Vai al contenuto

Gli atei non hanno “ragione”!

23 giugno 2012

Gli atei non hanno “ragione”!

Gli atei, gli gnostici, gli anticristiani, cioé l’antitesi del cristianesimo e della Bibbia, fanno appello di continuo alla “ragione”, volendo far intendere con questo che i cristiani non usano la loro RAGIONE nell’esaminare e nel giudicare le cose di questo mondo, ma sono soltanto persone  plagiate e succubi di altre persone, dai leader dei vari gruppi religiosi, credendo che la religione, tutta la religione chiede agli adepti il totale annientamento della propria ragione e volontà.
Per molte persone in effetti avviene proprio come dicono gli atei, perché certe persone religiose, che noi chiamiamo sette, rinunciano a ragionare con la loro testa, sostituendo alla loro volontà quella del pastore, o quella dell’organizzazione di cui fanno parte e a cui dedicano tutta la loro vita (anziché dedicare tutti i loro sforzi a Dio, li dedicano al loro pastore umano e alla loro organizzazione, anche quando questa li inganna, li tortura, li sbeffeggia e si prende gioco di loro, sfruttandoli in ogni affare, trattandoli come una postazione ‘bancomat’ e basta).
Premesso quanto detto sopra, parliamo ora della “ragione” come la intendono gli atei anti-cristiani.
Per “RAGIONE” s’intende “l’insieme dei ragionamenti che l’uomo fa in merito a tutte le cose del mondo e della scienza”.
È doveroso far notare che la ragione dell’uomo risulta diversa per ciascuno di essi, pertanto c’è da chiedersi: ‘in mezzo a tante RAGIONI talvolta molto diverse tra loro, chi stabilisce qual è giusta e qual è sbagliata?
Chi stabilisce dove finisce la ragione di uno e incomincia quella dell’altro?
Chi stabilisce quale ragionamento è corretto e quale sbagliato?
Gli atei contraddicono le religioni, tra cui il cristianesimo, ma non hanno assolutamente “ragione”; costoro devono sapere che la ragione da sola non è sufficiente all’uomo per fargli vivere una vita piena e soddisfacente, perché ci sono cose che non trovano spiegazione attraverso la ragione: ‘vedi i sentimenti di amore, odio, invidia, passioni, gelosia, etc., i quali non seguono i dettami della ‘RAGIONE’ dell’uomo, ma si manifestano senza alcuna spiegazione logica.
Con il pretesto della ‘ragione’ il diavolo vuole ingannare l’uomo, egli vuole farlo sentire padrone delle sue circostanze e della propria vita, come se lui fosse in grado di risolvere ogni cosa con la propria intelligenza e la propria ragione, facendo in modo che tutta la fiducia nella vita sia riposta in loro stessi, come se l’uomo fosse l’artefice della sua stessa vita, quando in realtà l’uomo non è niente, periscono le bestie come anche periscono gli uomini e ciò può avvenire in un qualsiasi momento.
In contrapposizione a quanto affermano gli atei e gli anticristiani, ecco cosa dicono le Scritture: «Io mi son rimesso a considerare che sotto il sole, per correre non basta esser agili, né basta per combattere esser valorosi, né esser savi per aver del pane, né essere intelligenti per aver delle ricchezze, né esser abili per ottener favore; poiché tutti dipendono dal tempo e dalle circostanze.» (Ecclesiaste 9:11)
Infatti, a conferma di quanto è scritto e per dimostrare che gli atei e gli anticristiani non hanno ragione, basta riflettere sul fatto che non tutti gli uomini occupano una dignità, una posizione in questo mondo che è corrispondente alla propria intelligenza, alla propria ‘ragione’. Quante volte si sente che le persone si lamentano del fatto che certe poltrone sono occupate dalle persone sbagliate? Lo sentiamo molte volte, e per la maggior parte delle volte si può anche essere d’accordo con loro. Queste cose avvengono perché è Dio che muove e dedice ogni cosa dell’universo, comprese le vite delle persone, le cui scelte e decisioni dipendono dalla volontà di Dio.
Oltre a tali “ragionamenti”, si deve aggiungere anche che la Bibbia afferma che nel cuore dell’uomo è presente il pensiero dell’eternità, della vita oltre la morte, che non può essere cancellato dai cuori e dai pensieri, e la RAGIONE si trova a scontrarsi con tale pensiero, senza che “LA RAGIONE” sia in grado di trovare mai alcuna risposta soddisfacente e definitiva («Dio ha fatto ogni cosa bella al suo tempo; egli ha perfino messo nei loro cuori il pensiero della eternità, quantunque l’uomo non possa comprendere dal principio alla fine l’opera che Dio ha fatta.» – Ecclesiaste 3:11)
È da questo pensiero che è presente nel cuore di tutti gli uomini, che in modo naturale e indipendente dalle proprie esperienze certuni sentono una spinta interiore ad alzare le proprie mani al cielo, riconoscendo l’esistenza di un ESSERE VIVENTE PIU’ GRANDE di loro, e volendone conoscere la natura, la volontà, cercando in tutte le maniere di comunicare con questo ESSERE SUPERIORE, che è chiamato “DIO”.
In questa ricerca e nell’invocazione della DIVINITA’ non c’è niente di male, non c’è niente di così IRRAGIONEVOLE o di insensato. Le cose insensate sono altre, perché se Dio ha lasciato la Bibbia all’uomo affinché si applichi a studiarla per conoscerne la natura, la volontà e cosa bisogna fare per piacerGli, mi pare sia una cosa insensata rigettarla per SEGUIRE LA PROPRIA RAGIONE, volubile e incerta in tutti gli aspetti. Credere di essere gli artefici del proprio destino è una cosa IRRAGIONEVOLE e insensata, perché l’uomo non è capace di fare neppure un capello né bianco né nero, ed è per questa credenza errata negli uomini che noi ci troviamo a controbattere di continuo, affinché gli uomini si diano a seguire e accettare la volontà di Dio, perché è una cosa di gran lunga migliore e sicura.

Come esempio, volgiamo il nostro sguardo e la nostra mente e RAGIONIAMO su tutta la CREAZIONE E SU TUTTO L’UNIVERSO.
Io ragiono e dico: ‘ma può essere mai che si può credere che dal caos di tutte le cose dell’universo si sia mai potuti arrivare all’ordine che c’è nella natura e nell’universo oggi?’
LA MIA RAGIONE è spinta maggiormente a credere che dall’ORDINE si può causare il CAOS, e non che dal CAOS più totale si possa arrivare ad avere tutte queste regole della natura, curate tutte nei minimi dettagli, come se fosse un brano musicale UNICO, suonato con diversi strumenti, ma tutti gli elementi della natura suonano la stessa melodia e nessuno stona; tutto è stabilito alla perfezione. No, non posso credere che tutto provenga dal nulla e dal CAOS, per RAGIONAMENTO, per letture scientifiche, per esperienza diretta nelle cose della vita, non posso accettare che dal nulla e dal caos si possa essere giunti a tutto ciò che oggi è presente nell’universo, in una maniera così ordinata e precisa in tutti i dettagli. La mia “RAGIONE” me lo vieta, non posso accettare la teoria del caos e del caso.

Potremmo anche supporre e concedere agli ATEI che dal profondo CAOS dell’universo si possa arrivare ad avere IN ORDINE UN ELEMENTO per casualità, due elementi, anche tre o quattro, ma mai scientificamente e RAGIONEVOLMENTE si può arrivare a credere che tutti i migliardi di cose ed elementi PROVENENDO DAL CAOS si sono messi in ordine, senza una guida e una decisione SUPERIORE e AUTOREVOLE, che io chiamo DIO, l’Eterno, Colui che ha fatto i cieli e la tera e tutto ciò che è in essi.

No, io RAGIONO, io uso la RAGIONE e non l’ANTI-RAGIONE degli atei, i quali  volendo annullare l’esistenza di Dio si sono dati a VANI e INSENSATI RAGIONAMENTI; IO anche con la RAGIONE RICONOSCO che in tutto il creato vi è la mano e la direzione di Dio che ha creato tutto e che ha messo ogni cosa nel suo giusto ordine. Ribadisco, credo che sia l’Iddio che ha fatto i cieli e la terra; l’Iddio d’Abramo, d’Isacco e di Giacobbe; l’Iddio e Padre del nostro Signore Gesù Cristo; l’Iddio che ha voluto comunicare con gli uomini anche attraverso le sacre Scritture, che ha fatto e messo in ordine ogni cosa dell’universo. Questo è il mio Dio, l’Iddio che viene presentato nelle sacre Scritture della Bibbia, a cui io mi prostro, m’inginocchio e mi metto faccia a terra, con la bocca nella polvere, perché Egli è degno di essere adorato e glorificato, ringraziato ed innalzato al disopra di ogni altra cosa. Io sono carne e polvere, sono niente, oggi sono e domani non sarò più; ma Dio, Egli è ETERNO, Egli non ha principio e non ha fine.

Ecco, quindi, che anche usando solo la “ragione”, solo l’intelligenza di cui Dio ha dotato in modo naturale gli uomini, guardando all’ordine della creazione di Dio, arrivo ad intendere tramite di essa quanto sono grandi le perfezioni e i pensieri dell’INVISIBILE IDDIO che ha fatto ogni cosa.

Naturalmente io credo in Dio non solo usando la ragione, ma anche perché Egli ha avuto misericordia di me, facendomi nascere di nuovo, dandomi il suo Spirito santo, per mezzo del quale ha risposto a molti quesiti sulla vita e sulla morte che prima non trovavo, perchè mi mancava il punto di vista della verità per giungere alle giuste conclusioni, ma ora l’anima mia si è acquetata.

A Dio, che ha avuto misericordia di me e mi ha salvato per grazia per mezzo della fede in Cristo Gesù, siano la gloria, l’onore e la lode nei secoli dei secoli. Amen!

Giuseppe Piredda
Annunci
5 commenti leave one →
  1. 24 giugno 2012 01:29

    “Chi stabilisce quale ragionamento è corretto e quale sbagliato?”
    La logica.

    “costoro devono sapere che la ragione da sola non è sufficiente all’uomo per fargli vivere una vita piena e soddisfacente, perché ci sono cose che non trovano spiegazione attraverso la ragione: ‘vedi i sentimenti di amore, odio, invidia, passioni, gelosia, etc., i quali non seguono i dettami della ‘RAGIONE’ dell’uomo, ma si manifestano senza alcuna spiegazione logica.”

    Non ci sono misteri nei sentimenti, sono fenomeni cerebrali che possiamo misurare, spiegare e provocare con scariche elettriche.
    Hanno una spiegazione perfettamente logica, soprattutto dal punto di vista evolutivo. A chi fosse interessato consiglio “intelligenza Emotiva” di Daniel Goleman.
    http://www.scienzesocialiweb.it/sites/default/files/Intelligenza%20emotiva.pdf

    ” basta riflettere sul fatto che non tutti gli uomini occupano una dignità, una posizione in questo mondo che è corrispondente alla propria intelligenza, alla propria ‘ragione’.”
    Mai sentito parlare di fattori multipli?
    In ogni caso sta di fatto che l’intelligenza (e quindi la ragione) è un ottimo indicatore del successo lavorativo della persona, con una correlazione superiore a 0.5 in altre parole di tutte le cose che ti spingono al successo l’intelligenza è responsabile di metà di quella spinta. In una nave con due vele sarebbe una vela intera, per intenderci.

    “Queste cose avvengono perché è Dio che muove e dedice ogni cosa dell’universo, comprese le vite delle persone, le cui scelte e decisioni dipendono dalla volontà di Dio.”
    Quindi quando un bambino nasce con l’aids non è colpa dell’uomo, ma di dio, capisco. Coerente con quello che è stato detto in altre occasioni sul libero arbitrio. L’avete appena negato.

    ” è presente il pensiero dell’eternità, della vita oltre la morte”…”la RAGIONE si trova a scontrarsi con tale pensiero, senza che “LA RAGIONE” sia in grado di trovare mai alcuna risposta soddisfacente e definitiva”
    La ragione l’ha trovata la risposta soddisfacente e definitiva: non c’è alcuna vita oltre la morte. potrà non piacerci ma è vero. Così come può non piacere l’idea che babbo natale non esista. Ma è vero.

    “È da questo pensiero che è presente nel cuore di tutti gli uomini, che in modo naturale e indipendente dalle proprie esperienze”
    Falso, esistono culture che non prevedono alcun “aldilà”, è un costrutto culturale.

    “In questa ricerca e nell’invocazione della DIVINITA’ non c’è niente di male, non c’è niente di così IRRAGIONEVOLE o di insensato”
    E invece si: tale ricerca va contro il rasoio di ockam. Il che è irragionevole.

    “perché l’uomo non è capace di fare neppure un capello né bianco né nero, ”
    Mai sentito parlare di trapianti, tinture…

    “‘ma può essere mai che si può credere che dal caos di tutte le cose dell’universo si sia mai potuti arrivare all’ordine che c’è nella natura e nell’universo oggi?”
    Si, la fisica spiega spiega come sia possibile che esistano fenomeni auto-organizzati nei sistemi caotici. Sono spiegazioni matematicamente valide e precise, se solo vi disturbaste a studiare la realtà invece di un libro dell’età del bronzo magari capireste.
    http://www.plancton.com/papers/chaos.pdf

    “La mia “RAGIONE” me lo vieta, non posso accettare la teoria del caos e del caso.”

    No, non è la tua ragione, ma il tuo PREGIUDIZIO. Quello che dice la ragione è nel pdf che ho linkato prima. Studia.

    Mi piace

  2. Pietro Maraco permalink
    24 giugno 2012 05:45

    Amen, il Signore ti beneica per il tuo L’avoro.
    Pietro

    Mi piace

  3. 21 settembre 2012 16:03

    La logica può stabilire quale ragionamento sia corretto e quale no? Questa affermazione sarebbe corretta solo se tutte le persone usassero la stessa logica, gli stessi parametri, la stessa coerenza e gli stessi principi per ogni evento e fatto; tuttavia tutti sappiamo che non tutti gli uomini riconoscono gli stessi principi e parametri per giungere ad una determinata conclusione.
    Basti pensare alle difficoltà che ci sono nei tribunali, i magistrati vedono certi fatti in una maniera, gli avvocati difensori in un’altra e i giudici devono dare una sentenza su quanto avvenuto. E come non bastassero le difficoltà in un dibattimento, si devono aggiungere quelli di ogni tribunale esistente sulla terra, che anche tra di loro e addirittura nella stessa nazione, seguendo gli stessi articoli di legge che disciplinano il dibattimento, possono pervenire nello stesso caso a decisioni diverse.
    Quindi, la logica, il ragionamento umano, essendo diversi per ciascun uomo, non si possono stabilire come elemento certo e definitivo per tutti, perché rimangono degli elementi astratti che sono intesi diversamente per ogni uomo esistente sulla terra.
    Per quanto riguarda la tua affermazione che i sentimenti possono essere provocati con le scariche elettriche, scusami ma mi fa sorridere, perché è una cosa assurda. È come dire che uno si vuole innamorare, va a farsi fare una scarica elettrica e si innamora; e di chi? No, non è logica questa affermazione, non è neppure scientifica a parere mio, ma lascio pure la libertà a tutti i lettori di trarne le proprie personali considerazioni.
    Comunque, in conclusione, o si crede che tutto ciò che esiste sia stato creato da Dio, o si deve credere che ci sia stata una esplosione, che non si sa da dove e non si sa chi la provocata, e che dalla esplosione, tanti miliardi di variabili si siano allineate per poter giungere alla creazione di tutto. Anche se statisticamente rivolgendosi ai miliardi di anni e ai miliardi di tentativi, risulta il tutto più approssimato all’impossibile che al possibile. Quindi, anche matematicamente è del tutto improbabile che tutto sia sorto proveniente dal CAOS e da una esplosione. Scientificamente è più probabile che dall’ordine delle cose si giunga al caos, anziché il contrario.
    Insomma, è più inverosimile e contro la RAGIONE E IL BUON SENSO UMANO NON CREDERE nella esistenza di Dio, che crederci.
    Anche matematicamente, all’infuori della fede, si hanno maggiori possibilità che Dio esista ed abbia creato tutto, che credere dal Caos, che da esplosioni, che in miliardi di anni si siano allineate tutte le cose come le conosciamo oggi.
    Il mondo è bello perché è vario, ma io esorto gli ATEI a non essere CREDULONI, ma a credere alle cose dimostrate e plausibili con la ragione, perché il credere nel CAOS è dovuto esclusivamente ad un PREGIUDIZIO che porta a contrastare l’esistenza di Dio.
    Io credo fermamente in Dio, Egli mi ha salvato e perdonato da tutti i miei peccati; mi ha rigenerato spiritualmente, mi ha guarito nel corpo, mi ha preservato da tanti mali e sventure. Sono cose che ho vissuto, e so distinguere bene la realtà dalla suggestione, come so anche distinguere le varie probabilità della venuta all’esistenza dell’universo.
    A Dio, che ha creato ogni cosa, siano la gloria, l’onore e la lode nei secoli dei secoli. Amen!

    Mi piace

  4. sciencerocks permalink
    20 marzo 2015 21:44

    Questo commento potrebbe risultare offensivo.
    Per favore non leggere se si pensa di poterne essere infastiditi.
    —————————————————————
    Che articolo pieno di ignoranza. Scritto da qualcuno che non ha mai aperto un libro di scienze, ma ha letto solo un libro, il “Buon Libro”…

    “La vita è come un viaggio nell’oceano. I nostri corpi sono le navi e senza una bussola morale andremmo tutti alla deriva.
    Allora per tenerci sulla buona strada il Signore ci ha fatto un regalo, e come quasi tutti i regali che ti fanno… era un libro.

    Io leggo soltanto un libro, ma è un Buon Libro, che non lo sai?
    Io mi comporto come mi comporto perché il Buon Libro mi dice di comportarmi così
    Se voglio sapere come comportarmi bene vado a leggere il Buon Libro!
    Perché il buon libro è un libro, ed è buono, ed è un libro!

    Ho provato a leggere altri libri ma mi sono arreso subito! I paragrafi non sono numerati e complicano tutti i fatti…

    Dai la mano al tuo partner e fate un figlio se potete, ma se le voci nella tua testa dicono di sacrificare tuo figlio per saziare il feticismo del tuo dio amorevole verso il sangue di bambini morti allora è solo fede e il libro lo comanda, alza quel coltello!

    Dai la mano a tua figlia, ma se viene stuprata da un uomo e si rifiuta poi di sposarlo, lapidala!

    Se chiudete gli occhi e le orecchie a tutta la conoscenza accumulata negli ultimi duemila anni allora moralmente siete fuori pericolo!
    Mentre decidiamo se sia giusto aiutare le persone che muoiono a morire o manipolare il DNA umano per alleviare il dolore e combattere le malattie, non c’è nessun motivo per cui dovrei leggere un qualsiasi altro libro che non sia il Buon Libro!
    I bambini vengono uccisi quando dio si arrabbia! Ti conviene dare un’occhiata al Buon Libro!”

    Tratto e liberamente adattato da The Good Book, Tim Minchin.

    Mi piace

  5. 20 marzo 2015 22:20

    Pace a te, io ho letto un BUON LIBRO, e lo leggo ancora, la Bibbia, ma vedo che tu leggi quello che scrive quell’insensato di Tim M., che mangia l’erba come tutti i comuni mortali, quindi, quale sapienza di vita può mai venire da lui?
    Non a caso i più grandi scienziati e inventori e scopritori erano CRISTIANI, non erano mica ATEI. Gli atei sono così impegnati a riflettere sul nulla dell’uomo, che non sono in grado di fare altro.
    Hai espresso il tuo parere di ateo, te lo hanno permesso, ma è stato deludente, non hai detto proprio nulla di sensato.
    Anche l’ateismo è una religione, perché devi sforzarti di NON CREDERE al cristianesimo e di CREDERE, sempre forzatamente, nel nulla della evoluzione e di tutte le stupidaggini partorite dalle menti umane, di cui molti sono andati a finire male, suicidi, drogati, o sono impazziti.
    Io mi tengo il mio libro, le sacre Scritture, che mi predicono anche il futuro, tu tieniti pure il parlare di Tim, che ti potrà aiutare molto.
    Io nella Bibbia trovo la risposta a molte cose che riguardano la vita, mentre negli atei non si trovano risposte.
    E quando ero malato a morte, ed ho pregato Iddio, ed Egli mi ha risposto, mi ha guarito e ridato la vita, io c’ero, ero là, nella mia debolezza, ma Dio mi ha guarito nella sua misericordia.
    Non sta scritto solo del coltello di Abramo, che poi un angelo lo ha pure fermato, ma è stato per metterlo alla prova, ma sta scritto anche che Dio aborrisce che si uccidano i propri figli.
    Gli atei sono l’esempio del nulla e della stoltezza (ti chiedo di non scandalizzarti per la mia franchezza), ma le cose stanno così, proprio così. Ti consiglio anche di leggere questo articolo, che ti farà di certo bene, e non male:
    “”Puoi mentire tutta la vita per i tuoi scopi, ma poco prima di morire, non ci sarà nessun buon motivo per mentire“”
    https://labuonastrada.wordpress.com/2015/02/02/puoi-mentire-tutta-la-vita-per-i-tuoi-scopi-ma-poco-prima-di-morire-non-ci-sara-nessun-buon-motivo-per-mentire/

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

No Temas Sino Habla

Entonces él Señor dijo de noche en visión á Pablo: No temas, sino habla, y no calles: Porque yo estoy contigo, y ninguno te podrá hacer mal (Hechos 18:9-10)

Blog di Aldo Prendi

Per la diffusione e la difesa delle dottrine bibliche

Acordai-vos

Tocai a trombeta em Sião, e dai o alarma no meu santo monte.

Egli è altresì scritto...

Blog di Nicola Iannazzo

Destatevi

"Suonate la tromba in Sion e date l'allarme sul mio santo monte" (Gioele 2:1)

Il Buon Deposito

Dottrine della Bibbia

La Massoneria Smascherata

"non v'è niente di nascosto che non abbia ad essere scoperto" (Matteo 10:26)

Listen to the sound of the sword

«Stand in the ways and see, and ask for the old paths, where the good way is, and walk in it» (Jeremiah 6:16)

Sana Dottrina

Perché verrà il tempo che non sopporteranno la sana dottrina; ma per prurito d'udire si accumuleranno dottori secondo le loro proprie voglie e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole.(2Timoteo 4:3-4)

La Buona Strada

Blog di Giuseppe Piredda, cristiano evangelico pentecostale trinitariano fondamentalista

He who has ears let him hear

A voice crying in the wilderness

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: