Vai al contenuto

Come Roselen Faccio vorrebbe festeggiare l’anniversario dell’Editto di Milano del 313

13 settembre 2010

Come Roselen Faccio vorrebbe festeggiare l’anniversario dell’Editto di Milano del 313

La ‘pastora’ Roselen Faccio dice di avere un ‘sogno’, che è questo. Siccome che con l’Editto di Milano, l’imperatore Costantino dichiarò che i Cristiani non sarebbero stati più perseguitati in tutto l’Impero Romano, ma sarebbe stata loro concessa libertà di fede e di culto, e quell’Editto porta la data del 313, la Roselen vorrebbe festeggiare il 1700esimo anniversario scrivendo una dichiarazione per chiedere libertà di culto e di fede in ogni nazione del mondo. Il suo desiderio è quindi quello di invitare il mondo a Milano nel 2013 ad aiutare a costruire un nuovo Editto di Milano (tratto da: http://togetherinmission.co.uk/?page_id=47)

Fratelli, sappiate che noi figliuoli di Dio siamo già liberi in Cristo, e quindi siamo liberi nel Signore di professare la nostra fede e di adorare Iddio dovunque ci troviamo, a prescindere il sistema politico che vige nella nazione in cui viviamo. Fuggite dunque questa iniziativa, nel caso fosse organizzato l’evento, come anche iniziative simile a questa.

Fratelli, guardatevi da questa donna che è portatrice di cose strane.

Giacinto Butindaro

[Tratto dal blog “Chi ha orecchie da udire oda”, di Giacinto Butindaro]

Share

2 commenti leave one →
  1. leonardo Bernardi permalink
    31 marzo 2012 20:36

    Credo che l’editto di Milano non sia stato poi molto vantaggioso per la chiesa. Costantino capì l’importanza del movimento cristiano e lo uso politicamente. Forse dovreste approfondire i fatti della storia, ed avreste meno entusiasmo per Costantino imperatore di cui non abbaimo la certezza che si alleò ai ciristiani pechè credeva. La storia, quella vera, non quella approssimativa dei testi di divulgazione, serba molte soprese. L’editto di MNilano non fu il primo atto imperiale con coi il cristianesimo venne liberalizzato, e non instaurò una libertà di religione, per cui l’ipotesi del pastore Roselen poggia su fatti storici non precisi

    "Mi piace"

  2. 31 marzo 2012 20:46

    Grazie per la specificazione, come ho imparato dal mio libro di testo di storia, c’è differenza tra storia e storiografia, tra la storia riportata nei libri di testo scolastici e quanto risulta dai documenti storici.
    Leonardo, quanto alla tua anima cosa stai facendo affinché tu viva in eterno e in pace con Dio?

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

No Temas Sino Habla

Entonces él Señor dijo de noche en visión á Pablo: No temas, sino habla, y no calles: Porque yo estoy contigo, y ninguno te podrá hacer mal (Hechos 18:9-10)

Blog di Aldo Prendi

Per la diffusione e la difesa delle dottrine bibliche

Acordai-vos

Tocai a trombeta em Sião, e dai o alarma no meu santo monte.

Egli è altresì scritto...

Blog di Nicola Iannazzo

Destatevi

"Suonate la tromba in Sion e date l'allarme sul mio santo monte" (Gioele 2:1)

Il Buon Deposito

Dottrine della Bibbia

Listen to the sound of the sword

«Stand in the ways and see, and ask for the old paths, where the good way is, and walk in it» (Jeremiah 6:16)

Sana Dottrina

Perché verrà il tempo che non sopporteranno la sana dottrina; ma per prurito d'udire si accumuleranno dottori secondo le loro proprie voglie e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole.(2Timoteo 4:3-4)

La Buona Strada

Blog di Giuseppe Piredda, cristiano evangelico pentecostale trinitariano fondamentalista

He who has ears let him hear

A voice crying in the wilderness

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: