Vai al contenuto

L’ombra della massoneria sulle Assemblee di Dio in Italia (ADI): 9) Quello che ha fatto il massone Frank B. Gigliotti per le ADI

10 ottobre 2014

L’ombra della massoneria sulle Assemblee di Dio in Italia (ADI): 9) Quello che ha fatto il massone Frank B. Gigliotti per le ADI

copertina-massoneriaPassiamo ora ad esaminare quello che Frank Bruno Gigliotti ha fatto per le Assemblee di Dio in Italia secondo quello che abbiamo potuto trovare.

Preparò ed inviò all’Ambasciatore d’Italia una memoria a favore del Movimento Pentecostale

Innanzi tutto, come abbiamo visto, Frank Gigliotti scrisse una memoria difensiva del Movimento Pentecostale che inviò all’Ambasciatore Alberto Tarchiani da consegnare al Governo Italiano. Ve la propongo qua di seguito in lingua inglese come apparve sul The Pentecostal Evangel del 8 febbraio del 1947, seguita dalla lettera personale che sempre Gigliotti inviò all’ambasciatore (‘An Appraisal of the Pentecostal Movement’, in The Pentecostal Evangel, 8 Febbraio 1947, pag. 6-7, 11 – vedi foto).

Tenete presente che questa memoria aveva come titolo ‘La libertà religiosa in Italia’, ma sul The Pentecostal Evangel apparve con il titolo ‘Una valutazione del Movimento Pentecostale’ (An appraisal of the Pentecostal Movement). E poi considerate che a Dicembre del 1947 erano state già stampate ben 10 milioni di copie di questo scritto, e che era stato tradotto in una decina di lingue (San Diego Union, 6 Dicembre 1947, pag. 13 – vedi foto).

This copyrighted article, together with the accompanying letter, is reproduced by special permission exactly as it appeared in the January issue of “The Chaplain,” the monthly publication of the General Commission on Army and Navy Chaplains. It is entitled, “Religious Liberty in Italy,” and is written by Frank B. Gigliotti, D.D., minister of the Presbyterian Church in La Mesa, Calif. It is a report on the Pentecostal movement in America, prepared for the Italian Ambassador to the United States, the Honorable Alberto Tarchiani.

IN the matter of the statement of the Pentecostal faith in Italy, there may exist the impression that this group is an importation from the United States and that someone is advancing money and material resources for its propagation. Let me state frankly from the beginning that this is not according to the fact, as I have gone into this matter from the roots up.

From the information that I am able to gather, the movement seems to have started spontaneously in Italy and the United States at approximately the same time which came about as follows:

Many of the Italian Evangelicals both in the United States and in Italy, feeling very zealous towards God and with the thought that men and women should dedicate and consecrate themselves more fully to lives of service to their fellow men in the spirit of Christian piety and charity, began to have a deep conviction within the established Evangelical churches themselves that there was something of a ‘do-nothing’ attitude on the part of many of the local congregations and they were not receiving the blessing which was due and available to them.

For this reason it seems that in various regions of Italy including Piedmonte, Abruzzi, Rome, Genoa, Naples, Calabria, Sicily and others, there began to rise up leaders, each without knowledge of the others, preaching and teaching a more fully consecrated and victorious life in Christ. People in small congregations in the mountains of the Abruzzi’s were having the same experience as people in small congregations in Sicily. They did not know of each other’s existence. They had no correspondence or physical contact. Coincidentally, the same thing was taking place in the United States among the hundreds of Italian Evangelical congregations of the various denominations such as the Presbyterians, Baptists, Methodists, Lutherans, etc., into which thousands of Italians had gone because on the one hand they had been terribly neglected by the Roman Catholic Church, and on the other hand the Evangelicals churches were the only ones that had shown any interest in their behalf by establishing classes for the teaching of reading and writing and for their social and material betterment. Consequently, when many of these people returned to Italy, they told of the phenomenal manifestation and the spiritual blessings they had received and found that in Italy there had been a similar spiritual regeneration among many of their friends and relatives.

In deliberating on these facts, many Italian Protestant leaders, including myself and Dr. Fama, have come to the conclusion that this a true and definite manifestation of God, just as He manifested Himself in Italy through Peter Waldo in 1170, St. Francis of Assisi in 1227, Savonarola and Giacomo Da Fiore (il profeto Calabrese) and many others down through the centuries.

Now, naturally, as these people came in contact with each other, they shared their religious experiences and found that they had had an overwhelming outpouring of the Holy Spirit which caused a deep, religious emotional manifestation which some of us believed for a long time to be an uncontrolled religious fanaticism, but which we have now come to realize and know and to respect as a definite manifestation of God in and through our people. I have seen people from all social strata here in the United States, both Italians and Americans, who used to lie and cheat and steal and some who were the most desperate characters turn to the most beautiful, consecrated, serviceable Christian life through their contact and sharing of this experience with the people of the Pentecostal faith.

My dear Ambassador Tarchiani, as you know, I am pretty much of a hard-headed analyst and because of my training and education and years of experience in dealing with religious and world problems, I have studied this whole picture quite thoroughly before accepting it as a manifestation of God, and now I have come to the very definite conclusion that the people of the Pentecostal groups are acting as a torch, making light for even some of the larger denominations. To quote Bishop Paul Barber of the European Area of the Methodist Episcopal Church and former President of Duke University, ‘If the large, established Evangelical denominations do not catch the fire of our Pentecostal brethren, it will not be long before they are history and the Pentecostal will be the living church’. I would also like to quote the statement made to me by the Honorable Jonathan Daniels, former secretary to President Roosevelt, last November in his home in Raleigh, North Carolina. We had spent a whole evening discussing the Pentecostal movement as it has now grown through the South and Southwest and also throughout the United States which he concluded with these words, ‘Frank, in my judgment, the Pentecostals are becoming the foremost Evangelicals in the United States in carrying the torch of freedom and courageously taking up where the old, established churches have been prone to let down because of their formality and their great wealth’.

THE PENTECOSTAL CHURCHES IN THE UNITED STATES

(1) As far as I have been able to ascertain, the Pentecostal churches have grown throughout the United States to where they have more than 6000 churches mostly united under the name of ‘Assembly of God’ and are part of the National Association of Evangelicals. Among these are more than 300 churches and 200 missions where the services are conducted mostly in the Italian language with bi-lingual services for the young people. Some of these Italian churches have as many as 1000 to 1500 members.

(2) The United States Government, in recognizing their importance throughout the war, gave them an assignment of 35 chaplains.

(3) There are over 5106 ordained ministers, 3406 licentiates and exhorters.

(4) This movement has been growing and spreading rapidly and at this time it is impossible to ascertain the actual membership. The only thing we can say on this matter is that they have thousands of growing and progressing churches and missions. I have attended services in large, prosperous churches where there were more than from 1000 to 2000 members present.

At the Italian Pentecostal Church in Camden, New Jersey where a rally was held for Italian relief and which was attended by Baron Quinto Quintieri while in this country, and where a large sum of money was raised for relief and tons of clothing promised, Baron Quintieri told me that he estimated over a thousand people being present. All of these were Italians of the Camden, New Jersey area.

(5) As to their social classification, the movement originally started with the more humble folk, but today I now a number of former government officials and ministers of the established denominations who have gone into the ministry of the Pentecostal church. For instance, the Pastor of the Assembly of God Pentecostal Church of Dallas, Texas (i.e. the largest one there) has a tabernacle that holds more than 3000 people and it is usually filled. This man is a former secret service executive of the United States Government of the higher echelon and he is one of the most able and consecrated ministers that I know.

I could go on and enumerate such instances, but I feel that their almost phenomenal growth is more indicative of their importance and again quote Jonathan Daniels in this statement to me by saying he believed that ‘within the next ten years they (the Pentecostals) would possibly lead in number of the Evangelical Churches in the United States’. After visiting many of their churches – and they are American, Hungarian, Polish, Swedish, Italian and every nationality – one is impressed by the fact that their meetings are filled with men and women and young people in all walks of life. In these groups there actually is no social caste or line of demarkation. They actually practice Christianity very much on the same basis as the early Apostolic church and in my judgment they do it simply, honestly and industriously.

(6) There was a time when they were not given much importance among the Evangelical denominations, but today they are considered one of the most fervent and active of the Evangelical Churches of the United States, and they are highly respected for their zeal and consecration and their piety by other Evangelicals.

(7) Regarding selection and nomination of pastors, this is done on the same basis upon which it is done in the larger Evangelical denominations in the United States – the Baptists, the Congregationalists and other denominations. The pastors are selected first as deacons, and after serving as deacons, they serve as elders and then, as elders, they may be ordained by the local congregation exactly in the same form as it is done in the Baptist Church. This ordination is then recognized by the Presbyters that form the various Presbyteries and Regional Jurisdictions in about the same way the Presbyterians of the United States, of Great Britain and Scotland function.

(8) The services are conducted in about the same way in which the early Christian church conducted theirs. They begin with the singing of hymns and then have prayer. They then have testimonies of their religious experiences and this is conducted in the simplest and most sincere of Christian manner. At this time various individuals request prayer for their problems both spiritual and material. This is followed by preaching of the Gospel and the sermon is brought by the ordained Minister, or in his absence, one of the elders of the church. After the sermon there is a time of prayer, the singing of another hymn and the service is concluded with the benediction.

The prayers are pretty much spontaneous on the part of individuals who feel they want to pray audibly and it is to be noted here that during the prayer services many of these people show a religious ardor and fervor which to the person who is not antagonistic will exemplify the Psalmist’s exhortation to “make a joyful noise unto the Lord” and will soon make itself manifest that it is truly of God. They are very fervent and ardorous and do cry out to God but not nearly in the way that I have seen the people of Southern Italy cry out at religious manifestations of the Roman Catholic Church. I have never seen them abuse their bodies or lick floors with their tongues or beat their backs with pieces of wooden staves as I have seen the excited people at Roman Catholic services in Italy and in Mexico and in other Latin-American countries. They do at times speak in tongues that to the average person who is unwilling to listen, seems rather strange, but as manifested in the early Church, it is the fulfillment of the manifestation promised in the Bible, Book of Acts of the Apostles. In Acts 2:1-4:

“And when the day of Pentecost was now come, they were all in one place. And suddenly there came from heaven a sound as of the rushing of a mighty wind, and it filled all the house where they were sitting. And there appeared unto them tongues parting asunder, like as of fire, and it sat upon each of them. And they were all filled with the Holy Spirit, and began to speak with other tongues, as the Spirit gave them utterance”.

“While Peter yet spake these words, the Holy Spirit fell on all them that heard the word. And they of the circumcision that believed were amazed, as many as came with Peter, because that on the Gentiles also was poured out the gift of the Holy Spirit. For they heard them speak with tongues, and magnify God. Then answered Peter, Can any man forbid the water that these should not be baptized, who have received the Holy Spirit as well as we? And he commanded them to be baptized in the name of Jesus Christ. Then prayed they him to tarry certain days” Acts 10:44-48.

“And when Paul had laid his hands upon them, the Holy Spirit came on them; and they spake with tongues, and prophesied” Acts 19:6.

