Skip to content

La Bibbia condanna l’idolatria che praticano i Cattolici Romani

26 novembre 2011

La Bibbia condanna l’idolatria che praticano i cattolici romani

La prima obiezione che si deve muovere contro il clero e tutti i cattolici romani è il fatto che hanno tolto dal catechismo il secondo comandamento dei dieci comandamenti, che dice:
“Non ti fare scultura alcuna né immagine alcuna delle cose che sono lassù ne’ cieli o quaggiù sulla terra o nelle acque sotto la terra; non ti prostrare dinanzi a tali cose e non servir loro, perché io, l’Eterno, l’Iddio tuo, sono un Dio geloso che punisco l’iniquità dei padri sui figliuoli fino alla terza e alla quarta generazione di quelli che mi odiano, e uso benignità, fino alla millesima generazione, verso quelli che m’amano e osservano i miei comandamenti.” (Esodo 20:4-6)

La Bibbia parla contro l’idolatria e definisce cosa sono e cosa fanno gli idoli, infatti in essa leggiamo:
“Ma il nostro Dio è nei cieli; egli fa tutto ciò che gli piace.
I loro idoli sono argento ed oro, opera di mano d’uomo.
Hanno bocca e non parlano, hanno occhi e non vedono, hanno orecchi e non odono, hanno naso e non odorano, hanno mani e non toccano, hanno piedi e non camminano, la loro gola non rende alcun suono.
Come loro sian quelli che li fanno, tutti quelli che in essi confidano.” (Salmo 115:3-8)

Inoltre, è significativo il racconto biblico in cui si narra che l’Arca dell’alleanza è stata a contatto con una statua. Eccovi cosa dicono le sacre Scritture:

“I Filistei, dunque, presero l’arca di Dio, e la trasportarono da Eben-Ezer a Asdod; presero l’arca di Dio, la portarono nella casa di Dagon, e la posarono allato a Dagon. E il giorno dopo, gli Asdodei alzatisi di buon’ora trovarono Dagon caduto con la faccia a terra, davanti all’arca dell’Eterno. Presero Dagon e lo rimisero al suo posto. Il giorno dopo, alzatisi di buon’ora, trovarono che Dagon era di nuovo caduto con la faccia a terra, davanti all’Arca dell’Eterno; la testa e ambedue le mani di Dagon giacevano mozzate sulla soglia, e non gli restava più che il tronco.” (1 Samuele 5:1-4)

Quindi, la Bibbia condanna l’idolatria da chiunque praticata, e di conseguenza anche l’idolatria praticata dai Cattolici Romani è da condannare, ed essa porta chi pratica tale peccato ad essere gettato all’inferno, perché gli idolatri non erediteranno il Regno di Dio, come ha detto Paolo:
“Non sapete voi che gli ingiusti non erederanno il regno di Dio? Non v’illudete; né i fornicatori, né GL’IDOLATRI, né gli adulteri, né gli effeminati, né i sodomiti, né i ladri, né gli avari, né gli ubriachi, né gli oltraggiatori, né i rapaci erederanno il regno di Dio.” (1 Corinzi 6:9-10)

Pertanto, alla luce di quanto abbiamo detto sopra, mi rivolgo a voi Cattolici Romani e a tutti coloro che sono comunque idolatri: convertitevi dagl’idoli all’Iddio vivente e vero, abbandonate di fare i vostri culti idolatrici in riverenza di statue e altri oggetti che nulla hanno a che fare con il culto spirituale da rendere a Colui che ha fatto i cieli e la terra. Ravvedetevi e credete nell’Evangelo, e Iddio vi farà nascere di nuovo e diventerete così figlioli di Dio e l’ira di Dio non sarà più sopra di voi, ma sarete avvolti dalla misericordia di Dio, farete la pace con il Creatore e vivrete una vita serena e piena di gioia. Se voi non vi ravvederete e continuerete ad adorare e servire le creature e gli idoli anziché Iddio, allora sarete condannati ad essere tormentati per l’eternità nello stagno di fuoco e di zolfo. Ecco, ve l’ho detto, ora spetta a voi chiedere perdono e abbandonare l’idolatria, io sono netto del vostro sangue.

Eccovi anche dei video che mostrano chiaramente dove hanno il cuore gli idolatri cattolici romani. Per prima cosa si vede che servono servono gli idoli con il loro cuore e il loro corpo; per secondo vediamo quanto si dispiacciono che il gesso dei loro idoli si rompa quando cadono a terra.

Giuseppe Piredda, salvato per grazia mediante la fede in Cristo Gesù.

Annunci
19 commenti leave one →
  1. Domenico permalink
    10 febbraio 2013 19:05

    Le leggi contenute nell’Antico Testamento sono fatte per gli ebrei antichi limitatamente alla loro epoca. A dimostrazione di questa affermazione posso portare l’esempio della lapidazione della donna, legge contenuta nel libro Deuteronomio che Gesù abolisce nel famoso episodio narrato dai Vangeli, i quali sono posteriori al Deuteronomio.

    Premesso ciò, deduciamo che una valida interpretazione dell’Antico Testamento deve necessariamente tenere conto dell’epoca in cui sono narrati i fatti. Al tempo di Mosè, gli Ebrei venivano dall’Egitto ed erano sedotti dagli dei Egizi di terra (Anubi, Bastet, Vitello d’oro), cielo (Ra, Horus) e acque (Sobek). In altre parole animali. La dimostrazione che si tratta di animali e non di tutti le creature sta nella costruzione dell’Arca dell’Alleanza ordinata da Dio nel libro dell’Esodo: <> Dio ordina di costruire statue di Angeli… creature celestiali superiori all’uomo.

    Mi piace

  2. Domenico permalink
    10 febbraio 2013 19:10

    Riporto i versetti del libro 25 di Esodo che non è stato stampato nel precedente messaggio per via della formattazione:

    18: Farai due cherubini d’oro: li farai lavorati a martello sulle due estremità del coperchio.

    19: Fa’ un cherubino ad una estremità e un cherubino all’altra estremità. Farete i cherubini tutti di un pezzo con il coperchio alle sue due estremità.

    20: I cherubini avranno le due ali stese di sopra, proteggendo con le ali il coperchio; saranno rivolti l’uno verso l’altro e le facce dei cherubini saranno rivolte verso il coperchio.

    Mi piace

  3. 10 febbraio 2013 19:42

    Pace a te, sta scritto nel secondo comandamento nella Bibbia, anche CATTOLICA, ma nascosto nel catechismo:
    «Non ti fare scultura alcuna né immagine alcuna delle cose che sono lassù ne’ cieli o quaggiù sulla terra o nelle acque sotto la terra; non ti prostrare dinanzi a tali cose e non servir loro, perché io, l’Eterno, l’Iddio tuo, sono un Dio geloso che punisco l’iniquità dei padri sui figliuoli fino alla terza e alla quarta generazione di quelli che mi odiano, e uso benignità, fino alla millesima generazione, verso quelli che m’amano e osservano i miei comandamenti.» (Esodo 20:4-6)
    In queste statue, immagini, e dèi che non devono essere adorati né serviti né a cui bisogna rendere il culto, ci sono sia i vitelli, sia le divinità egizie, e sia tutte LE CREATURE DI DIO.
    Pertanto, come ancora sta scritto:
    «essi, che hanno mutato la verità di Dio in menzogna, e hanno adorato e servito la creatura invece del Creatore, che è benedetto in eterno. Amen.» (Romani 1:25)
    Maria, gli angeli, tutti gli uomini in genere, sono creature di Dio, quindi è VIETATO dalla Bibbia adorarli, fare statue su di loro, servirli e rendere loro il culto, e chi commette e fa tali cose, viene chiamato dalla BIBBIA IDOLATRA, e gli idolatri, secondo quanto è scritto di seguito, vanno scaraventati da Dio all’INFERNO:
    «Non sapete voi che gli ingiusti non erederanno il regno di Dio? Non v’illudete; né i fornicatori, né gl’IDOLATRI, né gli adulteri, né gli effeminati, né i sodomiti, né i ladri, né gli avari, né gli ubriachi, né gli oltraggiatori, né i rapaci erederanno il regno di Dio.» (1 Corinzi 6:9,10)
    Gli IDOLATRI non erediteranno il REGNO DI DIO, e saranno scaraventati prima nel fuoco dell’INFERNO, e dopo nello STAGNO DI FUOCO E DI ZOLFO, dove rimarranno per essere tormentati giorno e notte per l’eternità.

    È idolatria adorare HORUS, iris, ma lo è anche adorare ASTARTE, la REGINA DEL CIELO, e guarda caso IL VOSTRO IDOLO chiamato MARIA, viene appunto chiamata anche REGINA DEL CIELO, proprio come lo era anticamente. Quindi, se ADORARE LA REGINA DEL CIELO, per il popolo di Israele ERA IDOLATRIA davanti a Dio, così lo è pure oggi, CHI ADORA MARIA è reo di IDOLATRIA, e se non si ravvede e non cessa immediatamente di commettere tale peccato, sarà scaraventato all’inferno quando morirà.

    I cattoli romani sono idolatri, perché servono, adorano, pregano, fanno donazioni e offerte ALLE CREATURE, e non al CREATORE, che è l’unico degno di essere adorato e servito.

    Anche Gesù l’ha detto chiaramente, con queste parole rivolte a Satana:
    «Allora Gesù gli disse: Va’, Satana, poiché sta scritto: Adora il Signore Iddio tuo, ed a lui SOLO rendi il culto.» (Matteo 4:10)
    Non sono abbastanza chiare le parole di Gesù per voi cattolici romani? Non è forse chiaro che gli uomini devono ADORARE SOLO IL CREATORE, e non le creature di Dio? Per me è tutto chiaro quello che sta scritto, ma voi cattolici romani siete IDOLATRI perché fate culti e servite le CREATURE, anche se quando erano in vita noi riconosciamo che hanno fatto il bene e la volontà di Dio, ma pure è necessario dire che NON VANNO ASSOLUTAMENTE ADORATE, PREGATE, INVOCATE, NE’ SI DEVE RENDERE LORO IL CULTO, e chi lo fa, È DA RITENERSI IDOLATRA! L’idolatra è idolatra sia quello antico che quello attuale, se UNO ADORA LA CREATURA, è un IDOLATRA secondo la Bibbia, secondo la volontà di Dio, hai voglia te di voler INGANNARE GLI UOMINI SEGUACI del Papa, dicendo loro che gli IDOLI SONO SOLO QUELLI EGIZIANI, perché non è così, e rimarranno sedotti solo quelli a cui Dio darà di ricevere lo spirito di errore, ma gli altri no, quelli a cui Dio dà intendimento, non possono essere sedotti dalle vane parole che hanno l’intento di ANNULLARE LA VOLONTA’ E I COMANDAMENTI DI DIO.

    Che i preti e i teologi cattolici siano in malafede, e facciano le cose con furbizia, lo si capisce dal fatto che hanno OMESSO il secondo comandamento del decalogo dal catechismo che viene insegnato alla massa, e ne hanno modificato altri. Se il comandamento contro le STATUE E L’IDOLATRIA secondo voi è facilmente comprensibiile che non riguarda più i tempi d’oggi, per quale motivo lo hanno tolto dal catechismo che viene insegnato alla folla dei cattolici? Avendolo tolto dal DECALOGO, dimostrano chiaramente che lo hanno voluto nascondere appunto perchè quel COMANDAMENTO parla proprio contro i loro culti e la loro idolatria e il loro servizio non fatto a Dio, ma alle creature di Dio.

    Ravvedetevi, dunque, voi ADORATORI e servitori della creatura, affinché Dio vi perdoni e vi rimetta i peccati, che SOLO DIO può rimettere, e non i preti, che sono uomini che periscono, che mangiano l’erba come fa il bue.

    Piace a 1 persona

  4. antonio permalink
    25 maggio 2013 00:14

    Condivido totalmente la condanna dell’idolatria ,cosa detestata da Dio ed assolutamente a Lui non gradita,sono le sacre scritture a dircerlo in maniera chiara ed inequivoca, è inutile girarci e rigirarci intorno,chi vuole essere ricambiato con amore dal Signore nostro Dio deve anch’esso ubbudire alle sue leggi ed i suoi principi,uno di questi è adorare pregare ed amare solo Lui per mezzo di Suo Figlio Cristo Gesu’,tutte le altre forme e altri intemedari sono vani essendo Lui Un Dio Geloso . Cosi’ è scritto !

    Mi piace

  5. paolo caruso permalink
    21 giugno 2013 00:31

    un saluto e pace a voi purtroppo la chiesa cattolica romana è un mescuglio di divinità pagane reciclate dopo costantino il vaticano è un luogo pieno di simboli esoterici vorrei far notare che nell’ultimo video sembra che la statua non sia stata sfiorata da nessuno (uomini)
    i cattolici romani farebbero bene a leggersi la scrittura piuttosto che confidare nei suoi visionari idolatri e convertirsi al dio vivente e al nostro salvatore cristo un affettuoso saluto a tutti voi paolo.

    Mi piace

  6. antonio permalink
    5 luglio 2013 22:03

    La stragrande maggioranza delle persone ascoltando tali scritture “tira su’ le spalle” , come ammettesse di capire l’errore ma non voler intendere,dando estrema soddisfazione a satana che con estrema facilita’ porta con se’ piu’ persone possibili nella morte eterna,trascurando e facendo orecchie da mercante al messaggio Divino ,unica salvezza ed unica speranza ed unica verita’ per il misero uomo terreno!

    Mi piace

  7. Francesco permalink
    12 maggio 2016 13:50

    quante chiacchiere!!!

    Mi piace

  8. 12 maggio 2016 16:12

    Le chiacchiere sono discorsi inutili, e non mi pare che qui si facciano discorsi da bar, qui si confuta la menzogna che mena in perdizione e si annunzia Gesù Cristo come UNICA via che salva. Qui non c’è posto per il relativismo massonico.

    Piace a 1 persona

  9. DOMENICO permalink
    10 ottobre 2016 10:19

    LA MADONNA DI MEDJUGORJE: IL VITELLO D’ORO DEI CATTOLICI IDOLATRI

    “…il popolo si adagiò per mangiare e bere, e poi si alzò per divertirsi.” (Esodo 32:6)

    Cattolici Romani dovete sapere che rendere il culto alle statue è PECCATO (Es. 20:4-6), in quanto si tratta di idolatria, un peccato che Dio ha in abominio e coloro che si danno all’idolatria non erediteranno il regno di Dio (1 Cor. 6:9-10), ma saranno gettati nello stagno ardente di fuoco e di zolfo per essere tormentati in eterno (Apoc. 14:11 ; 21:8). Dio odia le statue (Deut. 16:22) e ha promesso che un giorno non molto lontano sterminerà tutte le statue ed immagini scolpite (Mi. 5:12) e gl’idoli scompariranno del tutto (Is. 2:18). Io vi predico che da queste cose vane vi convertiate all’Iddio vivente, che ha fatto il cielo, la terra, il mare e tutte le cose che sono in essi (At. 14:15) e di iniziare ad adorarLo in ispirito e verità, perché il Padre cerca tali adoratori (Giov. 4:23). Smettetela di provocare Dio a vostro danno con l’opera delle vostre mani. Per la durezza del vostro cuore impenitente, vi state accumulando un tesoro d’ira per il giorno dell’ira e della rivelazione del giusto giudizio di Dio (Rom. 2:5). Ravvedetevi dalla vostra idolatria, convertitevi dagli idoli muti all’Iddio vivente e credete nell’Evangelo di Gesù Cristo. Solo così potrete finalmente sperimentare la nuova nascita, essenziale per vedere il regno di Dio, ed il perdono dei vostri peccati, che ancora gravano sulla vostra coscienza. Se ricuserete di ascoltare le mie parole e continuerete a camminare seguendo la caparbietà del vostro cuore malvagio, sappiate che non vedrete la vita, ma l’ira di Dio rimarrà sul vostro capo e prima o poi dovrete comparire davanti a Dio, quello stesso Dio che tanto professate di conoscere ma che invece rinnegate con le vostre opere (Tit. 2:16). Riflettete molto attentamente prima di prendere qualsiasi decisione. Ne va del destino eterno della vostra anima.

    “Prepàrati […] a incontrare il tuo Dio!” (Amos 4:12)

    “È cosa spaventevole cadere nelle mani dell’Iddio vivente.” (Ebrei 10:31)

    Chi ha orecchi da udire, oda

    Mi piace

  10. 29 ottobre 2016 21:10

    L’ internet è pieno di panzanate sull’ idolatria. Assurda è l’idea di combattere in lungo ed in largo ciò che la Vergine Maria ha permesso contro il fanatismo cristiano. Basta effettuare una ricerca in rete per leggere cose assurde come “l’idolatria del culto dei Santi”. Questo è proprio ciò che porta i cristiani alle guerre e cioè il disrispetto costante dei lavori di chi segue la Vergine Immacolata. Ed allora ci ritroviamo con un Papa bambino che pubbilca inconsistenze evangeliste, che si lamenta dei cristiani che vengono uccisi nei paesi musulmani ma nulla si può evitare ed il Papa sa bene di essere un truffatore ed opportunista e che si sta appoggiando anche sulle bugie dell’evangelismo di rete. Ma la vera idolatria si sta formando negli stessi bambini che sono ricchi ed a cui piacciono le statue dei tori, delle mucche, di topo gigio, dei dinosauri, delle mucche e di quant’altro e che tali statue sono sparse in giro nei posti dove si pratica lo stock market ed i mercati di franchigie. Dunque gli stessi bambini o bambinoni, chiamateli come volete scelgono di stare con la Vergine Maria, controlloano i mass-media e si fanno la loro idolatria che infine viene addirittura protetta dalla Vergine, in parecchi casi. Cosa dunque hanno raggiunto come scopo gli evangelisti nella loro ricerca di divenire bambini? Nulla. Le lingua è come il timone di una nave e se non la sanno usare allora la loro nave finisce a girare in alto mare.

    Mi piace

  11. 29 ottobre 2016 21:45

    Non solo internet è piena di panzane, moltissime cose che sono nel mondo, in realtà non sono quello che sembrano. Quindi, internet è piena di panzane perché a in essa si riversano quelle persone che sono nel mondo, e se sono ingannatori, falsi, ipocriti, malvagi nella realtà, di certo sul web non possono essere gente corretta e fedele.
    Noi la guerra la stiamo facendo, certo, una guerra spirituale, la buona guerra, con le parole, senza fare del male alcuno fisicamente a nessuno, in quanto Gesù Cristo lo vieta in maniera assoluta, anzi, dice di pregare per quelli che ci perseguitano e di amarli. Pertanto, il tuo tentativo di far cadere le confutazioni sulle falsità della Chiesa cattolica in una guerra violenta e sanguinosa, è del tutto fuori luogo. Parole, con prove certe e validi ragionamenti biblici, ecco le nostre armi, unitamente alle preghiere. Non ci sarà nessuna caccia alle streghe idolatriche da parte nostra, non possono dire lo stesso i cattolici, i quali sono conosciuti per aver sparso tanto sangue innocente. I violenti e i pericolosi, rimangono i cattolici romani non noi. Mi ricordo una volta che ero in auto, che mi sono sintonizzato su radio maria, ed un ascoltatore invocava contro i protestanti la tanto amata inquisizione per sbarazzarsi di quelli che li confutavano e dimostravano che avevano ampiamente torto con la Bibbia alla mano.
    Se c’è una cosa che si comprende chiaramente dai nostri scritti e dai nostri commenti è il fatto che noi rispettiamo chi non la pensa come noi, nel senso che non lo insultiamo e non lo deridiamo, certamente gli diciamo che ha torto e lo dimostriamo, e lo avvertiamo che sta andando all’inferno, ma questo è da intendersi come una manifestazione di carità nei suoi confronti, non come odio, come erroneamente tu ed altri volete far capire. Ma le cose non stanno come le presentate voi, perché voi mentite e volete per forza creare allarmismi e insultarci con il vostro modo di associarci sempre a qualcosa di pericoloso e di negativo. Per ora quelli pericolosi per l’incolumità e per le TASCHE delle persone non siamo stati noi. Eh sì, non dimentichiamoci dell’aspetto economico e delle ricchezze del vaticano, tanto per capire chi SFRUTTA e chi sono quelli sfruttati.
    Comunque, per concludere, ricordo a tutti che pregare, adorare, servire e rendere il culto a Maria, ai santi, agli angeli, a tutto quello che è stato creato È IDOLATRIA. Ripeto, pregare Maria è idolatria, e gli idolatri andranno all’inferno, ricordatelo questo.
    C’è Gesù Cristo, è risuscitato, è alla destra di Dio Padre, quindi è vivente e può ascoltare bene le vostre preghiere, quindi non avete motivo per rivolgervi ad altri, pregate Lui e chiedete misericordia a Lui che può sentirvi. Maria, essendo una creatura come gli altri, non può sentire nessuna persoa qui sulla terra.

    Piace a 1 persona

  12. Carlo Natali permalink
    7 dicembre 2016 21:35

    Come risposta a Roberto Delpopolo e quelli daccordo con lui sulla cosiddetta “Vergine”Maria gli segnalo che la conferenza Episcopale Tedesca a partire dal 2017 cambieranno il testo biblico sulla profezia della Vergine che partorirà con la traduzione esatta dall’Ebraico scritto sui testi su cui si basano tutte le bibbie cristiane: Isaia (7:14), in cui si legge una profezia della venuta del Messia: “Pertanto il Signore stesso vi darà un segno. Ecco: la vergine concepirà e partorirà un figlio, che chiamerà Emmanuele”. Il nuovo testo legge: “la vergine ha concepito e partorisce un figlio”.“Il cambiamento sembra suggerire che la vergine non è affatto più una vergine, dopo aver concepito, e nello stesso tempo si rimuove l’impeto profetico, cambiando i tempi dal futuro al passato”, scrive il commentatore. Questa tendenza continua, con una nota in cui si spiega che la parola ebraica “halmah” significa “giovane donna”.E se sono sinceri con se stessi ora devono spiegare con argomenti plausibili quale è la differenza tra l’idolatria di altre religioni passate e presenti e quella che la chiesa cattolica ha introdotto contrariamente a quanto è scritto nella bibbia.

    Mi piace

  13. Clemente permalink
    16 maggio 2017 09:21

    “…sono un Dio geloso che punisco l’iniquità dei padri sui figliuoli fino alla terza e alla quarta generazione di quelli che mi odiano, e uso benignità, fino alla millesima generazione, verso quelli che m’amano e osservano i miei comandamenti”…ecco a chi si sono ispirati i grandi dittatori e despoti del mondo

    Mi piace

  14. 16 maggio 2017 16:34

    Che si siano ispirati i grandi dittatori non cambia nulla, perché questo è i secondo comandamento del decalogo, che si adempie ogni qualvolta Iddio vuole farlo adempiere. Anche Gesù, dopo essere risuscitato dai morti, ha parlato dell’adempimento di quel comandamento (cfr Apocalisse 2:20-23).
    Anche questa è Parola di Dio, e si adempie per volontà di Dio, in tutte le epoche delle genti della terra.

    Mi piace

  15. Tommaso permalink
    11 gennaio 2018 05:50

    Clemente non sa che i dittatori sono strumenti usati da Dio per i suoi giudizi
    <a href=”https://labuonastrada.wordpress.com/2013/11/01/la-germania-nazista-di-hitler-verga-dellira-di-dio/

    Mi piace

  16. Enzo permalink
    4 luglio 2018 19:01

    Impeccabili i commenti che condannano l’idolatria.
    Delle vere e proprie dissertazioni.
    Complimenti!
    Peccato che come la chiesa cattolica ha omesso il secondo comandamento, così ha fatto con un altro.
    E di quello bisogna renderne conto esattamente allo stesso modo come gli altri nove.
    E come si suol dire, la Legge non ammette ignoranza.
    Questo comandamento purtroppo è scomodo anche a voi che additate l’idolatria.

    N.B.
    In riferimento all’ultimo commento pubblicato da Tommaso, mi rincresce dovervi deludere su questa subdola dottrina che promulgate ma le Scritture non mostrano assolutamente questo tipo ragionamento.
    I dittatori (come qualsiasi politico o governante), se sottomessi a Dio, allora possono essere suoi strumenti. In caso contrario, sono strumenti di qualcun altro.

    Mi piace

  17. 4 luglio 2018 19:24

    Ti ringrazio per il commento, anche per la contestazione, che ci permette di rispondere ancora anche su questo punto con le Scritture.
    Sta scritto>
    «E le dieci corna che hai vedute sono dieci re, che non hanno ancora ricevuto regno; ma riceveranno potestà, come re, assieme alla bestia, per un’ora. Costoro hanno uno stesso pensiero e daranno la loro potenza e la loro autorità alla bestia. Costoro guerreggeranno contro l’Agnello, e l’Agnello li vincerà, perché egli è il Signor dei signori e il Re dei re; e vinceranno anche quelli che sono con lui, i chiamati, gli eletti e fedeli. Poi mi disse: Le acque che hai vedute e sulle quali siede la meretrice, son popoli e moltitudini e nazioni e lingue. E le dieci corna che hai vedute e la bestia odieranno la meretrice e la renderanno desolata e nuda, e mangeranno le sue carni e la consumeranno col fuoco. Poiché Iddio ha messo in cuor loro di eseguire il suo disegno e di avere un medesimo pensiero e di dare il loro regno alla bestia finché le parole di Dio siano adempite.» (Apocalisse 17:12-17)

    Da tali parole comprendiamo che la bestia, che è l’anticristo, come anche gli altri re e autorità, non fanno altro che portare avanti il disegno di Dio.
    Solo questo basta per far capire a tutti che i re, come è scritto e riporto sotto, sono nelle mani di Dio ed Egli li vogle dove vuole:
    «Il cuore del re, nella mano dell’Eterno, è come un corso d’acqua; egli lo volge dovunque gli piace.» (Proverbi 21:1)
    È dunque biblico e confermato che ANCHE le autorità sono nella mani di Dio ed Egli ne fa quello che vuole.
    Capisco bene che la cosa non piace, perché fa vedere che Iddio regna, al contrario di come in genere oggi viene predicato, presentando un Dio che aspetta e si muove in base alla volontà dell’uomo. Ma non è così come insegnano costoro, perché IDDIO REGNA, e nessuno può fermare la sua mano che opera.

    Mi piace

  18. Enzo permalink
    8 luglio 2018 10:25

    Giuseppe, è apprezzabile il tuo fervore e la tua tempestività.

    Vedo che hai concentrato la tua risposta sul N.B. del mio commento, tralasciando un’opinione sulla parte principale, cioè i comandamenti omessi o modificati dal Vaticano.

    Comunque sia, creare una dottrina sulla base di pochi testi o su ciò che un testo preso alla lettera dice, è molto pericoloso.

    La storia ci illustra diverse persecuzioni dove sbandierando alcuni versetti ci si sentiva giustificati delle pene inflitte.

    Gesù in diversi casi diceva “vi è stato detto ma io vi dico…”

    Questo mostra quanto l’uomo possa giocare con le parole o non trarne il vero senso.

    Un esempio potrebbe essere quello di Giosuè che disse al sole di fermarsi e il sole si fermò. Egli si espresse in base a ciò che vedeva e non in base alle conoscenze astronomiche. Fatto sta, che Dio accontentò la sua richiesta senza correggere la sua affermazione e sulla base di quella affermazione non furono credute le scoperte sensazionali che oggi sono inconfutabili e scientifiche.

    Questo dovrebbe farci riflettere, perché il Creatore sa andare oltre le nostre parole, riuscendo a cogliere il senso e la logica dei nostri pensieri, mentre noi potremmo avere più difficoltà nel cogliere il suo.

    Certi testi presi alla lettera sono pericolosi se non ne cogliamo il senso.

    Stesso gioco fece satana quando tentò Gesù attraverso ciò che “Sta scritto”; egli giocò con le parole cercando di fuorviarne il senso.

    Da quello che comprendo studiando le Scritture (correggimi se sbaglio), affermare che Dio conosce ogni cosa è ben diverso dall’affermare che Egli manipola le nostre decisioni e il nostro cuore, chi manipola è satana.

    Il senso delle Parola di Dio mostra in modo lampante come egli preconosce ogni cosa e ogni nostra decisione ma non è l’artefice dei pensieri malvagi.
    Ne vale il libero arbitrio.

    La preconoscenza di Dio non è un disegno o un piano ma una realtà di fatto.
    Fa parte delle qualità di Dio.
    E’ insita in Lui.
    Egli prevede ogni nostra decisione e ogni nostra scelta, facendo tutto il possibile affinché ognuno possa ravvedersi ma non è complice di chi lo rifiuta o sceglie di opporsi e compie azioni malvagie.

    La Bibbia è intrisa di eventi che tolgono ogni dubbio sull’azione influente di satana senza la compartecipazione di Dio.

    Il Creatore permette che la malvagità faccia il suo corso per amor del suo nome e della sua pazienza; non perché ne è complice.

    Ci annuncia le previsioni per prepararci a ciò che accadrà, così da non farci smarrire e sentire abbandonati.

    Le previsioni in sé, sono un disegno, ciò che Dio prevede che accada e che accadrà senza ombra di dubbio.

    Ecco il disegno di Dio descritto in apocalisse.
    Il quadro della situazione.

    Ma dove alberga il male non c’è progetto – piano – un disegno di Dio bensì una anticipazione degli eventi.

    Ben differente dal piano di redenzione.

    L’uomo dedito al male abbandona Dio.
    Dio abbandona l’uomo dedito al male.
    Dio non abbandona chi ne fa il suo rifugio.
    Non esiste cooperazione tra male e bene.

    Questi versetti sono solo alcuni esempi:

    Isaia 1:28 ma i ribelli e i peccatori andranno in rovina assieme, e quelli che abbandonano il SIGNORE e saranno distrutti.

    Geremia 17:13 Speranza d’Israele, o SIGNORE, tutti quelli che ti abbandonano saranno confusi; quelli che si allontanano da te saranno iscritti sulla polvere, perché hanno abbandonato il SIGNORE, la sorgente delle acque vive.

    Salmi 10:14 Invece tu hai visto; poiché tu tieni conto della malvagità e dei soprusi per poi ripagare con la tua mano. A te si abbandona il misero; tu sei il sostegno dell’ orfano.

    Salmi 37:28 Poiché il SIGNORE ama la giustizia e non abbandona i suoi santi; essi son conservati in eterno; ma la discendenza degli empi sarà sterminata.

    Salmi 37:33 Il SIGNORE non l’ abbandona nelle sue mani, e non lo condanna quando egli viene giudicato.

    Salmi 73:27 Poiché, ecco, quelli che s’allontanano da te periranno; tu distruggi chiunque ti tradisce e ti abbandona.

    Geremia 17:5 Così parla il SIGNORE: «Maledetto l’ uomo che confida nell’ uomo e fa della carne il suo braccio, e il cui cuore si allontana dal SIGNORE!

    Ezechiele 3:20 Quando un giusto si allontana dalla sua giustizia e commette l’ iniquità, se io gli pongo davanti una qualche occasione di caduta, egli morirà, perché tu non l’ avrai avvertito; morirà per il suo peccato, e le cose giuste che avrà fatte non saranno più ricordate; ma io domanderò conto del suo sangue alla tua mano.

    Giovanni 13:27 Allora, dopo il boccone, Satana entrò in lui. Per cui Gesù gli disse: «Quel che fai, fallo presto».

    Atti 5:3 Ma Pietro disse: «Anania, perché Satana ha così riempito il tuo cuore da farti mentire allo Spirito Santo e trattenere parte del prezzo del podere?

    2Tessalonicesi 2:9 La venuta di quell’empio avrà luogo, per l’azione efficace di Satana, con ogni sorta di opere potenti, di segni e di prodigi bugiardi.

    Atti 26:18 per aprire loro gli occhi, affinché si convertano dalle tenebre alla luce e dal potere di Satana a Dio, e ricevano, per la fede in me, il perdono dei peccati e la loro parte di eredità tra i santificati”.

    Il versetto da te citato in Proverbi 21:1 <> , implica il connubio di entrambi: Eterno e il Re.

    Non c’è logica nel sostenere che l’Eterno collabori con gli stolti affinché si avverino i suoi disegni.

    Dio sa ogni cosa a prescindere e guida solo chi sceglie di affidarsi a Lui.

    E’ chiara in tutte le Scritture la partecipazione dell’Eterno nelle opere che procedono da Lui mirando sino a quant’è possibile di bussare alla porta per farsi accogliere, e al contrario, il suo astenersi – distaccarsi – abbandonare, coloro che non gli aprono il proprio cuore.

    Mi piace

  19. 8 luglio 2018 21:00

    Ti ringrazio prima di tutto per aver fatto notare il mio zelo, che nelle cose del Signore cerco di mettercela tutto, secondo la grazia che Dio mi ha dato.
    Considerato che dovrei e potrei confutarti, risponderti o chiederti ulteriori spiegazioni per ogni parola che tu hai scritto, e che questo può allungare di molto la discussione, preferisco ridurre la discussione ai punti salienti, tra i quali vi era il NOTA BENE, ed io avendo NOTATE BENE ed avendo risposto alla tua richiesta di porre particolare attenzione a quello che mi hai scritto, ho accettato quanto mi hai proposto. Ora leggo, invece, le tue parole che ha trovato strano che ti ho risposto al N.B., come se non fosse importante. Constatato ciò, mi permetto di dire che con le parole si possono dire tante cose, e il contrario di tutto, cambiando bandiera e opinione ogni giorno. Ma il lettore attento non si fa distrarre dal punto capitale delle questioni, ed io voglio essere appunto questo lettore attento.
    Andiamo oltre, avanziamo, e prendo in esame queste tue parole, giuste per un certo verso, ma solo verso una direzione, e non su tutte: “Certi testi presi alla lettera sono pericolosi se non ne cogliamo il senso. Stesso gioco fece satana quando tentò Gesù attraverso ciò che “Sta scritto”; egli giocò con le parole cercando di fuorviarne il senso.”
    Queste parole le ho sentite dire tante volte, da quelli che rimangono infastiditi dal nostro modo di parlare, improntato sempre alle parole di Gesù “STA SCRITTO”. Un’altra frase a cui ho improntato il mio modo di vivere, di parlare e di rispondere alle questioni è questa “LA SOMMA DELLA PAROLA È VERITA’”, quindi, prendendo alla lettera dei passi delle Scritture, alla luce della somma della Parola, si corrono pochi rischi, e non si uccide nessuno e non si fa male a nessuno e neppure si compiono soprusi contro i deboli e non si sfruttano economicamente i membri, come invece MOLTI FANNO nelle comunità ufficializzate e ben insediate in questo mondo e strettamente connesse con lo Stato, e guarda caso queste comunità di livello spirituale molto basso e molto lontane dall’esempio di Gesù e degli apostoli, sono proprio coloro che non prendono alla lettera molti passi delle Scritture.
    Prendere alla lettera i passi delle Scritture è molto meno pericoloso che interpretarli, perché l’interpretazione viene dalla mente dell’uomo, mentre la letterarietà non viene dall’uomo ma da Dio, perché la Parola di Dio è stata ispirata dallo Spirito santo.
    È questo forse, cioè prendere alla lettera la Scrittura, che divide la verità dalla menzogna? Per molti dirigenti delle denominazioni questo segna la differenza, e lascia loro poco spazio all’invenzione.
    Non è pericoloso credere letteralmente che il sole sorge ad est e tramonta ad ovest, ma la cosa più pericolosa è quella di dare interpretazioni personali e a quanto è letteralmente scritto nella Bibbia.
    Infatti, Gesù accusa i farisei di questo, con queste parole:
    «Ma egli rispose loro: E voi, perché trasgredite il comandamento di Dio a motivo della vostra tradizione? Dio, infatti, ha detto: Onora tuo padre e tua madre; e: Chi maledice padre o madre sia punito di morte; voi, invece, dite: Se uno dice a suo padre o a sua madre: ‘Quello con cui potrei assisterti è offerta a Dio’, egli non è più obbligato ad onorar suo padre o sua madre. E avete annullata la parola di Dio a cagion della vostra tradizione.» (Matteo 15:3-6)
    Gesù impone la letterarietà delle Scritture, e non solo in quel passo ma anche in altri, come in questo ad esempio: «Ed egli gli disse: Nella legge che sta scritto? Come leggi?» (Luca 10:26), non disse cosa hai capito da ciò che è scritto? Ma ha posto particolare attenzione a quanto è ESATTAMENTE SCRITTO e a quanto si legge.
    In risposta a questi ragionamenti sul considerare prima di tutto la letterarietà delle Scritture, mi citano sempre che anche Satana conosce le Scritture e le ha citate a Gesù, e questo è vero, ma l’informazione che vogliono trasmettere costoro, tra i quali ci sei tu che mi hai commentato sopra, è quella di far capire ai lettori o agli ascoltatori che le Scritture non devono essere prese letteralmente. Costoro errano grandemente, citando impropriamente e parzialmente Satana che cita le Scritture a Gesù, perché Gesù gli ha risposto sta “altresì scritto”, dimostrando ancora una volta che alle Scritture citate da Satana, bisogna rispondere con altre Scritture, non si può rispondere con pensieri umani, con interpretazioni personali, e altre cose vane del genere, e sempre mantenendosi sul senso letterale.
    Il punto capitale di quello che voglio dire è che le Scritture vanno sempre capite LETTERALMENTE, poi, quando si tratta di parabole o di paragoni o figure, allora si può anche cercare di dare una interpretazione, laddove le parabole non sono già state spiegate sempre dalla Scrittura.
    Satana è pericoloso, perché è lui che spinge le persone a interpretare arbitrariamente le Scritture e ad allontanarle dalla letterarietà del significato della Parola. Infatti, se è scritto non rubare, questo va preso letteralmente, senza alcuna eccezione, eppure quelli che propendono per la spiegazione di ogni passo con significati nascosti e talvolta contrari a quello che è scritto, trovano qualche eccezione in cui si può rubare, magari ai ricchi per dare ai poveri, e cose del genere. È scritto “non commettere adulterio”, ed invece ci sono quelli che vogliono dare spiegazioni a tutti i passi, arrivano a dire che si può commettere adulterio, magari risposando un’altra persona quando il primo coniuge è ancora in vita. Ecco, questi sono i risultati dell’allontanarsi dal significato letterale della Parola, lasciando spazio alla filosofica umana e a quello che falsamente si chiama scienza. Certo, la terra è sferica, lo so, che il sole è fermo e la terra gira, ma non tutto il parlare è perfettamente adattato alla realtà effettiva, e su questo voglio fare un esempi, che non è biblico, ma rende bene l’idea: perché impropriamente si chiede alle persone il loro nome in questa maniera? Come ti chiami? Letteralmente nessuno si chiama, io non mi chiamo, e a chi mi fa questa domanda mi sta semplicemente chiedendo il mio nome. Giosuè non può assolutamente, quindi, essere preso per poter spiegare che la Scrittura non va presa letteralmente, perché non è così. Giosuè fece questa preghiera al Signore Iddio:
    «Allora Giosuè parlò all’Eterno, il giorno che l’Eterno diede gli Amorei in potere de’ figliuoli d’Israele, e disse in presenza d’Israele: “Sole, fermati su Gabaon, e tu, luna, sulla valle d’Aialon! E il sole si fermò, e la luna rimase al suo luogo, finché la nazione si fosse vendicata de’ suoi nemici”. Questo non sta egli scritto nel libro del Giusto? E il sole si fermò in mezzo al cielo e non s’affrettò a tramontare per quasi un giorno intero.» (Giosuè 10:12-13)

    Ma ancora oggi anche noi, che abbiamo studiato astronomia e geografia, non diciamo ancora oggi che il sole tramonta ad ovest e sorge ad est? Questo annulla la conoscenza della sfericità della terra? Così non sia.
    Ora veniamo, di nuovo, ad un’altra questione molto discussa in ambito evangelico, da sempre, che è quella della sovranità di Dio. Ebbene sì, la risposta è che Dio muove ogni cosa, e da lui proviene ogni cosa, infatti è scritto:
    «Egli possiede la forza e l’abilità; da lui dipendono chi erra e chi fa errare.» (Giobbe 12:16)
    «I passi dell’uomo dabbene son diretti dall’Eterno ed egli gradisce le vie di lui.» (Salmo_37:23)
    «Il cuor dell’uomo medita la sua via, ma l’Eterno dirige i suoi passi.» (Proverbi 16:9 )
    «I passi dell’uomo li dirige l’Eterno; come può quindi l’uomo capir la propria via?» (Proverbi_20:24)
    «O Eterno, io so che la via dell’uomo non è in suo potere, e che non è in poter dell’uomo che cammina il dirigere i suoi passi.» (Geremia_10:23)

    «Il cuore del re, nella mano dell’Eterno, è come un corso d’acqua; egli lo volge dovunque gli piace.» (Proverbi 21:1)
    E che diremmo del discorso dell’Eterno con Satana a riguardo di Giobbe? Non gli ha forse detto a Satana «E l’Eterno disse a Satana: ‘Ebbene! tutto quello che possiede è in tuo potere; soltanto, non stender la mano sulla sua persona’. – E Satana si ritirò dalla presenza dell’Eterno.» (Giobbe 1:12)

    Una cosa simile accadde anche in un altro tempo, come a significare che quello che ho citato di Giobbe, non è un caso speciale ed unico, anzi, è qualcosa che Iddio fa come e quando gli piace, perché Egli è SOVRANO su tutto il suo creato:
    «E Micaiah replicò: ‘Perciò ascolta la parola dell’Eterno. Io ho veduto l’Eterno che sedeva sul suo trono, e tutto l’esercito del cielo che gli stava dappresso a destra e a sinistra. E l’Eterno disse: – Chi sedurrà Achab affinché salga a Ramoth di Galaad e vi perisca? – E uno rispose in un modo e l’altro in un altro. Allora si fece avanti uno spirito, il quale si presentò dinanzi all’Eterno, e disse: – Lo sedurrò io. – L’Eterno gli disse: – E come? – Quegli rispose: – Io uscirò, e sarò spirito di menzogna in bocca a tutti i suoi profeti. – L’Eterno gli disse: – Sì, riuscirai a sedurlo; esci, e fa’ così. – Ed ora ecco che l’Eterno ha posto uno spirito di menzogna in bocca a tutti questi tuoi profeti; ma l’Eterno ha pronunziato del male contro di te’.» (1 Re 22:19-23)

    Questo solo per dare un piccolo contributo in questo commento, ho citato soltanto pochi passi, ma ce ne sono tanti altri, che invito i lettori interessati da andare a leggere in questi link del mio sito e del mio blog:
    http://www.sentieriantichi.org/temi_caldi/predestinazione.html
    https://labuonastrada.wordpress.com/category/predestinazione/

    Iddio è sovrano, non aspetta e non spera che gli uomini facciano qualcosa, me è Lui che la dirige come vuole e quando vuole e con chi vuole. Iddio preconosce tutto, è vero, ma è limitativo parlare di preconoscenza di Dio, infatti è già stabilito quando e come verrà l’anticristo, e per avvenire questo Iddio deve indirizzare le cose come Lui vuole, non può di certo aspettare che le cose si compino da sé.
    Iddio ha già preordinato tutto, e non tenendo conto della preconoscenza, la quale secondo te e altri, vorrebbe significare che la volontà dell’uomo è SOTTOPOSTA alla volontà dell’uomo, ma questo non è assolutamente vero, infatti leggiamo questo passo che chiarifica bene la cosa:
    «Non solo; ma anche a Rebecca avvenne la medesima cosa quand’ebbe concepito da uno stesso uomo, vale a dire Isacco nostro padre, due gemelli; poiché, prima che fossero nati e che avessero fatto alcun che di bene o di male, affinché rimanesse fermo il proponimento dell’elezione di Dio, che dipende non dalle opere ma dalla volontà di colui che chiama, le fu detto: Il maggiore servirà al minore; secondo che è scritto: Ho amato Giacobbe, ma ho odiato Esaù.» (Romani 9:10-13)

    Quel passo ci fa capire chiaramente che le decisioni che Dio HA PRESO GIA- non sono dipese assolutamente dalle opere o dalla volontà dell’uomo, ma esclusivamente dalla volontà di Dio. Niente preconoscenza, dunque, ma solo volontà di Dio per compiere ogni cosa.
    Un altro passo interessante da considerare è questo, tra gli altri: «poiché Dio è quel che opera in voi il volere e l’operare, per la sua benevolenza.» (Filippesi 2:13)

    Non basta, dunque, dire che è la preconoscenza di Dio che lo ha spinto a prendere delle decisioni, assolutamente no, ciò è alquanto limitativo della sovranità di Dio e sposterebbe l’ago della bilancia di tutti gli accadimenti sulla volontà e nelle mani dell’uomo, cosa che non può essere, perché è Dio che ha fatto dei disegni, e spinge ogni cosa affinché si avveri tutto esattamente come Lui ha preordinato.
    Ed è bene che sia così, perché se Adamo ed Eva, i modelli più vicini al libero arbitrio, hanno fallito anche se nella loro carne non abitava il peccato, figuriamoci dopo l’entrata del peccato nel mondo cosa sarebbe successo se ci fosse il libero arbitrio, cioé non si sarebbe salvato nessun uomo.
    Ed è proprio qui che si capisce la misericordia di Dio, nel salvare gli uomini immeritevoli secondo la sua grazia, per mezzo della fede nel sacrificio compiuto da Gesù Cristo sulla croce.
    Satana, quindi, fa parte del piano di Dio, non è un essere libero di fare quello che vuole, lo abbiamo già dimostrato nella storia di Giobbe, e lo vediamo chiaramente anche all’inizio del millennio quando Satana al ritorno di Cristo Gesù viene incatenato per non sedurre le nazioni. Satana è un essere libero di fare quello che vuole? No, come nessun altro essere vivente del creato di Dio.
    Chiudo con un altro esempio biblico, Satana entrò in Giuda Iscariot e tradì Gesù, ma questo avvenne perché si dovevano adempire le Scritture, non perché lo ha voluto Satana e neppure perché lo ha voluto Giuda. Ecco cosa è scritto: «Mentre io ero con loro, io li conservavo nel tuo nome; quelli che tu mi hai dati, li ho anche custoditi, e niuno di loro è perito, tranne il figliuol di perdizione, affinché la Scrittura fosse adempiuta.» (Giovanni 17:12)

    Tutte cose che sono già state scritte e dimostrate ampiamente, passo dopo passo, che si può trovare nei link che ho messo sopra, dove vengono elencati vari articoli che affrontano l’argomento sovranità di Dio, predestinazione e libero arbitrio sotto tutti i punti di vista.
    Sono veri i passi citati nel tuo commento, le cose stanno così come sono scritte, esposte da un punto di vista conclusivo dell’evento, ma altri passi dimostrano chiaramente che certi eventi accadono perché è Dio che mette il volere nel cuore delle per fare determinate cose.
    Lo so, ora qualche lettore sta pensando che Dio è ingiusto, e a costoro la Parola risponde in questa maniera:
    «Che diremo dunque? V’è forse ingiustizia in Dio? Così non sia. Poiché Egli dice a Mosè: Io avrò mercé di chi avrò mercé, e avrò compassione di chi avrò compassione. Non dipende dunque né da chi vuole né da chi corre, ma da Dio che fa misericordia.» (Romani 9:14-16)
    «Tu allora mi dirai: Perché si lagna Egli ancora? Poiché chi può resistere alla sua volontà? Piuttosto, o uomo, chi sei tu che replichi a Dio? La cosa formata dirà essa a colui che la formò: Perché mi facesti così? Il vasaio non ha egli potestà sull’argilla, da trarre dalla stessa massa un vaso per uso nobile, e un altro per uso ignobile? E che v’è mai da replicare se Dio, volendo mostrare la sua ira e far conoscere la sua potenza, ha sopportato con molta longanimità de’ vasi d’ira preparati per la perdizione, e se, per far conoscere le ricchezze della sua gloria verso de’ vasi di misericordia che avea già innanzi preparati per la gloria, li ha anche chiamati (parlo di noi) non soltanto fra i Giudei ma anche di fra i Gentili?» (Romani 9:19-24)

    Iddio è sovrano su tutto il suo creato, Egli fa quello che vuole, di tutto e di tutti, e porta a compimento tutti i suoi disegni, già preordinati prima della fondazione del mondo. Iddio ha il controllo di ogni cosa.

    Ti consiglio, prima di scrivere ancora, di andare a studiare tutti quegli articoli che sono stati scritti ed elencati nei link, altrimenti ogni proseguimento diventa inutile e pretestuoso. Pace a te e che Dio benedica il suo popolo.

    [P.S. Questo blog è moderato, il moderatore sono io, e non è un ricovero di tutti i vari pensieri umani che agli uomini possano sorgere in mente. Poi, se vengono dette cose a cui più volte negli anni ho già risposto, vi rimando a leggere gli articoli di interesse. Quindi, siate comprensivi se non faccio passare tutto, perché non lo ritengo utile, e non faccio passare subito, perché ho bisogno di tempo libero per rispondere, lavoro, ho una famiglia e ho anche tante altre cose in cui sto impegnando per il Signore. Non ve ne abbiate a male se dopo avervi risposto, quando vedo che la discussione si arena, non faccio più passare i vostri commenti, perché ritengo inutile la cosa. In questo caso, comunque, se ritenete che i vostri commenti siano una illuminazione per la gente, avrete sempre la possibilità di esporla altrove, il web è pieno di strumenti con cui poter far conoscere il proprio credo agli altri]

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

No Temas Sino Habla

Entonces él Señor dijo de noche en visión á Pablo: No temas, sino habla, y no calles: Porque yo estoy contigo, y ninguno te podrá hacer mal (Hechos 18:9-10)

Blog di Aldo Prendi

Per la diffusione e la difesa delle dottrine bibliche

Acordai-vos

Tocai a trombeta em Sião, e dai o alarma no meu santo monte.

Egli è altresì scritto...

Blog di Nicola Iannazzo

Destatevi

"Suonate la tromba in Sion e date l'allarme sul mio santo monte" (Gioele 2:1)

Il Buon Deposito

Dottrine della Bibbia

La Massoneria Smascherata

"non v'è niente di nascosto che non abbia ad essere scoperto" (Matteo 10:26)

Listen to the sound of the sword

«Stand in the ways and see, and ask for the old paths, where the good way is, and walk in it» (Jeremiah 6:16)

Non tollero Jezabel

Il blog di Gian Michele Tinnirello

Sana Dottrina

Perché verrà il tempo che non sopporteranno la sana dottrina; ma per prurito d'udire si accumuleranno dottori secondo le loro proprie voglie e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole.(2Timoteo 4:3-4)

La Buona Strada

Blog di Giuseppe Piredda, cristiano evangelico pentecostale trinitariano fondamentalista

He who has ears let him hear

A voice crying in the wilderness

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: