Vai al contenuto

Beato colui che serba le sue vesti onde non cammini ignudo e non si veggano le sue vergogne

24 giugno 2012

Beato colui che serba le sue vesti onde non cammini ignudo e non si veggano le sue vergogne

Fratelli nel Signore, d’estate si riapre la discussione per quanto riguarda se l’andare al mare in mutande sia lecito ai santi oppure no.

Tra i passi che citano questi uomini e donne corrotti, che pensano solo a divertirsi e non trovano niente di male spogliarsi seminudi davanti alle persone, c’è il seguente passo, che citerò nella sua interezza:

«Allora fu detto al re Davide: “L’Eterno ha benedetto la casa di Obed-Edom e tutto quel che gli appartiene, a motivo dell’arca di Dio”. Allora Davide andò e trasportò l’arca di Dio dalla casa di Obed-Edom su nella città di Davide, con gaudio.

Quando quelli che portavan l’arca dell’Eterno avean fatto sei passi, s’immolava un bue ed un vitello grasso.

E Davide danzava a tutta forza davanti all’Eterno, e s’era cinto di un efod di lino.

Così Davide e tutta la casa d’Israele trasportarono su l’arca dell’Eterno con giubilo e a suon di tromba.

Or avvenne che come l’arca dell’Eterno entrava nella città di Davide, Mical, figliuola di Saul, guardò dalla finestra; e vedendo il re Davide che saltava e danzava dinanzi all’Eterno, lo disprezzò in cuor suo.

Portaron dunque l’arca dell’Eterno, e la collocarono al suo posto, in mezzo alla tenda che Davide avea rizzato per lei; e Davide offrì olocausti e sacrifizi di azioni di grazie dinanzi all’Eterno. 

Quand’ebbe finito d’offrire gli olocausti e i sacrifizi di azioni di grazie, Davide benedisse il popolo nel nome dell’Eterno degli eserciti, e distribuì a tutto il popolo, a tutta la moltitudine d’Israele, uomini e donne, un pane per uno, una porzione di carne e una schiacciata di fichi secchi. Poi tutto il popolo se ne andò, ciascuno a casa sua.

E come Davide, se ne tornava per benedire la sua famiglia, Mical, figliuola di Saul, gli uscì incontro e gli disse: “Bell’onore s’è fatto oggi il re d’Israele a scoprirsi davanti agli occhi delle serve de’ suoi servi, come si scoprirebbe un uomo da nulla!”

Davide rispose a Mical: “L’ho fatto dinanzi all’Eterno che m’ha scelto invece di tuo padre e di tutta la sua casa per stabilirmi principe d’Israele, del popolo dell’Eterno; sì, dinanzi all’Eterno ho fatto festa.

Anzi mi abbasserò anche più di così, e mi renderò abbietto agli occhi miei; eppure, da quelle serve di cui tu parli, proprio da loro, io sarò onorato!”

E Mical, figlia di Saul, non ebbe figliuoli fino al giorno della sua morte.» (2 Samuele 6:12-23)

Dai passi che abbiamo letto, notiamo che Davide DANZAVA davanti all’Arca del Patto, poi OFFRIVA DEI SACRIFICI di animali e, per completare LE OPERE CHE HA FATTO DAVIDE, egli ha anche DISTRIBUITO AL POPOLO UN PANE, DELLA CARNE E DEI FICHI SECCHI.

Nella danza smodata, Davide sicuramente si era sollevato la veste, e si videro le sue vergogne, mentre gioiva e danzava a motivo dell’ARCA DEL PATTO. Davide era un servo di Dio e ciò che ha fatto lo ha fatto perché sospinto dallo Spirito di Dio; tuttavia dobbiamo porre mente al fatto che lo Spirito santo non lo ha sospinto soltanto a DANZARE E A MOSTRARE LE PROPRIE NUDITA’, ma anche a sacrificare a Dio degli animali secondo quanto diceva la LEGGE DI MOSE’, ed ha anche fatto tanto del BENE A TUTTO IL POPOLO, soprattutto ai POVERI, dando loro da MANGIARE un pane, della carne e dei fichi secchi; BADATE BENE che ha dato da mangiare a tutto il POPOLO, ad uno ad uno.

Ora, io mi domando, in tutto quello che viene detto in quel passaggio delle Scritture, come mai taluni estrapolano solo LA DANZA e LA NUDITA’ di Davide e la trasformano in QUALCOSA per loro che li autorizza a DANZARE e a FARSI TROVARE NUDI davanti agli altri uomini e donne? Tutto il resto del passaggio biblico perché non viene mai citato, né tantomeno praticato?

Ma noi vogliamo andare oltre e dare soddisfazione agli uomini carnali, che hanno tanto piacere a DANZARE e a METTERSI NUDI, e andiamo ad esaminare altri passi delle Scritture, e vogliamo aiutarli a trovare una giustificazione ANCORA MAGGIORE di quella di Davide, una giustificazione che POSSA farli SENTIRE anche di METTERSI COMPLETAMENTE nudi, quindi risparminadosi pure di mettersi LE MUTANDE e il REGGISENO.

Ecco cosa accadde a Saul, come riportato nelle Scritture:

«E anch’egli si spogliò delle sue vesti, anch’egli profetò in presenza di Samuele, e giacque nudo per terra tutto quel giorno e tutta quella notte. Donde il detto: “Saul è anch’egli tra i profeti?”» (1 Samuele 19:24)

Ecco, vedete, sta scritto che SAUL era NUDO, quindi voi potreste sentirvi autorizzati a METTERVI TUTTI NUDI AL MARE, ma non solo, anche IN COMUNITA’, visto che SAUL PROFETIZZAVA, quindi in lui si manifestava LO SPIRITO SANTO; e siccome anche oggi ci sono coloro che profetizzano, quindi, usando questo passo, POTREBBERO METTERSI TUTTI NUDI IN COMUNITA’ e PROFETIZZARE. Vedete come si possono usare certi passi delle Scritture fuori dal loro contesto e senza comprenderne il senso secondo la volontà di Dio?  È importante prendere sempre la somma della Parola di Dio, che è verità, per poter giungere ad una determinata conclusione, soprattutto se è una cosa che viene contestata da altri credenti.

No fratelli nel Signore, le cose non stanno come asseriscono taluni che pescano dalle Scritture solo quello che piace loro, PER GIUSTIFICARE LE LORO MALEFATTE e la loro condotta PECCAMINOSA; infatti la Bibbia non è come la frutta, che ci sono parti da scartare e altre da prendere a seconda del piacere personale.

Ora vediamo alla luce di tutta la SCRITTURA, altri passi che dimostrano che la volontà di Dio inverso i santi sia quella che si deve essere trovati sempre vestiti e non NUDI.

Adamo ed Eva quando furono creati da Dio erano nudi, si conoscevano da tempo, eppure, una volta che peccarono, appunto perché ormai il PECCATO era entrato nei loro cuori, ecco cosa fece IDDIO prima di mandarli via:

«E l’Eterno Iddio fece ad Adamo e alla sua moglie delle tuniche di pelle, e li vestì.» (Genesi 3:21)

Iddio, che è la massima autorità che gli uomini possano mai avere sopra di loro, ecco che cosa fece a riguardo di Adamo ed Eva: “LI VESTI’”, prima di mandarli via dall’Eden; non li mandò via NUDI, appunto per insegnare loro che da quel momento dovevano stare VESTITI e non rimanere più NUDI.

Sta anche scritto che i credenti dal momento che hanno creduto sono diventati sacerdoti:

«Giovanni alle sette chiese che sono nell’Asia: Grazia a voi e pace da Colui che è, che era e che viene, e dai sette Spiriti che son davanti al suo trono, e da Gesù Cristo, il fedel testimone, il primogenito dei morti e il principe dei re della terra. A lui che ci ama, e ci ha liberati dai nostri peccati col suo sangue, e ci ha fatti essere un regno e sacerdoti all’Iddio e Padre suo, a lui siano la gloria e l’imperio nei secoli dei secoli. Amen.» (Apocalisse 1:4-6)

Ora, tenendo conto secondo il passo precedente che noi siamo tutti sacerdoti, ecco qual è la volontà di Dio in merito AL MOSTRARE LE NUDITA’ da parte dei suoi sacerdoti:

«E per i figliuoli d’Aaronne farai delle tuniche, farai delle cinture, e farai delle tiare, come insegne della loro dignità e come ornamento.

E ne vestirai Aaronne, tuo fratello, e i suoi figliuoli con lui; e li ungerai, li consacrerai e li santificherai perché mi esercitino l’ufficio di sacerdoti.

Farai anche loro delle brache di lino per coprire la loro nudità; esse andranno dai fianchi fino alle cosce.

Aaronne e i suoi figliuoli le porteranno quando entreranno nella tenda di convegno, o quando s’accosteranno all’altare per fare il servizio nel luogo santo, affinché non si rendano colpevoli e non muoiano. Questa è una regola perpetua per lui e per la sua progenie dopo di lui.» (Esodo 28:40-43)

Vedete, dunque, che la Parola dice che non bisogna rendersi colpevoli di mostrare le proprie nudità, e per questo Iddio ha dato delle disposizioni ben precise, dei comandamenti e, addirittura, sta scritto anche che chi si sarebbe reso colpevole di tali cose sarebbe potuto anche morire. Questo a significare quanto era importante per il Signore che i sacerdoti di Dio non mostrassero LE LORO NUDITA’ e fossero ben vestiti nell’assolvere alle loro funzioni a cui erano stati stabiliti.

Ora, passiamo al Nuovo Patto, in particolare al momento in cui Gesù incontrò l’indemoniato di Gerasa:
«E quando egli fu smontato a terra, gli si fece incontro un uomo della città, il quale era posseduto da demoni, e da lungo tempo non indossava vestito, e non abitava casa ma stava ne’ sepolcri. …

E la gente uscì fuori a veder l’accaduto; e venuta a Gesù, trovò l’uomo, dal quale erano usciti i demoni, che sedeva a’ piedi di Gesù, vestito ed in buon senno; e s’impaurirono.» (Luca 8:27,35)

Come abbiamo letto, dunque, una delle caratteristiche dell’indemoniato era il fatto che era nudo, non indossava vestiti, questo perché il diavolo spinge gli uomini a denudarsi, lo fa perché sa bene che la concupiscenza della carne è un’arma potente nelle sue mani per far cadere le persone e anche i santi se è possibile. Dopo che Gesù cacciò i demoni che erano in quell’uomo, ecco che tra le conseguenze che si ebbero ci fu anche quella che l’indemoniato di Gerasa FU TROVATO VESTITO dagli abitanti del luogo quando udirono della liberazione e giunsero sul posto. Gesù non lo lasciò nudo, ma lo fece vestire, manifestando ancora la volontà di Dio che è quella che i credenti devono essere vestiti e non NUDI.

Leggiamo ora cosa fece Pietro quando pescava con la barca e seppe che Gesù era sulla riva:
«Or essendo già mattina, Gesù si presentò sulla riva; i discepoli però non sapevano che fosse Gesù.

Allora Gesù disse loro: Figliuoli, avete voi del pesce? Essi gli risposero: No.

Ed egli disse loro: Gettate la rete dal lato destro della barca, e ne troverete. Essi dunque la gettarono, e non potevano più tirarla su per il gran numero dei pesci.

Allora il discepolo che Gesù amava disse a Pietro: E’ il Signore! E Simon Pietro, udito ch’era il Signore, si cinse il camiciotto, perché era nudo, e si gettò nel mare.» (Giovanni 21:4-7)

Avete letto cosa fece Pietro? Non è forse chiaro ciò che i santi devono fare alla presenza del Signore Gesù Cristo? Rammentandosi sempre che siamo sempre alla presenza del Signore nostro Gesù Cristo.

Abbiamo letto che Pietro prima di gettarsi in mare per nuotare fino a riva, si cinse il camiciotto, se lo allacciò e si coprì, perché appunto era nudo, e non si volle presentare davanti al Signore NUDO.

Per quale motivo oggi ci sono dei credenti che vogliono mettersi NUDI? Si comportano in modo convenevole a santità, o peccano davanti al Signore e davanti agli uomini?

Ora citiamo con le parole dell’apostolo Paolo qual è la volontà di Dio in merito a come bisogna possedere il proprio corpo:
«Perché questa è la volontà di Dio: che vi santifichiate, che v’asteniate dalla fornicazione, che ciascun di voi sappia possedere il proprio corpo in santità ed onore, non dandosi a passioni di concupiscenza come fanno i pagani i quali non conoscono Iddio;» (1 Tessalonicesi 4:3-5)

Abbiamo letto, quindi, che la volontà di Dio è che i santi posseggano il loro CORPO, non solo il loro cuore, non solo la loro anima e i loro pensieri, ma anche il loro corpo in santità ed onore; pertanto, è necessario domandarsi quando ci si spoglia dei propri vestiti, lo stiamo facendo per la gloria di Dio, o per qualcos’altro? Stiamo servendo Iddio e nel denudarsi c’è la benedizione dello Spirito santo e la conferma della Parola di Dio, o è un desiderio della carne? La nostra coscienza, cosa dice quando ci togliamo i vestiti davanti ad altri uomini?

Diletti, voglio rivolgervi l’esortazione di Gesù, affinché viviate una vita felice, siate svegli e non siate sorpresi dal Signore, non solo per quanto riguarda il Suo Ritorno, ma soprattutto per quanto riguarda la dipartenza da questo corpo.

Eccovi l’esortazione di Gesù, una figura spirituale che prende in prestito qualcosa dal mondo reale, in particolare il fatto che non bisogna MOSTRARE le proprie VERGOGNE e la propria NUDITA’:

«(Ecco, io vengo come un ladro; beato colui che veglia e serba le sue vesti onde non cammini ignudo e non si veggano le sue vergogne).» (Apocalisse 16:15)

Chi ha orecchio ascolti ciò che la Parola di Dio dice alle Chiese.

Giuseppe Piredda, salvato per grazia mediante la fede in Cristo Gesù.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

No Temas Sino Habla

Entonces él Señor dijo de noche en visión á Pablo: No temas, sino habla, y no calles: Porque yo estoy contigo, y ninguno te podrá hacer mal (Hechos 18:9-10)

Blog di Aldo Prendi

Per la diffusione e la difesa delle dottrine bibliche

Acordai-vos

Tocai a trombeta em Sião, e dai o alarma no meu santo monte.

Egli è altresì scritto...

Blog di Nicola Iannazzo

Destatevi

"Suonate la tromba in Sion e date l'allarme sul mio santo monte" (Gioele 2:1)

Il Buon Deposito

Dottrine della Bibbia

La Massoneria Smascherata

"non v'è niente di nascosto che non abbia ad essere scoperto" (Matteo 10:26)

Listen to the sound of the sword

«Stand in the ways and see, and ask for the old paths, where the good way is, and walk in it» (Jeremiah 6:16)

apologeticum

Siate sempre pronti a render conto della speranza che è in voi a tutti quelli che vi chiedono spiegazioni. Ma fatelo con mansuetudine e rispetto, e avendo la coscienza pulita (1 Pt 3, 15-16)

Sana Dottrina

Perché verrà il tempo che non sopporteranno la sana dottrina; ma per prurito d'udire si accumuleranno dottori secondo le loro proprie voglie e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole.(2Timoteo 4:3-4)

La Buona Strada

Blog di Giuseppe Piredda, cristiano evangelico pentecostale trinitariano fondamentalista

He who has ears let him hear

A voice crying in the wilderness

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: