Skip to content

La Parola di Dio ci fa sapere le caratteristiche che devono avere gli “anziani” della Chiesa

30 gennaio 2015

La Parola di Dio ci fa sapere le caratteristiche che devono avere gli “anziani” della Chiesa

gregge-pastoreL’apostolo Paolo ha dato instruzioni a Timoteo e a Tito sulle caratteristiche che devono avere gli anziani delle Chiese, e tali istruzioni sono valide ancora oggi, per tutti gli anziani. Ecco quanto ha scritto l’apostolo Paolo:

«Certa è questa parola: Se uno aspira all’ufficio di vescovo, desidera un’opera buona. Bisogna dunque che il vescovo sia irreprensibile, marito di una sola moglie, sobrio, assennato, costumato, ospitale, atto ad insegnare, non dedito al vino né violento, ma sia mite, non litigioso, non amante del danaro che governi bene la propria famiglia e tenga i figliuoli in sottomissione e in tutta riverenza (che se uno non sa governare la propria famiglia, come potrà aver cura della chiesa di Dio?), che non sia novizio, affinché, divenuto gonfio d’orgoglio, non cada nella condanna del diavolo.
Bisogna inoltre che abbia una buona testimonianza da quelli di fuori, affinché non cada in vituperio e nel laccio del diavolo.» (1 Timoteo 3:1-7)

«Per questa ragione t’ho lasciato in Creta: perché tu dia ordine alle cose che rimangono a fare, e costituisca degli anziani per ogni città, come t’ho ordinato; quando si trovi chi sia irreprensibile, marito d’una sola moglie, avente figliuoli fedeli, che non siano accusati di dissolutezza né insubordinati.
Poiché il vescovo bisogna che sia irreprensibile, come economo di Dio; non arrogante, non iracondo, non dedito al vino, non manesco, non cupido di disonesto guadagno, ma ospitale, amante del bene, assennato, giusto, santo, temperante, attaccato alla fedel Parola quale gli è stata insegnata, onde sia capace d’esortare nella sana dottrina e di convincere i contradittori.» (Tito 1:5-9)

Pertanto, dalla lettura dei passi sopra riportati, comprendiamo che gli anziani devono avere determinate caratteristiche, che riporoto e commento brevemente di seguito:

DEVONO ESSERE IRREPRENSIBILI [Gli anziani non devono avere dei peccati nascosti, non devono essere nella condizione di essere ripresi e devono integri. Se non lo sono e se hanno una cattiva testimonianza da quelli di fuori, se hanno commesso dei peccati gravi, come fornicazione e adulterio, è preferibile che non sia ascoltato né seguito, perché non sono stati irreprensibili e non godono più di una buona reputazione]  

NON DEVONO ESSERE ARROGANTI [Siamo tutti figli di Dio salvati per grazia, siamo tutti fratelli in Cristo, noi che siamo stati rigenerati spiritualmente, quindi, di cosa si devono ergere i conduttori? Cos’hanno che non hanno ricevuto da Dio? Perché devono credere di essere superiori agli altri? Perché disprezzano i poveri? La superbia della vita è qualcosa che Dio non gradisce e a suo tempo gli arroganti e i superbi li umilierà]

NON DEVONO ESSERE IRACONDI [I conduttori non possono lasciarsi andare all’ira, arrabbiarsi per cose di poco conto, anzi, devono essere mansueti e umili di cuore, proprio come lo era Gesù Cristo]

NON DEVONO ESSERE DEDITI A BERE MOLTO VINO, NE’ DEDITI ALLE GOZZOVIGLIE [I conduttori devono essere temperati, moderati in ogni cosa, anche nel mangiare e soprattutto nel bere vino, devono essere un esempio in ogni cosa per il gregge, anche a tavola e in tutte le soddisfazioni dei propri bisogni]

NON DEVONO ESSERE MANESCHI [I conduttori di una comunità devono tenere le mani a posto, non devono usare le mani, né litigare con nessuno, neppure fare cenni minacciosi con le mani, perché la violenza deve essere bandita dalla vita di un cristiano che vuole assomigliare e vivere come visse Cristo Gesù. Il conduttore deve essere di esempio in ogni cosa al gregge del Signore. Costoro devono piuttosto sopportare, anziché rispondere con la violenza, anche se hanno subito un torto evidente, devono vincere il male con il bene, e non vincere chi li contrasta con la calunnia e le cattiverie nascoste]

NON DEVONO AMARE IL DENARO [I conduttori delle comunità non devono sempre stare lì dal pulpito a chiedere soldi ai fratelli, perché se predicano sempre sui soldi, è chiaro che nel cuore hanno il denaro, e siccome quello desiderano, lo domandano insistentemente. Chi ama il denaro è piuttosto un servo di Mammona che di Dio. Inoltre, che imparino a raccogliere i soldi e a darli ai poveri, anziché usarli per cose inutili, come costruzione di locali di culto che assomigliano alle cattedrali cattoliche]

DEVONO ESSERE OSPITALI [I conduttori, i ministri tutti e gli anziani, devono essere un esempio anche nel pratica l’ospitalità ai santi, quindi, devono del continuo invitare i fratelli a casa loro, sia per conoscerli meglio e curarli anche personalmente, sia perché così gli viene insegnato come deve essere praticata l’ospitalità. Purtroppo sono veramente pochi quelli che invitano tutti santi, poveri e meno poveri, a casa loro per praticare l’ospitalità]

DEVONO ESSERE AMANTI DEL BENE [Se il conduttore deve amare il bene, significa che deve odiare il male, quindi deve riprendere il male, le falsità, l’ipocrisia. Questi servi del Signore devono far vedere che combattono a favore del bene e della verità, e che sono contro la menzogna, le falsità e l’ipocrisia. Se non odiano il male e non lo combattono, ma stanno in silenzio, anzi si adoperano per coprire il male che le pecore compiono, allora cari nel Signore state molto attenti, non siete in presenza di un servitore di Dio, ma di un cattivo operaio, che serve il diavolo e perciò cerca di nascondere il male delle persone, come se nulla fosse accaduto]

DEVONO ESSERE ASSENNATI [I conduttori devono essere un esempio del gregge di Dio anche nella sapienza, nel come si conducono, nel parlare con gravità e con assennatezza. Ma se i vostri conduttori sono privi di senno e non intendono quello che dicono né quello che fanno, come potranno trovare la soluzione giusta nel Signore per ogni cosa che accadrà nella Chiesa? Come potranno amministrare la giustizia e dare dei giusti giudizi se non hanno senno né sapienza? Non lo faranno, perché appunto sono privi di senno. Fuggite da costoro, fratelli nel Signore che amate la verità e la sapienza!]

DEVONO ESSERE GIUSTI [Non devono trattare le persone con imparzialità, il ricco non è da più del povero; non si può trattare bene il ricco e trattare male il povero. Non si devono prendere delle decisioni per convenienza monetaria o per altri interessi personali. Il giusto riprende il malvagio ed elogia chi si santifica e fa opere buone. Ma oggi stiamo vedendo che nelle comunità abbondano i conduttori che riprendono e scoraggiano chi si santifica e vuole crescere spiritualmente, mentre incoraggiano e fortificano le braccia dei malvagi, degli adulteri, dei fornicatori, degli omosessuali, dei ladri, dei massoni servitori del diavolo. Per questi ultimi questi conduttori corrotti trovano sempre delle parole di consolazione, mentre per chi vuole piacere a Dio e santificarsi, verso questi no, li maltrattano e li cominciano a chiamare con gli epiteti più ingiuriosi possibili: talebani, estermisti, terroristi, presuntuosi, e altro ancora. Comunque, come non ci si può aspettare dell’uva dai rovi, così non ci si può aspettare la giustizia dai servi di Mammona]

DEVONO ESSERE SANTI [Prima di qualsiasi altra cosa i conduttori devono essere loro per primi salvati e devono essere in grado di raccontare dettagliatamente e senza dubbi la loro testimonianza di salvezza. In secondo luogo devono mantenersi santi, separati dal mondo, e non devono vivere dandosi alle concupiscenze carnali e ai piaceri della vita. Se i conduttori non si santificano e si danno ai piaceri della vita, figuriamoci cosa si troveranno a compiere le pecore che loro pasturano]

DEVONO ESSERE TEMPERATI IN OGNI COSA [In ogni cosa devono avere il pieno autocontrollo, non devono mai darsi a nessun eccesso, di qualsiasi cosa si tratti, ma devono essere moderati in ogni cosa. Questo è anche un frutto dello Spirito santo, se non si manifesta e se non sono di esempio nella temperanza, allora state correndo un grave pericolo. Guardatevi da costoro e da tutti coloro che non hanno le caratteristiche che devono avere, come è indicato nella Bibbia]

DEVONO ESSERE ATTACCATI ALLA FEDEL PAROLA CHE HANNO INSEGNATO GLI APOSTOLI E GESU’ [Non devono mostrare di essere attaccati ai loro statuti e ai regolamenti umani, ma devono rimanere attaccati alla Parola di Dio e quella devono predicare. Se ci credono che la Bibbia sia Parola di Dio, allora la insegneranno, altrimenti la sostituiranno con i loro vani ragionamenti umani. Se credono nella Parola la devono difendere contro tutto ciò che va contro di essa. Uno che crede che la Bibbia sia VERAMENTE la Parola di Dio, starà attaccato ad essa, non se ne discosterà per nessuna ragione. Ma se uno NON crede che sia Parola di Dio, allora si darà ad annullare i comandamenti che sono scritti in essa e la disprezzeranno con i loro insegnamenti falsi e con la loro condotta ribelle. I conduttori se sono da Dio, insegnano le stesse cose che hanno insegnato gli apostoli e Gesù]

DEVONO ESSERE CAPACI DI ESORTARE NELLA SANA DOTTRINA [I conduttori con il loro parlare devono riuscire a toccare i cuori dei fratelli, li devono esortare nella sana dottrina con la Parola, devono insegnare alle pecore del Signore ad obbedire a tutti i comandamenti scritti nella Bibbia. Ma prima di esortare gli altri e di riprendere e ammonire i disordinati, devono essere loro per primi dei praticanti ferventi e fedeli della Parola di Dio. Se loro per primi non praticano la Parola di Dio, come faranno ad esortare gli altri ad attenersi strettamente ad essa e ad obbedire ai comandamenti di Dio? Non potranno, e i fratelli si svieranno dalla verità della Parola e si daranno a ragionamenti vani e si condurranno in modo da dispiacere a Dio]

DEVONO ESSERE CAPACI DI CONVINCERE I CONTRADDITTORI [Nelle Chiese è pieno di persone che contendono e che si ribellano ai comandamenti di Dio, perché non si vogliono attenere a quanto è scritto nella Parola di Dio e vogliono sentirsi liberi di fare tutto ciò che più gli piace. No, questo non è possibile, e gli anziani e i ministri di Dio sono messi nella Chiesa appunto per sorvegliare il gregge e dimostrare biblicamente ai contradittori dove stanno sbagliando e che si devono attenere alla verità della Parola di Dio. Tuttavia, questa è una caratteristica QUASI COMPLETAMENTE ASSENTE nei conduttori delle varie chiese evangeliche, perché sono ignoranti nella conoscenza delle sacre Scritture, e privi di autorità divina. Non sono capaci a predicare senza prepararsi il discorso in un foglietto, non sono in grado di dimostrare quasi niente con la Bibbia e non sopportano di vedere dei fratelli che hanno la Bibbia in mano e che gli parlano con i passi biblici. In verità questi tipi di conduttori non amano la Parola di Dio, ma la disprezzano. La loro ignoranza nella conoscenza delle sacre Scritture è talvolta abissale, non conoscono neppure le basi delle dottrine del cristianesimo, e insistono nel parlare solo ed esclusivamente sempre delle medesime cose. Basta studiare qualche capitolo della Bibbia, per accorgersi subito della ignoranza che hanno certi pastori. Anche questa capacità di convincere i contradittori viene da Dio e se non la manifestano, significa che Dio non gliel’ha data, quindi, non riponete la vostra fiducia in loro, anzi, guardatevi da costoro, perché sono guide cieche, e voi sapete dove vanno a finire le guide cieche e coloro che si fanno guidare dai ciechi]

DEVONO ESSERE MARITI DI UNA SOLA MOGLIE [Fratelli nel Signore, anche questa caratteristica è importante per un conduttore, per un anziano, per un ministro di Dio, infatti Iddio ha stabilito che i servitori suoi abbiano una sola moglie, quindi non devono avere due mogli, cioé non devono essere risposati con la precedente moglie ancora in vita. Guardatevi da tutti coloro che vi dicono il contrario, perché le Scritture sono chiare anche in questa verità. Meglio credere e attenersi a ciò che dice la Bibbia, anziché dare retta ai seduttori di menti e allo spirito dell’errore]

DEVONO ESSERE DI BUONI COSTUMI [I conduttori devono comportarsi in maniera conveniente in ogni cosa, senza avere dei costumi e dei modi di vivere e di abitudini che si possano reputare strani, stravaganti o siano ritenuti comportamenti peccaminosi. Anche il vestire è importante, devono essere sempre vestiti e non farsi trovare mezzi nudi dai fratelli, non devono andare al mare in costume, e non si devono vestire in maniera sconveniente e dissennata]

DEVONO ESSERE CAPACI DI INSEGNARE [Questa caratteristica dei conduttori e degli anziani è fondamentale, infatti un pastore, o un anziano, che non è capace di insegnare, cioé non è capace di trasmettere un insegnamento, una dottrina ai membri della comunità, significa che non può assumere l’ufficio di anziano o il ministerio di pastore. Quando lo Spirito santo stabilisce degli anziani in mezzo alla Chiesa, darà loro la capacità di insegnare, di trasmettere la conoscenza delle verità della Parola ai santi; ma se non hanno questa capacità, allora non possono assolutamente assumere l’ufficio di anziani, né tantomeno di pastore. Non è sufficiente avere il tesserino di pastore in tasca per essere considerati dei pastori di una comunità di Cristo, ma devono avere la Parola di Dio nel cuore e nella mente e devono anche avere la capacità di trasmettere agli altri il mistero di Cristo e di tutte le altre verità dottrinali presenti nella Bibbia, se non tutte, almeno di quelle principali e fondamentali. Come vorrei che ci fossero molti pastori e anziani con questa capacità, ma purtroppo sono pochi, veramente pochi. Sì, ti fanno la lezione, coma a scuola, ma in realtà muovono solo l’aria con le mani e anche con la bocca, non producono niente nei cuori dei credenti, non riescono a riscaldare i cuoi dei santi]

DEVONO ESSERE MITI [Gesù era mite ed umile di cuore, e così pure devono essere i suoi ministri. Gesù è venuto a servire, e non per essere servito. Invece, i pastori e i conduttori che ci sono nelle chiese moderne, vogliono essere serviti e riveriti, e loro non hanno nessun dovere inverso la Chiesa, ma solo la Chiesa verso di loro. Molti conduttori di comunità di mitezza e umiltà non sanno neppure cosa siano]

DEVONO SAPER GOVERNARE LA PROPRIA FAMIGLIA [Purtroppo ci sono molti pastori e anziani di comunità, che non sanno neppure governare la propria famiglia, neppure la loro moglie gli è sottomessa, figuriamoci se riusciranno, perciò, a governare la Chiesa ed ottenere il rispetto e la sottomissione dei membri della comunità. Comincino a riprendere e a sottomettere la moglie e i figli, e solo dopo potranno poi presentarsi per governare la Chiesa di Cristo]

NON DEVONO ESSERE NOVIZI [È bene che gli anziani non siano appena convertiti e non siano neppure giovani di età. Questo perché è necessario che gli anziani abbiano esperienza, sia delle cose della vita in genere, sia per quanto riguarda la fede in Cristo e la Parola di Dio. Un conduttore di comunità che è giovane, rischia di cadere nell’orgoglio, e quindi sarà condannato come è stato condannato il diavolo, per il suo orgoglio]

Cari nel Signore, purtroppo lo stato della Chiesa attuale è dovuto principalmente ai conduttori che non sono stati capaci di frenare il popolo di Dio dal peccare; non sono stati capaci di sorvegliare il gregge e di non permettere a dei lupi come i massoni di entrare in mezzo al gregge, e perciò oggi stiamo vedendo il proliferare dei principi massonici nelle predicazioni delle varie denominazioni.

Questi sono tempi difficili, proprio come sta scritto nella Parola di Dio, e si stanno avverando sotto i nostri occhi queste parole delle sacre Scritture:

«Perché verrà il tempo che non sopporteranno la sana dottrina; ma per prurito d’udire si accumuleranno dottori secondo le loro proprie voglie e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole.» (2 Timoteo 4:3,4)

Che Dio benedica il suo popolo e stabilisca per ogni comunità degli anziani e dei ministri secondo la sua volontà.

Giuseppe Piredda

Advertisements
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog di Aldo Prendi

Per la diffusione e la difesa delle dottrine bibliche

Acordai-vos

Tocai a trombeta em Sião, e dai o alarma no meu santo monte.

Egli è altresì scritto...

Blog di Nicola Iannazzo

Destatevi

"Suonate la tromba in Sion e date l'allarme sul mio santo monte" (Gioele 2:1)

Il Buon Deposito

Dottrine della Bibbia

prendialdo.wordpress.com/

Il blog di Aldo Prendi

La sana doctrina bíblica

Quien tiene oídos para oír, oiga

Chiesa Evangelica Pentecostale di Augusta

Gesù disse: Io son la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muoia, vivrà (cfr. Giovanni 11:25)

La Massoneria Smascherata

"non v'è niente di nascosto che non abbia ad essere scoperto" (Matteo 10:26)

SALVATI per GRAZIA

Blog Di Giuseppe Palamara

La verità rende liberi!

Sito di attualità e informazione cristiana

Listen to the sound of the sword

«Stand in the ways and see, and ask for the old paths, where the good way is, and walk in it» (Jeremiah 6:16)

Non tollero Jezabel

Il blog di Gian Michele Tinnirello

Sana Dottrina

Perché verrà il tempo che non sopporteranno la sana dottrina; ma per prurito d'udire si accumuleranno dottori secondo le loro proprie voglie e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole.(2Timoteo 4:3-4)

La Buona Strada

Il blog di Giuseppe Piredda, cristiano evangelico pentecostale trinitariano

He who has ears let him hear

A voice crying in the wilderness

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: