Vai al contenuto

Per Francesco Toppi non costa nulla essere Cristiani Evangelici oggi

9 Mag 2012

Per Francesco Toppi non costa nulla essere Cristiani Evangelici oggi

L’essere Cristiani, o il vivere da Cristiani, o il mantenersi Cristiani, ha un prezzo, eccome se ha un prezzo, in termini di afflizioni, persecuzioni, tribolazioni, ingiurie, a motivo di Cristo da parte del mondo, e questo ancora oggi, ed anche qui in Italia, benchè la persecuzione fascista contro gli Evangelici sia cessata da molti anni ormai. E bisogna annunciarlo questo costo, al fine di non illudere coloro che credono in Cristo.

E’ un prezzo alto, quello che si deve pagare, quindi, per rimanere fedeli al Vangelo e alla sana dottrina; ma non c’è niente di che meravigliarsi o scandalizzarsi, perchè Gesù Cristo lo ha detto in svariate maniere questo.

Ascoltate le sue parole: “Se uno viene a me e non odia suo padre, e sua madre, e la moglie, e i fratelli, e le sorelle, e finanche la sua propria vita, non può esser mio discepolo. E chi non porta la sua croce e non vien dietro a me, non può esser mio discepolo. Infatti chi è fra voi colui che, volendo edificare una torre, non si metta prima a sedere e calcoli la spesa per vedere se ha da poterla finire? Che talora, quando ne abbia posto il fondamento e non la possa finire, tutti quelli che la vedranno prendano a beffarsi di lui, dicendo: Quest’uomo ha cominciato a edificare e non ha potuto finire. Ovvero, qual è il re che, partendo per muover guerra ad un altro re, non si metta prima a sedere ed esamini se possa con diecimila uomini affrontare colui che gli vien contro con ventimila? Se no, mentre quello è ancora lontano, gli manda un’ambasciata e chiede di trattar la pace. Così dunque ognun di voi che non rinunzi a tutto quello che ha, non può esser mio discepolo” (Luca 14:26-33); “Se il mondo vi odia, sapete bene che prima di voi ha odiato me. Se foste del mondo, il mondo amerebbe quel ch’è suo; ma perché non siete del mondo, ma io v’ho scelti di mezzo al mondo, perciò vi odia il mondo. Ricordatevi della parola che v’ho detta: Il servitore non è da più del suo signore. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi; se hanno osservato la mia parola, osserveranno anche la vostra. Ma tutto questo ve lo faranno a cagion del mio nome, perché non conoscono Colui che m’ha mandato” (Giovanni 15:18-21).
E per rendersi conto nella pratica del costo che i discepoli di Cristo devono pagare per la loro fede, basta leggere il libro degli Atti e le epistole, in particolare quelle di Paolo dove si può chiaramente vedere quanto soffrirono gli apostoli ed anche le Chiese di allora a motivo di Cristo.

A tal proposito, vorrei ricordare quello che ha detto Paolo a Timoteo: “Quanto a te, tu hai tenuto dietro al mio insegnamento, alla mia condotta, a’ miei propositi, alla mia fede, alla mia pazienza, al mio amore, alla mia costanza, alle mie persecuzioni, alle mie sofferenze, a quel che mi avvenne ad Antiochia, ad Iconio ed a Listra. Sai quali persecuzioni ho sopportato; e il Signore mi ha liberato da tutte. E d’altronde tutti quelli che voglion vivere piamente in Cristo Gesù saranno perseguitati; mentre i malvagi e gli impostori andranno di male in peggio, seducendo ed essendo sedotti” (2 Timoteo 3:10-13).

Voglio che prestiate la massima attenzione a queste parole “tutti quelli che voglion vivere piamente in Cristo Gesù saranno perseguitati”. Innanzi tutto Paolo dice chi sono coloro che saranno perseguitati, che sono quelli che vogliono vivere piamente in Cristo Gesù, ed anche dice quanti sono, infatti dice che sono tutti quelli che vogliono vivere piamente in Cristo Gesù. Cosa significa questo? Che non importa dove vivono o si trovano sulla terra quelli che vogliono vivere piamente in Cristo Gesù, perchè essi saranno perseguitati, essi soffriranno, essi saranno afflitti, a motivo della loro fede in Cristo.

La persecuzione quindi aspetta anche i discepoli di Cristo che stanno qui in Italia, oggi. Se così non fosse, la Parola di Dio sarebbe annullata. Ma sia Dio riconosciuto verace, ma ogni uomo bugiardo.

Giacinto Butindaro

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

No Temas Sino Habla

Entonces él Señor dijo de noche en visión á Pablo: No temas, sino habla, y no calles: Porque yo estoy contigo, y ninguno te podrá hacer mal (Hechos 18:9-10)

Blog di Aldo Prendi

Per la diffusione e la difesa delle dottrine bibliche

Acordai-vos

Tocai a trombeta em Sião, e dai o alarma no meu santo monte.

Egli è altresì scritto...

Blog di Nicola Iannazzo

Destatevi

"Suonate la tromba in Sion e date l'allarme sul mio santo monte" (Gioele 2:1)

Il Buon Deposito

Dottrine della Bibbia

La Massoneria Smascherata

"non v'è niente di nascosto che non abbia ad essere scoperto" (Matteo 10:26)

Listen to the sound of the sword

«Stand in the ways and see, and ask for the old paths, where the good way is, and walk in it» (Jeremiah 6:16)

Sana Dottrina

Perché verrà il tempo che non sopporteranno la sana dottrina; ma per prurito d'udire si accumuleranno dottori secondo le loro proprie voglie e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole.(2Timoteo 4:3-4)

La Buona Strada

Blog di Giuseppe Piredda, cristiano evangelico pentecostale trinitariano fondamentalista

He who has ears let him hear

A voice crying in the wilderness

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: