Vai al contenuto

Errori dei Pentecostali Zaccardiani: Il settarismo

14 giugno 2011

Errori dei Pentecostali Zaccardiani: Il settarismo

La stragrande maggioranza degli Zaccardiani si considerano i soli salvati. Fuori da loro c’è la perdizione, l’apostasia. Non importa di che chiesa pentecostale o evangelica si tratta, fuori da loro, non c’è la Verità del Vangelo. Solo loro hanno la dottrina di Cristo. Il Cristo potente ce lo hanno solo loro, gli altri hanno un Cristo debole!!! O meglio, gli altri sono eretici, come li definisce Sergio Crocetti nel suo libro, perché ammettono il perdono per chi pecca dopo il battesimo. Gli Zaccardiani infatti riprovano energicamente ogni principio ‘che lascia intravedere il perdono del peccato a morte dopo il battesimo, considerando eretici tutti quelli che li propongono, ne parlano, li difendono e divulgano’ (Crocetti Sergio, ‘… è stato necessario scrivervi …’, pag. 19).

E’ per questo che è loro vietato di salutare con la pace i membri delle Chiese Pentecostali non Zaccardiane, ed è vietato loro espressamente di non partecipare in nessuna maniera ai culti di queste Chiese pena la scomunica perchè il ‘disobbediente’ in questo caso viene subito dichiarato ‘scaduto dalla grazia’ o quando gli va bene, riceve una riprensione pubblica.

Questo settarismo è fermamente condannato dalla Scrittura, che ci mette in guardia dal ritenerci i soli salvati, solo perché apparteniamo a questo o a quell’altro gruppo di credenti. Il Signore conosce quelli che sono suoi, certamente, ma i suoi non sono solo tra le Chiese Zaccardiane ma anche in altre Chiese Pentecostali come anche in altre Chiese Evangeliche non Pentecostali. La Scrittura dice: “A tutti quelli che l’hanno ricevuto egli ha dato il diritto di diventar figliuoli di Dio; a quelli, cioè, che credono nel suo nome; i quali non son nati da sangue, né da volontà di carne, né da volontà d’uomo, ma son nati da Dio” (Giovanni 1:12-13), non importa quindi di quale Chiesa fa parte chi crede nel Figliuolo di Dio, egli è un figlio di Dio, e va amato e considerato un fratello. Giovanni dice che chiunque ama Colui che ha generato, ama anche chi è stato da lui generato (1 Giovanni 5:1), ma ci avverte anche dicendo che chi non ama rimane nella morte (1 Giovanni 3:14), e che “chi non ama il suo fratello che ha veduto, non può amar Dio che non ha veduto” (1 Giovanni 4:20).

Forse gli Zaccardiani mi citeranno questi passi della Scrittura: “Chi passa oltre e non dimora nella dottrina di Cristo, non ha Iddio. Chi dimora nella dottrina, ha il Padre e il Figliuolo. Se qualcuno viene a voi e non reca questa dottrina, non lo ricevete in casa, e non lo salutate; perché chi lo saluta partecipa alle malvage opere di lui” (2 Giovanni 9-11). Ma faccio loro presente che per capire qual è questa dottrina che se uno viene a noi e non la reca, noi non lo dobbiamo né accogliere e né salutare, bisogna leggere questi passi precedenti: “E questo è l’amore: che camminiamo secondo i suoi comandamenti. Questo è il comandamento che avete udito fin dal principio onde camminiate in esso. Poiché molti seduttori sono usciti per il mondo i quali non confessano Gesù Cristo esser venuto in carne. Quello è il seduttore e l’anticristo. Badate a voi stessi affinché non perdiate il frutto delle opere compiute, ma riceviate piena ricompensa” (2 Giovanni 6-8). Dunque, la dottrina a cui l’apostolo fa riferimento è la dottrina dell’incarnazione del Figliuolo di Dio, che molti in quei giorni negavano e che ancora oggi viene negata da molti. Negarla infatti significa negare di conseguenza la morte e la resurrezione di Cristo, perché se Cristo fosse stato uno spirito egli non avrebbe potuto giammai morire e risorgere dai morti.

Zaccardiani, ascoltate, se io dovessi applicare la stessa regola che vi siete dati voi nei confronti di coloro che non professano la vostra stessa dottrina sul peccato, non dovrei chiamarvi e neppure considerare ‘fratelli’ perché voi professate una dottrina falsa sul peccato. Ma non  cadrò nello stesso vostro errore, in quanto so bene qual è la dottrina che se uno professa, io non lo devo ricevere e neppure salutare. Chi non lo sa purtroppo siete voi, e di conseguenza agite per ignoranza.

Qualcuno dirà allora: ‘Ma allora la dottrina non è importante?’ Certo che lo è, ma ci sono dottrine in seno alle Chiese Evangeliche sia Pentecostali che non Pentecostali che anche se sono sbagliate non rendono il Cristiano che le professa e insegna un figlio del diavolo o uno che è ancora perduto agli occhi di Dio. Altrimenti Paolo non avrebbe detto ai santi di Corinto: “Poiché noi siamo collaboratori di Dio, voi siete il campo di Dio, l’edificio di Dio. Io, secondo la grazia di Dio che m’è stata data, come savio architetto, ho posto il fondamento; altri vi edifica sopra. Ma badi ciascuno com’egli vi edifica sopra; poiché nessuno può porre altro fondamento che quello già posto, cioè Cristo Gesù. Ora, se uno edifica su questo fondamento oro, argento, pietre di valore, legno, fieno, paglia, l’opera d’ognuno sarà manifestata, perché il giorno di Cristo la paleserà; poiché quel giorno ha da apparire qual fuoco; e il fuoco farà la prova di quel che sia l’opera di ciascuno. Se l’opera che uno ha edificata sul fondamento sussiste, ei ne riceverà ricompensa; se l’opera sua sarà arsa, ei ne avrà il danno; ma egli stesso sarà salvo; però come attraverso il fuoco” (1 Corinzi 3:9-15). Vi faccio due esempi. Voi pensate che quei pastori che insegnano che non è necessario che le sorelle quando pregano o profetizzano si devono coprire il capo con un velo, non sono figli di Dio ma figli del diavolo e per questo andranno in perdizione? Ma certamente no. Voi pensate che quei pastori che insegnano il rapimento segreto (cioè il ritorno di Cristo in due fasi) non sono figli di Dio ma del diavolo perché credono in quella dottrina falsa? Ma certamente no. Certamente in quel giorno, quegli insegnamenti falsi saranno arsi dal fuoco, perché non hanno valore, ma essi saranno salvi come attraverso il fuoco perché comunque il loro fondamento era Cristo.

Paolo dunque non sta dicendo che anche se uno professa un altro Vangelo o accetta un altro Gesù, egli sarà salvato lo stesso, ma che fermo restando il Vangelo e il Gesù che ci presenta la Bibbia, anche coloro che insegnano o accettano degli insegnamenti che divergono dalla Bibbia ma che non compromettono la salvezza, saranno salvati lo stesso.

Dunque, fratelli, siate savi di cuore, e cercate di capire se chi vi sta davanti è un falso cristiano (cioè uno che ancora non è nato di nuovo, o professa un altro Vangelo, o ha accettato un altro Gesù) o un cristiano che ancora ha bisogno come ne ebbe bisogno Apollo che gli si esponga più appieno la via di Dio.

Per esempio voi siete di quei Cristiani a cui bisogna esporre più appieno la via di Dio, perché siete stati ammaestrati correttamente su alcune cose ma su altre siete stati ammaestrati in maniera sbagliata. Ecco dunque perché ho scritto questo libro, per supplire a quelle lacune che avete in campo dottrinale e comportamentale.

[Tratto dal libro: “I pentecostali zaccardiani“, storia, dottrine, regole e confutazioni dei loro errori; di Giacinto Butindaro V.D.M.]

[Ascolta e guarda i video in questa pagina sugli zaccardiani: I pentecostali zaccardiani: cenni storici, dottrine, regole e confutazione dei loro errori ]

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

No Temas Sino Habla

Entonces él Señor dijo de noche en visión á Pablo: No temas, sino habla, y no calles: Porque yo estoy contigo, y ninguno te podrá hacer mal (Hechos 18:9-10)

Blog di Aldo Prendi

Per la diffusione e la difesa delle dottrine bibliche

Acordai-vos

Tocai a trombeta em Sião, e dai o alarma no meu santo monte.

Egli è altresì scritto...

Blog di Nicola Iannazzo

Destatevi

"Suonate la tromba in Sion e date l'allarme sul mio santo monte" (Gioele 2:1)

Il Buon Deposito

Dottrine della Bibbia

La Massoneria Smascherata

"non v'è niente di nascosto che non abbia ad essere scoperto" (Matteo 10:26)

Listen to the sound of the sword

«Stand in the ways and see, and ask for the old paths, where the good way is, and walk in it» (Jeremiah 6:16)

Sana Dottrina

Perché verrà il tempo che non sopporteranno la sana dottrina; ma per prurito d'udire si accumuleranno dottori secondo le loro proprie voglie e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole.(2Timoteo 4:3-4)

La Buona Strada

Blog di Giuseppe Piredda, cristiano evangelico pentecostale trinitariano fondamentalista

He who has ears let him hear

A voice crying in the wilderness

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: