Vai al contenuto

Iddio non permette alla donna di insegnare la Parola di Dio

27 settembre 2014

Iddio non permette alla donna di insegnare la Parola di Dio

divietoinsegnamentodonna«Come si fa in tutte le chiese de’ santi, tacciansi le donne nelle assemblee, perché non è loro permesso di parlare, ma debbono star soggette, come dice anche la legge.» (1 Corinzi 14:34)

«La donna impari in silenzio con ogni sottomissione.
Poiché non permetto alla donna d’insegnare, né d’usare autorità sul marito, ma stia in silenzio.
Perché Adamo fu formato il primo, e poi Eva; e Adamo non fu sedotto; ma la donna, essendo stata sedotta, cadde in trasgressione nondimeno sarà salvata partorendo figliuoli, se persevererà nella fede, nell’amore e nella santificazione con modestia.» (1 Timoteo 2:11-15)

La Parola di Dio VIETA CATEGORICAMENTE alla donna la possibilità di insegnare la Parola di Dio. Le donne che fanno le pastoresse e che insegnano, non sono da Dio, ma disprezzano i comandamenti del Signore.

Questo divieto, seconto quanto è scritto nel primo passo biblico che ho citato sopra, era imposto dai servitori di Dio in tutte le chiese dei santi, quindi non riguardava solo Corinto, ma tutte le Chiese cristiane. Inoltre, il divieto per la donna di insegnare era imposto sotto la legge, e così pure è validato dagli apostoli anche sotto la grazia.

Voi, fratelli e sorelle nel Signore, che volete piacere a Dio in ogni cosa, non seguite le donne in questo affare della predicazione della Parola,  perché esse stanno contravvenendo a quanto è ORDINATO NELLA BIBBIA, a quanto ha comandato IDDIO, non siate loro compagni e non date loro la vostra mano di associazione, per non partecipare AI LORO PECCATI e per non unirvi al loro disprezzo contro la Parola di Dio vivente e permanente.

Ricordatevi che sta scritto:

«Chi dunque sprezza questi precetti, non sprezza un uomo, ma quell’Iddio, il quale anche vi comunica il dono del suo Santo Spirito.» (1 Tessalonicesi 4:8)

Pertanto, cari nel Signore, voi che temete Iddio, non fatevi prendere dal laccio da queste donne ribelli che disprezzano le sante parole di Dio. Certo, queste donne in loro difesa tirano fuori tanti discorsi persuasivi di sapienza umana, ma non possono dimostrare nulla con le Scritture sacre, e queste non si contraddicono e annunziano chiaramente che alla donna non è permesso di insegnare.

Cari nel Signore, non disprezzate la PAROLA DI DIO, siate mansueti e sottomettetevi ai suoi comandamenti, e fuggite da quelle donne che si dicono pastoresse e che insegnano, disprezzando così la Parola dell’Iddio vivente e vero.

Sorelle nel Signore, vi ricordo che voi dovete assomigliare a Sara, la moglie di Abramo, secondo quanto è scritto:

«Il vostro ornamento non sia l’esteriore che consiste nell’intrecciatura dei capelli, nel mettersi attorno dei gioielli d’oro, nell’indossar vesti sontuose ma l’essere occulto del cuore fregiato dell’ornamento incorruttibile dello spirito benigno e pacifico, che agli occhi di Dio è di gran prezzo.
E così infatti si adornavano una volta le sante donne speranti in Dio, stando soggette ai loro mariti, come Sara che ubbidiva ad Abramo, chiamandolo signore; della quale voi siete ora figliuole, se fate il bene e non vi lasciate turbare da spavento alcuno.» (1 Pietro 3:3-6)

Sara nell’essersi sottomessa al suo marito e ai comandamenti di Dio, non si sentì sminuita in niente, e non è scomparsa dietro la grande figura spirituale di suo marito Abramo, anzi, le sacre Scritture ricordano anche lei come esempio di fede da seguire, secondo quanto è scritto:

«Per fede Sara anch’ella benché fuori d’età, ricevette forza di concepire, perché reputò fedele Colui che avea fatto la promessa.» (Ebrei 11:11)

Vedete, dunque, che le Scritture ricordano Sara come esempio di fede da seguire, le donne di Dio, che a Lui si sono sottomesse e che hanno fatto la Sua volontà, sono ricordate appunto come esempio da seguire. Mentre, leggete un esempio di ciò che è accaduto a quelle donne che si sono ribellate alla volontà di Dio e che hanno disprezzato la Sua Parola. Leggete cos’ha detto Gesù Cristo, il Signore, il Salvatore, di una donna che insegnava:

«Ma ho questo contro a te: che tu tolleri quella donna Jezabel, che si dice profetessa e insegna e seduce i miei servitori perché commettano fornicazione e mangino cose sacrificate agl’idoli.
E io le ho dato tempo per ravvedersi, ed ella non vuol ravvedersi della sua fornicazione.
Ecco, io getto lei sopra un letto di dolore, e quelli che commettono adulterio con lei in una gran tribolazione, se non si ravvedono delle opere d’essa.
E metterò a morte i suoi figliuoli; e tutte le chiese conosceranno che io son colui che investigo le reni ed i cuori; e darò a ciascun di voi secondo le opere vostre.» (Apocalisse 2:20-23)

Sorelle nel Signore, giudicate voi da persone intelligenti che siete, se vi conviene assomigliare a Sara, la moglie di Abramo, oppure a Jezabel. In base a quello che deciderete di fare, voi riceverete da Dio quello che vi meritate, la giusta mercede delle vostre opere.

Che Dio benedica tutti coloro che amano IDDIO e la Sua Parola, e non vendono la verità per nessuna ragione.

Giuseppe Piredda


Approfondimenti:

Guardate i risultati se una donna insegna: “il pulpito diventa per lei un palcoscenico dove mostrare sè stessa”:

Se volete approfondire e leggere altri studi sull’argomento, andate su questa pagina del mio sito, dove ho elencato diversi scritti che trattano questo argomento:

Alla donna non è permesso di insegnare la Parola di Dio.

2 commenti leave one →
  1. francesco permalink
    10 ottobre 2014 23:40

    mi chiedo sé , quando leggi la parola di Dio , la riesci pure a comprendere,? giovanni cap 14 verso 15 , ascolta e leggi

    "Mi piace"

  2. 11 ottobre 2014 12:28

    Ecco cosa dice Giovanni 14:15: «Se voi mi amate, osserverete i miei comandamenti.»
    Io leggo e mi sforzo di capire, e comprendo come dice quello stesso passo che se uno ama il Signore Gesù Cristo osserva i suoi comandamenti. Ora, considerato i comandamenti citati nell’articolo sul fatto che la donna non può insegnare, devo quindi, se amo Iddio, osservarli, altrimenti se non si osservano non si ama Iddio. E tutto questo lo hai voluto dire tu, Francesco, così si deve comprendere quello che hai detto.
    Ora, sono io a domandarmi ma quando difendete la verità della Parola fate sempre così, sparate versetti a casaccio senza sapere cosa realmente vogliono dire? Dovreste a mio parare lasciare i commentari da parte e anche le ciance dei vostri conduttori che sono seduttori di menti, e studiare di più la Parola di Dio e pregare che Dio vi faccia capire prima quello che è scritto, perché da come rispondete e parlate, voi mostrate di non aver capito neppure le frasi scritte in modo letterale. Ma se non capite la letterarietà di quello che è scritto, come farete a capire i significati spirituali che sono espressi in quei passi biblici?
    Aspettiamo, che possiamo fare di altro, aspettare che Dio vi apra la mente ed il cuore e pregare per questo.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...