Vai al contenuto

La Massoneria confutata: “Divorzio, contraccezione, aborto, riconoscimento delle coppie civili eterosessuali e omosessuali …”

19 marzo 2013

La Massoneria confutata: “Divorzio, contraccezione, aborto, riconoscimento delle coppie civili eterosessuali e omosessuali …

massoneria-confutazione

Dottrina massonica

Quando i massoni parlano della  loro morale, ci tengono a dire che essi compiono opere di beneficenza in nome dei loro principi massonici. E in effetti essi fanno delle opere di beneficenza, ma bisogna comunque sempre tenere presente che essi le fanno per guadagnarsi la vita eterna, ossia l’entrata in quello che loro chiamano Oriente Eterno. E quindi sono opere che alla fine non serviranno loro a nulla: sono un abito lordato davanti a Dio, in quanto costituiscono una giustizia che si basa sulle proprie opere. La giustizia che permette di entrare nel regno dei cieli è quella di Dio che viene dalla fede in Gesù Cristo, che invece i Massoni rigettano, in quanto essi rigettano i dogmi, tra cui il dogma della giustificazione per sola fede in Cristo.

Quello però che essi non dicono sulla loro morale, è che essa è a favore di una totale libertà nella sfera sessuale come anche in altre sfere della vita. Infatti l’ex massone francese Maurice Caillet, che è stato  Venerabile Maestro di una Loggia di Rennes (appartenente al Grande Oriente di Francia) e 18° grado del Rito Scozzese Antico ed Ac cettato, afferma che la Massoneria promuove le leggi che favoriscono il divorzio, la contraccezione, l’aborto, i pacs, le manipolazioni embrionali ed ora anche la depenalizzazione delle droghe, nonché la legalizzazione dell’eutanasia. 

E difatti il Caillet afferma che la Massoneria francese è stata determinante per l’introduzione dell’aborto  libero in Francia nel 1974: ‘L’elezione di Valéry Giscard d’Estaing a Presidente della Repubblica  Francese  portò  Jacques  Chirac  a  diventare  Primo  Ministro,  avendo  questi  come consigliere  personale  Jean-Pierre  Prouteau,  Gran  Maestro  del  Grande  Oriente  di  Francia, principale  ramo massonico francese, di tendenza laicista. Al Ministero della Sanità fu collocata Simone Veil,  giurista, ex deportata di Auschwitz, che aveva come consigliere il dottor Pierre Simon,  Gran  Maestro   della  Grande  Loggia  di  Francia,  con  il  quale  io  mantenevo  una corrispondenza. I politici erano ben circondati da quelli che chiamavamo i nostri “Fratelli tre punti”, e il disegno di legge sull’aborto venne elaborato rapidamente. Adottata dal Consiglio dei Ministri nel mese di novembre, la legge Veil venne votata a dicembre. I deputati e i senatori massoni di destra  e  di  sinistra  votarono  all’unanimità!’  (Confessioni  di  un  ex  massone,  Maurice  Caillet, Venerabile di una Loggia francese, ne svela i segreti – http://www.grisrimini.org/).

La Massoneria Francese si è anche schierata a favore della legge sul riconoscimento delle coppie omosessuali (che comprende anche il loro diritto ad adottare bambini) che in Francia è passata il 7 Novembre 2012, infatti in un comunicato del Grande Oriente di Francia del 5 Novembre 2012 si legge: ‘La definizione dei diritti della persona dipende solo dalla volontà collettiva degli uomini. Il Grande  Oriente di Francia condanna fermamente le dichiarazioni della Chiesa Cattolica circa il progetto di legge  sull’apertura del matrimonio civile a  tutte le coppie che sarà presentato al Consiglio dei Ministri mercoledì prossimo. Pertanto, l’evocazione del cardinale André Vingt-Trois di “profondi  cambiamenti  della  nostra  legislazione  che  potrebbero  trasformare  radicalmente  le modalità delle relazioni che sono alla  base della nostra società” testimonia posizioni retrogade ossia oscurantiste in completo disaccordo con  i necessari sviluppi sociali e politici del nostro tempo. Questo progetto di legge mira a garantire un  riconoscimento repubblicano della libera scelta matrimoniale delle persone che lo desiderano, in nome della parità di diritti. In nome della Laicità, il Grande Oriente di Francia ricorda che le Chiese devono limitarsi alla sola sfera spirituale, e non interferire, con imprecazioni stigmatizzanti e amalgami violenti e  di odio, con i legittimi dibattiti  pubblici  e  democratici  che  presiedono  all’evoluzione  e  al  progresso  dei  diritti  civili’ (http://www.godf.org/).

Le cose non sono diverse qui in Italia, perchè anche in Italia i Massoni hanno appoggiato a suo tempo il divorzio e l’aborto, e sono a favore della contraccezione, delle manipolazioni embrionali, del riconoscimento statale delle coppie di fatto (quindi sia coppie eterosessuali che omosessuali), nonché della legalizzazione dell’eutanasia.

Confutazione

La libertà secondo la carne è condannata da Dio

Questa libertà di cui si fa paladina la Massoneria, è una libertà secondo la carne che porta a ribellarsi  ai comandamenti di Dio, e quindi ad attirarsi l’ira ardente di Dio. Coloro dunque che promuovono  questa  libertà sono persone che hanno l’animo alle cose della carne e quindi non possono piacere a Dio, perché l’apostolo Paolo dice:

“Ciò a cui la carne ha l’animo è inimicizia contro Dio, perché non è sottomesso alla legge di Dio, e neppure può esserlo; e quelli che sono nella carne, non possono piacere a Dio” (Romani 8:7-8).

Dunque, anche questo conferma che dietro la Massoneria c’è il diavolo, perché è il diavolo che spinge le persone a ribellarsi ai comandamenti di Dio.

[Tratto dal libro contro la Massoneria infiltrata nelle chiese evangeliche: “La Massoneria smascherata”, di Giacinto Butindaro]

2 commenti leave one →
  1. Gianni Bianchini permalink
    19 marzo 2013 18:25

    Più che un commento, una domanda.
    Come detto in altre occasioni, io sono cattolico, ma certe cose del credo cattolico non le condivido, o almeno non le capisco. E tra queste c’è anche la contraccezione.
    Capisco la proibizione di tante libertà sessuali (libertinaggio), la fornicazione, e tante depravazioni esplicitamente condannate dalla Bibbia, ma sulla contraccezione non ho trovato nulla. Io credevo che fosse solo la Chiesa Cattolica, con la sua tradizione ad aver inserito questa proibizione, dovuta, dicono ad una pretesa inseparabilità tra la funzione procreativa e quella unitiva dell’atto coniugale; ma anche si questo principio non vedo niente nelle Sacre Scritture. Io francamente speravo che almeno nella Chiesa Evangelica, che vede esclusivamente nella Bibbia l’insegnamento di Cristo, non la vietasse, visto che né Gesù stesso né nessun libro della Bibbia lo vieta. Puoi darmi una spiegazione a tutto questo? Puoi indicarmi qualche passo biblico, qualche riferimento scritturale da cui la Chiesa Evangelica trae questo insegnamento?
    Grazie.

    "Mi piace"

  2. 19 marzo 2013 19:39

    Impedire il concepimento

    Non volere figli o cercare di non farne molti è peccato perché la Scrittura dice:
    “Crescete e moltiplicate..” (Gen. 1:28) ed altrove che la donna “sarà salvata partorendo figliuoli, se persevererà nella fede, nell’amore e nella santificazione con modestia” (1 Tim. 2:15).
    Quindi fratelli, non impedite il concepimento, perché in questo caso vi opporreste alla volontà di Dio. Sappiate che la Scrittura parla bene dei figli ed anche di coloro che ne hanno molti infatti nei Salmi è scritto: “Ecco, i figliuoli sono un’eredità che viene dall’Eterno; il frutto del seno materno è un premio. Quali le frecce in man d’un prode, tali sono i figliuoli della giovinezza. Beati coloro che ne hanno il turcasso pieno! Non saranno confusi quando parleranno coi loro nemici alla porta” (Sal. 127:3-5).

    Dato che siamo in tema di concepimento e so che in mezzo alla fratellanza ci sono coloro che si fanno sterilizzare, sia uomini che donne, per non avere figli o per non averne altri, voglio cogliere l’occasione per dire che tale pratica è in abominio a Dio. Chi si sottopone a tali interventi sul suo corpo porterà la pena della sua iniquità. Chi ha orecchi da udire oda.

    [Tratto dal libro: “La Santificazione“, scritto da Giacinto Butindaro V.D.M.]

    Senza riscrivere di nuovo i passi indicati sopra, ho fatto copia e incolla di uno scritto già presente e già pubblicato, oltre a ciò voglio aggiungere questi passi che testimoniano del fatto che Dio manda i suoi giudizi su coloro che impediscono il concepimento:
    «E Giuda prese per Er, suo primogenito, una moglie che avea nome Tamar.
    Ma Er, primogenito di Giuda, era perverso agli occhi dell’Eterno, e l’Eterno lo fece morire.
    Allora Giuda disse a Onan: “Va’ dalla moglie del tuo fratello, prenditela come cognato, e suscita una progenie al tuo fratello”.
    E Onan, sapendo che quella progenie non sarebbe sua, quando s’accostava alla moglie del suo fratello, faceva in modo d’impedire il concepimento, per non dar progenie al fratello.
    Ciò ch’egli faceva dispiacque all’Eterno, il quale fece morire anche lui.» (Genesi 38:6-10)

    Basterebbe anche soltanto dire che i figli sono un premio che Dio dona agli uomini, quindi già impedire ciò sarebbe rifiutare dei doni dall’Eterno, ma oltre a questo sono scritti diversi altri passi biblici che dimostrano chiaramente che impedire il concepimento è contrario alla volontà di Dio.
    Fate attenzione, dunque, a quello che fate, perché non si può sfuggire ai giudizi di Dio in nessuna maniera.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...