You undoubtedly remember that my father-in-law, Dr. Agide Pirazzini, was possibly one of the greatest philologists in America having taught Hebrew, Greek and the Oriental languages at the Biblical Seminary in New York for thirty years. He told me on more than one occasion he had heard these people actually speaking Aramaic, the language which Jesus spoke, and I personally, believe this to be so after having heard them myself and seen them with my own eyes. I am giving you this lengthy explanation on this subject because as far as I am personally concerned, this was my great stumbling block in understanding the Pentecostal people. I did not believe or could not intellectually conceive how this phenomenon was possible; I now believe it with all my heart.

ALTAR CALL: At certain times there is a call to dedication and consecration to a fuller Christian life which is called an “altar call”. The members of the congregation, as well as new converts, kneel in prayer at their seats or gather at the altar and pray for individual problems, or problems of the congregation or the church as a whole.

WATER BAPTISM: Water baptism is administered to those who have confessed and accepted Christ as their Lord and Saviour and as their leader. The water baptism is held to be a seal of external consecration to those who have believed that the Lord Jesus Christ is the Saviour of the world and their personal Redeemer. This baptism is performed by immersion.

BAPTISM OF THE HOLY SPIRIT: The Pentecostal people, as well as all Evangelical churches, believe that the Baptism of the Holy Spirit is sent of God as a gift upon those who have fully consecrated their lives to Christ. It is a heavenly manifestation showing Divine approval and a gift that proceeds from God to those who are true believers in the full teaching of the complete Gospel. The Pentecostal Church teaches that the Baptism of the Holy Spirit is not poured out on every one unless specifically sought for or that God, for some particular reason of His own, desires to baptize with this special sign which is used by the recipients as a testimony and as a guide in their walk after Christ. This special benediction is poured out by God, in His wisdom, upon those who are worthy to receive this gift. This is substantiated by the teachings of the Holy Scriptures:

“And I knew him not; but he that sent me to baptize in water, he said unto me, Upon whomsoever thou shalt see the Spirit descending, and abiding on him, the same is he that baptizeth in the Holy Spirit” John 1:33.

“If ye love me, ye will keep my commandments. And I will pray the Father, and he shall give you another Comforter, that he may be with you for ever; even the Spirit of truth; whom the world cannot receive, for it beholdeth him not, neither knoweth him; ye know him; for he abideth with you, and shall be in you. I will not leave you desolate: I come to you” John 14:15-18.

“These things have I spoken unto you, while yet abiding with you. But the Comforter, the Holy Spirit, whom the Father will send in my name, he shall teach you all things, and bring to your remembrance all that I said unto you” John 14:25,26.

(9) The Italian Pentecostal Church of the United States known as the Evangelical Christian Pentecostal Churches of the United States and Foreign Lands is under the leadership of the Reverend Quirino Grilli, President, Reverend Dominick Lisciandrello, Segretary and Reverend Joseph Beretta, Treasurer. These brethren, together with Reverend Mario DiBello and others, conduct radio programs both on the East and West Coasts over a number of radio stations, every Sunday, out of Albany, N.Y., Syracuse, N.Y., New York City, and on the West Coast from San Diego, California, which reaches the Pacific West on a 50.000 watt station. The comments that I have heard from the American and the Italian listeners to these programs has been very, very, favorable. They are doing an excellent work with song and worship and education. This has a tremendous culture value because there are thousands of our people who have no other means of listening to the Italian language than on this radio program and use this means of furthering their religious, primarily, and also their cultural and social advancement.

(10) You will also find that the Italian Pentecostal Church publishes two periodicals – Il Faro, published on the East Coast and La Voce nel Deserto published on the West Coast.

Let me go back just one moment and say that I believe very definitely that their physical or psychological manifestations are not the most important points to be considered in this case. Now, as to the objection that the Pentecostals praise God and pray with a loud voice, this was a common practice among early Christians and the disciples themselves as exemplified in the Gospel according to St. Luke, chapter 19, verses 37 through 40:

“And as he was now drawing nigh, even at the descent of the mount of Olives, the whole multitude of the disciples began to rejoice and praise God with a loud voice for all the mighty works which they had seen: saying, Blessed be the King that cometh in the name of the Lord: peace in heaven, and glory in the highest. And some of the Pharisees from the multitude said unto him, Teacher, rebuke thy disciples. And he answered and said, I tell you that, if these shall hold their pace, the stones will cry out”.

The important thing is that the people who have become associated with the Pentecostal church of our own people, i.e., the Italo-Americans, have become better citizens. They have become more industrious and many of them ceased to be drunkards and thieves and liars – they have become good fathers and good husbands and good neighbors. They have adopted a personal cleanliness which was not commonly practiced among the people of the humbler groups and they have given of themselves to helping others with a piety and a charity that would make many a person humbly proud to be able to follow their example.

DECLARATION OF PRINCIPLES

I would like to call to your attention the clause of the United Nations Charter which guarantees religious liberty to all members of the United Nations. The Charter states, in part, that no country shall be admitted to membership in the United Nations unless it guarantees the freedom of religious worship to its nationals and to minority groups living within its borders. (This was written into the United Nations Charter at the instigation of the American Committee for Religious Liberty in Italy)

You will further note that Part II – Political Clauses, Section I – General Clauses, Article XIV of the Peace Treaty with Italy states very definitely:

‘Italy shall take all measures necessary to secure to all persons under Italian jurisdiction without distinction as to race, sex, language or religion, the enjoyment of human rights and of the fundamental freedoms, including the freedom of expression, of the press and publication, of religious worship, of political opinion and of public meeting’.

This definitely was written to include the Pentecostals and all other religious groups attempting to exercise freedom of conscience, worship and religion in Italy.

I would like to assert here that toleration is not acceptable to us. We do not want the word toleration to appear in the Italian Constitution as it refers to those of the Protestant faith, for toleration signifies that a superior force is condescending to those of minority groups or to others in allowing them certain privileges. It is not privilege or license that we are requesting, but co-equality. Among free men there is co-equality and not mere toleration!

The Protestant forces of the United States want to do everything possible to co-operate with the people of Italy, but we shall insist upon the fulfillment on the part of the Italian government of these sections of both the United Nations Charter and the Peace Treaty. If it becomes necessary, we are ready to use every means at our disposal for its enforcement.

We consider absolute religious freedom definitely one of the cardinal principles for which the second World War was fought as stated specifically in the Atlantic Charter, and both its subsequent declarations of Yalta and Potsdam. These guaranteed to the people of Italy, and of the world, the freedom of religious exercise, the principle which we hold to be the sacred and inalienable right of every human being, i.e., to worship God according to the dictates of his conscience without any interference or coercion on the part of any organized group, be it ecclesiastical or lay.

—————————————————————————————

Lettera di Gigliotti all’Ambasciatore:

My dear Ambassador Tarchiani:

Having taken the appropriate time to gather the information which you requested of me in connection with the Pentecostal movement and its workings in the United States and how it functions, I now have sufficient material to hand over to you for transmittal to the Italian government.

You will remember that I called your attention at the very beginning of our discussion on this matter of religious liberty for Italy that I am not a Pentecostal, but that I have been for more than twenty-five years a Minister of the Presbyterian Church. My interest in this matter is based purely upon the consideration that, I feel, it will be to the greatest interest of the Italian nation to have absolute freedom of religion and conscience, without any interference whatsoever with the individual’s right to worship God according to the dictates of his own conscience.

I have been asked by the American Committee for Religious Freedom in Italy of which Dr. Charles W. Fama is National President, by the National Committee of Americans for Religious Emancipation of which United States Senator Olin D. Johnston is President, and by the Pentecostal Group headed by the Reverend Dominick Lisciandrello (this latter group being known as the Evangelical Christian Pentecostal Churches of the United States and Foreign Lands) to take the responsibility for preparing this brief and making proper petitions to the Italian government and to the government of the United States on this matter.

I am giving you this preparatory statement so that you may not be under the misapprehension that I represent one group or another – in reality I am only working with the three above mentioned Committees, receiving no compensation or remuneration for my labors.

Respectfully submitted,

Frank B. Gigliotti, D.D.

—————————————————————————————

A proposito di questa memoria è interessante inoltre sapere che circa tre anni dopo che fu pubblicata sulla rivista The Chaplain, Frank Gigliotti scrisse all’editore di questa rivista dicendogli le seguenti cose:

‘Un tre anni fa, voi pubblicaste su THE CHAPLAIN il mio articolo ‘La libertà religiosa in Italia’. Alcuni dei vostri lettori possono essere interessati a questi fatti: Abbiamo autorizzato un pò più di 16 milioni di ristampe, dagli otto ai dieci milioni in Inglese. L’articolo è stato tradotto in Spagnolo, Portoghese, Tedesco, Francese, Italiano, Cinese, Svedese, Norvegese, e viene riferito che qualcuno lo sta traducendo in Russo. Mi risulta anche che è stato tradotto in Jugoslavo. Ai lettori potrebbe far piacere sapere pure che è stato questo articolo pubblicato sul THE CHAPLAIN, usato come memoria davanti all’Assemblea Costituente Italiana, che ha reso possibile scrivere dentro la Costituzione Italiana i tre articoli sulla Libertà di Associazione, sulla Libertà di Riunione, e sulla Libertà del Culto Religioso. Questi provvedimenti costituzionali sono stati molto utili al Cristianesimo Evangelico in Italia’ (Frank Gigliotti in The Chaplain, Maggio-Giugno 1950, vol. 7, no. 3, pag. 40 – vedi foto).

Dunque da queste parole di Frank Gigliotti si apprende che furono stampate circa 16 milioni di copie del suo scritto sulla libertà religiosa in Italia, e non è una cosa da poco questa; che esso fu tradotto anche in Italiano; che esso fu utilizzato come memoria dinnanzi all’Assemblea Costituente in Italia e che contribuì a far scrivere nella Costituzione gli articoli che sanciscono la libertà di associazione, di riunione e di religione, che come sappiamo furono molto utili ai Pentecostali (come anche agli altri Evangelici) in Italia. Viene perciò spontaneo domandare alle ADI come mai non pubblicarono su Risveglio Pentecostale un così importante documento scritto a loro favore, dato che non ci risulta che lo abbiano mai fatto, e perchè non ne fanno alcun accenno nei loro libri ufficiali.

6-gigliotti-chaplain

La nota scritta da Frank B. Gigliotti all’editore della rivista The Chaplain di Maggio-Giugno 1950

01-gigliotti-memoria

La memoria scritta da Frank B. Gigliotti apparsa su The Pentecostal Evangel (8 Febbraio 1947, pag. 6)

02-memoria-gigliotti-pentecostal-evangel

La memoria scritta da Frank B. Gigliotti apparsa su The Pentecostal Evangel (8 Febbraio 1947, pag. 7)

03-gigliotti-memoria-pentecostal-evangel

La memoria scritta da Frank B. Gigliotti apparsa su The Pentecostal Evangel (8 Febbraio 1947, pag. 11)

La notizia apparsa sul San Diego Union a Dicembre 1947, secondo cui del libretto ‘La Libertà religiosa in Italia’ scritto da Gigliotti ne erano state stampate 10 milioni di copie ed aveva già avuto delle traduzioni in alcune lingue

La notizia apparsa sul San Diego Union a Dicembre 1947, secondo cui del libretto ‘La Libertà religiosa in Italia’ scritto da Gigliotti ne erano state stampate 10 milioni di copie ed aveva già avuto delle traduzioni in alcune lingue

 

Lanciò minacce contro l’Italia e i preti che erano negli USA

Nella memoria scritta e inviata da Frank B. Gigliotti per conto delle ADI all’Ambasciatore Alberto Tarchiani – che in base alle date in cui fu pubblicata sulla rivista ‘The Chaplain’ e ‘The Pentecostal Evangel’ dovrebbe essere stata inviata all’ambasciatore presumibilmente agli inizi del 1947 o al massimo verso la fine del 1946 – che vi ricordo Gigliotti scrisse su incarico del massone Charles Fama che era il presidente del Comitato per la Libertà Religiosa in Italia, Comitato su cui fecero pressione nel 1946 le Assemblee di Dio in Italia, verso la fine troviamo delle parole minacciose che ho deciso di tradurvele affinchè vi rendiate conto con quale tono Gigliotti concluse quella memoria a favore dei Pentecostali d’Italia rappresentati a quel tempo da Umberto Gorietti.

La parte conclusiva si intitola ‘Dichiarazione di Principi’ e inizia con Gigliotti che richiama l’attenzione dell’ambasciatore sulla clausola della Carta delle Nazioni Unite che assicura la libertà religiosa a tutti i membri delle NU, che fu scritta per istigazione del Comitato per la Libertà Religiosa in Italia; poi Gigliotti passa a dire che la clausola del Trattato di Pace in cui si comanda all’Italia di assicurare a tutti i suoi cittadini la libertà di culto fu scritta per includere i Pentecostali e tutti gli altri gruppi religiosi, e poi afferma: ‘Vorrei affermare qua che la tolleranza non è accettabile per noi. Non vogliamo che la parola tolleranza appaia nella Costituzione Italiana in riferimento a quelli della fede Protestante, perchè la tolleranza indica che una forza superiore sta condiscendendo a quelli dei gruppi minoritari o ad altri nel permettergli certi privilegi. Non è un privilegio o un permesso che noi stiamo richiedendo, ma co-eguaglianza. Tra uomini liberi c’è coeguaglianza e non semplice tolleranza! Le forze Protestanti degli Stati Uniti vogliono fare tutto il possibile per cooperare con il popolo Italiano, ma noi insisteremo sull’adempimento da parte del governo Italiano di queste parti sia della Carta delle Nazioni Unite che del Trattato di Pace. Se diventerà necessario, noi siamo pronti ad usare tutti i mezzi a nostra disposizione per la sua applicazione. Noi certamente consideriamo che l’assoluta libertà religiosa sia uno dei principi cardini per cui è stata combattuta la Seconda Guerra Mondiale come è dichiarato specificatamente nella Carta Atlantica, e nella sue successive dichiarazioni di Yalta e Potsdam. Queste hanno assicurato sia al popolo d’Italia, e del mondo, la libertà dell’esercizio religioso, il principio che noi riteniamo essere il diritto sacro e inalienabile di ogni essere umano, cioè adorare Dio secondo i dettami della sua coscienza senza alcuna interferenza o coercizione da parte di qualsiasi gruppo organizzato, sia esso ecclesiastico o laico’ (The Pentecostal Evangel, 8 Febbraio 1947, pag. 11). E difatti nella Costituzione Italiana in riferimento alle minoranze religiose non fu introdotta nè la parola tolleranza e neppure il verbo tollerare! Peraltro questo modo di parlare e ragionare di Gigliotti, cioè il fatto di minacciare le autorità governative di qualche cosa in caso non venga concessa la libertà religiosa, era caratteristico anche delle Assemblee di Dio in Italia, infatti in una lettera firmata da Umberto Gorietti (ma con su impressi i nomi dei membri del Comitato Esecutivo delle ADI) e mandata al Capo del Governo Alcide De Gasperi, e ai capi dei partiti politici italiani il 10 Dicembre 1947 le ADI affermano tra le altre cose: ‘Siamo pronti ad agitare la pubblica opinione di tutto il mondo – tramite i nostri Fratelli all’estero – se non ci sarà concessa la desiderata libertà, promessa a grandi lettere dalla Nuova Costituzione’. Che dire? Proprio un modo anticristiano di parlare e ragionare. Peraltro in questa stessa lettera, il Comitato Esecutivo delle ADI ci tenne a far presente al Capo del Governo la consistenza numerica delle Chiese ADI in tutta Italia, e la loro continua crescita, e la loro recente affiliazione alla ‘Federazione delle nostre Chiese in America’ da cui – le ADI dicevano – ‘noi riceviamo – e ne riceveremo ancora di più nel prossimo futuro – un forte aiuto spirituale e materiale’. Questo giusto per inquadrare meglio lo spirito con cui le ADI si rivolgevano alle autorità governative! Loro, che ricordiamo dicono sempre che non vogliono fare polemica con nessuno!

Nel Gennaio del 1950 Frank Gigliotti dichiarò pubblicamente che i Protestanti d’America avrebbero dichiarato guerra all’Italia se non fossero cessate le persecuzioni contro i Protestanti. Ecco l’articolo dal titolo ‘I protestanti non sopporteranno nuove persecuzioni in Italia’ che apparve su L’Unità il 15 Gennaio 1950, e che conferma ciò: ‘Il reverendo Frank Gigliotti, ministro presbiteriano di Lemon Grove (California) ha dichiarato che se non verrà posto fine alla persecuzione dei protestanti italiani «i protestanti americani dichiareranno guerra al governo italiano», egli ha aggiunto che questa «è ultima cosa» che i protestanti americani vogliono fare, poichè non desiderano danneggiare il popolo italiano. Egli afferma inoltre di avere le prove di ben 56 casi di persecuzione contro i protestanti italiani avvenuti l’anno scorso. Il rev. Gigliotti ha riferito ad un giornalista che il rev. Umberto Gorietti, capo dei protestanti italiani, è stato arrestato 18 volte per il solo fatto di avere predicato la parola di Dio. Il 17 gennaio prossimo i maggiori delegati dei protestanti americani si riuniranno per concordare l’azione da svolgere, prenderanno parte alla riunione anche un certo numero di deputati e senatori. Il Gigliotti ha dichiarato a tale proposito: «Insisteremo perchè il governo italiano pubblichi una nota chiarificatrice diretta a tutti i suoi prefetti, nella quale venga posto in rilievo che l’articolo 19 della Costituzione sulla libertà religiosa deve venir applicato» (pag. 5 – vedi foto).

L’Unità, 15 Gennaio 1950, pag. 5

L’Unità, 15 Gennaio 1950, pag. 5

Nel settembre del 1952, in seguito a delle persecuzioni che delle Chiese Protestanti avevano ricevuto in Italia, ci fu un incontro al Dipartimento di Stato in America con una delegazione che comprendeva Frank Gigliotti, Alvin Johnson dell’International Religious Liberty Association, e Frank Yost del Committee on Religious Liberty. Gigliotti condannò pubblicamente ‘una dittatura clericale’ in Italia e consigliò che gli Stati Uniti sottoponessero ad una rappresaglia i preti cattolici Italiani che erano in America (cfr. Domenico Roy Palmer, ‘For the Cause of Christ Here in Italy’. Evangelical America’s Holy Mission in Italy and the Cultural Ambiguities of the Cold War. Diplomatic History 29 (4) September 2005, pag. 645).

Ecco da che spirito era animato il ‘reverendo’ Frank Gigliotti su cui le ADI fecero tanto affidamento, l’uomo che mandò ‘una chiara memoria’ all’ambasciatore Alberto Tarchiani, memoria che vi ricordo fu pubblicata in milioni di copie e diffusa negli USA e in altre nazioni. E memoria che gli editori del Pentecostal Evangel apprezzarono molto scrivendo una breve nota alla fine di essa. Si rimane veramente sconcertati nel leggere certe cose. Ma non dimenticatevi che Gigliotti era un ‘uomo secondo il cuore delle ADI’ ossia un uomo per cui il fine giustificava i mezzi.

Scrisse a Gaetano Salvemini

Gaetano Salvemini (1873-1957) è stato uno storico e politico italiano, conosciuto soprattutto per le sue intense lotte a favore della libertà, della giustizia e della democrazia. Lo storico Pierpaolo Lauria ha detto di Salvemini: ‘Giustizia, libertà e democrazia sono le tre stelle polari del suo pensiero politico fin dalle origini: non è un caso che scegliesse “Tre Stelle” come uno dei suoi pseudonimi giornalistici [….] Profuse quindi il massimo dell’impegno nell’evitare l’ingerenza della Chiesa nello Stato, denunciandola ai sette venti ogni volta che ne fiutava i loschi tentavi; d’altro canto lo Stato doveva restare nel proprio orto, senza prevaricare in quelli altrui, ficcando il naso e intromettendosi nelle questioni della Chiesa: “Libera chiesa in libero stato”, dunque.’ (Pierpaolo Lauria, ‘Gaetano Salvemini: fino alla fine controcorrente’ in MicroMega, 7 febbraio 2012 – http://temi.repubblica.it/micromega-online/gaetano-salvemini-fino-alla-fine-controcorrente/).

Nato a Molfetta nel 1873, laureato in lettere, Gaetano Salvemini aderì quando era ancora molto giovane al Partito socialista. Nel 1911 uscì dal Psi e fondò con l’economista e politico Antonio De Viti de Marco (1858-1943) il settimanale «L’Unità». Nel 1919 fu eletto deputato e fin dai primi tempi si oppose al disegno politico di Mussolini. Nel 1925, insieme ai fratelli Rosselli, fondò «Non mollare», il primo giornale clandestino antifascista. Dopo un arresto da parte della polizia fascista, si rifugiò in Francia dove partecipò alla nascita del Movimento «Giustizia e libertà». Nel 1934 emigrò negli Stati Uniti dove insegnò nella prestigiosa Università di Harvard.

E mentre Salvemini si trovava negli Stati Uniti, Frank B. Gigliotti gli scrisse due volte (la corrispondenza tra i due è in lingua inglese).

Gigliotti scrisse una prima lettera a Salvemini il 18 luglio 1946, assieme alla quale gli mandò un assegno con una offerta per la scuola di Pisa – offerta che Gigliotti chiamò ‘l’obolo della vedova’ (widow’s mite). In questa lettera gli parla della libertà religiosa, come anche della persecuzione in atto in Italia contro i Pentecostali infatti gli dice: ‘Ora, se gli italiani devono essere liberi di pensare e di trovare la loro propria via, allora essi devono essere liberi di adorare. Non so se tu sei a conoscenza del fatto che recentemente un numero di nostri ministri di culto Protestanti sono stati molestati, ostacolati e persino gettati in prigione supponendo che essi stavano violando le leggi del concordato. In allegato c’è una copia della lettera che è appena arrivata recentemente dall’Italia ed anche la copia fotostatica di uno dei nostri ministri di culto imprigionato per avere semplicemente predicato il Vangelo di Cristo. L’accusa è lanciata contro i Pentecostali che essi sono così emozionalmente e mentalmente costituiti che disturbano la pace e l’equilibrio mentale delle persone con cui sono in contatto’. E poi Gigliotti gli spiega che secondo lui se è permesso ai Cattolici Romani nel Sud Italia – cosa che lui ha personalmente visto – camminare sulle loro ginocchia battendosi con bastoni di legno fino a sanguinare dalle loro schiene durante la funzione del venerdì santo, se è loro permesso di leccare il pavimento del luogo di culto dietro istigazione di qualche ardente prete o monaco della Chiesa Cattolica Romana, che diritto e ragione hanno le gerarchie della Chiesa Cattolica Romana ad affermare che i Pentecostali diventano ‘così emozionalmente disordinati che essi disturbano la pace pubblica’? E poi gli fa qualche altro esempio di comportamenti disordinati permessi ai Cattolici Romani nel Nuovo e nel Vecchio Messico e in molte parti della Spagna, e gli parla della commozione dei Napoletani quando succede ‘il miracolo di San Gennaro’ e ‘la liquefazione del suo sangue’, e gli dice: ‘Ora, se questo privilegio è concesso ad un gruppo di persone perchè dovrebbe essere proibito ad altri?’.

Il 25 Luglio Salvemini risponde a Gigliotti, innanzi tutto ringraziandolo dell’ «obolo della vedova» che lui dice ‘è molto più accetto a Dio dei miliardi di Rockefeller’, e poi gli dice: ‘Sono pienamente d’accordo con te sulle relazioni tra Stato e Chiesa in Italia, e intendo fare tutto quello che posso per svegliare l’opinione su quell’argomento in Italia’. Poi Salvemini si lamenta del fatto che in Italia i Comunisti, i Socialisti e i Repubblicani non osano disturbare il Vaticano, e che in America il presidente Roosevelt mette la politica del Dipartimento di Stato al servizio di Pio XII, per cui le radici del problema sono in America. Salvemini se la prende pure con i Protestanti Americani, che secondo lui sono opportunisti ed hanno paura del Comunismo, e dice che fino a che il Dipartimento di Stato Americano appoggerà il Vaticano, tutte le loro parole non saranno altro che parole, parole, parole. Poi Salvemini ringrazia molto Gigliotti per avergli mandato i documenti sui ‘Pentecostalisti’, e conclude dicendogli: ‘Scriverò ai miei amici in Italia e gli chiederò di sollevare delle proteste …’.

L’altra lettera che Gigliotti scrisse a Salvemini risale al 26 febbraio 1947, e quindi poche settimane prima che Gigliotti e Fama partissero per venire in Italia. In questa lettera Gigliotti comunica a Salvemini che si recherà assieme a Charles Fama a Roma attorno al 16 marzo per la questione della libertà religiosa ed anche per quella dei diritti umani. Poi gli chiede se ci sono dei consigli che lui possa dare a lui e Fama. A quanto pare, Gigliotti mandò assieme a quella lettera anche una copia del suo scritto ‘La libertà religiosa in Italia’ (questo si deduce da una nota scritta a mano sulla lettera dattiloscritta), che come abbiamo visto Gigliotti aveva mandato all’ambasciatore Tarchiani.

A questa lettera, Salvemini rispose da Cambridge, nello stato del Massachusetts (dove c’è la Harvard University), con una lettera datata 1 Marzo 1947 in cui gli dice tra le altre cose di chiedere ai Protestanti e ai non-clericali in Italia di fornirgli fatti precisi sull’arroganza della Chiesa Cattolica Romana, che si manifesta ‘grazie alla protezione del Governo Americano che a sua volta è governato dall’Arcivescovo Spellman. Poi quando avrai scoperto qual’è la reale situazione in Italia, tu devi persuadere i tuoi fratelli Protestanti in America ad essere più coraggiosi e coerenti’ [1].

Salvemini tornò in Italia nel luglio del 1947 e per dieci anni proseguì le sue battaglie politiche e civili a favore della laicità dello Stato.

Peraltro, in base a quello che dice l’avvocato Giacomo Rosapepe, uno dei legali delle ADI, il Salvemini si era proposto di fare una pubblicazione sull’intolleranza religiosa in Italia, e per questa ragione aveva chiesto il materiale probatorio al Rosapepe relativo agli atti di intolleranza religiosa in Italia, il che Rosapepe fu lieto di fornirgli, ma a motivo di una infermità il Salvemini non potè farla, e quindi restituì quel materiale al Rosapepe raccomandandogli di curare lui stesso la pubblicazione, il che lui fece poi pubblicando il libro Inquisizione Addomesticata.

Ecco quanto scrive Giacomo Rosapepe a tale riguardo: ‘Poche parole, infine, sulla genesi di questo libro. Rientrato in Italia dall’esilio, Gaetano Salvemini, sempre vigile difensore delle minoranze contro la prepotenza di chiunque – dal campo sociale a quello religioso – intendesse soffocare la libertà, volle incontrarmi e conoscere quale fosse la condizione degli evangelici nel nostro Paese. A Firenze, prima ed a Sorrento poi, ebbi così la possibilità di documentargli le continue intolleranze del potere esecutivo verso le minoranze religiose. Non dimenticherò mai una sua amara, paradossale battuta a proposito dei Pentecostali: «Se si nega ai tremolanti il diritto di tremolare, dove va a finire il mio diritto di non tremolare?». Egli la ripeteva spesso, e non mancava di criticare severamente il comportamento degli Americani nei confronti delle loro stesse missioni protestanti venute ad operare in Italia. Giudizi molto gravi egli dava sulla diplomazia degli Stati Uniti, che, diceva, è composta in gran parte dagli alunni dell’Università di Washington tenuta dai gesuiti. Con questa affermazione Salvemini cercava di spiegare la quasi totale assenza di reazioni delle sfere ufficiali statunitensi davanti agli atti che offendevano non solo la dignità del cittadino americano, ma la stessa sua cultura ed il suo patrimonio spirituale esprimentesi attraverso la propaganda protestante in Italia. Salvemini aveva ben visto il problema della continua crescente influenza dei cattolici in ogni campo della vita politica ed economica degli Stati Uniti, e riteneva che fosse necessario e urgente portare a conoscenza di quel mondo i sistemi usati dalle gerarchie ecclesiastiche cattoliche per impossessarsi delle leve di comando nei Paesi europei, ed in Italia in particolare. Quello di Salvemini era un grido appassionato e sincero, che venne sempre coperto in Italia dalla cortina di silenzio predisposta dalla Chiesa con il controllo delle più importanti fonti di informazioni. Ond’è che quando egli mi chiese – perchè voleva farne una pubblicazione – il materiale probatorio relativo agli atti di intolleranza religiosa in Italia, non esitai un momento a fargli avere quanto era in mio possesso sino al 1952. La sopraggiunta infermità non permise però a Salvemini di attendere personalmente al lavoro ed egli, dopo avermi restituito il materiale, mi raccomandò di curarne io stesso la pubblicazione. Egli sperava che alla pubblicazione fosse assicurata la massima diffusione possibile e soprattutto che attraverso di essa si potessero far conoscere al pubblico americano le violazioni alla libertà di coscienza perpetrate in Italia da un regime che si definisce democratico. Salvemini confidava sulla sensibilità del popolo protestante degli Stati Uniti verso questo problema e si augurava che la conoscenza di episodi di inciviltà e di intolleranza come quelli che andavano acquisendosi alla storia della giovane Repubblica italiana, avrebbe indotto il governo degli Stati Uniti e gli altri firmatari della Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo a richiamare lo Stato italiano al rispetto di quella dichiarazione universale che, approvata il 10 dicembre 1948, avrebbe dovuto servire di guida a tutti gli Stati. E’ quindi anche per adempiere ad un voto fatto a Salvemini che ho atteso al presente lavoro …’ (Giacomo Rosapepe, Inquisizione addomesticata, pag. 13-15).

Inoltre, in base a quello che dice Francesco Toppi, ex presidente delle ADI, Gaetano Salvemini scrisse sul ‘Mondo’ del 9 agosto 1952 un articolo dal titolo: ‘I Protestanti in Italia’ (Francesco Toppi, E mi sarete testimoni, pag. 92), ovviamente a favore di quest’ultimi.

[1] La corrispondenza tra Gaetano Salvemini e Frank Bruno Gigliotti è depositata presso l’archivio dell’Istituto Storico della Resistenza in Toscana, e ringrazio il professore Luigi Pepe per avermi dato l’autorizzazione ad averne una copia.

06-inquisizione-addomesticata

Fece scrivere una importante clausola del Trattato di Pace nel 1947 concernente la libertà religiosa in Italia

Frank Gigliotti ha contribuito a scrivere il Trattato di Pace con l’Italia, che è il trattato di pace fra l’Italia e le potenze alleate, firmato a Parigi il 10 febbraio 1947 tra la Repubblica Italiana e le potenze vincitrici della seconda guerra mondiale, che mise formalmente fine alle ostilità. Ecco un articolo apparso su The Christian Science Monitor il 17 Aprile 1950, dove viene detto che Gigliotti è l’autore della clausola del Trattato di Pace che tratta la libertà religiosa.

07-trattato-pace

La clausola del Trattato di Pace di cui viene detto che Gigliotti fu l’autore è la seguente: ‘L’Italia prenderà tutte le misure necessarie per assicurare a tutte le persone sotto la giurisdizione Italiana, senza distinzione di razza, sesso, lingua o religione, il godimento dei diritti umani e delle libertà fondamentali, inclusa la libertà di espressione, di stampa e pubblicazione, di culto religioso, di opinione politica e di pubblica riunione’ (‘Italy shall take all measures necessary to secure to all persons under Italian jurisdiction, without distinction as to race, sex, language or religion, the enjoyment of human rights and of the fundamental freedoms, including freedom of expression, of press and publication, of religious worship, of political opinion and of public meeting’ – Art. 15, Sezione I, Parte II, del Trattato di Pace). A proposito di questa clausola presente nel Trattato di Pace, è molto interessante quello che lo stesso Frank Gigliotti scrisse nella memoria mandata all’ambasciatore d’Italia negli USA Alberto Tarchiani: ‘Questo fu certamente scritto per includere i Pentecostali e tutti gli altri gruppi religiosi che cercano di esercitare la libertà di coscienza, di culto, e di religione in Italia’ (in The Pentecostal Evangel, 8 Febbraio 1947, pag. 11).

E’ evidente dunque che la pressione che le ADI esercitarono sui massoni del Comitato per la Libertà Religiosa in Italia, portò a dei risultati molto significativi. Anche perchè in seguito – quando si dovette preparare la Costituzione – gli ‘amici’ di Gigliotti faranno proprio riferimento a questa clausola del Trattato di pace per far inserire gli articoli sulla libertà religiosa nella Costituzione. In altre parole, Gigliotti e i suoi fratelli massoni per far inserire nella Costituzione gli articoli che sanciscono la libertà di religione per tutti i cittadini fecero appello proprio a quella clausola del Trattato di pace dietro cui c’era la mano della Massoneria.


[Tratto dal libro, scaricabile gratuitamente in formato pdf, “La Massoneria Smascherata – Contro l’infiltrazione e l’influenza di questa diabolica istituzione nelle Chiese Evangeliche”, scritto da Giacinto Butindaro]

VAI ALLA PAGINA INDICE DEGLI ALTRI ARTICOLI SULL’ARGOMENTO

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...