Vai al contenuto

Avventisti del settimo giorno: “Il divorzio”

5 maggio 2011

Avventisti del settimo giorno: “Il divorzio”

La dottrina avventista 

A motivo di fornicazione è lecito alla parte innocente di passare a nuove nozze.

Ellen G. White affermò a proposito del legame matrimoniale che ‘nel sermone sul monte Gesù dice chiaramente che il legame del matrimonio è indissolubile, eccezion fatta del caso d’infedeltà di uno dei due coniugi al voto matrimoniale’,[1] ed ancora che ‘c’è un solo peccato, l’adulterio, che può porre il marito o la moglie in una posizione che permetta loro di essere liberi dal vincolo matrimoniale davanti a Dio’.[2]

Nel Manuale di Chiesa, a proposito del divorzio, si legge: ‘Sebbene le Scritture permettano il divorzio in caso di ‘infedeltà al voto coniugale’, seri sforzi dovranno essere fatti da parte dei coniugi interessati in vista della riconciliazione, l’innocente essendo esortato a perdonare il colpevole e quest’ultimo a emendare la propria condotta in modo che l’unione matrimoniale possa essere mantenuta. Se la riconciliazione non viene realizzata, l’innocente ha il diritto biblico di chiedere il divorzio e anche di contrarre un nuovo matrimonio’.[3]

Confutazione

La Scrittura ammette di mandare via la propria moglie in caso di fornicazione, ma non di passare a nuove nozze

Gesù disse: “Fu detto: Chiunque ripudia sua moglie, le dia l’atto del divorzio. Ma io vi dico: Chiunque manda via la moglie, salvo che per cagion di fornicazione, la fa essere adultera; e chiunque sposa colei ch’è mandata via, commette adulterio”,[4] ed anche: “Chiunque manda via la moglie e ne sposa un’altra, commette adulterio”.[5] Ciò significa che all’uomo è lecito mandare via la moglie solo se questa le è infedele, ma dopo averla mandata via a cagione di fornicazione egli non ha il diritto di risposarsi perché in tale caso egli commetterebbe adulterio. Notate infatti che Gesù ha detto che chiunque manda via la moglie e ne sposa un’altra commette adulterio. La stessa cosa vale per la donna, cioè se il marito le è infedele; ella ha il diritto di separarsi da lui ma non quello di passare ad un altro uomo. Paolo dice: “E se mai si separa, rimanga senza maritarsi o si riconcilî col marito”,[6] perché “la donna maritata è per la legge legata al marito mentre egli vive… ond’è che se mentre vive il marito ella passa ad un altro uomo, sarà chiamata adultera…”.[7]

Per riassumere dunque l’insegnamento della Scrittura a proposito del divorzio, la Scrittura dice che il legame matrimoniale non si scioglie neppure a motivo dell’infedeltà di uno dei coniugi. In questo caso, a secondo di chi commette adulterio, il marito può mandare via la moglie e la moglie separarsi dal marito (naturalmente se i due si riconciliano subito dopo il fatto non avverrà nessuna separazione di fatto); ma nessuno può risposarsi mentre l’altro coniuge ancora vive. Solo se sopraggiunge la morte del coniuge l’altro può risposarsi lecitamente senza rendersi colpevole di adulterio. Gli Avventisti dunque permettendo, in caso di fornicazione, un nuovo matrimonio al coniuge tradito non fanno altro che incoraggiare il coniuge tradito a commettere adulterio. Essi dunque insegnano a trasgredire il settimo comandamento divino. Questa è una evidente manifestazione di ipocrisia da parte loro perché proprio loro che mettono così tanta enfasi sui dieci comandamenti (ed in particolare sul quarto) sfacciatamente permettono la trasgressione del settimo comandamento che dice: “Non commettere adulterio”.[8]Proprio loro che dicono di essere la progenie della donna che osserva i comandamenti di Dio, proprio loro che dicono di essere il rimanente della progenie suscitato da Dio per riparare le brecce, proprio loro che tanto attaccano il papato a motivo della domenica, proprio loro, dico, hanno annullato il comandamento di Dio che dice di non commettere adulterio. O Avventisti vi condannate da voi stessi, con le vostre parole. Almeno i cristiani che si radunano la domenica per offrire il culto a Dio ed in quel giorno si riposano, fanno tutto questo per il Signore e non disonorano il nome di Dio, ma chi commette adulterio perché passa a nuove nozze mentre il suo coniuge è ancora in vita non fa questo per il Signore e non onora Dio con la sua condotta ma lo fa biasimare.


[1] Ellen G. White, Con Gesù sul monte delle beatitudini, Firenze 1964, pag. 74

[2] Ellen G. White, The Adventist Home [La Casa Avventista], pag. 344; citato da Ellen G. White, Momenti di luce, Firenze 1975, pag. 51

[3] Manuale di Chiesa, pag. 260-261

[4] Matt. 5:31-32

[5] Luca 16:18

[6] 1 Cor. 7:11

[7] Rom. 7:2,3

[8] Es. 20:14


[Tratto dal libro “Gli Avventisti del settimo giorno“, di Giacinto Butindaro V.D.M.]

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

No Temas Sino Habla

Entonces él Señor dijo de noche en visión á Pablo: No temas, sino habla, y no calles: Porque yo estoy contigo, y ninguno te podrá hacer mal (Hechos 18:9-10)

Blog di Aldo Prendi

Per la diffusione e la difesa delle dottrine bibliche

Acordai-vos

Tocai a trombeta em Sião, e dai o alarma no meu santo monte.

Egli è altresì scritto...

Blog di Nicola Iannazzo

Destatevi

"Suonate la tromba in Sion e date l'allarme sul mio santo monte" (Gioele 2:1)

Il Buon Deposito

Dottrine della Bibbia

La Massoneria Smascherata

"non v'è niente di nascosto che non abbia ad essere scoperto" (Matteo 10:26)

Listen to the sound of the sword

«Stand in the ways and see, and ask for the old paths, where the good way is, and walk in it» (Jeremiah 6:16)

Sana Dottrina

Perché verrà il tempo che non sopporteranno la sana dottrina; ma per prurito d'udire si accumuleranno dottori secondo le loro proprie voglie e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole.(2Timoteo 4:3-4)

La Buona Strada

Blog di Giuseppe Piredda, cristiano evangelico pentecostale trinitariano fondamentalista

He who has ears let him hear

A voice crying in the wilderness

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: