Vai al contenuto

La Bibbia insegna che possiamo giudicare

9 dicembre 2011

La Bibbia insegna che possiamo giudicare

I santi possono e devono giudicare di ogni cosa, però usando un giusto giudizio, senza basarsi sull’apparenza delle cose, ma guardando alle prove certe e alle validità delle argomentazioni bibliche, infatti Gesù ha detto:
«Non giudicate secondo l’apparenza, ma giudicate con giusto giudizio.» (Giovanni 7:24)

Vedete, dunque, Gesù con quelle parole non ha vietato di giudicare, ma ha soltanto esortato a chi giudica di qualcosa che lo deve fare non basandosi sull’apparenza, ma con giusto giudizio.

Anche Paolo ha insegnato che si può, anzi si deve giudicare, infatti ha scritto:
«Non sapete voi che giudicheremo gli angeli? Quanto più possiamo giudicare delle cose di questa vita!» (1 Corinzi 6:3)

E ancora:
«Parlino due o tre profeti, e gli altri giudichino;» (1 Corinzi 14:29)

Diletti, se noi non potessimo giudicare niente e nessuno, come faremmo a valutare le parole di certi profeti per vedere se le cose vengono veramente da Dio? In tal caso saremmo nelle mani dei falsi profeti e di tutti i falsi ministri che parlano dal pulpito.

I santi devono stare attenti affinché nessuno li seduca e per fare questo hanno la necessità di giudicare quello che sentono e quello che vedono.

Purtroppo, però, ci sono pastori che vanno in giro a insegnare che non si deve giudicare mai, spogliando così i santi che gli danno retta di una protezione importante per contrastare le false dottrine, i falsi profeti e tutti i falsi credenti.

Quindi, le cose sono due, o questi pastori non conoscono le Scritture, e in questo caso trovo strano che siano pastori e che guidino delle pecore; o insegnano quella falsità per IMBAVAGLIARE i fratelli della loro comunità e non farli parlare quando notano degli scandali o sentono delle false dottrine che vengono insegnate dal pulpito. La seconda ipotesi è la più accreditata attualmente, anche se l’ignoranza nella conoscenza della Bibbia in molti pastori è ampiamente presente.

Oltre a quei passi che abbiamo citato sopra, nella Bibbia ne sono riportati ancora altri, ad esempio ci sono dei passi che ci dicono che è praticamente IMPOSSIBILE non esprimere mai un giudizio, nella stessa maniera con cui è impossibile non assaporare i cibi quando si mangia. Ecco cosa dice la Parola della verità:
«Poiché l’orecchio giudica dei discorsi, come il palato assapora le vivande.» (Giobbe 34:3)

Alla luce di quanto abbiamo letto, quindi, dire alle persone che non possono giudicare è come dire loro che non devono sentire il sapore dei cibi quando mangiano, e questo è praticamente impossibile.

Comprendete, fratelli, che non c’è conoscenza, né sapienza, né spiritualità nel dire che NON SI DEVE GIUDICARE MAI?

È chiaro che chi giudica e riprende le opere infruttuose delle tenebre non deve a sua volta praticarle, altrimenti costui sarà ritenuto maggiormente colpevole davanti a Dio.

Una giustificazione che usano certi pastori che non vogliono essere giudicati per quello che fanno e che dicono è questo: NESSUNO PUO’ GIUDICARE PERCHE’ SIAMO TUTTI PECCATORI!

Fratelli, noi tutti sappiamo che Iddio per mezzo del sangue di Gesù ci ha purificati da ogni peccato, ci ha santificati, affinché noi ci santificassimo e non vivessimo più nel peccato. Pertanto, noi che siamo stati santificati dobbiamo tenerci lontani dal peccato. Non siamo peccatori e non dobbiamo vivere e praticare ciò che dispiace al Signore.

Qualche volta siamo infedeli, questo è vero, ma c’è una grande differenza tra il dire che tutti sbagliamo dal dire che siamo peccatori, perché i santi non sono più peccatori e sanno che devono santificarsi, e chi non si santifica è un ribelle che cammina da nemico della croce.

Siamo sulla via della perfezione, ma non siamo peccatori, perché peccatori lo eravamo prima che il Signore ci salvasse e ci purificasse da ogni peccato.

Fratelli, non fatevi ingannare da certi pastori corrotti che non conoscono le Scritture e le citano solo per un loro tornaconto personale.

Che nessuno vi seduca con vani ragionamenti.

Giuseppe Piredda, salvato per grazia mediante la fede in Cristo Gesù.

2 commenti leave one →
  1. pierluigi permalink
    10 dicembre 2011 14:13

    si, ma non possiamo giudicare il cuore degli uomini. quello è riservato a Dio. le motivazioni profonde di ognuno non possono essere giudicate perchè ognuno di noi, essendo uomo, potrebbe essere il prossimo a cadere.

    "Mi piace"

  2. 10 dicembre 2011 14:40

    Gesù ha detto che dall’abbondanza del cuore la bocca parla, quindi, quando uno parla di soldi, sempre di soldi, si capisce che nel suo cuore alberga l’amore del denaro, di conseguenza noi veniamo a conoscenza anche di ciò che c’è nel cuore di quell’uomo.
    Anche gli psicologi riescono a capire talvolta cosa c’è nel cuore degli uomini, nel loro inconscio, tanto più noi figlioli dell’iddio vivente siamo in grado di sapere cosa c’è nel cuore di un uomo, servendoci di quanto ci insegna la Parola di Dio.
    Certamente ognuno di noi deve badare a non cadere, ma questa possibilità non può bloccare l’esprimere un giudizio su tutto ciò che ci troviamo a leggere, a guardare o a sentire.
    La cosa importante è che venga fatto con giusto giudizio, cioé non secondo l’apparenza delle cose. E a proposito di questo voglio fare un esempio esplicativo di un sano giudizio e di uno sbagliato.
    Se vediamo il pastore parlare con una donna in piazza davanti a tutta la gente e non lo vediamo in atteggianenti sospetti, non possiamo dire che questa donna che non è sua moglie sia la sua amante, sarebbe un giudizio espresso solo sull’apparenza ma privo di qualsiasi prova. Ma, se vedo il pastore nudo in una camera da letto con una donna, il giudizio cambia completamente.
    Voglio andare sul concreto, Benny Hinn è stato fotografato mano nella mano con Paula White a Roma in vacanza, che non è sua moglie. Mi pare che in questo caso, esendoci una foto che chiarisce un certo rapporto tra i due, sia un giudizio certo che Benny Hinn sia un adultero verso sua moglie Suzanne.
    Di conseguenza, se è provato che Benny Hinn è anche un adultero, con quale animo io potrei mettermi ad ascoltare le sue prediche bibliche? No, vi dico, io non lo ascolto per niente, perché è un uomo dissoluto e carnale, che non parla da parte di Dio, perché se parlasse da parte di Dio direbbe ciò che sta scritto nella Parola di Dio, si santificherebbe e non vivrebbe nel lusso più sfrenato.
    Ho espresso un giusto giudizio su Benny Hinn, che proviene da un esame della sua situazione di vita, non mi sono basato assolutamente sulle apparenza delle cose, sul sentito dire dagli altri, ma ho esaminato le sue parole, i documentari che lo riguardano, le sue risposte e le foto che lo hanno pescato con Paula White.
    Questo per farvi capire cosa significa esprimere un giusto giudizio, come è richiesto da Gesù.
    Poi, se ancora c’è qualcuno che non è convinto, allora pensi se fosse stato fotografato con sua moglie a Roma, mano nella mano, cosa avreste pensato? Che è un uomo di Dio? Pensate a vostra moglie presa mano nella mano con un pastore, o con taluni che dicono di essere servi di Dio, e vediamo quale tipo di pensiero, di valutazione, di giudizio vi verrebbe in mente.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...