Vai al contenuto

Chiesa Cattolica Romana: «La Chiesa»

20 agosto 2012

Chiesa Cattolica Romana: «La Chiesa»

La dottrina dei teologi papisti

E’ la società dei veri Cristiani i quali professano la fede in Cristo, hanno i sette sacramenti, si sottomettono al papa, che essendo il successore di Pietro è il capo visibile di essa, ed ai vescovi che sono i successori degli apostoli. La chiesa cattolica romana è la unica e vera chiesa perché solo lei è una, santa, cattolica e apostolica. Le altre chiese, quantunque hanno il nome di chiesa, non sono vere chiese. Fuori della chiesa cattolica romana non c’è salvezza. Chi abbandona la chiesa cattolica è un eretico ed apostata.

Ecco cosa insegna il catechismo del Perardi a riguardo della Chiesa: ‘La Chiesa é la società dei veri cristiani, cioè dei battezzati che professano la fede e dottrina di Gesù Cristo, partecipano ai suoi Sacramenti e ubbidiscono ai Pastori stabiliti da Lui’.[1]

Vediamo adesso qual’è il significato di queste parole che tro­viamo sempre nello stesso catechismo: ‘sono cristiani tutti coloro che hanno ricevuto validamente il Battesimo’[2] e che oltre ad essere battezzati credono ‘esplicitamente le verità che si debbono credere di necessità di mezzo o per precetto, e almeno implicitamente tutte le verità rivelate che Gesù Cristo ci propone per mezzo della Chiesa’;[3] confessano ‘esplicitamente la fede anche a costo della vita quando è necessario’[4] e vivono ‘in conformità dei dettami della Fede, praticandone le opere e osservando i Comandamenti di Dio e della Chiesa’;[5] che ‘partecipano ai suoi Sacramenti, cioè credono (e usano) tutti i sette Sacramenti che Gesù Cristo ha istituito per santificare le nostre anime’,[6] e ubbidiscono ai Pastori stabi­liti da Cristo ‘di cui è capo il Sommo Pontefice’[7] e gli altri ‘sono i Vescovi, che in comunione col Papa reggono e governano la Diocesi loro assegnata’.[8] 

Nel catechismo si legge: ‘La Chiesa di Gesù Cristo è la Chiesa Cattolica Romana, perché essa sola è una, santa, cattolica e apostolica, quale Egli la vuole’.[9]

–  ‘La Chiesa è una perché tutti i suoi membri ebbero, hanno ed avranno sempre unica la fede, il sacrificio, i Sacramenti e il capo visibile, il Romano Pontefice, successore di san Pietro (…) La nostra Chiesa risponde a tutte queste condizioni di unità. Essa ha: 1) Unica la fede, cioè quella di Gesù Cristo predicata dagli Apostoli. Noi crediamo le stesse verità che furono credute dai cristiani di ogni luogo e tempo passato (…) 2) Unico il sacrificio, cioè la santa Messa, incruenta rinnovazione e rappresentazione del sacrificio della Croce (..) 3) I sette Sacramenti che Gesù Cristo istituì per santificarci, non uno di più, né uno di meno; 4) Il capo visibile, il Romano Pontefice, successore di San Pietro; la nostra Chiesa è retta e governata dal Romano Pontefice..’.[10]

–  La chiesa cattolica romana è santa perché ‘è stata fondata da Gesù Cristo che è santo’ e ‘perché in lei sono santi la dottrina, il sacrificio e i Sacramenti, e tutti sono chiamati a santificarsi; e perché molti realmente furono santi, e sono e saranno’.[11]

–  La chiesa romana è cattolica, cioè universale, ‘perché è istituitaeadatta per tutti gli uomini e sparsa su tutta la terra’.[12]

–  La chiesa romana è apostolica ‘perché è fondata sugli Apostoli e sulla loro predicazione, e governata dai loro successori, i Pastori legittimi, i quali, senza interruzione e senza alterazione, seguitano a trasmetterne e la dottrina e il potere’.[13]

–  ‘La Chiesa di Gesù Cristo, detta per eccellenza Cattolica, si chiama pure Romana, o Romana Cattolica, appunto perché il suo capo visibile, colui che la regge e governa in nome di Gesù Cristo, è il Vescovo di Roma, il successore di san Pietro nella sede romana’.[14]

Tutti coloro che non sono stati battezzati da fan­ciulli (o da adulti) in seno alla chiesa romana, o che rifiutano di credere tutto o in parte quello che essa insegna, o che negano qualcuno dei loro sacramenti, o rifiutano di ubbidire al papa ed ai suoi vescovi, non sono dei veri cristiani perché non appar­tengono alla Chiesa di Gesù Cristo che è la chiesa cattolica romana. Si legge infatti nel catechismo: ‘Qual’è la Chiesa di Gesù Cristo? La Chiesa di Gesù Cristo è la Chiesa Cattolica-Romana’;[15] ‘chi non è battezzato non è cristiano’,[16] ‘gli ereti­ci, che negano o tutto o in parte quello che Gesù Cristo ha rivela­to, non appartengono più alla Chiesa quantunque siano stati battezzati’,[17] ‘coloro che dicono di professare la fede di Gesù Cristo, e poi negano l’uno o l’altro dei Sacramenti, non appar­tengono neppure essi alla Chiesa’,[18] ‘coloro che rifiutano di riconoscere e di ubbidire il Papa e il rispettivo Vescovo non sono veri cristiani’.[19]

Gli eretici sono i battezzati che si ostinano a non credere qualche verità rivelata da Dio e insegnata dalla Chiesa, per esempio, i protestanti (…) Sono apostati i battezzati i quali, con qualche atto esterno, rinnegano, ripudiano la fede cattolica già professata. Non è perciò apostata (quantunque reo di gravissima colpa) il cristiano che ne trascura i doveri, ma quegli che con un atto esterno (come sacrificare agl’idoli, abiurare la fede cattolica, praticare un culto anticristiano, passare al prote­stantesimo, ecc.) rinnega la fede prima professata’.[20]

Bonifacio VIII (1294-1303) affermò: ‘C’è una sola Santa Chiesa Cattolica e Apostolica, al di fuori della quale non esiste salvezza né remis­sione dei peccati’.[21] Secondo questo papa, tutti coloro che si trovavano fuori dalla chiesa romana andavano in perdizione perché essa era l’arca della salvezza e chi ne era fuori sarebbe annegato. Il loro ‘sacrosanto’ concilio di Firenze (1439-1443) ha confermato ciò dicendo che la sacrosanta chiesa romana ‘crede, fermamente, confessa e predica che nessuno di quelli che sono fuori della chiesa cattolica, non solo pagani, ma anche Giudei o eretici e scismatici, possano acquistare la vita eterna, ma che andranno nel fuoco eterno, preparato per il demonio e per i suoi angeli, se prima della fine della vita non saranno stati aggregati ad essa; e che è tanto importante l’unità del corpo della chiesa, che solo a quelli che rimangono in essa giovano per la salvezza i sacramenti ecclesiastici, i digiuni e le altre opere di pietà, e gli esercizi della milizia cristiana procurano i premi eterni. Nessuno – per quante elemosine abbia potuto fare, e perfino se avesse versato il sangue per il nome di Cristo – si può salvare, qualora non rimanga nel seno e nell’unità della chiesa cattolica’.[22] Ancora oggi questa asserzione è dogma nella chiesa romana. Il suo concilio Vaticano II ha detto infatti: ‘Il santo Concilio (…) insegna, appoggiandosi sulla Sacra Scrittura e sulla Tradizione, che questa Chiesa pellegrinante è necessaria alla salvezza. Infatti solo Cristo, presente per noi nel suo Corpo, che è la Chiesa, è il mediatore e la via della salvezza; ora egli, inculcando espressamente la necessità della fede e del Battesimo, ha insieme confermata la necessità della Chiesa, nella quale gli uomini entrano mediante il Battesimo come per la porta. Perciò non potrebbero salvarsi quegli uomini, i quali, non ignorando che la Chiesa cattolica è stata da Dio per mezzo di Gesù Cristo fondata come necessaria, non avessero tuttavia voluto entrare in essa o in essa perseverare’.[23] In altre parole fuori dalla chiesa cattolica romana ‘non si hanno né i mezzi stabiliti né la guida sicura alla salute eterna. I mezzi stabiliti da Gesù Cristo sono la vera fede, il sacrificio, i Sacramenti ecc.; la guida sicura è la Chiesa docente’,[24] e perciò c’è la perdizione. Sempre il concilio ecumenico Vaticano II ha confermato questo dicendo: ‘Solo per mezzo della cattolica Chiesa di Cristo, che è lo strumento generale della salvezza, si può ottenere tutta la pienezza dei mezzi di salvez­za’.[25]

Per sostenere che la chiesa cattolica romana è la sola vera Chiesa i teologi papisti citano anche il fatto che i Cattolici romani sono centinaia di milioni nel mondo, e che tra di loro avvengono dei miracoli.

Confutazione

Quando si diventa membri della Chiesa di Dio secondo la Scrittura

Non si diventa membri della Chiesa di Gesù Cristo quando si viene battezzati da fanciulli in seno alla chiesa romana ma quando si nasce di nuovo, ossia quando si nasce d’acqua e di Spirito. E la nuova nascita il peccatore la sperimenta quando si ravvede dei suoi peccati e crede nel Signore Gesù Cristo; è allora, e solo allora, che egli può considerarsi membro del corpo di Cristo. Quindi sono membri della Chiesa di Dio tutti coloro che sono nati di nuovo secondo l’inse­gnamento del Signore.

Ma questa Chiesa non si può identificare con una particolare denomi­nazione escludendo così tutte le altre perché la Chiesa di Dio è composta da tutti coloro che in ogni luogo a prescindere la denominazione di cui fanno parte hanno sperimentato la nuova nascita. Con questo non vogliamo dire che rimanendo fuori dalla Chiesa di Cristo si può essere lo stesso salvati; affatto, perché noi sappiamo che solo i nati di nuovo erediteranno il regno di Dio ossia coloro che sono membra di Cristo, ma solo che non si può identificare la Chiesa con una particolare denominazione cristiana (e meno che meno con la chiesa cattolica romana che pretende di possedere i soli mezzi, cioè i sacramenti, tramite cui le persone possono essere salvate) escludendo da essa coloro che non ne fanno parte, perché la sua Chiesa è formata da tutti coloro che lo conoscono e sono stati da lui conosciuti e non da persone che hanno il nome di Cristiani ma che non sono rigenera­te.[26]

Qualcuno dirà: ‘Ed il battesimo?’. Esso è un atto che rappresenta la nostra entrata nella Chiesa di Dio dopo essere fuggiti dalla corruzione che è nel mondo per via della concupiscenza (si può anche dire che è un segno esteriore con cui chi ha creduto testimonia la sua entrata nell’assemblea dei riscattati dopo avere vissuto una vita al servizio dell’iniquità e del peccato), che viene ministrato a persone che sono già passate dalla morte alla vita, che sono state già strappate dalla potestà delle tenebre e tra­sportate nel regno di Dio.[27]

Teniamo presente pure, quando parliamo del battesimo, che esso anticamente veniva ministrato il giorno stesso che le persone credevano, e non dopo settimane o mesi; e poi che non era una cerimonia pomposa, come purtroppo è diventato oggi in molti casi, da sembrare un rito magico o qualcosa di simile, quasi che possedesse la virtù di fare diventare Cristiani e membri della Chiesa di Dio. Non è così perché se il battesimo avesse il potere di fare diventare figliuoli di Dio e perciò membri della Chiesa di Dio la fede sarebbe annullata.

La Chiesa di Dio secondo la Scrittura

Vediamo ora come viene chiamata e rappresentata la Chiesa di Dio dalla Scrittura, al fine di comprendere e dimostrare perché non si può identificarla con la chiesa cattolica romana.

–  Gesù Cristo ha paragonato la Chiesa ad una vite; egli disse infatti ai suoi discepoli: “Io sono la vera vite, e il Padre mio é il vi­gnaiuolo. Ogni tralcio che in me non dà frutto, Egli lo toglie via; e ogni tralcio che dà frutto, lo rimonda affinché ne dia di più. Voi siete già mondi a motivo della parola che v’ho annunzia­ta. Dimorate in me, e io dimorerò in voi. Come il tralcio non può da sé dar frutto se non rimane nella vite, così neppur voi, se non dimorate in me. Io son la vite, voi siete i tralci”.[28]

Ora, noi ci siamo uniti al Signore e siamo diventati un solo spirito con lui quando ci siamo ravveduti dai nostri peccati ed abbiamo creduto nel suo nome; per questo diciamo di essere entra­ti a fare parte della vite, cioè della casa di Dio. Quindi coloro che non si sono ancora ravveduti e non hanno creduto nel Figliuo­lo di Dio non sono uno con noi in Cristo Gesù, non importa di che Chiesa essi dicono di fare parte, perché non sono dei tralci della vigna di Dio. Come si fa dunque a riconoscere se una perso­na è un tralcio di questa vite? Innanzi tutto dal fatto che possiede la certezza di avere ottenuto la remissione dei peccati (perché si è ravveduto ed ha creduto in Cristo); e poi dai frutti degni del ravvedimento che egli porta osservando i comandamenti di Cristo. In altre parole dal fatto che egli dimora in Cristo e che Cristo dimora in lui. Come si possono dunque definire tralci della vite i Cattolici romani che dicono di non avere la certezza del perdono dei peccati e che sono dati all’idolatria e ad ogni forma di super­stizione? La risposta è: non si può.

–  La Chiesa di Gesù Cristo è l’assemblea di quelli che il Signore ha riscattati dal presente secolo malvagio, cioè di quelli che egli ha tirato fuori dal presente sistema di cose.[29] E noi, essendo stati tirati fuori dal presente secolo, siamo entrati a fare parte di questa santa assemblea: mentre tutti coloro che sono ancora di questo mondo non ne fanno parte, non importa se sono stati battezzati da fanciulli, cresimati o se si comunicano regolarmente. Essi sono nel numero di coloro che la Scrittura chiama “quelli di fuori”[30] e non tra coloro che la Scrittura defini­sce “quelli di dentro”.[31] Ma perché possiamo affermare che i Cattolici romani sono fuori dalla Chiesa di Dio e non dentro, e quindi del mondo e non di Cristo? Perché essi stessi, con la loro stessa bocca, affermano di non essere stati salvati. Non si può infatti definire una persona perduta un membro dell’ekklesia di Dio; perché le pecore perdute sono fuori dall’ovile e non dentro. Ribadiamo però anche che non si possono definire membri della Chiesa di Dio neppure tutti quelli che si dicono Evangelici o Protestanti ma che ancora non sono nati di nuovo. Essi sono perduti e fuori dalla Chiesa alla stessa stregua dei Cattolici romani.

–  La Chiesa è una casa spirituale formata da pietre viventi, cioè da uomini e donne che erano un giorno morti nei loro peccati e dopo sono stati vivificati dallo Spirito Santo; e noi per la grazia di Dio siamo parte di queste pietre viventi. Questo è quello che insegna Paolo quando dice agli Efesini: “E voi pure ha vivificati, voi ch’eravate morti nei vostri falli e nei vostri peccati… Voi dunque non siete più né forestieri né avventizî; ma siete concittadini dei santi e membri della fami­glia di Dio, essendo stati edificati sul fondamento degli aposto­li e dei profeti, essendo Cristo Gesù stesso la pietra angolare, sulla quale l’edificio intero, ben collegato insieme, si va innalzando per essere un tempio santo nel Signore. Ed in lui voi pure entrate a far parte dell’edificio, che ha da servire di dimora a Dio per lo Spirito”.[32] L’apostolo Pietro lo conferma nella sua prima epistola, infatti prima dice agli eletti: “Siete stati rigenerati non da seme corruttibile, ma incorruttibile, mediante la parola di Dio vivente e permanente… come bambini pur ora nati, appetite il puro latte spirituale…”,[33] e poi afferma: “Anche voi, come pietre viventi, siete edificati qual casa spirituale…”.[34] Quindi la Chiesa non può essere identificata con una organizza­zione di persone ancora morte nei loro peccati che corrono dietro agl’idoli muti, e che purtroppo, essendo state ingannate dai loro rettori, pensano di essere rinate e di essere entrate a fare parte della Chiesa di Gesù Cristo quando gli è stata versata sul capo l’acqua ‘benedetta’. Dov’è la vita in loro? Noi vediamo solo morte. Quella morte spirituale nella quale pure noi eravamo immersi nel passato quando eravamo schiavi del peccato. Noi sappiamo bene che cosa significa essere morti nei propri falli; per questo ci esprimiamo con sicurezza quando diciamo che i Cattolici romani sono ancora morti nei loro falli. Non è un giudizio ingiusto dato dall’apparenza, ma un giudizio giusto che si fonda sui fatti.

–  La Chiesa di Dio è il corpo di Cristo perché Paolo, scrivendo alla Chiesa di Dio che era in Corinto, dice loro: “Or voi siete il corpo di Cristo, e membra d’esso, ciascuno per parte sua”.[35] E siccome che le persone entrano a fare parte di esso per opera dello Spirito Santo secondo che è scritto: “Noi tutti abbiam ricevuto il battesimo di un unico Spirito per formare un unico corpo, e Giudei e Greci, e schiavi e liberi; e tutti siamo stati abbeverati di un unico Spirito”,[36] perché è Lui che prima le con­vince quanto al peccato, alla giustizia e al giudizio e poi le vivifica; non si possono chiamare membri del corpo di Cristo persone che ancora non sono state vivificate dallo Spirito Santo. Per certo se i Cattolici romani fossero stati vivificati e fosse­ro perciò membra del corpo di Cristo, non avrebbero bisogno di nascere di nuovo e non perseguiterebbero e non insulterebbero tutti coloro che nel loro mezzo si ravvedono e credono nel Vange­lo e si separano da loro e cominciano a riprovare le loro eresie e la loro idolatria, perché noi sappiamo che Cristo non è diviso contro se stesso. Anzi, essi si atterrebbero al capo del corpo, cioè a Cristo, come noi; ma dov’è tutto ciò quando è manifesto che essi si attengono al cosiddetto papa anziché a Cristo? Paolo dice anche parlando del corpo di Cristo che “se un membro soffre, tutte le membra soffrono con lui; e se un membro è onora­to, tutte le membra ne gioiscono con lui”;[37] ma noi non riscontria­mo che se qualcuno di noi soffre essi soffrono con noi, e neppure che se qualcuno di noi è onorato da Dio o dagli uomini essi si rallegrano con noi, il che conferma che non possono definirsi membri del corpo di Cristo. Queste sono le prove che dimostrano che essi non sono membri del corpo di Cristo, ma lo devono ancora diventare.

–  La Chiesa, secondo le parole di Pietro, è “una generazione eletta”,[38] cioè un insieme di persone che sono state elette a sal­vezza mediante la fede nella verità. Quindi coloro che ne sono membri sono sicuri di essere salvati perché hanno sperimentato la salvezza di Dio. Non si possono perciò definire Chiesa di Dio uomini e donne che ammettono apertamente di non essere stati salvati ma di essere ancora dei peccatori, o che è manifesto che sono ancora dei peccatori schiavi delle concupiscenze carnali e di ogni forma di idolatria e superstizione. A meno che non si voglia cominciare a chiamare coloro che sono ancora perduti, ritrovati; coloro che sono ancora schiavi del peccato, salvati; o coloro che sono della notte, figliuoli del giorno.

–  La Chiesa, sempre secondo le parole di Pietro, é “un real sacerdozio”,[39] ossia un regno di sacerdoti che offrono a Dio sacri­fici spirituali accettevoli per mezzo di Gesù Cristo. Perciò non si possono definire Chiesa di Dio i Cattolici romani che offrono il loro culto a Maria, agli angeli, o ai santi (sia a quelli veri che a quelli falsi) che sono morti, perché questo loro sacrificio non é accettevole a Dio ma gli é in abominio. Diciamo che i sacrifici spirituali che i Cattolici offrono alle loro statue e alle loro immagini sono un fetore alle narici di Dio, perché sono offerti ai demoni che si celano dietro questi loro idoli. Ricordatevi che Paolo dice che le carni che i Genti­li sacrificano agl’idoli essi “le sacrificano ai demonî e non a Dio”;[40] la medesima cosa si può dire di tutti i Cattolici romani che offrono i loro sacrifici spirituali ai loro idoli; essi li offrono ai demoni e non a Dio.

–  La Chiesa, secondo le parole di Pietro, è “una gente santa”,[41] cioè una gente che è stata santificata mediante lo Spirito Santo e che procaccia la santificazione. Quindi siccome che i peccatori schiavi delle loro concupiscenze e dell’idolatria non possono essere definiti dei santi, i Cattolici romani non sono membri della Chiesa, anche se hanno ricevuto il battesimo, la cresima e poi la comunione e si confessano al prete.

–  Paolo chiama la Chiesa dell’Iddio vivente “colonna e base della verità”,[42] il che significa che essa serve di sostegno alla verità che è in Cristo Gesù, cioè alla Parola di Dio secondo che è scritto: “La tua parola è verità”;[43] e che essa si leva in favore della verità. Come si può quindi chiamare la chiesa romana la Chiesa di Dio quando invece di sostenere la verità, cioè la Parola di Dio, la calpesta e la soffoca con l’ingiustizia? Essa non predica il Vangelo della grazia di Dio ma un altro Evangelo perché annunzia che l’uomo viene salvato dalle opere buone, e cioè per i suoi meriti, e non dalla fede soltanto. Per questo non si può definire questa chiesa “colonna e base della verità”, ma la si deve chiamare nemica acerrima della verità.

I due ordinamenti istituiti da Cristo per la sua Chiesa

Cristo non ha istituito sette sacramenti ma solo due ordinamenti o riti, che sono il battesimo per immersione e la cena del Signore; perciò non ha nessun fondamento scritturale l’affermazione che attribuisce a Cristo l’istituzione di sette sacramenti.

Di conse­guenza coloro che negano i sacramenti della chiesa romana perché non conformi a verità e perché riconoscono solo i due ordinamenti qui sopra citati non possono essere definiti degli eretici perché non sono propagatori di nessuna eresia. Facciamo notare che la ragione per cui preferiamo chiamare il battesimo e la cena del Signore ordinamenti o riti anziché sacramenti è perché per sacramenti la chiesa romana intende dei ‘segni efficaci della grazia, istituiti da Gesù Cristo per santificarci’,[44] cioè dei segni efficaci che ‘significando la grazia real­mente la conferiscono’.[45] E secondo la Scrittura il battesimo e la cena del Signore che Cristo ha istituiti non conferiscono la grazia che essi rappresentano, ma solo la rappresentano infatti il battesimo simboleggia il lavacro compiuto da Cristo in noi mediante la sua parola, mentre la cena del Signore annuncia la morte di Cristo avvenuta una volta per sempre.

Un altra ragione per cui preferiamo chiamare il battesimo e la cena del Signore ordinamenti (od anche riti) è perché la parola sacramento nel latino classico significa giuramento ed al tempo dell’impero romano era il giuramento di fedeltà (sacramentum) che i soldati romani facevano al loro vessillo. E noi sappiamo che il battesimo e la cena del Signore non costituiscono affatto un giuramento di fedeltà a Dio che ci ha salvati, ma semplicemente degli atti simbolici.

Il primo è il seppellimento del credente morto al mondo e rinato a nuova vita, ed il secondo è una rammemorazione della morte del Signore.

Chi c’è a capo della Chiesa

Il capo dello Stato del Vaticano non é il capo visibile della Chiesa di Cristo sulla terra perché Cristo non ha costituito sulla sua Chiesa nessun capo prima di essere assunto in cielo. Egli, che è il Capo, ha detto: “Dovunque due o tre son raunati nel nome mio, quivi son io in mezzo a loro”,[46] perciò il capo della Chiesa è sempre e dovunque presente fra i suoi discepoli, senza il bisogno di essere rappresentato visibil­mente da nessuno.

L’apostolo Paolo spiega chiaramente ed in svariate maniere che il capo della Chiesa, sia in cielo che sulla terra, é Cristo Gesù:

–  Egli dice agli Efesini che Dio ha risuscitato il suo Figliuolo e lo ha fatto sedere alla sua destra al di sopra di ogni princi­pato e autorità e potestà e signoria, e d’ogni altro nome che si nomina non solo in questo mondo, ma anche in quello a venire e che Egli “gli ha posta ogni cosa sotto ai piedi, e l’ha dato per capo supremo alla Chiesa, che é il corpo di lui, il compimento di colui che porta a compimento ogni cosa in tutti”;[47] ed anche: “Seguitando verità in carità, noi cresciamo in ogni cosa verso colui che è il capo, cioè Cristo”,[48] e: “Cristo è capo della Chie­sa, egli, che è il Salvatore del corpo”.[49] Quindi, come il capo della moglie è uno solo e cioè suo marito, così il capo della Chiesa (che è la moglie dell’Agnello) è uno solo e cioè Cristo, il suo sposo, e nessun altro. Ora, uno dei nomi che porta il capo dello Stato del Vaticano è ‘sposo della chiesa’, il che equivale a dire che la moglie dell’Agnello ha due mariti (uno in cielo e l’altro in terra) il che non é vero perché Paolo dice alla Chiesa di Corinto: “Io son geloso di voi d’una gelosia di Dio, perché v’ho fidanzati ad un unico sposo, per presentarvi come una casta vergine a Cristo”.[50] Quindi colui che in terra è chiamato sposo della Chiesa è un impostore che cerca con le sue lusinghe di diventare lo sposo della Chiesa di Dio (mediante l’ecumenismo) per condurre la sposa di Cristo lungi dal suo sposo, in perdizione. Detto in altre parole, il cosiddetto papa cerca di indurre la Chiesa di Dio a tradire il suo sposo, cioè Cristo Gesù, perché vuole che essa si vada a rifugiare sotto le sue ali.

–  Ai Colossesi Paolo dice: “Ed egli é avanti ogni cosa, e tutte le cose sussistono in lui. Ed egli è il capo del corpo, cioè della Chiesa; egli che é il principio, il primogenito dai morti, onde in ogni cosa abbia il primato”.[51] Perciò la Chiesa di Dio non ha due capi, di cui uno é in cielo e l’altro é sulla terra; o uno invisibile e l’altro visibile, ma uno solo ed Egli è in cielo alla destra di Dio e mediante la fede nel cuore di tutti coloro che lo hanno ricevuto come loro personale Signore e Salvatore.

Per quanto riguarda poi i vescovi della chiesa papista bisogna dire che essi non sono dei vescovi costituiti dallo Spirito Santo per pascere la Chiesa di Dio perché non hanno per nulla i requisiti necessari che deve avere il vescovo secondo le parole di Paolo a Timoteo, e non possono essere definiti i successori degli apostoli perché gli apostoli non lasciarono successori. Il ministerio che gli apostoli avevano ricevu­to da Cristo non era trasmissibile.

Quindi in conclusione noi figliuoli di Dio disconoscendo l’uffi­cio del papa e quello dei suoi vescovi non dimostriamo nessuna disubbidienza in verso il Signore, anzi riteniamo fermamente che rigettandoli ci mostriamo ubbidienti al Vangelo. E non solo questo, riteniamo pure che tutti coloro che vogliono piacere al Signore e ubbidirgli devono prima o poi rigettare il papa e i suoi vescovi.

Perché la chiesa cattolica romana non è una, santa, cattolica e apostolica

Unità.

La Chiesa di Dio antica aveva la fede in Cristo Gesù predicata dagli apostoli. Ma questa fede la chiesa cattolica romana non la possiede perché essa ripone la sua fiducia in Maria e in altri presunti intercessori che non possono fare proprio nulla in suo favore, e nei propri meriti anziché nei meriti di Gesù Cristo. E difatti essa non annunzia la fede in Cristo come via di salvezza perché è occupata a predicare che la salvezza si ottiene per opere e non per fede. Questo è un altro Vangelo e non il Vangelo predicato dagli apostoli.

E non si può dire neppure che la chiesa cattolica romana crede in tutte le cose in cui credeva la Chiesa primitiva perché quest’ultima non credeva nel purgatorio, nelle indulgenze, nell’immacolata concezione di Maria, nella transustanziazione, nella ripetizione incruenta del sacrificio di Cristo, nel culto delle immagini, nell’intercessione dei santi in cielo, nei sette sacramenti che essa possiede, nel primato di Pietro prima e poi di quello del vescovo di Roma quale suo successore, e in tante altre sue dottrine; quindi non è vero che i Cattolici romani credono le stesse cose che furono credute dai primi Cristiani. In effetti tutte queste dottrine erano estranee al ‘credo’ dei primi Cristiani. Basta leggere gli Atti degli apostoli e le epistole degli apostoli per rendersi conto di tutto ciò.

E poi non si può dire neppure che la stessa chiesa cattolica romana abbia sempre creduto le stesse cose perché come vedremo in appresso gli stessi papi si sono contraddetti tra di loro nel corso del tempo; ci furono degli scismi durante i quali esistevano due o talvolta tre papi e ognuno aveva la sua parte di seguaci; e i cosiddetti padri e i concili si sono contraddetti anch’essi nel corso dei secoli. Qui mi limito a ricordare ai lettori alcune controversie verificatesi nell’ambito della chiesa cattolica romana. I Domenicani combattevano l’immacolata concezione di Maria mentre i Francescani la difendevano e a motivo di ciò nacquero tra loro delle aspre e lunghe guerre. I Gesuiti (seguaci di Ignazio Loyola, 1491 ca. -1556) e i Giansenisti (seguaci di Cornelio Jansen, 1585-1638) si scontrarono su tante questioni di fede e di morale, come anche i Tomisti (seguaci di Tommaso d’Aquino, 1225-1274) e i Scottisti (seguaci di Duns Scoto, 1263-66 ca. -1308) sull’effetto dei sacramenti. In verità studiando la storia della chiesa cattolica romana ci si rende conto di quanto divisa sia stata nel passato. E non è che le cose sono cambiate nella sostanza, perché anche oggi tra i Cattolici romani sono in corso delle controversie sull’infallibilità papale, sul celibato, sul controllo delle nascite, sul limbo, sul battesimo dei bambini, e su altri punti dottrinali; alcuni dicono una cosa altri un’altra. Perciò non è neppure vero che anche oggi tutti i Cattolici credono le stesse cose. E poi ci vengono a parlare di unità a noi!

Che dire allora dell’unità esteriore di cui fa sfoggio la chiesa cattolica romana (nella maggioranza dei suoi membri)? Diciamo che essa è un’unità che si può riscontrare anche nei Testimoni di Geova, nei Mormoni, e in tante altre pseudochiese. Pure loro si vantano di essere uniti, di credere le stesse cose, di agire nella stessa maniera. Ma che significa questo? che sono la vera Chiesa di Dio solo perché manifestano tra di loro un’unione apparente nel perseguire i loro scopi? Affatto. Anche stando uniti si può sbagliare; anche stando uniti in qualche credenza o pratica si può andare in perdizione. Nel vedere questa unità fra i Cattolici è come se noi vedessimo un branco di capri che tutti uniti s’avviano verso un burrone. E questo perché sono uniti nel credere le medesime menzogne e nel compiere le medesime opere meritorie che non li possono salvare dall’ira a venire. Quindi, per riassumere, la chiesa cattolica romana mente quando afferma di essere lei sola la Chiesa di Cristo a motivo di questa cosiddetta unità passata e presente. E noi siamo rattristati molto nel vedere i suoi membri credere in questa menzogna.

La vera unità è quella che scaturisce dall’unità con Cristo Gesù; in altre parole la vera Chiesa è unita al suo interno perché i suoi membri sono uniti a Cristo Gesù mediante la fede. Possono anche variare certe forme esteriori tra le diverse Chiese, tal­volta variano anche certe dottrine non fondamentali, ma questo non significa che non siano uno in Cristo Gesù; perché i veri credenti si sentono legati l’uno all’altro dall’amore di Cristo a prescindere dalla denominazione a cui dicono di appartenere.

Santità.

Innanzi tutto è falso che Gesù Cristo abbia fondato la chiesa cattolica romana; con questo vogliamo dire che Gesù Cristo ha fondato sì la sua Chiesa universale, ma essa non è per nulla la chiesa cattolica romana perché Gesù ha fondato la sua Chiesa su se stesso e perciò sulla verità e non sulla menzogna come invece è fondata la chiesa cattolica romana. Sì, l’antica Chiesa di Roma, quella a cui Paolo scrisse la sua lettera, era stata vera­mente fondata da Cristo, ma pian piano quella Chiesa scomparve e il suo posto lo prese una chiesa apo­stata che tolse il fondamento che era Cristo Gesù e vi mise il suo vescovo e bramosa di potere si mise a signoreggiare con la sua arroganza le altre chiese e volle estendere il suo potere di giurisdizione a tutto il mondo; di questa la chiesa cattolica romana ha ereditato l’arroganza, la falsità, le eresie; questa è una chiesa che non assomiglia in nulla all’antica Chiesa di Roma. Quella era lodata per la sua fede, questa è lodata per le sue ricchezze materiali; quella era ricca in conoscenza questa peri­sce per mancanza di conoscenza; quella era ripiena di bontà, questa è spietata. Proseguiamo la nostra confutazione: è falso che la chiesa catto­lica romana è santa perché non sono santi né la sua dottrina, né la sua messa e neppure i suoi sacramenti, e poi perché i suoi membri non sono chiamati a santificarsi ma a corrompersi dietro gl’idoli muti e dietro ogni sorta di superstizione. Ma come si fa a definire santa la dottrina che incoraggia a mentire? O quella che dice che è lecito uccidere per legittima difesa? O quella che afferma che fumare non è peccato? O quella che afferma che il papa in alcuni casi ha il potere di sciogliere i matrimoni e fare passare a nuove nozze uno dei due coniugi mentre l’altro è in vita? O quella che impone il celibato ai preti? O quella che permette il culto a Maria, agli angeli, ai santi che sono in cielo? O quella della messa? O la venerazione delle reliquie? E non è neppure santificante come invece afferma il catechismo della chiesa romana: ‘Tutte le attività della Chiesa convergono, come a loro fine, verso la santificazione degli uomini..’,[52] perché i suoi sacramenti, i mezzi di salvezza di cui essa dice di essere in possesso, non hanno il potere di conferire nessuna grazia santificante a chi li riceve, e perché non è la Chiesa che santi­fica ma Dio secondo che è scritto: “Or l’Iddio della pace vi santifichi Egli stesso completamente…”.[53] Per quanto riguarda poi il fatto che la chiesa cattolica romana affermi di essere santa perché ‘molti realmente furono santi, e sono e saranno’;[54] bisogna dire che questa è quella santità eccezionale che loro assegnano a coloro che si sono distinti per opere meritorie particolari. Essi ricordano tra di questi, ‘Giovanni Bosco, Giuseppe Cafasso, Giuseppe Cottolengo’[55] e molti altri.[56] Ma tra i santi della chiesa cattolica romana non ci sono solo persone che si sono distinte per le loro opere di beneficenza, ma anche per le loro inique opere, come per esempio Damaso, Pio V, e tanti altri.

Quindi tra i santi dichiarati tali dai Cattolici ci sono uomini le cui vesti erano lordate; quelli che ignorando la giustizia di Dio che si ha mediante la fede in Cristo cercarono di stabilire la loro giusti­zia che agli occhi di Dio è un panno lordato, e quelli che invece si abbandonarono in maniera palese ad ogni sorta di iniquità, vestiti anche loro di abiti sudici perché le iniquità nella Scrittura sono rappresentate da abiti sporchi.

La Scrittura afferma che la Chiesa di Cristo è santa secondo che è scritto che Gesù l’ha amata e “ha dato se stesso per lei, affin di santificarla, dopo averla purificata col lavacro dell’acqua mediante la Parola”,[57] e che tutti quelli che ne fanno parte sono dei santi già sulla terra (questo anche se non tutti si santifi­cano nella stessa misura) perché tutti – senza distinzione di sorta – sono “stati santificati mediante l’offerta del corpo di Gesù Cristo”,[58] e perciò non esiste una categoria di santi normali e una di santi eccezionali. Tra i santi ci sono quelli che si santificano di più e quelli che si santificano di meno.

Cattolicità.

La chiesa romana non è stata istituita per tutti gli uomini e non è adatta agli uomini perché, al contrario di quello che i teologi dicono, essa non serve a fare diventare santo nessuno. Come può essere definita utile a fare diventare santi gli uomini una chiesa che distoglie le persone dal volgersi a Cristo per ottenere gratuitamente la salvezza da lui ed essere da lui santificati, e li induce a confidare nelle proprie opere per la propria salvezza? Non è forse vero invece che la chiesa catto­lica romana con le sue perverse dottrine aiuta gli uomini a rimanere peccatori? Un Mussulmano diventa Cattolico? Rimane peccatore. Un Buddista diventa Cattolico romano? Che cambia? Il nome della religione solo, perché peccatore era prima di diventa­re Cattolico e peccatore rimane anche dopo. Cambiano le dottrine, ma l’ex Mussulmano o l’ex Buddista continua a rimanere perduto, perché l’Islam, il Buddismo ed il Cattolicesimo sono religioni che si basano sui meriti umani che non possono affrancare l’uomo dal peccato; cambiano gli atti del culto, ma non cambia il cuore perché il cuore lo può trasformare solo Cristo Gesù mediante il Vangelo della grazia. Proprio quello che la chiesa cattolica romana si rifiuta di annunziare agli uomini. Per quanto riguarda la sua pretesa cattolicità riconosciamo che la chiesa romana é sparsa sulla faccia della terra e che di essa fanno parte persone di tante nazioni, ma non la riconosciamo come la Chiesa universale stabilita da Dio perché non è la Chiesa di Dio sparsa sulla faccia della terra, ma solo una grossa orga­nizzazione religiosa che benché dica di essere cristiana non predica il Vangelo della grazia di Dio ma un suo proprio Vangelo fondato sui meriti dell’uomo anziché sulla grazia di Dio, che non costituisce per nulla una buona notizia. Può forse essere chiama­ta buona novella quella che dice che chi vuole essere salvato deve ricevere i sacramenti; il battesimo una volta sola, la cresima pure, la comunione più spesso possibile, la penitenza almeno una volta all’anno; ed oltre a ciò deve fare, fare, fare più opere buone possibili per guadagnarsi la salvezza eterna. E per giunta dopo avere fatto tutte queste cose egli non può essere sicuro di essere salvato e di andare subito in cielo alla sua morte – perché se lo dicesse peccherebbe di presunzione – perché egli deve andare in purgatorio ad espiare i suoi peccati? No, non può essere definita buona ma cattiva notizia questa della chiesa cattolica romana, perché nella sostanza ha annullato la grazia di Dio rendendo vana la fede.

La Chiesa di Cristo è veramente cattolica, cioè universale, perché di essa fanno parte persone di ogni tribù, popolo, lingua e nazione;[59] che nel luogo della terra dove abitano rendono a Dio un culto in ispirito e verità mediante Cristo Gesù. Nel loro cuore dimora Cristo, sulle loro labbra abbondano le azioni di grazie rivolte a Dio per averli messi in grado di partecipare alla sorte dei santi nella luce. Dio ne conosce il numero; noi no. Certo è però che essi sono riconoscibili dalla certezza di essere salvati che possiedono e dai loro frutti di giustizia che portano. Questa è la Chiesa che è utile agli uomini perché annun­cia al mondo la parola della fede che dice che se l’uomo confessa con la sua bocca Gesù come Signore e crede col cuore che Dio l’ha risuscitato sarà salvato.[60] Questa è la buona novella della grazia di Dio; perché afferma che per essere salvati occorre soltanto credere; questo messaggio è utile agli uomini perché da certezza di salvezza eterna a chi lo accetta con tutto il cuore.

Apostolicità.

E’ falso che la chiesa romana sia apostolica perché essa non si attiene agli inse­gnamenti che gli apostoli hanno dato per lo Spirito Santo. Essa si attiene a molti precetti che voltano letteralmente le spalle alla verità che é in Cristo Gesù; quelli insegna, non quelli degli apostoli. Gli apostoli insegnavano che si viene salvati soltanto mediante la fede e loro dicono che la fede non basta; gli apostoli insegnavano che c’è solo un mediatore tra Dio e gli uomini, mentre loro insegnano che oltre a Cristo ci sono tanti altri mediatori tra cui spicca Maria; gli apostoli insegnavano che dopo questa vita c’è solo l’inferno e il paradiso, mentre loro gli hanno aggiunto il purgatorio; gli apostoli mettevano in guardia dagli idoli e loro invece insegnano a servire le statue e le immagini; gli apostoli esortavano a non mentire e loro invece dicono che in alcuni casi si può mentire; ecco alcuni punti in cui la dottrina cattolica romana è l’opposta di quella apostolica. Ed oltre a ciò essa non è neppure governata dai successori degli apostoli, ma solo da uomini morti nei loro falli che si fanno passare per i legittimi successori degli apostoli. Gli apostoli non poterono lasciare dei successori perché l’ufficio che essi aveva­no ricevuto da Dio non era trasmissibile ad altri. Essi trasmise­ro il loro insegnamento e non il loro ministerio. Ma quando mai nella Scrittura il ministerio apostolico veniva trasmesso da chi lo possedeva ad un suo successore? Il ministerio apostolico, come anche qualsiasi altro ministerio, non si riceveva per successione ma per decreto di Dio in virtù di una vocazione celeste. Per questo si deve escludere che gli apostoli abbiano trasmesso il loro ministerio a dei loro successori.

La vera Chiesa di Cristo è sì apostolica perché i suoi membri sono “stati edificati sul fondamento degli apostoli e dei profeti, essendo Cristo Gesù stesso la pietra angolare”;[61] dove per fonda­mento degli apostoli si deve intendere l’insegnamento degli apo­stoli. Quindi ogni chiesa che si attiene fermamente alla dottrina dei santi apostoli è una Chiesa di Cristo, mentre ogni chiesa che rigetta il loro insegnamento non è apostolica.

Romanità.

La Chiesa di Gesù Cristo è sì una, è sì santa, è sì apostolica, e cattolica, ma non è affatto Romana perché il suo capo e colui che la governa non è il capo dello Stato del Vaticano che risiede a Roma, ma Cristo Gesù che dimora alla destra del Padre nei luoghi altissimi. Lui prima di lasciare questo mondo e tornare al Padre non lasciò nessun capo visibile alla sua Chiesa. Per quanto riguarda questa pseudochiesa essa possiede il titolo di romana perché colui che la governa risiede a Roma dove essa dice che l’apostolo Pietro ha esercitato il suo papato e lo abbia trasmesso ai suoi successori a Roma; ma questa del papato di Pietro a Roma e della trasmissione del relativo primato petrino è una favola artificiosamente composta; un qualcosa smentito dalle Scritture e dalla storia.

Quindi se il titolo di Romana si può addurre per questa organizzazione solo perché colui che la comanda è a Roma, certamente non si può applicare alla Chiesa di Gesù Cristo sparsa sulla faccia della terra perché il suo Capo è in cielo e non a Roma.

Concludendo, questa organizzazione non può essere definita neppu­re cristiana ma deve essere definita anticristiana, e questo perché a parole dice di attenersi al capo che é Cristo, ma nei fatti rinnega il suo insegnamento e lo annulla in moltissime maniere, impedendo alle persone di credere nel Vangelo per otte­nere la remissione dei loro peccati.

Sappiamo bene che il concilio Vaticano ha decretato: ‘Se alcuno dirà, che la vera Chiesa di Cristo, fuori della quale nessuno può salvarsi, non sia quella di Roma, che è una, santa, cattolica ed apostolica, sia anatema’;[62] ma a noi non ci importa nulla di questo loro ennesimo anatema perché esso non è verità ma menzogna.

Le accuse rivolteci confutate

Abbiamo dimostrato che la chiesa cattolica romana mente quando afferma di essere la sola Chiesa di Cristo perché solo lei è una, santa, cattolica e apostolica. Vediamo adesso in che maniera il catechismo romano parla delle chiese che non sono sotto la giuri­sdizione del loro papa: ‘La sola Chiesa Cattolica-Romana è la Chiesa di Gesù Cristo; le altre, quantunque si dicano cristiane, non sono e non possono essere la Chiesa di Gesù Cristo. Infatti nessuna di esse ha né può avere le singolari distintive qualità della Chiesa di Gesù Cristo; nessuna di esse è una, santa, cattolica e apostolica’.[63]

Nei dettagli le accuse sono queste.

–  Unità. Ci viene detto che noi non possediamo l’unità perché siamo centinaia di sette e ognuno crede quello che gli pare, perché non abbiamo la messa e né altro sacrificio, perché c’è chi tra noi ammette due sacramenti, chi tre, chi cinque, chi nessuno, e perché non siamo governate dal successore di Pietro.

Rispondiamo. Innanzi tutto vogliamo dire che quantunque le Chiese evangeliche portino nomi diversi, e sono in grande numero, pure tutti quei loro membri che sono veramente nati di nuovo formano un unico corpo, perché hanno creduto nello stesso Signore, e hanno lo stesso Padre. Sono stati battezzati dello stesso batte­simo, e hanno la stessa speranza. Ci teniamo a precisare però che noi non riconosciamo né il battesimo degli infanti e neppure quello per infusione amministrato da alcune chiese perché non conforme alla Scrittura.

E’ vero che tra le Chiese evangeliche non tutti accettano tutte le dottrine bibliche; perché le divergenze dottrinali ci sono, noi questo non lo disconosciamo, ma riconosciamo altresì che tutti predicano la dottrina della giustificazione per sola fede, che è la dottrina che permette agli uomini di nascere di nuovo ed entrare nel regno di Dio e la maggiore parte insegna e pratica il battesimo in acqua. Ma tutt’altra cosa è quando si parla della chiesa cattolica romana; essa infatti con la sua tradizione ha annullato la dottrina cardine del Vangelo. Da questo il nostro profondo dissenso con lei.

Per quanto riguarda i sacramenti (che taluni chiamano ordinamenti come noi); c’è chi ne ha due, chi tre, chi nessuno (come purtroppo l’Esercito della sal­vezza); questo è vero. Ma nonostante questo noi con questi nostri fratelli che riconoscono tre ordinamenti perché vi aggiungono la lavanda dei piedi, o con quelli che purtroppo non hanno il batte­simo e la cena del Signore ci sentiamo ugualmente legati dalla fede in Cristo. Riproviamo però fermamente il fatto che l’Eserci­to della salvezza abbia tolto il battesimo e la cena del Signore; non siamo per nulla d’accordo con questo, ma pure sappiamo che tra di loro ci sono tanti fratelli, nati veramente d’acqua e di Spirito. Non abbiamo la messa perché Cristo non l’ha istituita; essa è un atto profano. Offriamo a Dio però altri sacrifici; quello della lode, le opere di beneficenza, le azioni di grazie.

Non siamo governati dal successore di Pietro e neppure dai suc­cessori degli apostoli; ecco l’altra accusa. Ma l’apostolo Pietro e gli apostoli con lui non hanno lasciato successori. Le chiese locali sono governate da pastori che sono assistiti da degli anziani o in alcuni casi solo da un collegio di anziani. Ci sono poi tante chiese che si sono unite per formare una denominazione in cui purtroppo troviamo una forma gerarchica, che assomiglia a quella papale. Ma noi non siamo d’accordo con questo tipo di organizza­zione perché non ha fondamento nella Scrittura.

–  Santità. Le accuse sono queste. Non la possediamo perché siamo stati fondati da uomini ribelli, non abbiamo i mezzi per santifi­care gli uomini perché abbiamo rinnegato la maggiore parte dei sacramenti e la messa, e quelli che conserviamo non sono che cerimonie. La nostra dottrina non è santa perché si fonda sulla negazione del libero arbitrio, della necessità delle opere buone, e sulla sufficienza della fede per salvarsi.

Rispondiamo. Non è vero che siamo stati fondati da Lutero e Calvino; loro sono stati uomini di cui Dio si è usato per operare una riforma, tutto qua. Per quanto riguarda la loro condotta diciamo che a ciò che ci viene dato a conoscere non furono irre­prensibili; per le loro colpe dovranno rendere conto a Dio. Ma è altresì vero che la curia romana ha lanciato ogni sorta di calun­nie contro questi due uomini tanto è stata indispettita dal fatto che essi hanno risvegliato negli uomini l’amore per la Scrittura. Noi riteniamo di essere stati edificati sul fondamento che è Cristo Gesù, e da lui stesso.

Non abbiamo i mezzi per santificare gli uomini. Se per mezzi si intendono i sette sacramenti romani, è vero che noi non li abbia­mo, ma perché non sono scritturali. Essi non santificano proprio nessuno. Ma abbiamo con noi Cristo che è “Colui che santifica”,[64] egli è il mezzo per mezzo del quale gli uomini vengono santifica­ti; per mezzo di lui si ottiene la grazia, per mezzo della fede in lui si viene santificati. Che bisogno c’è dunque dei sette sacramenti romani? Nessuno.

Quanto agli ordinamenti che possediamo è vero che essi non conferiscono la grazia ma pure li celebriamo con la massima serietà e devozione, così come sono stati istitui­ti da Cristo. Non è vero che neghiamo il libero arbitrio, perché insegniamo che l’uomo possiede una volontà personale, però questa sua volontà rimane sempre soggetta a Dio. L’uomo nasce corrotto, total­mente corrotto, incapace di scegliere la via della salvezza. Quando l’uomo decide di invocare il Signore per la sua salvezza, lo fa in virtù del decreto che Dio ha formato in se stesso prima della fondazione del mondo. L’uomo però è ignaro di questo quando prende questa decisione; lo scoprirà però dopo. Parleremo della predestinazione, Dio volendo, in altra occasione. Neghiamo la necessità delle opere buone per salvarsi; è vero, perché si viene salvati soltanto per la fede in Cristo; la Scrit­tura lo insegna ripetutamente questo. Non neghiamo però la neces­sità di fare frutti del ravvedimento (le opere buone) dopo essere stati salvati, per rendere ferma la nostra elezione a salvezza. Le opere buone devono essere praticate dai riscattati.

–  Cattolicità. Non la possediamo perché esistiamo solo da circa quat­trocentocinquanta anni.

Rispondiamo. Non è affatto vero, perché le nostre origini risalgono a più di mille novecento anni fa. Precisamente risalgono al giorno in cui la prima persona credette che Gesù era il Cristo; quello fu il primo credente in Cristo, il nostro primo fratello.

–  Apostolicità. Noi non la possediamo perché non siamo fondati sugli apostoli né sulla loro predicazione, ma sulla dottrina dei vari Lutero, Calvino e altri che erano ribelli alla dottrina degli apostoli.

Rispondiamo. Falso, noi siamo apostolici, perché la nostra predicazione è in armonia con quella degli apostoli. Lutero e Calvino si ribellarono piuttosto alla dottrina dei falsi apostoli, cioè della curia romana; per questo furono etichettati ribel­li. Essi insegnarono la giustificazione per sola fede in opposizione alla dottrina della salvezza per opere predicata dalla curia romana, ed in questo proclamarono ciò che è giusto.

La salvezza non è in una chiesa ma è in Cristo Gesù

La Scrittura dice che la salvezza è in Cristo Gesù, nel suo nome, e non in una religione o in una organizzazione perché Pietro disse: “E in nessun altro é la salvezza; poiché non v’è sotto il cielo alcun altro nome che sia stato dato agli uomini, per il quale noi abbiamo ad esser salvati”.[65] Certo, la Chiesa di Dio (e qui non ci riferiamo a nessuna denominazione o organizzazione particolare, ma all’insieme dei riscattati dell’Eterno) proclama agli uomini la salvezza che è in Cristo Gesù; in mezzo a lei dimora il Salvatore, ma questo non significa che sia lei a salvare gli uomini, perché la salvezza appartiene a Dio e al suo Figliuolo. Vogliamo dire con questo che la Chiesa di Dio possiede il nome di Colui che è potente a salvare gli uomini e quello annunzia ma non il potere di conferire la grazia a nessu­no, perché questa la conferisce solo Dio in Cristo Gesù a chi crede. La chiesa cattolica romana invece afferma più o meno esplicitamente che fuori di essa non c’è salvezza, perché secondo la sua dottrina la grazia giustificante e santificante si ottiene mediante i suoi sacramenti amministrati da lei. In questa maniera è lei che fa diventare Cristiani gli uomini con il battesimo, è lei che li conferma, ed è sempre lei che mediante i sacerdoti assolve gli uomini dai loro peccati, e li sostenta con il vero corpo e sangue di Cristo, ed infine gli dà l’estrema unzione per aiutarli a passare da questa vita a quell’altra. E una volta morti viene in loro aiuto con le indulgenze per farli passare dal purgatorio in paradiso. Insomma essa con la sua dottrina sui sacramenti tiene incatenate a sé le persone, facendo dipendere la loro salvezza eterna dai suoi sacramenti. Questa è la ragione per cui ancora oggi i Cattolici pensano che al di fuori della loro chiesa non ci sia salvezza; perché viene detto loro che fuori di essa non c’è nessuna chiesa con il vero battesimo che possiede lei, con dei veri sacerdoti che hanno il potere di rimettere i peccati come li possiede lei, che mutano l’ostia nel vero corpo di Cristo, e che dopo morti mediante le messe potranno farli passare dal purgatorio in paradiso. Ah! quante anime si affidano ai sacer­doti cattolici romani per la loro salvezza credendo che essi siano dei mediatori tra Dio e loro! Una cosa è certa: chi è salvato è membro della Chiesa di Dio ed ha il suo nome scritto nei cieli. Ma chi ha il suo nome scritto nel registro della chiesa romana ed è definito membro di essa, e non ha il suo nome scritto nei cieli, è perduto; e questo perché la salvezza non la si ottiene entrando a fare parte della chiesa cattolica romana con il battesimo e ricevendo in seguito gli altri suoi sacramenti ma ravvedendosi e credendo in Cristo Gesù, quindi per grazia, senza compiere opere buone. Certo è che la curia romana affermando che fuori dalla chiesa romana non v’è salvezza fa pensare alle persone che solo in mezzo a lei si sta al sicuro, ma questa é una menzogna perché tutti coloro che hanno conosciuto il Signore e sono usciti da essa riconoscono di essere stati liberati da una casa di servitù dove per lungo tempo hanno ubbidito a dei precetti umani che voltano le spalle alla verità. Essi si vergognano di quelle cose che un giorno compivano in ubbidienza ai precetti di questa organizzazione e sono ricono­scenti a Dio per avere loro fatto conoscere la verità che li ha resi liberi. A coloro che cercano il Signore in mezzo a questa organizzazione il Signore dice tuttora: “Uscite da essa”.[66]

A questo punto è bene anche dire che la curia romana da alcuni decenni a questa parte ha mitigato un pò l’affermazione che al di fuori della chiesa romana non c’è possibilità di salvarsi, anzi possia­mo dire che l’ha apertamente contraddetta anche se molti Cattolici forse non se ne sono accorti. Siamo abituati a sentire la curia romana contraddirsi, per questo non ce ne meravigliamo un gran che. Ma qual’è questa ennesima contraddizione in cui è caduta la curia romana? Questa. Essa dice: ‘…chi è fuori della Chiesa senza propria colpa (perché è nato da genitori non cattolici, e non conosce che la vera Chiesa è la cattolica) e vive bene, cioè ama e serve il Signore nel migliore modo che conosce, egli può salvarsi…’.[67] Ci si domanderà il perché di questo apparente cambiamento; bene, la ragione è perché la curia romana per potere mettersi a parlare di ecumenismo con i suoi cosiddetti ‘fratelli separati’ si è trovata costretta ad abbandonare la sua rigidezza, nel parlare s’intende non nei fatti, per non compromettere il suo dialogo con tutte quelle chiese che essa cerca di portare ai suoi piedi. Quindi, in sostanza, queste parole sulla possibilità di salvezza anche per coloro che non fanno parte della chiesa cattolica romana servono alla chiesa romana per camuffarsi e poter attirare così i cosiddetti fratelli separati nel suo seno. Fratelli, non vi fate sedurre da quei loro discorsi, fondati sul decreto sull’ecumenismo, in cui parlano di noi come di ‘chiese’ perché nella sostanza la chiesa cattolica romana si ritiene ancora ‘lo strumento generale della salvezza’ ed afferma che ‘solo per mezzo della cattolica chiesa di Cristo (…) si può ottenere tutta la pienezza dei mezzi di salvezza’,[68] il che equivale a dire che noi non siamo veramente chiesa perché non possediamo questa pienezza dei mezzi di salvezza. Ci tengo a ribadire questo perché so che molti credenti sono rimasti ingannati da questi discorsi papisti sull’appartenenza alla chiesa che vengono fatti dopo il concilio Vaticano II. Io ho potuto riscontrare personalmente che questo loro discorso che tende a riconoscere in coloro che non fanno parte della chiesa cattolica romana dei Cristiani contraddice la loro tradizione. Perché? Perché affermare che fuori della loro organizzazione le persone possono salvarsi lo stesso significa andare contro le loro dottrine così come sono esposte per esempio dal concilio di Trento, in altre parole significa annullarle. Ma vediamo da vicino questa loro ennesima contraddizione. Ora, da un lato essi affermano che solo loro possiedono la pienezza dei mezzi di salvezza e che noi questa pienezza non la possediamo, e dall’altro lato essi dicono che pure noi possiamo salvarci senza ‘la pienezza dei mezzi di salvezza’. Ma allora questo vuole dire che gli uomini possono salvarsi anche senza i loro sacramenti? Se sì, perché dunque sono così attaccati ai loro sacramenti come lo erano i loro predecessori attribuendo­gli il potere di giustificare e santificare? Perché dunque non ritrattano tutto quello che essi affermano sui loro sacramenti? Perché non affermano che il concilio di Trento ha sbagliato grandemente lanciando l’anatema contro coloro che non riconosce­ranno la loro tradizione e i loro sette sacramenti? Perché non tolgono di mezzo tutte le loro dottrine che non hanno un fonda­mento scritturale a partire da quella che attribuisce ai loro sacramenti il potere di conferire la grazia santificante per poi proseguire con tutte le altre? Ma tutto ciò è impensabile perché in questo caso dovrebbero smentire i loro padri, i loro dottori, i loro concili, insomma tutta la loro tradizione. Allora, il fatto che essi affermino che c’è salvezza fuori dalla loro chiesa non può che essere falso perché non si concilia affatto con tutta la loro tradizione. Ma fermatevi un momento e riflettete fratelli: come può la chiesa papista affermare che tutti coloro che rigettano il papa e la via della salvezza così come la insegna lei (cioè per mezzo dei suoi sacramenti) sono maledetti (quindi noi saremmo sotto la maledizione)[69] e dire nello stesso tempo che anche noi (qui mi riferisco in particolare a coloro che sono fuori dalla chiesa cattolica romana perché nati da genitori che non sono più o non sono mai stati Cattolici romani) possiamo salvarci o che siamo a ragione insigniti del nome di Cristiani e riconosciuti da essa come fratelli nel Signore? Ma ditemi: ma da quando in qua i maledetti sono anch’essi figliuoli di Dio? Non è forse vero che secondo la Scrittura i maledetti saranno gettati nel fuoco eterno? Ed ancora, come fa la chiesa cattolica ad affermare che la Bibbia solo non basta per salvarsi (perché ci vuole anche la tradizione) e nello stesso tempo dire che noi ci possiamo salvare solo con la Bibbia senza la loro tradizione? E voglio proseguire: ma come si fa a credere al papato quando i loro libri di dogmatica e i loro catechismi passati e presenti non differiscono in nulla tra di loro se non nel modo di presentare certe dottrine (cioè oggi sono un pò meno duri nei nostri confronti di quanto fossero una volta)? Quando le affermazioni sui sacramenti, sul papato, sul purgatorio, sulla salvezza, sono le stesse di quelle che facevano secoli fa i loro eminenti teologi? Perché credere che dicono il vero quando dicono che anche noi ci possiamo salvare quando continuano a sostenere le stesse eresie di secoli fa? Come si può affermare che la chiesa cattolica romana dice il vero quando afferma che noi possiamo salvarci ugualmente quando leggo che il suo concilio di Firenze ha detto che la sacrosanta chiesa romana ‘crede, fermamente, confessa e predica che nessuno di quelli che sono fuori della chiesa cattolica, non solo pagani, ma anche Giudei o eretici e scismatici, possano acquistare la vita eterna, ma che andranno nel fuoco eterno, preparato per il demonio e per i suoi angeli, se prima della fine della vita non saranno stati aggregati ad essa; e che è tanto importante l’unità del corpo della chiesa, che solo a quelli che rimangono in essa giovano per la salvezza i sacramenti ecclesiastici, i digiuni e le altre opere di pietà, e gli esercizi della milizia cristiana procurano i premi eterni. Nessuno – per quante elemosine abbia potuto fare, e perfino se avesse versato il sangue per il nome di Cristo – si può salvare, qualora non rimanga nel seno e nell’unità della chiesa cattolica’[70]? Ce lo spieghino i contenziosi!

A quelli che prima erano Cattolici romani e che a motivo dell’ecumenismo, reputano questo mio parlare troppo duro o ingiusto dico: ‘Se non mi credete andatevi a leggere i loro libri di teologia dogmatica, il loro catechismo, i canoni del concilio di Trento, il concilio Vaticano II. Ma io dico: ma non serve che vi andiate a leggere i loro noiosi e menzogneri libri per rendervi conto di quello che vi dico; basta che vi mettete a parlare – se non l’avete ancora fatto – con preti, suore, e semplici zelanti Cattolici romani sulla certezza della salvezza che avete ottenuto soltanto median­te la fede in Cristo, o che vi mettiate a riprovare il purgato­rio, il papato, il culto a Maria, le loro immagini, le loro processioni, i loro sacramenti, dicendo che esse sono delle dottrine di demoni che a nulla vi hanno giovato quando le accettavate, ed allora vi renderete conto come sarete reputati perduti, altro che salvati; traviati altro che sulla retta via; eretici ed apostati altro che Cristiani. ‘Siete una setta’, vi cominceranno a dire; altro che comunità ecclesiale. ‘Hai voltato le spalle al successore di Pietro e perciò a Cristo’ vi diranno; ‘Hai cambiato bandiera, hai rinnegato la verità per andare dietro alla menzogna’, proseguiranno. ‘Torna all’ovile, perché altrimenti andrai all’inferno!’ ti diranno i tuoi ex-compagni nella loro ignoranza per spaventarti e farti tornare nel loro mezzo. Anche voi fratelli che non avete mai fatto parte della chiesa cattolica romana, perché siete nati in una famiglia di cosiddetti apostati cioè di ex Cattolici romani o in una famiglia che non ha mai fatto parte della chiesa cattolica romana, mettevi a riprovare la tradizione cattolica romana e vedrete pure voi gli insulti che riceverete dai suoi sostenitori! Vi domanderete allora il perché vi risponderanno in questa maniera benché parlino tanto di ecumenismo, di unità delle chiese, di amore di Dio, di comunione dello Spirito Santo. La risposta è che questa loro via a loro appare diritta ma finisce col menare nello stagno ardente di fuoco e di zolfo, mentre la via sulla quale siete voi a loro appare storta e tenebrosa, una via di perdizio­ne, perché su di essa non ci vedono il loro papa, il culto a Maria, il purgatorio, le indulgenze, i sacerdoti e tante altre cose, ma solo la Bibbia, solo Cristo. In altre parole perché loro ancora sono sotto la potestà di Satana mentre voi ne siete stati liberati; loro sono ancora perduti, mentre voi siete salvati; loro ancora sono nelle tenebre mentre voi per la grazia di Dio siete nella luce. Quindi quando si parla con loro bisogna insistere sul fatto che la salvezza si ottiene direttamente da Dio, median­te la fede soltanto, e perciò gratuitamente, senza l’ausilio dei loro sacramenti, e senza l’intercessione né di Maria e né di nessun altro all’infuori di Cristo Gesù. E quindi persuaderli che essi non si trovano nella Chiesa di Dio ma fuori. Questo natural­mente va nettamente contro la loro dottrina sulla Chiesa e attira molti oltraggi; ma è la verità e vale perciò proclamarla.

La vera Chiesa non si riconosce dal gran numero dei suoi aderenti

I teologi cattolici romani, forti del fatto che la loro chiesa conta centinaia di milioni di membri sulla faccia di tutta la terra (secondo alcune recenti statistiche sarebbero quasi un miliardo nel mondo), affermano che la chiesa di Roma è la vera Chiesa. Ma è dal numero degli aderenti che si deduce se una certa chiesa è la vera Chiesa di Dio o meno? Possiamo affermare che tutti i Cattolici romani in Italia sono Cristiani solo perché essi affer­mano che nei loro registri vi sono più di cinquanta milioni di iscritti? Quante volte ci siamo sentiti dire dai Cattolici: ‘Noi siamo molti, voi siete invece pochi, quindi non potete essere la vera Chiesa di Dio’!

Ma vediamo secondo le Scritture se le cose stanno proprio come dicono i teologi cattolici.

–  Gesù ha detto: “Entrate per la porta stretta, poiché larga è la porta e spaziosa la via che mena alla perdizione, e molti son quelli che entran per essa. Stretta invece è la porta ed angusta la via che mena alla vita, e pochi son quelli che la trovano”;[71] da ciò si comprende che quelli che trovano la via che mena alla vita, cioè Cristo Gesù, sono pochi e non molti in confronto alla popolazione mondiale.

–  Gesù disse ai suoi: “Non temere, o piccol gregge; poiché al Padre vostro è piaciuto di darvi il regno”;[72] anche da queste parole si intende che il gregge di Dio è formato da poche persone e non da moltitudini.

–  Gesù disse: “Molti son chiamati, ma pochi eletti”;[73] ed un giorno alla domanda: “Signore, son pochi i salvati?”,[74] rispose così: “Sforzatevi d’entrare per la porta stretta, perché io vi dico che molti cercheranno d’entrare e non potranno”.[75] Come si può vedere, ancora una volta il Signore spiegò che i salvati sono pochi e non molti.

Se poi queste Scritture non bastano per convincersi che i salvati dal Signore sono pochi allora ricordiamo che è scritto che ai giorni di Noè, nell’arca “poche anime, cioè otto, furon salvate tra mezzo all’acqua”,[76] e che dalla distruzione di Sodoma e Gomorra e delle città circonvicine Dio salvò solo Lot, sua moglie (che poi divenne una statua di sale) e due sue figliuole. Quindi non è affatto vero che la caratteristica della vera Chiesa è la moltitudine degli iscritti.

In quel giorno davanti al trono del giudizio, non saranno consul­tati né i registri della chiesa romana (e, ben inteso, neppure quelli delle Chiese evangeliche), ma il libro della vita dell’Agnello. Solo coloro i cui nomi saranno trovati scritti in quel libro erediteranno il regno di Dio, gli altri, non importa di che chiesa risultavano membri, saranno gettati nello stagno ardente di fuoco e di zolfo.

Perciò o Cattolici, voi che vi appoggiate sulla vostra cosiddetta cattolicità è tempo che vi poniate questa domanda: ‘Sono io sulla via della perdizione fra quei molti di cui parlò Gesù o sulla via che mena alla vita, tra quei pochi che l’hanno trovata?’ Esaminando voi stessi riconosce­rete, per l’aiuto dello Spirito Santo, di essere tra i molti che camminano sulla via della perdizione ed allora non vi rimarrà altro che invocare il Signore Gesù Cristo affinché vi salvi dalla perdizione eterna. Vi supplichiamo nel nome di Cristo: ‘Salvatevi da questa organizzazione pseudocristiana della quale fate parte!’

Coloro che escono dalla chiesa cattolica romana perché accettano il Vangelo non sono eretici e neppure apostati

Come avete potuto vedere fra tutti coloro che i Cattolici considerano sia eretici che apostati ci siete pure voi fratelli che dopo essere stati battezzati da fanciulli vi siete ravveduti dai vostri peccati, avete creduto nel Vangelo e vi siete separati dai Cattolici romani per unirvi ai santi (che loro chiamano Evangelisti, o Evangelici, o Protestanti). Anche voi, secondo loro, avete voltate le spalle a Dio; anche voi, secondo loro, avete cambiato bandiera! Ma non é così, fratelli, perché voi sapete molto bene che le spalle a Dio gliele avete tenute rivolte proprio quando professavate la religione cattolica romana, mentre da quando avete creduto nel Signore e vi siete uniti ai santi avete rivolto il vostro sguardo a Dio. Vi dicono che avete cambiato bandiera, e questo è vero perché ora la vostra bandiera non è più né Maria, né il cosiddetto papa e né la religione cattolica ma il Signore secondo che é scritto: “Il Signore é la mia bandiera”.[77] Voi diletti avete creduto nella verità rivelata da Dio mediante il suo Figliuolo, ma avete rigettato tutte le menzogne insegnate e praticate dalla chiesa romana perché esse non hanno nulla a che fare con la verità del Vangelo. E perciò siete sulla via della salvezza; non temete i loro insulti e le loro calunnie. E non vergognatevi affatto di essere definiti da loro eretici o apostati, anzi glorificate Iddio per essere reputati degni di essere vitupera­ti per il nome di Gesù come lo furono i discepoli antichi. Sopportate con pazienza le loro ingiurie fratelli, sapendo che viene il giorno in cui il Signore farà conoscere la differenza che v’è fra il giusto e l’empio, fra colui che serve Dio e colui che non lo serve.[78]

I loro oltraggi (passati e presenti) contro di noi; noi ci compiacciamo in essi

La sacra Scrittura attesta in svariate maniere che i profeti antichi furono oltraggiati, che il Signore Gesù fu oltraggiato e anche gli apostoli di Gesù Cristo furono oltraggiati.

Vediamo ora le Scritture che attestano ciò:

–  Geremia disse: “Io non do né prendo in imprestito, e nondimeno tutti mi maledicono”.[79]

–  Gesù ha detto: “E’ venuto Giovanni non mangiando né bevendo, e dicono: Ha un demonio! E’ venuto il Figliuol dell’uomo mangiando e bevendo, e dicono: Ecco un mangiatore ed un beone, un amico dei pubblicani e de’ peccatori”.[80]

–  Matteo dice che gli scribi e i Farisei dicevano di Gesù: “Costui non caccia i demonî se non per l’aiuto di Beelzebub, principe dei demonî”;[81] Giovanni dice che tra le turbe gli uni dicevano di Gesù: “Travia la moltitudine”;[82] Luca dice che i capi sacerdoti lo accusarono davanti a Pilato dicendo: “Abbiam trova­to costui che sovvertiva la nostra nazione e che vietava di pagare i tributi a Cesare”.[83]

–  Luca dice che a Tessalonica le turbe davanti ai magistrati dissero queste parole contro gli apostoli: “Costoro che hanno messo sossopra il mondo, son venuti anche qua, e Giasone li ha accolti; ed essi tutti vanno contro agli statuti di Cesare, dicen­do che c’é un altro re, Gesù”;[84] ad Efeso Demetrio disse agli artigiani: “Voi vedete e udite che questo Paolo ha persuaso e sviato gran moltitudine non solo in Efeso, ma quasi in tutta l’Asia, dicendo che quelli fatti con le mani non sono dèi”;[85] a Filippi, i padroni della serva che era posseduta e fu liberata mediante l’apostolo Paolo dissero ai magistrati di Paolo e Sila: “Questi uomini, che son Giudei, perturbano la nostra città…”.[86]

Come potete vedere sia i profeti, che Gesù, che gli apostoli furono oltraggiati.

Ora, secondo l’insegnamento di Cristo anche noi che siamo tuttora in vita saremo oltraggiati a cagione del Figliuol dell’uomo infatti lui ha detto: “Se hanno chiamato Beelzebub il padrone, quanto più chiameranno così quei di casa sua!”,[87] ma Egli ci ha detto pure di rallegrarci quando saremo oltraggiati a motivo del suo nome secondo che é scritto: “Beati voi, quando v’oltraggeranno e vi perseguiteranno e, mentendo, diranno contro a voi ogni sorta di male per cagion mia. Rallegratevi e giubila­te, perché il vostro premio é grande ne’ cieli; poiché così hanno perseguitato i profeti che sono stati prima di voi”.[88]

Dopo avere detto ciò propongo alla vostra attenzione alcuni passi di un’opera letteraria di Giovanni Perrone (Gesuita che attorno al 1852 era considerato il più grande teologo romano) la quale s’intitola Catechismo intorno al Protestantesimo ad uso del popolo. ‘Questo nome di protestante, e di protestantesimo viene adoperato a significare la ribellione di tutte le moderne sette contro la chiesa Cattolica fondata da Gesù Cristo, ovvero, ciò che riesce al medesimo, la ribellione degli uomini orgogliosi contro Gesù Cristo fondatore della medesima Chiesa’[89] (Il protestantesimo) ‘contiene una dottrina orribile in teoria, ed immorale in pratica, cioè una dottrina oltraggiosa a Dio, oltraggiosa all’uomo, danno­sa alla società, e contraria al buon senso ed al pudore (…) né i pagani, né i turchi non sono mai giunti a tanta empietà di dottrina’;[90] (i Protestanti) ‘possono questi considerarsi come rivol­tosi nati, i quali sono sempre pronti ad ogni novità; e ad ogni sommossa che si ecciti vi accorrono ad occhi chiusi, senza calco­lare né i pericoli loro né i danni altrui (…) Questo puro Vangelo, come lo chiamano, ossia il protestantesimo, non è altro che la irreligione, e la scostumatezza mantellata di belle parole, è il più terribile flagello che pesi sopra l’umanità; esso conduce la società sorda­mente all’anarchia, allo scioglimento…’;[91] ‘Sono la schiuma della ribalderia e della immoralità in ogni paese. Vengono in prima fila alcuni pochi preti e frati apostati sacchi di putridume e di vizii (…) è il rifiuto d’Ita­lia, è il sozzume più vile degli Italiani che passa nelle file dei barbetti. Tutti i malviventi, che non osservano nessuna prati­ca religiosa, tutti i settari venduti al diavolo anima e corpo, tutti gli atei ed increduli che vivono da bestia, sono le reclute più preziose del protestantesimo in Italia (…) (Se costoro preva­lessero) ‘l’Italia diverrebbe un campo di guerre civili le più accanite; il sangue cittadino scorrerebbe per le città e per le campagne; scomparirebbero tutte le istituzioni di carità e di beneficenza cristiana; si farebbe scempio di tutti i buoni; si manderebbero in rovina i più superbi edifici dei quali ora va altiera la nostra penisola’;[92] ‘E’ certo di certezza di fede che quanti cattolici si fanno protestanti, tutti sono dannati, tranne il caso di un sincero pentimento prima di morire coll’abiura degli errori professati. Fuori di questo caso, è di fede che tutti i cattolici che si fanno protestanti, tutti si dannano irremissibilmente per tutta l’eternità (..) Basta il non essere ateo per esserne persuaso’[93]; ‘..li dovete avere in orrore ed in abominazione (…) Intendo dire che al solo sentire a parlare di protestantesimo voi dovete ricolmarvi di spavento, più che se sentiste a parlare di un tentativo d’assassinio contro la vostra vita (…) Il protestantesimo e i fautori del protestantesimo sono nell’ordi­ne religioso e morale ciò che la peste e gli appestati sono nell’ordine fisico’;[94] ‘Questi dobbiamo sfuggirli ad ogni nostro potere, non tenere conversazioni con loro, trattarli insomma dall’odio in fuori, come si trattano i ladri e gli assassini (…) Questo è anzi l’atto più esimio della carità’;[95] ‘Fuggite da loro come dal demonio. Pregate sempre Dio che vi tenga lontano da questi sciagurati apostati corrompi­tori della fede e della morale’.[96] Ecco, come molti nostri fratelli furono considerati dai Cattolici romani circa centocinquanta anni fa in questa nazione.

Adesso vi propongo alcuni estratti da degli articoli apparsi sull’Osservatore Romano sessanta anni fa circa. In uno si legge: ‘Esiste un vero pericolo protestante o meglio anticattolico in Sicilia? La risposta al lettore (…) Il loro motto potrebbe ben essere: non bramo altr’esca. Distruggere la fede dei Padri. E passiamo in rivista i manipoli di questi ‘guastatori’. Poi l’articolista enumera tra gli altri i Valdesi, i Metodisti, i Battisti ed i Pentecostali. Di questi ultimi si esprime così: ‘I pentecostali. Conosciamo anche questi. Pretendono di rivivere la vita della chiesa primitiva. Si radunano in sale pubbliche, dove si legge la bibbia e si cantano inni. Ad un certo punto cominciano ad invocare lo Spirito Santo con alte grida, a contorcersi, a tremare, a battere a terra i ginocchi, a rotolare sul pavimento, a fare miracoli. Sicuro. L’unico e massimo – dati i tempi – fare ridere coloro che vi capitano per caso. Quanto contribuisca questo culto alle malattie nervose, specialmente nelle donne e nei bambini, s’immagina’. Parlando poi dell’evangelizzazione fatta dai Protestanti egli afferma: ‘E non è raro il caso di incontrarsi con gregari del proselitismo acattolico in quasi tutti i ritrovi pubblici, dinanzi le caserme all’uscita od alla ritirata dei soldati, sui treni, sulle tranvie per le strade e per le piazze ove insistentemente vogliono imporre, specie a signore, signorine (…) la loro merce avariata, sulla quale scrivono sovente l’indirizzo delle loro riunioni onde attirare gli incauti e trascinarli così ad abbracciare i loro errori’[97] In un altro articolo si legge: ‘Di una prassi intollerabile per cui la cosiddetta e sia pure per un momento, supposta libertà di proselitismo – niente affatto compresa nella libertà di culto finché culto significa ciò che in italiano non si chiama proselitismo nemmeno per sinonimo – non si limita alla propaganda esercitata mediante sermoni in chiesa, o libri religiosi, o studi e discussioni… degni di questo nome, ma si butta alla sfrenata, subdola, iniqua attività di apostati, di colportori, di mercanti di libri dai titoli ingannevoli, fatta dovunque nelle case, nelle vie, nelle piazze, come si fosse in terra di missione, tra’ barbari, sì che si è potuto stampare e dire che di là dall’Alpi e degli Oceani, si viene in Italia per redimerla dalla superstizione e rivelarle il vero Vangelo. Ed è a questo sconcio carnevale di buffoni, a questo bel concetto ch’essi hanno, a questa bella fama ch’essi vanno diffondendo, della Patria, che un alto funzionario della Direzione Generale dei Culti avrebbe dato l’opera sua sotto veste giuridica quasi a servizio della scienza e della vita religiosa ferite sin qui da una lacuna…’.[98]

Ma oggi come stanno le cose? Anche oggi noi siamo vituperati dai Cattolici romani – sempre per i soliti motivi – perché secondo loro le chiese di cui noi tutti facciamo parte non hanno come fondatore Cristo Gesù ma solo degli uomini, perché rifiutiamo di riconoscere il cosiddetto papa come capo della Chiesa di Dio sulla terra, perché non rendiamo il culto a Maria come fanno loro, e per molte altre ragioni. In poche parole perché rigettiamo la loro tradizione.[99]

A conferma di ciò propongo alla vostra attenzione alcune parole di Amatulli Flaviano, Fondatore e Direttore Generale del Movimento Ecclesiale ‘Apostoli della Parola’. ‘Quelli che escono dalla Chiesa, che Cristo ha fondato personalmente e insegnano altre dottrine, la Bibbia li chiama ANTICRISTI, cioè nemici di Cristo e perturbatori. Per tanto, sono MALEDETTI’;[100] ‘bisogna evitarli per non lasciarsi contaminare dai loro errori’;[101] ‘Non è conveniente leggere o ascoltare propaganda protestante, per non lasciarsi sedurre dai loro errori (…) generalmente quelli che escono dalla vera Chiesa che ha fondato Cristo, per entrare nelle sette, lo fanno per ignoranza’;[102] ‘I pastori protestanti non hanno gli stessi poteri che hanno i pastori della Chiesa Cattolica, perché le loro organizzazioni religiose sono state fondate da uomini, separati dalla Chiesa fondata da Cristo e alla quale diede i suoi poteri’;[103] ‘Anche i fratelli separati hanno il diritto di predicare la Parola di Dio? No. I fratelli separati non hanno nessun diritto di predicare la Parola di Dio (…) Se lo fanno, è per proprio conto, senza nessuna garanzia da parte di Dio’;[104] ‘Secondo la Bibbia, sono anticristi tutti coloro che escono dalla Chiesa di Cristo e l’attaccano (…) In questo senso, sarebbero anticristi i fratelli separati, che sono usciti dalla Chiesa di Cristo e stanno cercando tutti i modi per danneggiarla’.[105] E questo in pieno dialogo ecumenico! Così mentendo, i Cattolici romani ancora oggi dicono ogni sorta di male contro di noi a motivo del Vangelo: ma noi siamo felici di essere reputati degni di essere vituperati a cagione di Cristo come lo sono stati in questa nazione e in molte altre molti nostri fratelli dai loro predecessori, ancora prima che noi nascessimo. Fratelli nel Signore, come dice Pietro: “Se siete vituperati per il nome di Cristo, beati voi! perché lo Spirito di gloria, lo Spirito di Dio, riposa su voi”.[106]

Alcuni precetti della chiesa romana confutati

La chiesa romana pretende di essere la vera ed unica Chiesa di Dio che esista sulla faccia di tutta la terra. Oltre a ciò bisogna dire che essa si arroga un altro diritto che non possiede infatti si legge nel Nuovo Manuale del catechista: ‘La Chiesa ha auto­rità di fare leggi e precetti perché l’ha ricevuta nella persona degli Apostoli, da Gesù Cristo, l’Uomo-Dio; e perciò chi disubbi­disce alla Chiesa, disubbidisce a Dio medesimo’.[107] Ma vediamo quali sono alcuni di questi precetti che questa pseudochiesa ha emanato e dice che se si infrangono si disub­bidisce a Dio. Ecco come li troviamo scritti nel Catechismo della chiesa cattolica e come noi ci opponiamo ad essi.

–  Primo precetto: ‘Parteciperai alla Messa la domenica e le altre feste comandate’.[108]

Ora, secondo la chiesa romana chi non va a messa in questi giorni commette un peccato grave perché non adempie quell’altro loro comandamento che dice di santificare le feste; ma non è affatto così perché siccome che il peccato è la violazione della legge e non esiste nella legge il comando di ricordarsi delle feste cattoliche per santificarle, e che Cristo non ha per nulla coman­dato di assistere ad una funzione religiosa che pretende di ripetere il suo sacrificio, chi non va ad assistere a questo rito inventato da loro (né in quei giorni e neppure negli altri) non commette per nulla peccato.

Noi anzi esortiamo i Cattolici a non andare più a messa, ma ad andare piuttosto presso un locale di culto dove i santi adorano Dio in ispirito e in verità e dove viene predicata la Parola di Dio non adulterata.

–  Secondo precetto: ‘Confesserai tutti i tuoi peccati almeno una volta all’anno’.[109]

La Scrittura insegna invece che la confessione dei propri peccati va fatta a Dio e non a un prete. Quindi, o Cattolici romani, andate al Signore direttamente a confessare le vostre iniquità e otterrete quel perdono che il prete giammai potrà darvi. Una volta ottenuto questo perdono continuate a confessare le vostre iniquità al Signore, ricordandovi che questa confessione va fatta non almeno una volta all’anno, ma ogni qual volta si prega Dio; Gesù infatti disse che quando noi preghiamo dobbiamo dire al Padre nostro: “Rimettici i nostri debiti”.[110]

–  Terzo precetto: ‘Riceverai umilmente il tuo Creatore almeno a Pasqua’.[111]

Qui si fa riferimento all’ostia che, siccome secondo loro, alla consacrazione diviene Gesù Cristo, viene chiamata Creatore; bestemmia! O Cattolici quel pezzo di pasta non è il vostro Crea­tore; perché Egli è in cielo. Invece di andare a ricevere l’ostia, che vi viene presentata come Dio stesso e che nessun bene vi può fare, ricevete Cristo per fede nei vostri cuori; ora; non indugiate a farlo, e sarete riconciliati con Dio. E poi ritirate­vi dalla chiesa cattolica romana.

–  Quarto precetto: ‘Santificherai le feste che ti sono comanda­te’.[112]

La Scrittura non comanda di osservare giorni, mesi o anni. Se uno stima il giorno di domenica o quello di Pasqua più di altri giorni, egli è libero di farlo alla gloria di Dio, ma questa stima sua personale di quel giorno non può mutarsi in precetto perché questo costituisce un precetto umano. Tra le feste cattoliche da osservare ci sono anche le loro feste in onore di Maria, e di altri; vanità, imposture che non hanno nulla a che fare con la verità.

–  Quinto precetto: ‘Osserverai il digiuno prescritto e parimenti l’astinenza’,[113] il che nella pratica significa che non si deve mangiare carne nel venerdì e negli altri giorni proibiti e si deve digiunare nei giorni prescritti’. Con quest’altro precetto viene imposto ai Cattolici di non man­giare carne in giorno di venerdì (in memoria della passione di Gesù Cristo e perché con questa mortificazione pensano di parte­cipare alle sofferenze di Cristo), e in questi giorni di digiuno: nei sabati della Quaresima, nel mercoledì delle Ceneri, nel mercoledì e sabato delle quattro tempora, nelle vigilie di Nata­le, Pentecoste, Assunta e Tutti i Santi. Per quanto riguarda il digiunare nei giorni prescritti bisogna dire che il digiuno consiste in questo;

1) astenersi da determinati cibi come dalle carni nei giorni sopra menzionati e dalle uova e dai latticini nella seconda refezione;

2) astenersi da altri pasti oltre il pranzo; cioè di fare un solo vero pasto o a mezzogiorno o alla sera con il consenso di fare un’al­tra refezione leggera alla sera o a mezzogiorno (secondo che il vero pasto si fa a mezzogiorno o alla sera) nella quale sono proibite le uova e i latticini.

Tra i motivi per cui viene imposto questo precetto c’é quello della penitenza dei peccati infatti il catechismo dice: ‘Col digiuno e colla astinenza che la Chiesa c’impone facciamo peni­tenza in espiazione dei nostri peccati’.[114]

Naturalmente anche in questo caso chi infrange questo precetto si rende colpevole davanti a Dio secondo loro.

Ma che dice la Parola? La Parola ci insegna queste cose.

>Dio vuole che noi digiuniamo perché Gesù ha detto: “E quando digiunate, non siate mesti d’aspetto come gl’ipocriti; poiché essi si sfigurano la faccia per far vedere agli uomini che digiunano. Io vi dico in verità che cotesto é il premio che ne hanno. Ma tu, quando digiuni, ungiti il capo e lavati la faccia, affinché non appari­sca agli uomini che tu digiuni, ma al Padre tuo che è nel segre­to; e il Padre tuo, che vede nel segreto, te ne darà la ricompen­sa”,[115] ma il vero digiuno non è da intendersi come un’astensione dalla sola carne o qualche altro cibo ma come un’astensione sia da ogni vivanda che da ogni bevanda perché di Gesù, quando digiu­nò per quaranta giorni, è scritto che “durante quei giorni non mangiò nulla”;[116] di Paolo è detto che in quei tre giorni “non mangiò né bevve”,[117] e di Mosè, quando salì sul monte Sinai, è scritto: “E Mosè rimase quivi con l’Eterno quaranta giorni e quaranta notti; non mangiò pane e non bevve acqua”.[118] Certo, uno è libero di astenersi dal mangiare qualche cosa di particolare durante un certo periodo di tempo, o di astenersi solo dal mangiare e non dal bere, questo non è che noi lo neghia­mo però rimane il fatto che il digiuno completo è quello qui sopra descritto.

>Il Signore non ha imposto di non mangiare carne il venerdì in memoria della sua morte ma ha ordinato di celebrare la santa cena con il pane ed il vino per ricordarla ed annunziarla perché Gesù sia quando diede il pane che quando diede il calice da bere ai suoi discepoli disse loro: “Fate questo in memoria di me”,[119] e perché Paolo dice ai Corinzi: “Poiché ogni volta che voi mangiate questo pane e bevete di questo calice, voi annunziate la morte del Signore, finch’egli venga”.[120]

>Coloro che ordinano ad altri di non mangiare un certo cibo in particolari giorni non parlano da parte di Dio perché Paolo ha detto che “il regno di Dio non consiste in vivanda né in bevanda, ma è giustizia, pace ed allegrezza nello Spirito Santo”.[121] Il man­giare carne non contamina il giusto né in giorno di venerdì e né in altro giorno.

>Il digiuno come lo intende la Scrittura non lo si fa per espiare i propri peccati perché in se stesso il digiuno non ha il potere di espiare alcun peccato, ma lo si fa per umiliarsi davanti a Dio e per fare udire la propria voce in alto. Certo, il digiuno è un’opera buona e mediante di esso si mortificano gli atti del corpo perché quando si digiuna ci si sente più forti spiritual­mente e si sentono molto meno forti certe passioni della carne, ma rimane il fatto che non è mediante di esso che si espiano i propri peccati. Gesù Cristo “è la propiziazione per i nostri peccati”,[122] come dice Giovanni, e non il digiuno o qualche altra cosiddetta opera di penitenza.

Questi qua sopra citati sono dei precetti che la chiesa romana ha stabilito per i suoi seguaci, precetti d’uomini che ci fanno ricordare le parole che Dio disse al popolo mediante Isaia: “La parola dell’Eterno è stata per loro precetto dopo precetto, precetto dopo precetto regola dopo regola, regola dopo regola…”.[123] Questa è la Parola di Dio per i Cattolici, un insieme di regole stabilite dall’uomo ed il timore che hanno di Dio non è altro che un’insieme di comandamenti imparati dagli uomini. E tutto questo perché viene inculcato loro sin da quando sono piccoli fanciulli ad osservare tutti questi precetti per piacere a Dio e per non disubbidirgli.

Cosa c’è alla radice dei loro insegnamenti

E’ scritto che “l’amor del danaro é radice d’ogni sorta di mali”,[124] ed uno di questi mali che scaturisce da esso è appunto l’eresia. L’apostolo Paolo parlando a Tito di alcuni della circoncisione che lui ha definito ribelli, cianciatori e seduttori di menti scrisse così: “Sovvertono le case intere, insegnando cose che non dovrebbero, per amor di disonesto guadagno”.[125] Una cosa simile possiamo dirla di coloro che tengono nelle loro mani le redini della chiesa romana, perché essi sovvertono il mondo intero insegnando cose che non dovrebbero per amore di disonesto guadagno.

La chiesa romana nel corso del tempo ha introdotto ogni sorta di eresie per amore di disonesto guadagno, infatti se si va a vedere da vicino l’insegnamento relativo al primato del papa, alla canonizzazione dei santi, alle messe per i morti, al purgatorio, alle reliquie, alle indulgenze, al potere di sciogliere e legare, ed ad altre cose ci si accorge che essi sono serviti e servono al papato per arricchirsi oltremodo.

Cominciamo con l’insegnamento della supremazia del vescovo di Roma sulla Chiesa universale. Proclamandosi capo universale della Chiesa il cosiddetto papa ha accentrato su di sé tutto il potere, stabilisce per il mondo i vescovi che a lui piacciono i quali giurano ‘di mantenere, difen­dere, accrescere e favorire i diritti, gli onori, i privilegi e l’autorità del loro signore, il papa’. E questo giuramento com­prende anche il dovere di contribuire ‘a procurare i mezzi di cui la Sede Apostolica secondo le condizioni dei tempi necessita, per essere in grado di prestare in modo appropriato il suo servizio alla Chiesa universale’.[126] E difatti i vescovi (e gli arcivescovi) pagano al papa delle tasse in occa­sione della visita ad limina.[127]

Vediamo adesso l’insegnamento sulla canonizzazione dei santi (che si fonda sull’errato significato che essi danno al termine santo e su un’inesistente potere del papa di fare santi alcuni dopo morti). Basta che i Cattolici paghino grandi somme di denaro al papa per ottenere la canonizzazione di qualcuno morto in odore di santità[128] (la canonizzazione è preceduta dalla beatificazione che costa anch’essa parecchi soldi). D’al­tronde la sapienza dice che “il danaro risponde a tutto”[129] e che “i regali che uno fa gli apron la strada e gli danno adito ai grandi”.[130] Che c’é da meravigliarsi quindi se coloro che hanno grosse disponibilità finanziarie riescono ad ottenere certi ‘privilegi’ (quello di avere un ‘santo’ nella propria famiglia, o nella propria diocesi o parrocchia) dal papa? Certo, per fare santo qualcuno occorre anche che egli sia stato una sorta di eroe spirituale durante la sua vita, e che i suoi insegnamenti siano stati integri dal punto di vista cattolico, e che egli faccia almeno quattro miracoli dopo morto (due per essere beatificato, e altri due dopo la beatificazione per essere fatto santo). Ma su queste cose non ci sono grossi problemi perché la curia romana sa come fare quadrare tutto quando ci sono di mezzo grosse somme di denaro da intascare.

Veniamo ora all’insegnamento sulla messa e sul suffragio. Se un Cattolico vuole alleviare le anime dei suoi defunti dalle pene che essi soffrono nel cosiddetto purgato­rio o vuole liberare le anime dei suoi defunti dal purgatorio deve fare dire la messa per i morti che ha un prezzo (anche se il suo prezzo è presentato come libera offerta).[131] Quindi, basta che paga ed otterrà queste grazie per i suoi morti. La messa quindi è una fonte di disonesto guadagno per la curia romana. Quello che bisogna osservare a riguardo della messa per i morti è questo: che Cristo per offrire se stesso sulla croce del Calvario non richiese nessuna offerta da parte di nessuno, mentre il prete, che si fa passare per sacerdote di Dio, per offrire il presunto corpo ed il sangue di Cristo (l’ostia) in sacrificio propiziatorio per i Cattolici che stanno nel cosiddetto purgatorio si fa pagare. Essi dunque profanano doppiamente il sacrificio di Cristo; prima pensando di ripeterlo e poi facendosi pagare per esso. O Cattolici ma non vi rendete conto che ai preti importano solo i vostri soldi?

Per ciò che concerne l’insegnamento sulla venerazione delle reliquie esso è una fonte di grandi ricchezze per il papato perché ai Cattolici viene detto che in quel santuario o in quell’altro ci sono o il corpo o le parti del corpo di quello o di quell’altro ‘santo’ o degli oggetti che erano di quello o di quell’altro santo e che andandovi a visitarle possono otte­nere benefici da Dio, ed essi, ingannati, vi si recano con la speranza di ottenere qualche grazia per mezzo delle reliquie. E così i sovrintendenti di questi santuari si arricchiscono oltre modo vendendo alle persone ogni sorta di oggetto che ricorda quel santuario o la reliquia del ‘santo’ e ricevendo le offerte votive che essi fanno al ‘santo’. E dove vanno a finire infine tutti questi introiti? Nelle casse papali.[132]

E diciamo pure qualcosa sulla dottrina che dice che il papa ha il potere di sciogliere quello che vuole in virtù delle chiavi ricevute da Cristo. In virtù di questa dottrina, il papa, quantunque dice di ritenere il matrimonio indissolubile, ritiene di avere la potestà di sciogliere il matrimonio.[133] Ma lo scioglie facendosi pagare, infatti se uno vuole divorziare e risposarsi deve andare alla ‘Sacra Rota’ (o meglio ad uno dei Tribunali ecclesiastici regionali) e pagare. E considerando che ogni anno per il mondo egli scioglie migliaia di matrimoni il papato incassa parecchi soldi. Ma il papa non dà solo il permesso di divorziare e risposarsi ma anche il permesso (naturalmente anche questo a pagamento) che permette di non osservare certi precetti della chiesa il quale è chiamato dispensa. Secondo il Codice di diritto canonico infatti la dispensa è ‘l’esonero dall’osservanza di una legge puramente ecclesiastica in un caso particolare’.[134] Per esempio c’è la dispensa che autorizza ad astenersi dal digiuno, quella che autorizza a lavorare in certe feste di precetto e quelle matrimoniali che permettono di contrarre matrimonio quantunque ci siano degli impedimenti impedienti.[135] A proposito del lato finanziario di queste dispense ecco cosa dice l’Enciclopedia Cattolica: ‘Per le dispense matrimoniali si segue un sistema di tassazione tradizionale. Si fa così distinzione fra ricchi e poveri, si distinguono cioè quelli che possiedono o guadagnano fino ad un determinato limite, da quelli che lo superano. Per i poveri è stabilita una tassa minima variabile con l’impedimento (i miserabili pagano solo le spese) per i ricchi invece ha luogo la componenda. Questa è una cifra stabilita caso per caso dalla S. Sede in seguito alla indicazione della possidenza personale degli sposi e dei loro introiti. La percentuale varia anche qui con la diversità e la gravità degli impedimenti’.[136] Chi può negare davanti a queste cose che la dottrina sullo sciogliere e sul legare è fonte di disonesto guadagno per il papato? Faccio notare a proposito delle dispense che sono veramente un inganno nei confronti dei Cattolici, perché da un lato la curia romana gli fa credere che la Chiesa ha l’autorità da parte di Dio di formulare precetti e di farli osservare ai suoi fedeli e poi gli da pure l’opportunità di infrangerli. Da ciò si deduce che se quei precetti si possono infrangere con il suo beneplacito essi non valgono nulla ai loro occhi, ma sono solo delle restrizioni che hanno introdotto solo con lo scopo di togliere denaro alle persone.

Analizziamo ora l’insegnamento sulle indulgenze perché anch’esse sono state e sono fonte di grande guadagno per il papato.

L’indulgenza plenaria – secondo l’insegnamento papale – è la remissione di tutta la pena temporanea dovuta per i peccati, il che significa che coloro che la prendono (se muoiono subito dopo) se ne vanno subito in paradiso senza passare dal Purgatorio perché non gli rimangono più pene per i peccati da scontare nell’al­dilà! Che bisogna fare per acquistarla? Occorre compiere l’opera indulgenziata, la confessione, la comunione e recitare la preghiera secondo le intenzioni del papa dei Cattolici romani. L’opera indulgenziata talvolta è la visita a determinate basiliche o luoghi di pellegrinaggio, il che equivale a dire di portare offerte là dove si è diretti. E così le casse papali si riempiono di denaro. Le indulgenze vengono acquistate dai Cattolici romani anche a pro dei loro morti, perché le indulgenze sono parte di quei suffragi che i Cattolici sono invitati a compiere a pro delle anime che si trovano nel Purgatorio. A che servono quelle indulgenze a pro dei morti? Ad alleviare le loro pene e ad affrettarne la loro uscita dal purgatorio!

Nel passato le indulgenze plenarie furono (ma ribadiamo lo sono tuttora; basta pensare alle ingenti somme di denaro che entrano nelle casse papali durante ogni Giubileo) un grande affare finanziario per il papato perché di esse si servirono papi avidi di disonesto guadagno per arricchirsi oltremodo. Lasciamo la parola ad uno storico cattolico di nome Ludovico Von Pastor a riguardo: ‘Per l’acquisto dell’indulgenza, che i viventi intendevano guadagnare per sé, fu sempre richiesta, oltre alla visita della chiesa ed al contributo in denaro la confessione (…) compiuta la confessione, naturale presupposto all’acquisto dell’indulgenza, i fedeli dovevano mettere nel ceppo delle elemosine una somma di denaro rispondente alle loro condizioni finanziarie. Quest’oblazione a scopi pii, che era accessoria (…) divenne ora il vero motivo per cui si chiedevano e venivano concesse indulgenze. Come quasi tutti gli inconvenienti di cui soffrì la Chiesa alla fine del medioevo, anche l’abuso dell’indulgenza risale in gran parte al tempo dello scisma d’Occidente. Al fine di potersi sostenere contro il papato francese, Bonifacio IX, anche altrimenti non schifiltoso nei mezzi per colmare la cassa della Camera apostolica, in numero straordinariamente alto concesse indulgenze allo scopo confessato di ottenere per tale via del denaro (…) L’indulgenza andò sempre più prendendo la forma d’un affare finanziario’.[137] Per quanto riguarda la predicazione sulle indulgenze per i morti fatta da Tetzel ai giorni di Leone X in Germania il Pastor dice che ‘Tetzel realmente ha predicato essere dogma cristiano, che per acquistare l’indulgenza a favore dei morti occorreva soltanto l’oblazione in denaro, non dolore e confessione (..) non può soggiacere ad alcun dubbio che, quanto alla sostanza almeno, egli, partendo da questo presupposto, abbia predicato la massima drastica: ‘tosto che il denaro suona nella cassetta, l’anima balza fuori del purgatorio’.[138] A proposito del fatto che Leone X (1513-1521) approvò la vendita delle indulgenze per raccogliere il denaro necessario alla costruzione dell’attuale ‘basilica di san Pietro’, il Pastor riferisce che ‘non ostante il suo attaccamento alla Santa Sede il rigido cardinale Ximenes espresse il suo malcontento per l’indulgenza concessa da Leone X a favore della basilica di S. Pietro’.[139]

Quindi, come si può ben vedere, sia il papato che tutti coloro che sono sotto la sua scia hanno avuto sempre grandi interessi finan­ziari nell’annunziare queste dottrine malefiche al popolo (canonizzazione, purgatorio, indulgenze, messa, ecc.). Perché dunque meravigliarsi di questo loro attaccamento a questi loro dogmi di fede che non hanno nulla a che fare con la verità, quando si sa che essi sono fonte di ricchezza sia per la sede centrale di Roma che per tutte le sue succursali sparse per il mondo? Se dovessero rinunciare a queste loro dottrine di conse­guenza dovrebbero rinunciare a tanti e tanti soldi perché scompa­rirebbero le loro miniere da cui attingono le loro ricchez­ze; ma il fatto è che essi non hanno nessuna intenzione di rinunciare ad esse perché sono cupidi di disonesto guadagno. Sono disposti a fare di tutto per saziare la loro cupidigia; lo hanno dimostrato abbondantemente durante i secoli. Non abbiamo bisogno di ulteriori prove, come se quelle che ci sono fossero insuffi­cienti. Ma essi, oltre ad arricchire loro stessi, fanno arricchire molti perché procurano un gran guadagno a molti e molti artigiani sparsi un pò per tutto il mondo; molti orafi si arricchiscono facendo per i Cattolici medaglie e medaglioni di tutti i generi, molti scultori si arricchiscono costruendo per il Vaticano le statue; molti pittori si arricchiscono dipingendo per loro; molti negozi si arricchiscono vendendo ogni sorta di mercanzia che ha a che fare con reliquie, santuari, Maria, con il rosario, con i croci­fissi, con le cosiddette immagini sacre, e con miriadi di altri cose. A tale proposito un paragone appropriato va fatto: come quel Demetrio orefice, che faceva dei tempietti di Diana in argen­to, procurava non piccol guadagno agli artigiani, così ora il papato procura non piccol guadagno a tutti coloro che lavorano per lui in una maniera o nell’altra. Questa è una delle ragioni per cui noi figliuoli di Dio siamo in avversione ed abominio al papato ed a coloro che sono in rapporti economici con esso, perché riprovando le sue eresie su Maria, l’eresia del purgatorio e quella delle indulgenze e la sua dottrina sulle statue e sulle immagini e tutte le sue seco­lari invenzioni dottrinali noi ci opponiamo automaticamente anche ai suoi enormi interessi finanziari e a quelli di tante industrie e artigiani e editori e tipografi e tanti altri. Quello che emerge infatti, studiando le dottrine cattoliche e le pratiche devozionali che sono ad esse collegate, è che dietro di esse si annidano enormi interessi finanziari di cui noi abbiamo soltanto una pallida idea. In altre parole ci troviamo davanti ad un gigantesco impero finanziario ed economico, camuffato da Chiesa di Dio, che attinge i suoi capitali da quell’enorme numero di eresie e di superstizioni che costituiscono la tradizione cattolica romana.

I miracoli: segni che la chiesa cattolica romana è nella verità?

Secondo i teologi romani i miracoli che avvengono fra di loro dimostrano che essi sono nella verità. Così si espresse il cardi­nale Bellarmino (1542-1621): ‘La gloria dei miracoli è un segno (della vera Chiesa). Son da premettersi due cose fondamentali: La prima, che i miracoli sono necessari alla nuova fede, e a persua­dere la missione straordinaria. La seconda, che i miracoli sono efficaci e sufficienti. Dalla prima deduciamo, che la Chiesa degli avversari non può essere la vera Chiesa; e dalla seconda, che la nostra è la vera Chiesa’.[140]

Ora, noi non crediamo affatto che i miracoli siano cessati con la morte degli apostoli, e questo perché “Gesù Cristo è lo stesso ieri, oggi, e in eterno”.[141] Essi avvengono in mezzo al suo popolo per le mani di ministri che hanno ricevuto il dono di potenza di operare miracoli e sono necessari perché sono la manifestazione dello Spirito secondo che é scritto: “Or a ciascuno è data la manifestazione dello Spirito per l’utile comune”.[142] Essi servono infatti a confermare nella fede i credenti ed a trarre all’ubbi­dienza della fede gli uomini che vivono lontani da Dio. Bisogna dire però, che i miracoli non avvengono solo in mezzo al popolo di Dio, per lo Spirito Santo, per mezzo di santi uomini rivestiti di potenza, ma anche tra i pagani, cioè tra coloro che non conoscono Dio e vanno dietro agl’idoli muti, ma in questo caso avvengono per mezzo di ministri di Satana quali maghi o uomini molto religiosi all’apparenza. Nel caso dei segni e prodigi che in seno alla chiesa romana viene detto si verificano per mezzo di cosiddetti santi essi devono essere attribuiti all’avversario e non a Dio, e questo perché queste persone, che poi magari vengono puntualmente beatificate e santificate dal papa, sono degli idolatri che non conoscono Iddio. Il loro sguardo è malefico, le loro parole dolci e lusinghiere, le loro opere d’iniquità. Essi devono essere inclusi tra quei falsi profeti di cui parlò Gesù che “faranno gran segni e prodigî da sedurre, se fosse possibile, anche gli eletti”.[143] Sì, perché il loro scopo é quello di sedurci e di farci apostatare dalla fede. E’ fuori di dubbio, questi loro prodigi suscitano meraviglia tra le persone, come li suscitava quelli che operava Simone a Samaria prima che credesse al Vangelo. Ma essi servono a fare rimanere i Cattolici romani ancora più attaccati al culto di Maria, al culto degli angeli e dei loro santi ed a convincerli che la loro chiesa è la vera Chiesa. Come ho detto prima, questi falsi profeti operano questi prodigi sotto l’influsso di poteri diabolici per sedurci, ma badate che tutto questo rientra nel volere di Dio perché Dio per mezzo di questi impostori ci mette alla prova per vedere se noi lo amiamo con tutto il nostro cuore; questo è quello che apprendiamo da queste parole scritte nella legge: “Quando sorgerà in mezzo a te un profeta o un sognatore che ti mostri un segno o un prodigio, e il segno o il prodigio di cui t’avrà parlato succeda, ed egli ti dica: ‘Andiamo dietro a dèi stranieri (che tu non hai mai cono­sciuto) e ad essi serviamo’, tu non darai retta alle parole di quel profeta o di quel sognatore; perché l’Eterno, il vostro Dio, vi mette alla prova per sapere se amate l’Eterno, il vostro Dio, con tutto il vostro cuore e con tutta l’anima vostra”.[144] Quindi i prodigi non possono essere presi come segni dimostrato­ri che chi li compie è nella verità o che l’organizzazione di cui lui è membro è la vera Chiesa, perché se fosse così dovremmo chiamare Chiesa di Dio anche le associazioni di maghi e stregoni che ci sono anche in questa nazione. Il fatto è che mentre i maghi non mostrano di essere religiosi ma irreligiosi, i cosid­detti santi o santoni della chiesa romana sono delle persone molto religiose che recitano il rosario, il Padre nostro, che vanno alla messa fatta dal prete e fanno tante altre cose della loro religione. Non possiamo definirli né santi e né credenti appunto perché dimostrano di essere una banda di seduttori pro­fessanti le arti seduttrici dell’errore per mezzo di segni e prodigi. Contrastano la parola di verità, sono attaccati morbosa­mente alla tradizione cattolica romana; noi rifiutiamo di dargli retta anche se fanno le cose che fanno; quand’anche facessero scendere il fuoco dal cielo usandosi del nome di Maria, quand’an­che si mettessero a camminare sull’acqua nel nome di Antonio o di Francesco o di chicchessia, noi non daremo loro retta appunto perché essi sono degli idolatri che ci incitano all’apostasia. Gesù Cristo dice: “Venite dietro a me”,[145] quindi noi dobbiamo seguire lui e nessun altro, per non smarrirci per le vie desolate di questa religione anticristiana che si fa passare anche per mezzo dei prodigi che avvengono nel suo mezzo come la vera Chiesa.

Alcune parole a proposito dell’imposizione delle mani fatta nel nome di Gesù sugli ammalati in seno alla chiesa cattolica romana

Voglio dire ora alcune cose a proposito delle guarigioni. In seno alla chiesa romana, nell’ambito del movimento carismatico, ci sono vescovi e preti che impongono le mani sugli infermi nel nome di Gesù. Ora, noi non siamo affatto contro il fatto che essi impongano le mani sugli infermi nel nome di Gesù per la loro guarigione, però siccome che essi continuano a rimanere in seno alla chiesa romana ed attaccati alla sua tradizione essi non ci convincono affatto. Ma voglio pure dire che quand’anche il Signore nella sua misericordia guarisca un Cattolico romano da una malattia in seguito all’imposizione delle mani di uno di questi vescovi o preti, o in seguito ad una sua invocazione fatta con fede (dal malato) al Signore affinché lo guarisca, questo non ci porta a definire la chiesa romana la vera Chiesa che possiede la sana dottrina. Noi riteniamo che queste guarigioni avvenute o che possono avvenire mediante il nome di Gesù anche nell’ambito della chiesa romana siano non solo una prova della fedeltà e della bontà di Dio in verso coloro che nel bisogno lo invocano senza conoscerlo, ma anche dei mezzi con i quali Dio ci mette alla prova, a noi suoi figliuoli, per vedere se lo amiamo con tutto il cuore e se rimaniamo attaccati alla fedel Parola quale ci è stata insegnata. Con questo discorso vogliamo dirvi di diffidare di chiunque dice di credere che Gesù guarisce e che prega pure sugli ammalati nel nome di Gesù, ma nello stesso tempo si attiene alla tradizione della chiesa romana. State attenti fratelli.

CONCLUSIONE

Come avete potuto constatare da voi stessi la dottrina sulla Chiesa insegnata dalla chiesa cattolica romana è strettamente collegata al primato di Pietro ed alla cosiddetta successione apostolica, vale a dire sull’insegnamento che Pietro fu costituito da Cristo capo visibile della Chiesa e che lasciò questo suo primato al vescovo di Roma ed ai suoi successori; e che oltre al successore di Pietro a capo della Chiesa ci siano i successori degli apostoli, cioè i vescovi che a loro volta consacrano i preti nelle loro diocesi. Ma oltre a questi insegnamenti, essa è collegata alla dottrina sacramentaria perché nella chiesa riveste una importanza notevole il prete con tutti i suoi presunti poteri (il potere di fare cristiani con il battesimo, quello di rimettere i peccati, quello di trasformare il pane e il vino nel corpo e sangue di Gesù Cristo, ecc.). Cosicché chi ha il papa o meglio chi è sottomesso al papa e ai vescovi cattolici, e chi possiede tutti i sette sacramenti è un membro della vera Chiesa, chi invece rifiuta di sottomettersi al papa e ai suoi vescovi e di riconoscere i suoi sette sacramenti, anche se si dice cristiano nella realtà non è un vero cristiano. Potrebbe un vero cristiano opporsi al vicario di Cristo? Potrebbe un vero cristiano sprezzare i sette sacramenti istituiti da Cristo per la sua Chiesa? essi dicono. E’ evidente quindi che stando così le cose ‘le altre chiese’ non possono avere la pienezza dei mezzi di salvezza. E così a giusta ragione dichiariamo che, avendo i Cattolici una tale cognizione della Chiesa, è impossibile andare d’accordo con i Cattolici romani. Fratelli, nessuno vi seduca.

Ma anche in questo caso mi trovo costretto a fare alcune domande agli amanti dell’ecumenismo: Ditemi, come potete pensare di andare d’accordo con i Cattolici quando essi ritengono che voi non possedete tutti i mezzi per salvarvi? O come potete pensare che essi vi chiamano sinceramente Cristiani, quando sanno che voi non credete che il papa è il vicario di Cristo e i suoi vescovi i successori degli apostoli? A nostro avviso, stando così anche la loro dottrina sulla Chiesa, se essi rimangono attaccati ad essa; e voi non la riconoscete, è impossibile che voi andiate d’accordo con essi. Che sorta di unità dunque procacciate con questa gente se non siete disposti a riconoscere il primato del vescovo di Roma, e tutti i loro sacramenti (magari all’infuori del battesimo perché questo lo accettate!)? Strano per davvero questo vostro modo di agire! Parlate tanto di unità con i Cattolici, ma non volete riconoscere il cosiddetto successore di Pietro e tutti i loro sacramenti. Non siete dunque coerenti.


[1]Giuseppe Perardi, op. cit., pag. 181

[2]Ibid., pag. 181

[3]Ibid., pag. 181

[4]Ibid., pag. 181

[5]Ibid., pag. 181

[6]Ibid., pag. 181

[7]Ibid., pag. 182

[8]Ibid., pag. 182

[9]Ibid., pag. 188

[10]Ibid., pag. 189-190

[11]Ibid., pag. 192

[12]Ibid., pag. 195

[13]Ibid., pag. 196

[14]Ibid., pag. 199

[15]Ibid., pag. 188

[16]Ibid., pag. 450

[17]Ibid., pag. 181

[18]Ibid., pag. 181

[19]Ibid., pag. 182

[20]Ibid., pag. 221,222. Se dunque voi siete degli eretici e degli apostati perché avete abbandonato la chiesa cattolica romana, come mai siete chiamati anche voi fratelli separati? Come potete essere eretici ed apostati e nello stesso tempo fratelli? Come potete essere da loro insigniti a ragione del nome di Cristiani?

[21]Bolla Unam Sanctam del 18 Novembre 1302

[22]Concilio di Firenze, Sess. XI

[23]Concilio Vaticano II (1962-1965), Lumen gentium, 14: citato nel Catechismo della Chiesa cattolica a cura di Rino Fisichella, pag. 173

[24]Giuseppe Perardi, op. cit., pag. 224

[25]Concilio Vaticano II, Sess. V, cap. I

[26]Ci tengo a dire sin da adesso che noi non escludiamo che in mezzo alla chiesa cattolica romana ci possano essere dei veri nati di nuovo che quantunque sono stati salvati per la grazia di Dio, perché Dio si è fatto da loro trovare, si trovano temporaneamente ancora per svariate circostanze tra i Cattolici romani pur non condividendone molte dottrine e pratiche. E ci tengo pure a dire che siamo sicuri, che tra tutti coloro che nel mondo si dicono Pentecostali, Valdesi, Battisti, Anglicani, Riformati, Metodisti, o altro, ci sono molti che non essendo ancora nati di nuovo sono sulla via della perdizione quantunque frequentino magari da anni il locale di culto e sentono la predicazione della Parola di Dio o che magari dopo avere un giorno conosciuto la grazia di Dio sono diventati tiepidi e il Signore quindi li vomiterà dalla sua bocca. Costoro se muoiono in questo stato vanno all’inferno per cui anche se risultano membri di una particolare Chiesa evangelica questa loro appartenenza non gioverà loro nulla.

[27]Se consideriamo un altro rito di iniziazione prescritto da Dio vale a dire la circoncisione giudaica noteremo una certa somiglianza con il battesimo istituito da Cristo. Dio prescrisse che ogni figlio maschio nato da genitori Giudei dovesse essere circonciso nella carne l’ottavo giorno. Questo sarebbe stato il segno del patto fra Dio e il suo popolo sotto l’Antico Patto. Con quel segno esteriore prescritto da Dio dunque i suoi genitori mettevano in grado il neonato di entrare ufficialmente a fare parte del popolo eletto. Era nato un altro maschio ebreo che si aggiungeva al loro popolo; e si noti che chi riceveva la circoncisione era già nato. Così anche tramite il battesimo in acqua chi è appena nato dall’acqua e dallo Spirito, cioè è nato la seconda volta per virtù della Parola di Dio e dello Spirito Santo (è agli occhi degli altri credenti un neonato dal punto di vista spirituale) viene messo in grado di entrare a fare parte dell’assemblea dei riscattati, viene insomma aggiunto al numero dei credenti già esistenti. Infatti il giorno della Pentecoste si dice che coloro che accettarono la Parola furono battezzati e poi si dice che “furono aggiunte a loro circa tremila persone” (Atti 2:41). La differenza sta che mentre la circoncisione era dolorosa per il neonato, il battesimo non è un atto doloroso in se stesso perché chi lo riceve viene semplicemente immerso nell’acqua: e poi mentre la circoncisione il neonato la riceveva senza essere consapevole di quello che gli facevano e senza saper il significato di quel segno e senza avere espresso il desiderio di farsi circoncidere, il battesimo viene ricevuto solo da persone che hanno creduto col cuore nel Signore, quindi che sono consapevoli di quello che gli viene fatto e intendono il significato del segno che ricevono. Se dunque si prende la circoncisione dell’Antico Patto per parlare del battesimo sotto il Nuovo Patto, si deve del continuo tenere presente che sono solo dei segni testimonianti l’entrata nel popolo di Dio, ma anche che come la circoncisione dell’Antico Patto veniva ricevuta da un neonato fisico così il battesimo viene e deve essere ricevuto da un neonato spirituale e quindi da chi è già nato di nuovo il che implica che sia in grado di discernere perché si è ravveduto dai suoi peccati ed ha creduto in Cristo. Nel caso invece si considera la circoncisione di Abramo da lui ricevuta a novantanove anni, occorre tenere presente che essa fu da lui ricevuta consapevolmente cioè con il desiderio di riceverla in obbedienza al comando di Dio. Ma anche che non fu la circoncisione a giustificarlo ma la sua fede riposta nella promessa di Dio quando ancora era incirconciso (cfr. Rom. 4:9-12).

[28]Giov. 15:1-5

[29]Il termine italiano chiesa deriva dalla parola greca ekklesia che significa ‘assemblea’.

[30]Col. 4:5

[31]1 Cor. 5:12

[32]Ef. 2:1,19-22

[33]1 Piet. 1:23; 2:2

[34]1 Piet. 2:5

[35]1 Cor. 12:27

[36]1 Cor. 12:13

[37]1 Cor. 12:26

[38]1 Piet. 2:9

[39]1 Piet. 2:9

[40]1 Cor. 10:20

[41]1 Piet. 2:9

[42]1 Tim. 3:15

[43]Giov. 17:17

[44]Giuseppe Perardi, op. cit., pag. 430

[45]Ibid., pag. 430

[46]Matt. 18:20

[47]Ef. 1:22,23

[48]Ef. 4:15

[49]Ef. 5:23

[50]2 Cor. 11:2

[51]Col. 1:17,18

[52]Rino Fisichella, Il Catechismo della Chiesa Cattolica, pag. 169

[53]1 Tess. 5:23

[54]Giuseppe Perardi, op. cit., pag. 192

[55]Giovanni Bosco (1815-1888) aprì oratori, ospizi e collegi sia in Italia che all’estero. Giuseppe Cafasso (1811-1860) si distinse tra le altre cose nell’assistenza ai morenti; in particolar modo i carcerati e i condannati al patibolo. Giuseppe Cottolengo (1786-1842) si prodigò con i derelitti, i raminghi, i senza tetto ed in particolare gli ammalati privi di assistenza.

[56]Come vedremo in appresso, i santi della chiesa cattolica romana sono dichiarati tali dagli uomini, dopo la loro morte dopo una lunga e costosa prassi, e dopo che si sono accertati almeno quattro miracoli compiuti dal morto.

[57]Ef. 5:25,26

[58]Ebr. 10:10

[59]Cfr. Ap. 5:9

[60]Cfr. Rom. 10:8-13

[61]Ef. 2:20

[62]Concilio Vaticano I, De Eccl. Christi, can. 13; citato da Luigi Desanctis in Compendio di controversie tra la parola di Dio e la teologia romana, ott. ediz. Firenze 1925, pag. 31

[63]Giuseppe Perardi, op. cit., pag. 209

[64]Ebr. 2:11

[65]Atti 4:12

[66]Ap. 18:4

[67]Giuseppe Perardi, op. cit., pag. 224

[68]Concilio Vaticano II, Sess. V, cap. 1

[69]Credo che taluni farebbero bene ad andare a leggersi tutti gli anatemi che il concilio di Trento (cito solo questo) ha lanciato contro i Protestanti.

[70]Concilio di Firenze, Sess. XI

[71]Matt. 7:13,14

[72]Luca 12:32

[73]Matt. 22:14

[74]Luca 13:23

[75]Luca 13:24

[76]1 Piet. 3:20

[77]Es. 17:15 (Diod.)

[78]Cfr. Mal. 3:16-18

[79]Ger. 15:10

[80]Matt. 11:18,19

[81]Matt. 12:24

[82]Giov. 7:12

[83]Luca 23:2

[84]Atti 17:6,7

[85]Atti 19:26

[86]Atti 16:20

[87]Matt. 10:25

[88]Matt. 5:11,12

[89]Giovanni Perrone, Catechismo intorno al Protestantesimo ad uso del popolo, Roma 1854, pag. 10. Questo libro del Perrone a suo tempo fu sparso a piene mani dai preti per tutti i paesi d’Italia.

[90]Giovanni Perrone, op. cit., pag. 22,23

[91]Ibid., pag. 44,45

[92]Ibid., pag. 70, 73, 75

[93]Ibid., pag. 102,103

[94]Ibid., pag. 109

[95]Ibid., pag. 112,113

[96]Ibid., pag. 115

[97]L’Osservatore Romano, 25 Aprile 1934, pag. 2

[98]L’Osservatore Romano, 7 Aprile 1934, pag. 2

[99]D’altronde non si capisce perché le cose dovrebbero essere differenti quando la chiesa cattolica romana è la stessa di secoli fa e noi continuiamo a riprovare tutte le sue eresie ed imposture come facevano esattamente i nostri fratelli che ci hanno preceduto. Sappiate dunque che c’è da preoccuparsi quando si sente dire che taluni Evangelici sono ben visti e stimati da zelanti preti cattolici o da altri zeloti della gerarchia cattolica perché questo significa che essi hanno smesso di riprovare e confutare pubblicamente le eresie papiste per accattivarsi la loro amicizia e rispetto, e per non aver noie.

[100]Amatulli Flaviano, La Chiesa Cattolica e le sette protestanti, Putignano 1991, pag. 19. Il libro ha l’Imprimatur.

[101]Amatulli Flaviano, op. cit., pag. 20

[102]Ibid., pag. 21

[103]Ibid., pag. 31

[104]Ibid., pag. 43

[105]Ibid., pag. 152

[106]1 Piet. 4:14

[107]Giuseppe Perardi, op. cit., pag. 347

[108]Catechismo della Chiesa Cattolica, Città del Vaticano 1992, pag. 506

[109]Ibid., pag. 506

[110]Matt. 6:12

[111]Ibid., pag. 506

[112]Ibid., pag. 506

[113]Ibid., pag. 506

[114]Giuseppe Perardi, op. cit., pag. 355

[115]Matt. 6:16-18

[116]Luca 4:2

[117]Atti 9:9

[118]Es. 34:28

[119]1 Cor. 11:24,25

[120]1 Cor. 11:26

[121]Rom. 14:17

[122]1 Giov. 2:2

[123]Is. 28:13

[124]1 Tim. 6:10

[125]Tito 1:11

[126]Codice di diritto canonico, can. 1271

[127]Cfr. Fausto Salvoni, Da Pietro al Papato, Genova 1970, pag. 365

[128]Francesco Di Silvestri-Falconieri (membro di una Chiesa evangelica del suo tempo) racconta a proposito della canonizzazione della sua lontana parente Giuliana Falconieri (1270-1341), donna che durante la sua vita portava catene ai lombi (che erano così strette che finirono col penetrargli nella carne e non le si poterono più levare), funicelle alle gambe e alle braccia, dormiva sulla terra nuda e al più sopra una stoia e recitava l’ave Maria mille volte al giorno, racconta dico che all’inizio del XVIII secolo Giuliana cominciò a fare miracoli e Benedetto XIII la beatificò nel 1729. La santificazione avvenne pochi anni dopo. Racconta il Di Silvestri: ‘La santificazione non si fece attendere molto: Alessandro Falconieri, cardinal diacono del titolo di santa Maria della Scala, personaggio influentissimo in Conclave, fece radunare i voti della maggior parte dei cardinali sul suo vecchio cugino Lorenzo Corsini, che divenne papa col nome di Clemente XII, a condizione ch’egli canonizzasse santa Giuliana; e difatti, il 16 giugno del 1737, si celebrò dal pontefice la solenne cerimonia in san Pietro, alla presenza d’Orazio II Falconieri , figlio di Mario e nuovo capo della famiglia e del cardinale Alessandro’ (Francesco Di Silvestri-Falconieri, I due santi di casa Falconieri, Roma 1914, pag. 15). Ecco un chiaro esempio dunque di quali intrighi ed interessi si nascondono dietro le canonizzazioni.

[129]Eccl. 10:19

[130]Prov. 18:16

[131]Il Codice di diritto canonico afferma che ‘è lecito ad ogni sacerdote che celebra la Messa, ricevere l’offerta data affinché applichi la Messa secondo una determinata intenzione’ (can. 945 §1.) e che ‘è vivamente raccomandato ai sacerdoti di celebrare la Messa per le intenzioni dei fedeli, soprattutto dei più poveri, anche senza ricevere alcuna offerta’ (can. 945 §2.). E’ evidente che i legislatori di questo nuovo codice hanno cercato con queste parole di fare apparire che la messa non è in vendita. Nella realtà però la messa è in vendita, e coloro che le fanno dire lo sanno molto bene perché senza soldi non c’è messa. C’è un vero e proprio mercato attorno alla messa.

[132]L’abate Muratori, nella sua 67 Dissertazione intitolata Delle maniere colle quali anticamente le chiese, i canonici, i monasteri ed altre università religiose acquistarono, o si procacciarono gran copia di ricchezze e comodi terreni, enumera tredici maniere. La decima dice: ‘Invase in alcune parti d’Italia, e forse anche in tutte, una opinione, che ognuno riconoscerà per un gran veicolo a sempre più arricchir le chiese e i monasteri. Cioè, fu predicata ed inculcata come efficacissima via di guadagnar la grazia di Dio in terra, ed il suo beatissimo regno nell’altra vita, la pia munificenza dei Fedeli verso i luoghi sacri. Perciò così sovente s’incontra nelle vecchie carte la seguente formola comunemente usata dai notai: Chiunque dei beni suoi donerà cosa ai santi e venerabili luoghi, giusta la parola del Salvatore, ne riceverà il centuplo in questo secolo; dippiù, e che maggior cosa è, possederà la vita eterna… Inbevuti adunque di tale opinione nei vecchi tempi i Fedeli, non è da stupire se facevano a gara per caricar di nuovi doni i sacri templi e i monasteri: e se all’udir tante lodi della limosina verso sanctis et venerabilibus locis, ogni dì più crescesse la loro liberalità verso di essi. Ma non si vuol già dissimulare che gli ecclesiastici d’allora facendo sonar questa opinione per tirare a sé la roba altrui, si abusavano non poco della Religione, essendo falsissimo, come dissi, che il divin nostro Maestro abbia applicato tanto di merito alle donazioni fatte ai luoghi sacri. Era questo merito solamente fondato nella ingordigia di chi esortava e consigliava di esser liberale verso le chiese, senza ricordarsi dei poverelli, dei quali soli parla il Salvatore’. A distanza di secoli dunque le cose non sono sostanzialmente cambiate in seno alla chiesa cattolica romana perché ai Cattolici vengono tuttora promessi ogni sorta di benefici materiali e spirituali se daranno denaro a questa o quell’altra istituzione cattolica, che poco importa se è un santuario, un istituto religioso, un monastero, o una basilica.

[133]Vedi il matrimonio.

[134]Codice di diritto canonico, can. 85

[135]Secondo la chiesa cattolica questi impedimenti sono quelli che non permettono di contrarre il matrimonio ossia che lo rendono illecito. Tra di essi ci sono quello del voto semplice di castità, della disparità di culto, e della consanguineità in terzo grado di linea collaterale. Questi sono impedimenti di diritto ecclesiastico, ma il papa in virtù del suo potere di legare e sciogliere può persino dispensare da quelli di diritto divino. Ecco cosa si legge in Corso di Diritto Canonico II: ‘Ciò risolve l’altro problema se il Romano Pontefice possa dispensare dagli impedimenti di Diritto divino positivo. Tutti gli autori sono assolutamente dell’avviso che il Papa lo possa fare in virtù della sua potestà vicaria. (…) Il principio su cui si basa tale facoltà è il potere di ‘legare e sciogliere’, cui bisogna riconoscere la massima ampiezza ed efficacia finché non si provi che è stato limitato’ (Op. cit., pag. 40), ed ancora: ‘La dispensa, invece, dall’impedimento di consanguineità in secondo grado mescolato col primo, ossia fra zii e nipoti, è riservata alla Santa Sede; perché sia concessa, sono richieste ragioni più gravi’ (Ibid., pag. 60). Faccio presente a riguardo del permettere un matrimonio tra zii e nipoti che questo significa andare contro la Parola di Dio che afferma: “Non scoprirai la nudità della sorella di tua madre o della sorella di tuo padre; chi lo fa scopre la sua stretta parente; ambedue porteranno la pena della loro iniquità” (Lev. 20:19). Quindi, questa cosiddetta santa sede permettendo simili unioni permette a taluni di trasgredire la legge di Dio facendogli credere che il papa può dispensarli pure dalla legge di Dio. Anche essa dunque porterà la pena della sua iniquità; siatene certi.

[136]Enciclopedia Cattolica, vol. 7, 1050

[137]Ludovico Von Pastor, Storia dei Papi, vol. IV, Roma 1908, pag. 216, 218, 219

[138]Ludovico Von Pastor, op. cit., pag. 225

[139]Ibid., pag. 221. E dato che siamo in tema vogliamo ricordare anche queste altre cose del passato per fare comprendere come la chiesa romana si è arricchita in maniera disonesta facendo leva su insegnamenti falsi. Ci fu un periodo della storia della chiesa romana nel quale dei preti adottarono Il canone penitenziale di Teodoro nel quale erano annoverati tutti i peccati che questo arcivescovo aveva potuto immaginare; essi vi erano messi a modo di indice e a ciascuno d’essi era applicata una penitenza piuttosto grave (ricordiamo che le opere penitenziali per i Cattolici consistono in digiuni ed in pene corporali). Così quando i ‘laici’ andavano a confessare i loro peccati dai preti (ancora la confessione obbligatoria non era stata istituita) per sapere quanta penitenza essi dovevano fare, il prete traeva il suo penitenziale, calcola­va il numero dei peccati e tirava la somma delle penitenze che per un peccatore comune ascendevano a molti anni. Il ‘laico’ si spaventava, ma il prete lo tranquillizzava perché gli faceva sapere che esisteva la maniera per riscattare le penitenze con denaro sia per i poveri che per i ricchi. Per esempio, un giorno di penitenza, un ricco lo riscattava con tre denari mentre un povero con uno. In quel periodo è stato riscontrato che un denaro equivaleva al mantenimento di un giorno di tre uomini. E così avvenne che sorse la concorrenza dei monasteri e delle chiese che cominciarono ad offrire la remissione della penitenza a minore prezzo per farsi più clienti (queste cose le ha raccontate l’aba­te Ludovico Muratori nella sessantottesima dissertazione delle Antichità Italiane, dal titolo: ‘Della redenzione dei peccati, per cui molti beni calarono una volta nei sacri luoghi’). Ancora più sfacciata fu la vendita del perdono dei peccati che inventò Giovanni XXII (1316 – 1334). Questo papa, che a dire degli storici cattolici era molto avido di denaro, pubblicò la Tassa della Cancelleria Apostolica, un libro in cui i peccati, che erano in numero di 610, venivano rimes­si dai confessori dietro il pagamento di una precisa somma di denaro stabilita per ogni peccato. Così l’incestuoso, l’adultero, il fornicatore, il ladro, l’omicida, il sodomita, il bugiardo potevano ottenere l’assoluzione dei loro misfatti soltanto pagan­do la relativa somma prescritta! E questa tassazione fu molto redditizia perché quando Giovanni XXII morì, le casse papali erano stracolme di denaro; il tesoro lasciato da questo papa ammontava infatti a 25 milioni di fiorini d’oro.

[140]Bellarmino, De Conc. et Eccl. lib. IV, cap. 14 de not. Eccl; citato da Luigi Desanctis in Compendio di controversie, pag. 24

[141]Ebr. 13:8

[142]1 Cor. 12:7

[143]Matt. 24:24

[144]Deut. 13:1-3

[145]Matt. 4:19


[Tratto dal libro: “La Chiesa Cattolica Romana”, di Giacinto Butindaro V.D.M.]

Leggi tutto il libro: “La Chiesa Cattolica Romana

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

No Temas Sino Habla

Entonces él Señor dijo de noche en visión á Pablo: No temas, sino habla, y no calles: Porque yo estoy contigo, y ninguno te podrá hacer mal (Hechos 18:9-10)

Blog di Aldo Prendi

Per la diffusione e la difesa delle dottrine bibliche

Acordai-vos

Tocai a trombeta em Sião, e dai o alarma no meu santo monte.

Egli è altresì scritto...

Blog di Nicola Iannazzo

Destatevi

"Suonate la tromba in Sion e date l'allarme sul mio santo monte" (Gioele 2:1)

Il Buon Deposito

Dottrine della Bibbia

La Massoneria Smascherata

"non v'è niente di nascosto che non abbia ad essere scoperto" (Matteo 10:26)

Listen to the sound of the sword

«Stand in the ways and see, and ask for the old paths, where the good way is, and walk in it» (Jeremiah 6:16)

apologeticum

Siate sempre pronti a render conto della speranza che è in voi a tutti quelli che vi chiedono spiegazioni. Ma fatelo con mansuetudine e rispetto, e avendo la coscienza pulita (1 Pt 3, 15-16)

Sana Dottrina

Perché verrà il tempo che non sopporteranno la sana dottrina; ma per prurito d'udire si accumuleranno dottori secondo le loro proprie voglie e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole.(2Timoteo 4:3-4)

La Buona Strada

Blog di Giuseppe Piredda, cristiano evangelico pentecostale trinitariano fondamentalista

He who has ears let him hear

A voice crying in the wilderness

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: