Vai al contenuto

Riflessione sulla lotta per la libertà religiosa per tutti

10 agosto 2013

Riflessione sulla lotta per la libertà religiosa per tutti

costituzione-art-19

La costituzione italiana, all’art. 19 sancisce:
“Tutti hanno diritto di professare liberamente la propria fede religiosa in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto, purché non si tratti di riti contrari al buon costume.”

Ora, se nella costituzione italiana è già prevista la LIBERTA’ RELIGIOSA PER TUTTI, cosa vogliono intendere queste associazioni evangeliche e i MASSONI quando dicono di lottare per LA LIBERTA’ RELIGIOSA PER TUTTI?

Questa è la domanda che bisogna porsi, perché non ha senso LOTTARE PER QUALCOSA che uno ha già, quindi dobbiamo andare oltre e ragionare per trovare cosa VOGLIONO INTENDERE REALMENTE CON LA LIBERTA’ RELIGIOSA PER TUTTI, visto che già tutti sono liberi di rendere il loro culto, basta che non sia contrario alla legge, al buon costume come dice la Costituzione.

“CULTO”! Ecco l’indizio, il culto e il locale di culto, il costo dei ministri, il costo del locale di culto, è proprio questo a mio parere che in REALTA’ hanno preso di mira, ma celatamente vogliono ottenere tutti quanti GLI STESSI PRIVILEGI CHE HANNO SIA LA CHIESA CATTOLICA ROMANA, LE ADI, I VALDESI che anche altri gruppi religiosi riconosciuti dallo Stato.

Essi vogliono, cioé, L’UGUAGLIANZA CON LE ALTRE RELIGIONI, non LA LIBERTA’ che hanno già per COSTITUZIONE.
E’ l’unica cosa logica da pensare è che vogliono le stesse esenzioni fiscali dallo stato nei confronti di tutti, vorrebbero l’8 per mille tutte quante le religioni, che siano da Dio oppure dal diavolo, vogliono, insomma, essere a carico dello STATO TUTTI QUANTI.

Questa è una mia semplice riflessione, non pretendo che tutti siano d’accordo, ma quello di cui è certo è il fatto che LA LIBERTA’ RELIGIOSA GIA’ C’E’ IN ITALIA, quindi con questa LOTTA INUTILE PER LA LIBERTA’ RELIGIOSA PER TUTTI COSA VOGLIONO OTTENERE REALMENTE?

Io sono arrivato alla conclusione che vogliono tutti DEI PRIVILEGI, ecco che cosa vogliono. Tuttavia, per non far intendere tali cose ai fratelli, ai membri, la presentano come una cosa giusta per tutti, come una LOTTA PER LA LIBERTA’ PER TUTTI, mentre, ingannando anche in questo i fratelli, e volendo ottenere in realtà solo BENEFICI E PRIVILEGI, di cui, fate caso, ne usufruirebbero se non soltanto, soprattutto I DIRIGENTI DELLE ORGANIZZAZIONI E DELLE VARIE RELIGIONI, dietro la parola LIBERTA’ si celano i propri personali interessi.

Ecco perché molti, QUASI TUTTI I DIRIGENTI SONO D’ACCORDO CON QUESTA LOTTA PER LA LIBERTA’ RELIGIOSA PER TUTTI. Capite ora?

Fratelli nel Signore, lottate pure per chi volete e per ciò che volete, ma quello che mi prefiggo con il mio scrivere queste cose è che voi lo facciate BEN SAPENDO COSA STATE FACENDO E CHI NE AVRA’ BENEFICIO della vostra lotta.

Per farvi ulteriormente riflettere sui PRIVILEGI e sul RICONOSCIMENTO DA PARTE DELLO STATO, che ai fratelli delle ADI veniva appunto presentata come una libertà religiosa, ma IN REALTA’ MIRAVANO AI PRIVILEGI che si potevano ottenere con l’intesa con lo Stato italiano, vi presento questa parte estratta dal libro “La Massoneria Smascherata”, che ci aiuta a riflettere:
“Ma le ADI perchè volevano così tanto ottenere il riconoscimento giuridico immediatamente dopo il varo della Costituzione? Perchè loro pensavano che ottenendo il riconoscimento giuridico avrebbero evitato di pagare le tasse sui locali di culto, infatti Giacomo Rosapepe quando si recò negli USA nel 1953 – quindi prima che il ricorso fatto dalle ADI fosse accettato e che essi ottenessero il riconoscimento giuridico – si lamentò pubblicamente presso le Assemblee di Dio USA della tassazione a cui erano sottoposti i locali di culto delle ADI, e disse che ‘le Assemblee di Dio non sono legalmente riconosciute dal Governo Italiano, e perciò esse non sono esenti dalla tassazione come altre chiese’ (The Pentecostal Evangel, 18 Ottobre 1953, pag. 2 – vedi foto). Addirittura il Rosapepe disse davanti al Consiglio Generale delle Assemblee di Dio USA che ‘sta cercando di ottenere un trattato di reciprocità tra il Governo Americano e il Governo Italiano affinchè la proprietà che le Assemblee di Dio hanno comprato in Italia possa essere esente dalla tassazione’ (The Pentecostal Evangel, 27 Settembre 1953, pag. 16 – vedi foto).”

Quindi, avete letto, fratelli nel Signore, come operavano i DIRIGENTI DELLE ADI? A voi, cari nel Signore, vi dicono che fanno le cose per un motivo PIU’ O MENO NOBILE, MA IN REALTA’ HANNO DEI LORO OBIETTIVI nascosti, personali da RAGGIUNGERE, che sono ad esempio: fama e potere costruendo locali di culto e presentando alla politica il proprio numero di credenti come merce di scambio, ed è per questo che ancora oggi vediamo politici parlare dai pulpiti di certe comunità; Vogliono DENARO, con esenzioni fiscali e con l’ottenimento di finanziamenti dallo Stato, come per esempio l’8 per mille.

Ripeto, fratelli, manifestate pure ciò che volete, ma io desidero vivamente che ALMENO sappiate bene per chi state manifestando e cosa otterrete con quella lotta.

Che Dio liberi la sua chiesa che, quando è perseguitata LA PAROLA DI DIO è libera, quando la CHIESA E’ LIBERA, la Parola di Dio è incatenata nella bocca e nel cuore dei fratelli che vengono fatti prigionieri dal diavolo con le sue parole dolci e lusinghevoli.

Spero in Dio che molti santi si sveglino dal sonno e si sottraggano dal grande inganno in cui sono caduti e di cui sono LORO PARTE LESA. Ad ingannarli sono proprio quelli che li pasturano, sono proprio quelli che battono loro la spalla dicendo: “caro fratello, ti voglio bene nell’amore del Signore”, che li stanno ingannando, e questi fratelli, ignari di tutto, sono usati come merce e come bancomat, ma in realtà ai mercenari non interessa niente delle loro anime.

Che tristezza sapere queste cose e vedere che le persone che tu vuoi liberare da questo grande inganno, sono le prime a darti addosso senza sapere cosa dicono e cosa fanno.

Giuseppe Piredda

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...