Skip to content

Gli apostoli dicevano ai santi di ricordarsi degli “schernitori”

26 maggio 2012

Gli apostoli dicevano ai santi di ricordarsi degli “schernitori”

«Ma voi, diletti, ricordatevi delle parole dette innanzi dagli apostoli del Signor nostro Gesù Cristo; com’essi vi dicevano:  Nell’ultimo tempo vi saranno degli SCHERNITORI che cammineranno secondo le loro empie concupiscenze. Costoro son quelli che provocano le divisioni, gente sensuale, che non ha lo Spirito. » (Giuda 17-19)

Fratelli nel Signore, ponete mente a queste parole scritte da Giuda, servitore di Gesù Cristo, perché lo Spirito santo lo ha sospinto a scriverle affinché la Chiesa dei santi ne venisse a conoscenza e si guardasse dagli SCHERNITORI.

Gli apostoli ricordavano ai santi di allora che negli ultimi tempi sarebbero venuti degli SCHERNITORI, cioè delle persone che con le loro parole si sarebbero FATTI BEFFE dei veri uomini di Dio e dei comandamenti del Signore, AVENDO UN CUORE MALIGNO, proprio con lo scopo di fare del male e disprezzare dei credenti e le VERITA’ di Dio che sono scritte nelle sacre Scritture. 

Queste cose sono state predette dagli apostoli per mezzo dello Spirito santo, e proprio ai giorni d’oggi si stanno verificando, infatti si sentono sempre più spesso dei credenti, dei pastori e degli anziani che si fanno beffe della Parola di Dio, dei fratelli che vogliono crescere nella conoscenza e nella santificazione e di coloro che contraddicono alle loro parole, opponendosi alla loro carnalità, ignoranza e mancanza di discernimento.

Fratelli nel Signore, mostrate la sapienza e il discernimento dello Spirito santo e quando riconoscete che taluni si dànno a schernire il loro prossimo, a farsi beffe di loro, ad insultarli e ad ingannarli con disprezzo, vi dovete ricordare di  queste parole scritte nella Bibbia, dovete guardarvi da questi SCHERNITORI, vi dovete guardare e tenerli alla larga da voi perché sono persone malvagie, che vi spingono per farvi uscire fuori dalla retta via; ma voi dovete resistergli, stando fermi nella fede e nella verità della Parola di Dio. Non fatevi ingannare da certi sentimenti su cui questi seduttori di menti e di cuori fanno leva, perché anche se questi schernitori sono fratelli e pastori che conoscete da tanto tempo, se li sentite prendersi beffe di altri, con malvagità di cuore e rancore, allora dovete sapere che questi sono uomini carnali, sono gente sensuale, e purtroppo taluni di questi, come ha detto Giuda, non hanno neppure lo Spirito santo, perché o non lo hanno mai avuto, in quanto non si sono mai convertiti a Dio, o si è ritirato da loro già da tempo.

Come dice la Scrittura, sono questi uomini carnali che provocano le divisioni tra i santi, nelle comunità, perché è scritto che sono gente sensuale, carnale che provocano le divisioni in mezzo alla Chiesa dell’Iddio vivente e vero. Badate bene che non provocano divisioni tra le pecore e le capre, tra la luce e le tenebre, perché questo avviene per volontà di Dio, affinché i santi si separino da tutto ciò che è tenebre, ma costoro provocano divisioni in mezzo alle stesse pecore del Signore, facendoli dividere per questioni di potere, di gloria personale e per altri motivi ingiusti e impuri.

Diletti, guardatevi da coloro che fanno delle battute di scherno contro qualcuno; guardatevi da quelli che raccontano  barzellette beffandosi di qualcuno; guardatevi da coloro che in qualche modo DERIDONO e scherniscono altri, quand’anche fosse lo stesso diavolo, perché non si deve insultare neppure il diavolo, in quanto è scritto:

«Invece, l’arcangelo Michele quando, contendendo col diavolo, disputava circa il corpo di Mosè, non ardì lanciare contro a lui un giudizio ingiurioso, ma disse: Ti sgridi il Signore! » (Giuda 9)

 

Quindi, fratelli nel Signore, nei veri uomini di Dio non deve esserci nessun accenno di scherno, di buffoneria, di disprezzo verso altre persone, neppure contro il diavolo; questo è un segno importante, e siccome nelle Scritture ci viene ricordato, per metterci in guardia da questi schernitori, è cosa certa che costoro sarebbero venuti, e tanto più che oggi siamo negli ultimi tempi, e Dio, prevedendo ogni cosa, ha pensato bene di  metterci in guardia, ad avvisarci per tempo della venuta di questi personaggi dannosi per tutta la Chiesa.

Purtroppo è doveroso far notare che il dànno che provocano nella Chiesa questi schernitori carnali e sensuali è maggiore tanto più siedono nei posti elevati nelle comunità e nelle organizzazioni.

Devo portarvi a conoscenza, fratelli nel Signore, del fatto che gli schernitori sono veramente tanti in mezzo alla Chiesa di Dio, e costoro stanno portando tanto discredito alle Scritture sacre, con i loro scandali e con le loro parole che annullano ciò che è scritto nella Parola di Dio, per instaurare e radicare le loro regole e tradizioni umane, per i loro interessi personali e per i loro privilegi ottenuti e da ottenere.

Non posso fare altro, come fecero gli apostoli, a voce e per iscritto, se non quella di mettere in guardia i santi che sono stati purificati dai loro peccati e rigenerati spiritualmente dallo Spirito santo, affinché riconoscano GLI SCHERNITORI, cioè quelli che si fanno beffe delle persone e persino della Parola di Dio, con le loro BUFFONERIE e le loro tradizioni, con i loro ragionamenti carnali, pieni di filosofia umana e, dopo che sono stati individuati, per prima cosa siano ammoniti severamente e successivamente siano tolti di mezzo dalla Chiesa se non accettano la correzione e non si ravvedono. Non importa se sono pastori o anziani o dottori nella comunità, vanno ripresi e ammoniti severamente, e pure devono essere dimessi dal loro incarico se non manifestano di avere le caratteristiche necessarie indicate nelle Scritture divine.

Considerate, fratelli nel Signore, che la Parola dice che in taluni di questi schernitori non c’è neppure lo Spirito; pertanto, se costoro sono a capo di una comunità, dove credete che possano guidarvi? Non cadrete tutti nel fosso, perché sono guidati da ciechi, e siete diventati ciechi pure voi che vi state facendo guidare da costoro? Certo, sia questi uomini carnali e sensuali cadranno nell’abisso, e trascineranno lungi dalla retta via anche voi che non avete vegliato, ed è per avvertirvi di questo che vi scrivo queste cose, affinché finalmente apriate gli occhi per discernere il bene dal male e impariate a riconoscere anche gli schernitori che fanno tanto male ai santi e all’Evangelo.

Chi ha orecchio ascolti ciò che lo Spirito dice alle chiese, per mezzo della Parola di Dio.

Giuseppe Piredda

Annunci
3 commenti leave one →
  1. francesco permalink
    6 marzo 2013 00:11

    pace fratello giuseppe,quello che stoscrivendo e personalmente per te.quando ho incominciato ha leggere il tuo sito non so come ci sono finito,mi sono chiesto ma quarda un po ce uno che la pensa come me testa facendo il lavoro che io voglio fare nella comunità dove io frequento.avrei il piacere di incontrarti ma credo sia difficile io sono della Sicilia,ma desiderei un consiglio da te,ce un comportamento tra le tante altre che mi assilla.premetto che dobbiamo essere in comunione col SIGNORE ogni giorno.quando ci sono le riunioni entrando in chiesa vedo che ogni fratello ho che viene abitualmente in ritardo ho che si fanno dei gruppetti parlando del piu e del meno senza essere per niente spirituali poi ci sono quelli che usano masticare la gomma per tutto il tempo del culto.sono io che sono troppo esigente ho e il SIGNORE che mi fa accorgere di queste mancanze.io ricordo sempre al SIGNORE cio che e importante per te lo sia anche per me cio che e insignificante per te lo sia anche per me affinche ti possa onorare.ce un versetto che mista a cuore,salmo 119/160.la somma della tua parola e VERITA.ti ringrazio per il consiglio che mi darai,che il SIGNORE possa strabenedire quelli che amano la sua PAROLA.

    Mi piace

  2. 6 marzo 2013 20:39

    Pace a te, i gruppetti e le chiacchiere che ci sono prima del culto, i saluti e altro, sono causati dal fatto che durante la settimana i fratelli non si incontrano, non si cercano e quindi quando hanno l’opportunità, nel momento meno opportuno prima del culto, si salutano e si scambiano delle parole.
    Questo dovrebbe cessare spiegandolo nella comunità, ma ponendo anche come soluzione quella che i fratelli si devono incontrare durante la settimana per informarsi dello stato di salute dei fratelli e scambiare delle parole tra di loro. Oltre a ciò, dovrebbero incontrarsi per parlare del Signore e pregare Iddio insieme ai fratelli.
    Per quanto riguarda la gomma da masticare, questo lo sanno anche quelli del mondo che per rispetto non si può parlare con qualcuno masticando. Tanto più dobbiamo rispettare Iddio, soprattutto durante il culto, non possiamo assolutamente mangiare caramelle o gomme da masticare mentre si rende il culto, questo vuole significare che non hanno capito cosa stanno facendo.
    Facciamo un esempio, se ci invitasse il presidente della repubblica italiana, secondo voi, ci potremmo presentare a lui e parlare con lui MASTICANDO il chewing gum? Ma no, non sarebbe consono e rispettoso inverso quella autorità dello Stato italiano. Quindi, tanto più non è conveniente masticare gomme quando si rende il culto al Signore, né si devono durante il culto scartare caramelle, mangiarle, succhiare lecca lecca o altro.
    Chi fa tali cose dimostra di non sapere che cosa vuole dire presentarsi davanti a Dio e rendergli il culto. In tali casi si rende un culto con la bocca, ma il loro cuore è lontano da Dio, quindi rendono un culto vano al Signore.
    Quando si rende un culto al Signore non bisogna distrarsi, né all’inizio del culto, né durante il culto con caramelle o gomme da masticare, come neppure si possono fare chiacchiere tra fratelli mentre il conduttore parla o prega.
    Fratelli nel Signore, siate savi, temete Iddio, fuggite il male ed ogni apparenza di male, non mangiate e non masticate nulla quando si rende il culto al Signore, concentratevi solo nel Signore e non fatevi distrarre da nessuno, e riprendete coloro che vi disturbano, ammoniteli ed esortateli a condursi in modo conveniente.
    Queste cose le avevo capite anche quando ero nel mondo, a scuola, infatti un professore che si faceva rispettare da tutti, appena entrava indica il cestino e tutti noi sapevamo che voleva dire che chi aveva caramelle o gomme da masticare avrebbe dovuto gettarle via, altrimenti avrebbero passato dei guai se lo avrebbe pescato a mangiare o masticare. Voleva rispetto e concentrazione dai suoi alunni, e quando l’ho incontrato tanto tempo dopo, l’ho ringraziato tanto, perché è riuscito ad insegnarmi bene la matematica ed una parte di educazione che ancora mi porto dietro, che altri non mi hanno insegnato. Allora mi pareva un uomo duro, troppo duro, ma ora capisco, guardando al frutto che ha portato, che ha fatto bene a fare quello che ha fatto.

    Mi piace

  3. francesco permalink
    7 marzo 2013 22:23

    pace,giuseppe ti ringrazio per il tuo consiglio sincero,continua ha difendere la PAROLAdelSIGNORE con tutte le tue forze,lagricoltore chesi affatica sara il primo ha raccogliere i frutti.che IDDIO del SIGNORE GESU CRISTO possa benedire te la tua famiglia e il tuo ministerio.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog di Aldo Prendi

Per la diffusione e la difesa delle dottrine bibliche

Acordai-vos

Tocai a trombeta em Sião, e dai o alarma no meu santo monte.

Egli è altresì scritto...

Blog di Nicola Iannazzo

Destatevi

"Suonate la tromba in Sion e date l'allarme sul mio santo monte" (Gioele 2:1)

Il Buon Deposito

Dottrine della Bibbia

La sana doctrina bíblica

Quien tiene oídos para oír, oiga

Chiesa Evangelica Pentecostale di Augusta

Gesù disse: Io son la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muoia, vivrà (cfr. Giovanni 11:25)

La Massoneria Smascherata

"non v'è niente di nascosto che non abbia ad essere scoperto" (Matteo 10:26)

SALVATI per GRAZIA

Blog Di Giuseppe Palamara

La verità rende liberi!

Sito di attualità e informazione cristiana

Listen to the sound of the sword

«Stand in the ways and see, and ask for the old paths, where the good way is, and walk in it» (Jeremiah 6:16)

Non tollero Jezabel

Il blog di Gian Michele Tinnirello

Sana Dottrina

Perché verrà il tempo che non sopporteranno la sana dottrina; ma per prurito d'udire si accumuleranno dottori secondo le loro proprie voglie e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole.(2Timoteo 4:3-4)

La Buona Strada

Blog di Giuseppe Piredda, cristiano evangelico pentecostale trinitariano fondamentalista

He who has ears let him hear

A voice crying in the wilderness

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: