Vai al contenuto

Avventisti del settimo giorno: “L’esistenza di altri mondi abitati”

19 maggio 2011

Avventisti del settimo giorno: “L’esistenza di altri mondi abitati”

La dottrina avventista

Ci sono altri mondi abitati come la terra.

Sulla rivista Scuola del Sabato si legge: ‘La terra è solo una minuscola parte della creazione di Dio. (…) L’autore dell’epistola agli Ebrei afferma che Egli ha creato i mondi. Che questi altri mondi siano abitati non è specificato nella Scrittura, ma è implicito nel raduno dei figliuoli di Dio ricordato in Giobbe 1:6, e nel concetto biblico di rivendicare il governo e la giustizia di Dio davanti all’universo mediante il giudizio. E’ difficile credere che il nostro sia il solo pianeta abitato nel grande universo di Dio. Perfino gli scienziati evoluzionisti non escludono che in altri pianeti esista una vita intelligente’.[1] A proposito di questi figliuoli di Dio comparsi davanti a Dio, e citati nel libro di Giobbe, più avanti nella rivista si legge che ‘erano i rappresentanti di altri mondi abitati. Satana apparve come rappresentante ‘usurpatore’ del pianeta terra’.[2]

Anche questa dottrina avventista si basa su delle dichiarazioni della White. Ella disse per esempio: ‘Il nostro piccolo mondo contaminato dal peccato, unica macchia nella gloriosa creazione divina, sarà onorato su tutti gli altri mondi dell’universo’,[3] e: ‘I mondi che non hanno conosciuto il peccato e gli angeli osservavano con grande interesse la conclusione del conflitto”.[4]

Confutazione

Il pianeta terra è il solo ad essere abitato da esseri umani

Come si può ben vedere gli Avventisti insegnano come i Mormoni che Dio abbia creato altri pianeti su cui abitano delle persone come noi (quantunque tra Avventisti e Mormoni permangono delle differenze su questo soggetto). Quello dunque che ho detto nel caso dei Mormoni lo ribadisco anche in quest’occasione. La Scrittura non insegna affatto simili cose. Il solo pianeta abitato da esseri umani che Dio ha creato è la terra e non ce ne sono altri. E su questo Dio ha posto l’uomo e su questo Dio ha mandato il suo Figliuolo per essere la propiziazione dei nostri peccati ed è su questo pianeta che Cristo tornerà con gloria e potenza. Ma questo nostro pianeta non durerà in eterno ma un giorno sarà annichilito assieme al presente cielo; ma Dio creerà nuovi cieli e nuova terra nei quali abiterà la giustizia e in essi noi credenti glorificati, cioè con un corpo glorioso e immortale, vivremo per l’eternità.

Il fatto di identificare i figliuoli di Dio di cui si parla in Giobbe con gli abitanti di altri pianeti è un errore perché essi sono gli angeli di Dio. Di questi figliuoli di Dio una parte furono ribelli a Dio (al tempo di Noè) perché lasciarono la loro dignità primiera e commisero fornicazione con le figlie degli uomini.[5]

Come spiegare allora le parole agli Ebrei secondo cui Dio creò i mondi? Si può dire che il fatto che Dio abbia creato diversi pianeti non significa automaticamente che tutti siano abitati come lo è la terra. Dunque è vero che oltre la terra furono creati da Dio altri pianeti, ma solo questo è abitato. Si tenga presente che nel libro di Giobbe in tutte le parole che Dio rivolse a Giobbe per ammonirlo, nelle quali sono menzionate molte cose create da Dio, dico in tutte queste parole non c’è il benché minimo accenno ad altri pianeti abitati da lui creati. Facciamo poi notare che dato che gli altri mondi sono definiti dagli Avventisti non macchiati dal peccato, verrebbe da domandarsi come mai Satana non sia andato a tentare e a far cadere nel peccato anche gli abitanti degli altri pianeti. Se infatti è vero che lui prima di diventare l’avversario era presso Dio in cielo ed era a conoscenza che Dio aveva creato altri mondi abitati, e se dopo che fu espulso dal cielo tentò Eva e la fece cader in peccato, e poi poté presentarsi davanti a Dio ai giorni di Giobbe, come mai il nemico di Dio non è andato a tentare e far cadere nel peccato gli abitanti degli altri pianeti?


[1] Scuola del Sabato, 2/88, pag. 59

[2] Ibid., pag. 75

[3] Ellen G. White, La speranza dell’uomo, pag. 12

[4] Ellen White, op. cit., pag. 494

[5] Cfr. Gen. 6:1-4; Giob.1:6; 2:1; 38:7; 2 Piet. 2:4; Giuda 6-7


[Tratto dal libro “Gli Avventisti del settimo giorno“, di Giacinto Butindaro V.D.M.]

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...