Skip to content

Cenni biografici su Giovanni Diodati, affinché si sappia che noi prendiamo le distanze dal male che costui ha fatto

26 gennaio 2015

Cenni biografici su Giovanni Diodati, affinché si sappia che noi prendiamo le distanze dal male che costui ha fatto

giovanni-diodatiGiovanni Diodati

Teologo ginevrino (Ginevra 1576 – 1649). Era terzo di dieci figli di una famiglia patrizia lucchese emigrata nella calvinista Ginevra perché di fede protestante. Fu professore di ebraico e di teologia. In seguito divenne anche pastore e membro influente della Venerabile Compagnia dei Pastori. Svolse missioni diplomatiche. Cercò invano di avvicinare Venezia alla Riforma protestante, confidando nell’azione rivelatasi poi troppo irresoluta di Paolo Sarpi. Fu un rigido rappresentante dell’ortodossia calvinista. Partecipò al sinodo di Dordrecht (1618-19) sulla predestinazione, caldeggiando la condanna dell’arminianesimo. Come membro della Compagnia dei Pastori partecipò a numerosi processi che a Ginevra, come in molti altri paesi europei, furono intentati contro “eretici”, “indemoniati”, “streghe”, “atei”, e si conclusero con frequenti condanne a morte per “lesa maestà divina” (anche un pastore, N. Antoine, fu giustiziato nel 1632 come apostata macchiatosi di “eresia ebraica”).

La notorietà di Diodati è principalmente legata alla sua traduzione della Bibbia in italiano (1607), oggi ancora in uso, nella versione detta “Riveduta”, nel protestantesimo di lingua italiana. Era la prima ed è finora rimasta l’unica traduzione della Bibbia in italiano da parte protestante. Essa si segnala per la sua qualità letteraria, per la nitidezza del pensiero, per la diligenza filologica e per il valore delle note esplicative. Diodati tradusse la Bibbia anche in francese (1644).
[Paolo Ricca]

[Fonte: http://zvanen.essedici.it/prosp_teol_protestante/bibbia/diodati.html%5D

Deve essere chiaro che prendiamo le distanze dai processi e dalle condanne a morte contro esseri umani, non importa che cosa professino o cosa siano o cosa abbiano fatto, noi non dobbiamo votare o volere la morte di nessuno. Nessun uomo può essere messo a morte dai discepoli di Cristo, a nessuno può essere torto neppure un capello, perché Gesù ha ordinato questo:

«Ma a voi che ascoltate, io dico: Amate i vostri nemici; fate del bene a quelli che v’odiano; benedite quelli che vi maledicono, pregate per quelli che v’oltraggiano.
A chi ti percuote su una guancia, porgigli anche l’altra; e a chi ti toglie il mantello non impedire di prenderti anche la tunica.
Da’ a chiunque ti chiede; e a chi ti toglie il tuo, non glielo ridomandare.
E come volete che gli uomini facciano a voi, fate voi pure a loro.» (Luca 6:27-31)

Quindi, chi vuole essere VERO discepolo di Cristo, deve mettere in pratica queste Sue parole. Chi non pratica queste parole, non è VERO discepolo di Cristo.

La disciplina nella chiesa di Cristo deve certamente essere applicata, ma può sfociare al massimo nel togliere di mezzo all’assemblea il dissidente, l’eretico, il ribelle e il disordinato, questi può essere cacciato dall’assemblea, ma mai si dovrà arrivare a togliere un solo capello contro tali persone. Sarà Iddio che darà ai ribelli e agli eretici ciò che si meritano, ma noi cristiani non dobbiamo mai per nessuna ragione fare alcun male alle persone, quand’anche si trattasse dei nostri nemici che ci odiano.

Fratelli nel Signore, ricordate bene questi passaggi della Bibbia e metteteli in pratica, e guardatevi da tutti coloro che invece parlano di fare del male al prossimo. Che nessuno vi seduca con vani ragionamenti.

Che Dio abbia pietà del suo popolo e lo guardi da ogni male.

Giuseppe Piredda

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog di Aldo Prendi

Per la diffusione e la difesa delle dottrine bibliche

Acordai-vos

Tocai a trombeta em Sião, e dai o alarma no meu santo monte.

Egli è altresì scritto...

Blog di Nicola Iannazzo

Destatevi

"Suonate la tromba in Sion e date l'allarme sul mio santo monte" (Gioele 2:1)

Il Buon Deposito

Dottrine della Bibbia

prendialdo.wordpress.com/

Il blog di Aldo Prendi

La sana doctrina bíblica

Quien tiene oídos para oír, oiga

Chiesa Evangelica Pentecostale di Augusta

Gesù disse: Io son la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muoia, vivrà (cfr. Giovanni 11:25)

La Massoneria Smascherata

"non v'è niente di nascosto che non abbia ad essere scoperto" (Matteo 10:26)

SALVATI per GRAZIA

Blog Di Giuseppe Palamara

La verità rende liberi!

Sito di attualità e informazione cristiana

Listen to the sound of the sword

«Stand in the ways and see, and ask for the old paths, where the good way is, and walk in it» (Jeremiah 6:16)

Non tollero Jezabel

Il blog di Gian Michele Tinnirello

Sana Dottrina

Perché verrà il tempo che non sopporteranno la sana dottrina; ma per prurito d'udire si accumuleranno dottori secondo le loro proprie voglie e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole.(2Timoteo 4:3-4)

La Buona Strada

Blog di Giuseppe Piredda, cristiano evangelico pentecostale trinitariano fondamentalista

He who has ears let him hear

A voice crying in the wilderness

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: