Vai al contenuto

(1) Davide Di Iorio, pastore ADI e segretario delle ADI: Elia ha gustato la morte

16 luglio 2010

Davide Di Iorio, pastore ADI e segretario delle ADI: Elia ha gustato la morte

Logo adi

Introduzione

In un articolo dal titolo ‘LIBERAZIONE DAI FALSI MIRACOLI ED APPARIZIONI’ scritto da Davide Di Iorio, pastore di una Chiesa ADI, viene detto che il profeta Elia è morto. Ecco il contesto e la frase: ‘Ogni contatto tra deceduti peccatori e santi è vietato, qualsiasi colloquio tra essi ed i viventi non è consentito. I pochi episodi di defunti biblici riapparsi e che hanno colloquiato con viventi, sono eccezioni “permesse” da Dio. Per esempio, il profeta Samuele fu autorizzato ad apparire alla Maga che lo aveva evocato; il motivo divino fu che il re Saul, per il suo stato spirituale, era impossibilitato a stabilire la comunione con Dio e fu incaricato di rivelargli l’immediato futuro. Dall’episodio si capisce che i defunti evocati (1 Samuele 28) non possono rispondere: l’evocatrice “urlò” spaventata vedendo realmente Samuele e non un demone trasformato (v.12); si evince anche che sono contrariati: “Perché mi hai disturbato, facendomi salire?” (v. 15a) e che serbano la facoltà di ricordare : “Il Signore ha agito come ti aveva annunziato per mezzo mio” (v. 17a). Altre due morti con protagonisti che sono apparsi e che hanno parlato, sono Mosè ed Elia sul monte della trasfigurazione. Anche in questo caso si tratta di permessi divini accordati per sottolineare “dalla magnifica gloria” la superiorità di Cristo Gesù sulla Legge (Mosè) ed i Profeti (Elia) e quindi della dispensazione della Grazia: “Questo è il mio Figlio Diletto, nel quale mi sono compiaciuto; ascoltatelo“ (Matteo 17: 5)’ (http://www.adi-rc.org/sitonew/articoli.asp?pagina=2&id=17). Guarda sotto lo screenshot della parte dell’articolo.

Articolo scritto da Davide Di Iorio

Nota bene: secondo molti pastori delle ADI, Elia non è morto, come per esempio per Paolo Lombardo, pastore della Chiesa ADI di Catania, che nello studio ‘L’Apocalisse’, a riguardo dei due testimoni dell’apocalisse (cap. 11), dice: ‘Enoc ed Elia? Essi non sono morti, essendo stati portati direttamente in cielo; ma non è per niente specificato che siano loro’ (pag. 11). Comunque, dato che Davide Di Iorio è un pastore delle ADI come anche segretario delle ADI, e questa cosa la insegna, ho ritenuto necessario confutare questa sua asserzione per il bene di quei fratelli che ascoltano o leggono le sue parole.

Confutazione

Ora, che Samuele e Mosè siano morti, e che quindi nel loro caso si può parlare di apparizioni di persone morte per permesso divino è vero, ma che pure Elia sia morto è falso per le seguenti ragioni:

1) Elia fu trasportato da Dio in cielo perché non vedesse la morte, secondo che è scritto: “Or quando l’Eterno volle rapire in cielo Elia in un turbine, Elia si partì da Ghilgal con Eliseo. Ed Elia disse ad Eliseo: ‘Fermati qui, ti prego, poiché l’Eterno mi manda fino a Bethel’. Ma Eliseo rispose: ‘Com’è vero che l’Eterno vive, e che vive l’anima tua, io non ti lascerò’. Così discesero a Bethel. I discepoli dei profeti ch’erano a Bethel andarono a trovare Eliseo, e gli dissero: ‘Sai tu che l’Eterno quest’oggi rapirà in alto il tuo signore?’ Quegli rispose: ‘Sì, lo so; tacete!’ Ed Elia gli disse: ‘Eliseo, fermati qui, ti prego, poiché l’Eterno mi manda a Gerico’. Quegli rispose: ‘Com’è vero che l’Eterno vive, e che vive l’anima tua, io non ti lascerò’. Così se ne vennero a Gerico. I discepoli dei profeti ch’erano a Gerico s’accostarono ad Eliseo, e gli dissero: ‘Sai tu che l’Eterno quest’oggi rapirà in alto il tuo signore?’ Quegli rispose: ‘Sì, lo so; tacete!’ Ed Elia gli disse: ‘Fermati qui, ti prego, poiché l’Eterno mi manda al Giordano’. Quegli rispose: ‘Com’è vero che l’Eterno vive, e che vive l’anima, tua io non ti lascerò’. E proseguirono il cammino assieme. E cinquanta uomini di tra i discepoli dei profeti andarono dietro a loro e si fermarono dirimpetto al Giordano, da lungi, mentre Elia ed Eliseo si fermarono sulla riva del Giordano. Allora Elia prese il suo mantello, lo rotolò, e percosse le acque, le quali si divisero di qua e di là, in guisa che passarono ambedue a piedi asciutti. E, passati che furono, Elia disse ad Eliseo: ‘Chiedi quello che vuoi ch’io faccia per te, prima ch’io ti sia tolto’. Eliseo rispose: ‘Ti prego, siami data una parte doppia del tuo spirito!’ Elia disse: ‘Tu domandi una cosa difficile; nondimeno, se tu mi vedi quando io ti sarò rapito, ti sarà dato quello che chiedi; ma se non mi vedi, non ti sarà dato’. E com’essi continuavano a camminare discorrendo assieme, ecco un carro di fuoco e de’ cavalli di fuoco che li separarono l’uno dall’altro, ed Elia salì al cielo in un turbine. E Eliseo lo vide e si mise a gridare: ‘Padre mio, padre mio! Carro d’Israele e sua cavalleria!’ Poi non lo vide più” (2 Re 2:1-12).

2) Elia deve venire, secondo che è scritto in Malachia: “Ecco, io vi mando Elia, il profeta, prima che venga il giorno dell’Eterno, giorno grande e spaventevole. Egli ricondurrà il cuore dei padri verso i figliuoli, e il cuore de’ figliuoli verso i padri, ond’io, venendo, non abbia a colpire il paese di sterminio” (Malachia 4:5-6). Venuta dunque che precederà il ritorno di Cristo, e che fu confermata da Gesù Cristo ai Suoi discepoli quando disse loro: “Certo, Elia deve venire e ristabilire ogni cosa” (Matteo 17:11).

Qualcuno dirà: Ma Giovanni Battista non era Elia allora?’ No, non lo era. Lui stesso lo disse a quei sacerdoti e leviti che gli domandarono se fosse Elia, secondo che è scritto: “Ed essi gli domandarono: Che dunque? Sei Elia? Ed egli rispose: Non lo sono” (Giovanni 1:21).

Giacinto Butindaro

[AGGIORNAMENTO DEL 18.08.2010]

Lettera di rettifica da parte di Davide Di Iorio

Dal blog “chi ha orecchie da udire oda”, si legge la lettera che Davide Dio Iorio ha inviato a Giacinto Butindaro, che qui riporto integralmente:

“””” In data 18 Agosto 2010 mi è arrivata la seguente lettera da parte di Davide Di Iorio, […] che pubblico:

Caro Fratello Butindaro,

a chiarimento delle mie convinzioni personali riguardo all’ articolo (non è un libro):

LIBERAZIONE DAI FALSI MIRACOLI ED APPARIZIONI
(seconda parte)

preciso e ti prego fare rettifica che l’affermazione seguente:

Altre due morti con protagonisti che sono apparsi e che hanno parlato, sono Mosè ed Elia sul monte della trasfigurazione. Anche in questo caso si tratta di permessi divini accordati per sottolineare “dalla magnifica gloria” la superiorità di Cristo Gesù sulla Legge (Mosè) ed i Profeti (Elia) e quindi della dispensazione della Grazia: “Questo è il mio Figlio Diletto, nel quale mi sono compiaciuto; ascoltatelo“ (Matteo 17: 5)…

per errore materiale, manca della precisazione: “In realtà Elia non è mai morto, ma è stato solo rapito vivo in Cielo, mentre Mosè è stato seppellito da Dio stesso”.

Sarebbe stata molto gradita da parte tua una segnalazione fraterna e riservata che sarebbe stata subito apportata.

Ringraziandoti comunque, ricevi saluti cristiani.

Davide Di Iorio”””””””


Permettetemi un commento, fratelli, in quanto non ne posso fare a meno e per amore di verità e per una naturale predisposizione alla chiarezza dei fatti, mi sento sospinto ad esprimere le mie considerazioni sull’ultima modifica effettuata da Di Iorio all’articolo.

Eccovi, fratelli, uno stralcio originale del nuovo articolo, dove ho sottolineato la frase col quale Di Iorio ha inteso correggere il suo evidente errore biblico.

Ecco l’immagine:

Articolo modificato da Di Iorio dopo essere stato ripresoArticolo visibile in orginale a questo link: http://www.adi-rc.org/sitonew/articoli.asp?pagina=2&id=17

Ora, noi ci poniamo nei panni di un credente che è appena convertito e non conosce le sacre Scritture, e ci domandiamo: ma questo fratello che legge tale articolo, dove prima legge che Elia è considerato morto alla pari di Mosè, poi legge che in realtà Elia non è morto, non vi pare, diletti nel Signore, che il semplice fratello non rimanga un pochino confuso?

Se noi parliamo per farci comprendere dagli altri, per insegnare qualcosa agli altri, dobbiamo impegnarci affinché non ci siano parti oscure e soprattutto non ci siano parti che si contraddicono tra di loro, non credete anche voi che le cose devono essere così?

Ma certo, qui la cura risulta peggiore del male stesso, perché non porta chiarezza, ma sul fuoco della confusione e della ignoranza è stata gettata della benzina e non dell’acqua!

Tuttavia, ritengo che ogni cosa serva affinché i santi sappiano con chi si ha a che fare e quale sapienza e quale umiltà muove certi pastori, in questo caso, ammirevole il fatto che Davide abbia voluto porre rimedio ad un errore grossolano biblico, ma il risultato finale è piuttosto scadente, per nulla chiarificatore.

Ci vuole maggiore impegno, più sapienza e consiglieri che diano dei giusti consigli a fianco dei conduttori, affinché i risultati siano efficaci.

Giuseppe Piredda

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

No Temas Sino Habla

Entonces él Señor dijo de noche en visión á Pablo: No temas, sino habla, y no calles: Porque yo estoy contigo, y ninguno te podrá hacer mal (Hechos 18:9-10)

Blog di Aldo Prendi

Per la diffusione e la difesa delle dottrine bibliche

Acordai-vos

Tocai a trombeta em Sião, e dai o alarma no meu santo monte.

Egli è altresì scritto...

Blog di Nicola Iannazzo

Destatevi

"Suonate la tromba in Sion e date l'allarme sul mio santo monte" (Gioele 2:1)

Il Buon Deposito

Dottrine della Bibbia

La Massoneria Smascherata

"non v'è niente di nascosto che non abbia ad essere scoperto" (Matteo 10:26)

Listen to the sound of the sword

«Stand in the ways and see, and ask for the old paths, where the good way is, and walk in it» (Jeremiah 6:16)

Sana Dottrina

Perché verrà il tempo che non sopporteranno la sana dottrina; ma per prurito d'udire si accumuleranno dottori secondo le loro proprie voglie e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole.(2Timoteo 4:3-4)

La Buona Strada

Blog di Giuseppe Piredda, cristiano evangelico pentecostale trinitariano fondamentalista

He who has ears let him hear

A voice crying in the wilderness

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: