Vai al contenuto

Si sono fatti un Dio che prende piacere ad essere lodato con musiche diaboliche

28 dicembre 2011

Si sono fatti un Dio che prende piacere ad essere lodato con musiche diaboliche

Il loro Dio ama che si canti a suon di musica rock, heavy metal, rap, e simili.
Questi tipi di musica sono diabolici (e difatti incitano alla violenza, alla volgarità, alla ribellione) e quindi non possono accompagnare i cantici che noi cantiamo a Dio.
Fatemi quindi spiegare che tipo di musica dovrebbe accompagnare i cantici che cantiamo a Dio.
Innanzi tutto, voglio ricordarvi che un Cristiano è una persona che appartiene a Cristo, e la Scrittura afferma che “quelli che son di Cristo hanno crocifisso la carne con le sue passioni e le sue concupiscenze” (Galati 5:24), perchè essi sono morti con Cristo al peccato, cioè il loro vecchio uomo è stato crocifisso con Lui, affinchè il corpo del peccato fosse annullato, affinchè essi non siano più schiavi del peccato (Romani 6:6).

Ecco perchè Paolo afferma: “Se dunque uno è in Cristo, egli è una nuova creatura; le cose vecchie son passate: ecco, son diventate nuove” (2 Corinzi 5:17), perchè un Cristiano non è più una persona carnale che cammina secondo le passioni e i desideri della carne, ma una nuova persona, una persona spirituale, che cammina secondo passioni e desideri nuovi, che sono santi e giusti in quanto prodotti in lui dallo Spirito di Dio. In altre parole, un Cristiano è qualcuno che cammina per lo Spirito e non secondo la carne – egli è una persona spirituale e non una persona carnale – perchè lo Spirito che dimora in lui lo sospinge a pensare, a vestirsi, a parlare, a comportarsi in una maniera completamente diversa, che è santa.

Un Cristiano è consapevole che non appartiene più a questo mondo malvagio, perchè il Signore lo ha riscattato da esso tramite il sangue di Gesù Cristo, e perciò ora dato che appartiene a Cristo, egli non deve amare il mondo e neppure le cose che sono nel mondo, perchè come dice Giovanni “tutto quello che è nel mondo: la concupiscenza della carne, la concupiscenza degli occhi e la superbia della vita non è dal Padre, ma è dal mondo” (1 Giovanni 2:16).
Di conseguenza, egli non deve suonare o ascoltare tutti quei tipi di musica che fanno appello alle concupiscenze carnali e cercano di sollecitarle, e tra questi tipi di musica c’è il rock, la disco, il rap e molti altri, in quanto tutti spingono gli uditori a muoversi sensualmente, a pensare pensieri malvagi, a fornicare, e così via, cioè a fare cose che sono ostili allo Spirito Santo.

Che tipo di musica dovrebbero dunque suonare o ascoltare i Cristiani? Essi dovrebbero ascoltare e suonare solo canzoni spirituali, cioè canzoni la cui melodia e i cui testi sono spirituali, secondo che è scritto: “Ma siate ripieni dello Spirito, parlandovi con salmi ed inni e canzoni spirituali, cantando e salmeggiando col cuor vostro al Signore” (Efesini 5:18-19), ed ancora: “La parola di Cristo abiti in voi doviziosamente; ammaestrandovi ed ammonendovi gli uni gli altri con ogni sapienza, cantando di cuore a Dio, sotto l’impulso della grazia, salmi, inni, e cantici spirituali” (Colossesi 3:16).
Alla luce delle Scritture, dunque, la musica che accompagna i cantici cristiani deve creare un’atmosfera santa, cioè una atmosfera spiritualmente sana che incoraggia l’attività dello Spirito Santo.

Fatemi spiegare cosa voglio dire. Tutti i santi che sono riuniti nel locale di culto, quando essi cantano un cantico al Signore o sentono qualcuno cantare un cantico, devono essere spinti a riflettere sull’amore di Dio che Egli ha manifestato verso noi mandando Gesù in questo mondo per compiere la propiziazione per i nostri peccati, sulla Sua potenza, sulla Sua fedeltà, sulla Sua grandezza, e così via; i credenti dovrebbero essere sospinti a lodare e ringraziare Dio sempre di più, dovrebbero essere spinti a rallegrarsi nel Signore, incoraggiati a seguire il Signore, dovrebbero sentirsi fortificati nell’uomo interiore, e spinti a chiedere a Dio di perdonare i loro peccati. Per quanto riguarda i peccatori invece che vengono a trovarsi nel locale di culto ed ascoltano i cantici, essi dovrebbero percepire che essi si trovano nel mezzo della Chiesa dell’Iddio vivente. In altre parole, gli increduli dovrebbero sentire la presenza di Dio in un luogo di culto anche attraverso la musica che viene suonata dai santi in quel luogo. Voglio dire che proprio come un credente, che cammina secondo lo Spirito, percepisce la presenza di demoni in un posto dove viene suonata musica rock o rap, così i peccatori dovrebbero capire che Dio è presente in un certo posto anche attraverso la musica che viene suonata in quel posto. Per mezzo della musica dovrebbero percepire una santa e spirituale atmosfera, ed essere incoraggiati a chiedere perdono a Dio per i loro peccati, e non dovrebbero sentirsi a loro agio fino a che non si pentono e credono nel Vangelo.

[Tratto dal libro scritto da Giacinto Butindaro dal titolo: “Si sono fatti un Dio su misura“, Roma – agosto 2011]

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...