gli UNITARIANI o ANTITRINITARIANI se preferiamo, rimangano svergognati e sia loro turata la bocca.

Ricordatevi, inoltre, che non è la stessa cosa credere che i TRE SONO UNO e credere che c’è SOLO GESU’, perché da questa eresia, antica eresia, sono originate tante altre eresie. Insomma, abisso chiama un altro abisso!

A voi, invece, ANTITRINITARIANI, vi esorto ad abbandonare le vostre eresie e di tornare alla Parola, perché le cose non stanno come vi stanno insegnando i vostri conduttori sviati dalla verità.

La grazia del Signor Gesù Cristo e l’amore di Dio e la comunione dello Spirito Santo siano con tutti voi. (2 Corinzi 13:13)

Giuseppe Piredda


Scritti di approfondimento sulla dottrina della Trinita:

2 commenti leave one →
  1. 1 aprile 2016 14:54

    Chi è dunque il Geova di tutta la Bibbia? –> La Parola.
    Incontrandoci con i testimoni di Geova (tdg), di solito cominciano la discussione che Dio Padre ha un nome, e il suo nome è “Geova” (JHWH). No! Non è il Padre che ha il nome “Geova”; anzi il Geova della Bibbia è “Il Logos”, cioè: “La Parola” detto anche “Verbo”. Colui, che anche voi tdg affermate con noi che creò tutte le cose che esistono.
    Leggiamo allora dalla Traduzione Nuovo Mondo (TNM) Eso.31:17 che dice “..In sei giorni Geova fece i cieli e la terra e il settimo giorno si riposò. (vedi anche Gen.2:2,3).
    Colui che aveva lavorato per sei giorni per la creazione, non fu Dio Padre, ma Dio la Parola, perciò Dio Padre non aveva bisogno di riposarsi, ma si riposò Colui che aveva creato tutto, cui è “La Parola”. Vero?
    Il CD (Corpo Direttivo) dei tdg dice: “Un grande edificio costruito per mezzo di molti operai, non si dice che è stato costruito dagli operai, ma dalla Ditta, cioè da Geova/Padre.
    In Isa.66:1-2, Geova ha detto questo:…. La mia propria mano ha fatto tutte queste cose…>> Qua non ci sono operai.
    Nel Salmo 102:1, il salmista dice in preghiera: “O Geova odi la mia preghiera; e continua al verso 25 dicendo: “Molto tempo fa ponesti le fondamenta della stessa terra, e i cieli sono opera delle tue mani”.
    Queste parole del Salmo 102, sono riportate in Ebrei 1:10, ma il CD dei tdg nasconde il nome “Geova” scritto nel Salmo 102 e scrive: “Signore” nella TNM in Ebr.1:10, perché sa che Colui che mise le fondamenta alla terra, quale Creatore di tutte le cose è La Parola, cui facendosi poi carne si distingue anche come il “Figlio”; mentre per loro il nome Geova è per il Padre.
    Leggendo anche in Gen.2:7, comprendiamo con chiarezza che l’uomo Adamo fu formato dal Creatore di tutte le cose, cioè dalla Parola di Dio, che nel vecchio patto si descriveva JHWH. Oggi, mediante alcune vocali aggiunte, (che nell’originale non esistono), JHWH è pronunciato anche “Geova”. E così, la TNM dei tdg in Gen.2:7 dice: “E Geova Dio formava l’uomo dalla polvere del suolo e gli soffiava nelle narici l’alito della vita”. No!, La Parola raccolse la polvere della terra e fece Adamo e dopo formato, fu la Parola a soffiare in lui l’alito della vita attraverso le sue narici, poiché non fu nessun altro a creare interamente tutte le cose.
    Sempre dalla TNM in Genesi 2:21-22 leggiamo: “Perciò Geova Dio fece cadere sull’uomo un profondo sonno… E Geova Dio edificava dalla costola che aveva preso dall’uomo una donna e la conduceva all’uomo”>- Un’altra prova che Geova qui, non è il Padre, anzi, La Parola.
    In Es.17:5,6, TNM Il Geova della Bibbia quale Rocca spirituale promette a Mosè di posare là, su quella rocca che Mosè doveva colpire per uscirne l’acqua, e così fu. L’apostolo Paolo però ci dichiara che l’acqua era spirituale perché usciva dalla Rocca spirituale che seguiva il popolo fin dall’Egitto, e quella Roccia era il Cristo. (1Cor.10:4). E così, il condottiero del popolo d’Israele dall’Egitto, era la Parola, Colui che poi si fece carne in Gesù.
    In Deut.4:12, Mosè afferma che il popolo d’Israele ha udito la voce di Dio, la voce di Colui che li accompagnava, parlando a loro di mezzo al fuoco.
    Ma Gesù in Giov.5:37 parlando di Dio Padre, faccia a faccia agli Ebrei, disse loro: “Inoltre, il Padre che mi ha mandato, Egli stesso ha reso testimonianza di me. Voi non avete in nessun tempo udito la sua voce, né visto la sua figura”. (TNM)
    Qui Israele ode la voce di Dio, ma non era il Padre, anzi, era la Parola, L’Iddio d’Israele che conduceva il popolo fuor d’Egitto, alla terra promessa.
    In Isaia 6:1,8, questo profeta dice d’aver visto Dio seduto su un trono alto ed elevato, e diceva: “Chi manderò e chi andrà per noi?” – Anche qui, l’Iddio che Mosè vide ed udì era il LOGOS, la Parola, non il Padre, poiché il Padre non fu giammai visto o udito da nessun uomo al mondo. (vedi Giov.5:37)
    In Isaia 35:4, il profeta annunzia al popolo d’Israele che Colui che doveva venire a salvarli, era il loro proprio Dio, cioè Geova, ma non il Padre, anzi La Parola, Colui che poi si fece carne in Cristo Gesù.
    Gesù disse ai Giudei: “E’ il Padre mio che mi glorifica, Colui che voi dite sia il vostro Dio; eppure non lo avete conosciuto”. (Giov.8:54,55 TNM)
    Rimane così ancora oggi che i testimoni di Geova pur facendo molto baccano sul nome di Dio, ancora non l’hanno conosciuto.
    Accreditano il nome Geova al Padre celeste, mentre il Geova della Bibbia non è il Padre, ma è la Parola, Colui che ha creato interamente tutte le cose (Giov.1: 2-3) e che venne a noi in Gesù.
    Gesù, a sua volta, fu nella sua carne, il Tempio di Dio sulla terra, fu l’Agnello di Dio che toglie il peccato del mondo, e lo Sposo della sua Sposa, la Chiesa, che al presente siede alla destra di Dio.
    Ho usato come Bibbia la TNM della Torre di Guardia per accomodare i tdg

    Questo mio studio su chi sia “Geova”, è adatto a sopraffare le storte dottrine dei tdg e fa comprendere la Trinità di Padre, Parola e Spirito Santo. Tre persone, mai nate o create.
    Non è vero! Il CD (corpo direttivo) dei tdg (testimoni di Geova) dice molte cose storte ed addirittura molte bugie
    Essi insegnano che JHWH Geova è solo il Padre celeste. – Il Figlio, o meglio la Parola benché è un dio (minuscolo) non però è Geova il Padre, cui è il vero ed unico Dio, eccetera…
    La Scrittura dice che il Figlio (nel suo Spirito) è Dio come lo è il Padre; e chi nega il Figlio non ha neppure il Padre. (1Giov.2:23) E se credete in un dio piccolo ed uno grande, voi siete nell’idolatria.
    E lo Spirito Santo? Non è mai nato; né creato, perciò è Dio nel Padre, Parola e Spirito Santo.
    Voi che badate e conservate questo studio, li potete sottomettere a tal punto che potranno realizzare che davvero non conoscono né il Padre, né la Parola (il Figlio) e che stanno sprecando il loro tempo. Dovete però sempre conservare una copia di questa.
    Questo è per darvi un aiuto per la salvaguardia del dono di Dio in Cristo Gesù, cioè la Vita eterna in Cristo che avete ottenuto per grazia.
    Gianni27

    "Mi piace"

  2. 2 aprile 2016 18:38

    Sul nome e su altre cose ci sarebbe da esaminare meglio quello che è scritto in questo commento e raffrontarlo con le sacre Scritture. Prendiamo ad esempio questo, cioé che alla creazione parteciparono tutte e tre le persone che compongono la Deità, il Padre, il Figlio e lo Spirito santo. L’uomo, ad esempio, è stato creato dal Padre, dal Figlio e dallo Spirito santo, secondo quanto si può leggere:
    «Poi Dio disse: ‘Facciamo l’uomo a nostra immagine e a nostra somiglianza, ed abbia dominio sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo e sul bestiame e su tutta la terra e su tutti i rettili che strisciano sulla terra’.» (Genesi 1:26)
    FACCIAMO, è plurale, e questo ci fa comprendere che parteciparono alla creazione dell’uomo le TRE persone che compongono la DEITA’.
    – Davide dice di Dio Padre: «Poiché sei tu che hai formato le mie reni, che m’hai intessuto nel seno di mia madre.» (Salmi 139:13)
    – Elihu dice a Giobbe a riguardo dello Spirito santo: «Lo spirito di Dio mi ha creato, e il soffio dell’Onnipotente mi dà la vita.» (Giobbe 33:4)
    – Giovanni dice di Gesù, della Parola: «Ogni cosa è stata fatta per mezzo di lei; e senza di lei neppure una delle cose fatte è stata fatta.» (Giovanni 1:3)
    Per quanto riguarda il nome, YHWH è il nome del Padre di Gesù Cristo, che ha mandato nel mondo Gesù Cristo e ci ha parlato tramite lui – che Gesù chiamò “il Padre” e “il Padre mio” – è YHWH (pronunciabile con le vocali: YAHWEH), l’Iddio di Abrahamo, di Isacco e di Giacobbe, ossia l’Iddio degli Ebrei.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

No Temas Sino Habla

Entonces él Señor dijo de noche en visión á Pablo: No temas, sino habla, y no calles: Porque yo estoy contigo, y ninguno te podrá hacer mal (Hechos 18:9-10)

Blog di Aldo Prendi

Per la diffusione e la difesa delle dottrine bibliche

Acordai-vos

Tocai a trombeta em Sião, e dai o alarma no meu santo monte.

Egli è altresì scritto...

Blog di Nicola Iannazzo

Destatevi

"Suonate la tromba in Sion e date l'allarme sul mio santo monte" (Gioele 2:1)

Il Buon Deposito

Dottrine della Bibbia

Listen to the sound of the sword

«Stand in the ways and see, and ask for the old paths, where the good way is, and walk in it» (Jeremiah 6:16)

Sana Dottrina

Perché verrà il tempo che non sopporteranno la sana dottrina; ma per prurito d'udire si accumuleranno dottori secondo le loro proprie voglie e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole.(2Timoteo 4:3-4)

La Buona Strada

Blog di Giuseppe Piredda, cristiano evangelico pentecostale trinitariano fondamentalista

He who has ears let him hear

A voice crying in the wilderness

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: