Skip to content

La massoneria nelle Chiese protestanti all’estero

27 luglio 2015

La massoneria nelle Chiese protestanti all’estero

Nelle Chiese Protestanti

copertina-massoneriaAncora oggi – come nel passato – ci sono protestanti che – sedotti dal serpente antico – entrano nella massoneria per far penetrare nella società (e quindi anche nella Chiesa) gli ideali di uguaglianza, di tolleranza e di libertà, così cari alla Massoneria, e quindi sanno di trovare un potente alleato nella Confraternita Massonica per portare avanti questo loro progetto di costruzione di una società migliore, come lo chiamano loro. E tra questi protestanti ci sono anche pastori di Chiese – che sono quelli che sostengono il cosiddetto vangelo sociale – che attraverso l’adesione alla massoneria si aprono verso la società, il che significa che si mettono a fare lotte sociali e politiche con l’obbiettivo di far trionfare – come dicono loro – nel mondo i principi di libertà, di uguaglianza e di tolleranza. Ci sono poi quelli che entrano nella massoneria perché tra i massoni possono affrontare tematiche ed argomenti che nelle Chiese difficilmente si affrontano, come la reincarnazione, o lo spiritismo o l’occultismo, e questo perché essi si interessano a queste cose essendone attratti. E poi anche quelli che ci entrano per ragioni opportunistiche, perché sanno che quando si diventa massoni – soprattutto in certe obbedienze e gradi – aumenta il cerchio delle amicizie, e ci si fa amici uomini potenti appartenenti all’ambiente non solo politico, ma anche economico, finanziario, religioso, e culturale, che possono poi essere di grande aiuto; per cui la massoneria esercita un notevole fascino su quegli Evangelici che confidano nell’uomo anziché in Dio, e che non sono pochi, e che vogliono arricchire o diventare ‘qualcuno’ nella società o vogliono riconoscimenti e aiuti per la loro chiesa o denominazione. Peraltro la massoneria è presente anche nella magistratura, per cui si possono avere anche giudici o magistrati massoni amici che sicuramente non faranno mancare il loro appoggio al loro fratello massone in caso avesse bisogno di loro perché indagato o imputato.

Peraltro, se entrano nella massoneria degli esponenti mafiosi proprio per questi motivi, come ha detto chiaramente l’ex presidente della Commissione Antimafia Luciano Violante: ‘L’ingresso nelle logge di esponenti mafiosi corrisponde a una scelta strategica; non è un fatto accidentale. Le affiliazioni massoniche offrono infatti all’organizzazione mafiosa uno strumento formidabile per estendere il proprio potere, per ottenere favori e privilegi in ogni campo: sia per la conclusione di grandi affari, sia per «l’aggiustamento» dei processi, come hanno rivelato numerosi collaboratori di giustizia’ (Luciano Violante, Non è la piovra, Einaudi, 1994, pp. 168 s.), e anche nelle Chiese esistono membri – inclusi pastori – che operano iniquamente e bramano arricchire e estendere il proprio potere e ottenere favori e privilegi, non ci si deve meravigliare se ci entrano anche i ‘mafiosi evangelici’. Scrisse una volta il giornalista Mino Pecorelli a proposito della Massoneria che ‘è anche una bottega per coloro che la sanno sfruttare. [….] Medici e professionisti in cerca di baiocchi, burocrati in cerca di protezioni, industriali squattrinati e ufficiali in via di pensionamento, intriganti imbroglioni, falsi moralisti, tutta una ramazzaglia di arrivisti e mitomani. Libertà, fratellanza e uguaglianza sono i tre termini della più geniale truffa che sia mai stata organizzata per sfruttare la democrazia. Riti, cerimoniali, simboli, formulari, statuti, logge segrete e coperte; una cortina fumogena per coprire piccoli e grandi imbrogli; trampolini per avvicinare politici e banchieri, generali, direttori di banca, magistrati e burocrati. Trampolini […] per migliorare la propria posizione e per sistemare i propri affari’ (in Mario Guarino & Fedora Raugei, Gli anni del disonore, pag. 194). Per cui sapendo come in mezzo alle Chiese ci sia una ricerca di questi trampolini, perchè regna la carnalità in tutte le sue forme, non meraviglia per nulla sapere che ci sono pastori o membri di Chiese che entrano nella Massoneria o sono fortemente collusi con essa.

A questo punto sorge spontanea questa domanda: ‘Ma perchè la Massoneria ‘fa proseliti’ nelle Chiese Protestanti e tramite di essi si studia di tenere buoni rapporti con esse?’ La risposta è perchè avere dei buoni rapporti con le Chiese Protestanti significa che le Chiese possono fornire aderenti alla Massoneria, per cui la Massoneria cerca di afferrare in primo luogo pastori o predicatori – se sono famosi e influenti è meglio – per diffondere nelle Chiese tramite di essi i suoi principi di libertà, tolleranza e fratellanza universale in vista della formazione di quell’unica religione mondiale che essa si prefigge di instaurare sulla terra. E badate che per la Massoneria non è indispensabile che un pastore si affili ad una loggia, perchè basta che egli promuova l’ideologia massonica nella Chiesa e questo gli è sufficiente: in altre parole gli basta anche che sia solo ‘un massone senza grembiule’. E poi, altra cosa molto importante, tenendo buoni rapporti con le Chiese o ‘aiutandole’, la Massoneria evita che queste riprovino e condannino ufficialmente e pubblicamente la massoneria e la doppia appartenenza, cosa questa che gli fa molto comodo per poter continuare a lavorare nell’ombra.

E a seguire viene da domandarsi anche: ‘Come ha fatto la Massoneria ad infiltrarsi nella Chiesa?’ Qui le risposte sono diverse. Una delle ragioni è certamente perchè essa asserisce che non è una religione o un sostituto di essa, ma semplicemente una fratellanza che cerca di migliorare il mondo. E poi essa asserisce che è compatibile con tutte le religioni e non ha nulla contro il Cristianesimo. Inoltre, perchè la Massoneria fa presente l’importanza di credere in Dio e dice che ogni membro è libero di interpretare Dio in qualsiasi maniera egli desidera. Ed infine, ciò è potuto accadere perchè molti Massoni sono arrivati ad affermare che l’istituzione della Massoneria esiste per assistere ed aiutare la Chiesa. E siccome che molti credenti non sanno cosa sia realmente la Massoneria, e non vengono messi in guardia da essa, allora è accaduto che si è potuta tranquillamente infiltrare in mezzo a tante Chiese Evangeliche.

All’estero

Quando in Inghilterra nel 1717 nacque la massoneria ‘speculativa’, ci furono due pastori protestanti inglesi che ebbero un ruolo di primo piano nella sua formazione: il pastore anglicano John Theophilus Desaguliers (1683-1744), e il pastore presbiteriano James Anderson (1680 o 1684-1739) a cui si devono le Costituzioni dei Liberi Muratori adottate nel 1723. Come ha detto Luc Nefontaine, storico delle religioni e dottore in filosofia e lettere dell’Università Libera di Bruxelles, specialista sulle sette e sulla massoneria: ‘La massoneria si potrebbe dire che in qualche modo è la figlia naturale del protestantesimo. Il problema è che le Chiese Luterane e Calviniste non hanno mai riconosciuto questa figlia. E quindi è difficile (è per questo che usiamo il termine figlia naturale), è difficile fare della massoneria una istituzione protestante. Potremmo dire che massoneria e protestantesimo in fondo sono cugini’ (http://blog.oratoiredulouvre.fr/2010/02/le-protestantisme-et-la-franc-maconnerie/). Non ci si deve dunque meravigliare nel constatare che tra una buona parte del protestantesimo – non solo quello nei paesi anglosassoni ma anche quello in altre parti del mondo – e la massoneria ci sono sempre stati dei forti legami, o comunque dei buoni rapporti di vicinato. E’ fuori di dubbio infatti che la Massoneria, da quando è sorta, si è infiltrata massicciamente in mezzo al Protestantesimo. Nel 1972 sulla ‘Rivista Massonica’ apparve uno scritto del valdese Giordano Gamberini, esponente di spicco della Massoneria Italiana, in cui l’autore affermava che ‘…. i protestanti sono, negli Stati Uniti e in tutto il mondo anglosassone, la schiacciante maggioranza dei massoni e che numerosi ministri di culto sono fra i più attivi dignitari e membri di logge’ (in Marco Novarino, L’Italia delle minoranze. Massoneria, protestantesimo e repubblicanesimo nell’Italia contemporanea, Edizioni l’Età dell’Acquario, Torino 2003, pag. 204). Ricordiamo però anche che in seno alle Chiese Protestanti anglosassoni ci sono stati famosi predicatori che hanno riprovato la Massoneria prendendo apertamente una posizione contro di essa, come per esempio Charles G. Finney che peraltro era stato un massone (aveva raggiunto il terzo grado) prima di convertirsi e una volta lasciata la massoneria scrisse ‘Why I Left Freemasonry’ (Perchè ho lasciato la Frammassoneria) in cui espresse – inevitabilmente direi io, visto la natura diabolica di questa istituzione – duri giudizi contro la Massoneria. Dato che la massoneria speculativa è sorta in Inghilterra, cominciamo dunque proprio dall’Inghilterra, per spiegare la presenza massonica nelle Chiese Protestanti, per poi passare ad altre nazioni.

Inghilterra

La Chiesa di Scozia non vieta ai suoi membri di diventare massoni, ma nel 1989 l’Assemblea Generale dichiarò che c’erano delle ‘difficoltà teologiche molto reali’ nell’essere massoni da parte dei membri della Chiesa di Scozia.

La Conferenza Metodista d’Inghilterra del 1985 ha affermato che la Massoneria rivaleggia con le credenze Cristiane, chiedendo ai Metodisti Massoni di riconsiderare la loro appartenenza alla Massoneria e che gli incontri massonici siano vietati nelle strutture Metodiste. Essa tuttavia non ha vietato ai suoi membri di aderire alla Massoneria e alcuni incontri massonici hanno continuato ad avere luogo in strutture della Chiesa Metodista. A seguito di quel rapporto che attestava l’incompatibilità tra l’appartenenza alla Chiesa e alla Massoneria, i molti massoni Metodisti diedero vita all’Associazione dei Metodisti Massoni! Peraltro esistono due logge in Inghilterra – una a Londra e l’altra a Manchester – i cui membri fanno parte interamente delle denominazioni Metodiste (cfr. Dudley Wright, Ethics of Freemasonry, Kessinger Publishing Co. 1997, pag. 6).

Molti ufficiali dell’Esercito della Salvezza sono Massoni, la Chiesa Presbiteriana del Galles è ‘fortemente influenzata’ dalla Massoneria, e la Chiesa di Inghilterra è da oltre duecento anni una roccaforte della Massoneria (cfr. John Ankerberg, The Secret Teachings of the Masonic Lodge, pag. 46).

In merito alla Chiesa d’Inghilterra, Rowan Williams l’arcivescovo di Canterbury, dopo aver affermato nel 2002 che credeva che il Cristianesimo e la Massoneria erano incompatibili, è stato costretto nel 2003 a scusarsi con le centinaia di migliaia di massoni che ci sono in Inghilterra (http://www.cesnur.org/2003/coe.htm). Considerate voi quanto sia forte dunque la presenza della Massoneria nella Chiesa d’Inghilterra.

Spagna

Anche in Spagna tra molte Chiese Protestanti e la Massoneria ci sono state e ci sono tuttora buoni rapporti. In un interessante studio dal titolo ‘Il legame massonico dei dirigenti protestanti spagnoli, 1868-1939′, Jean-Pierre Bastian, del Centro di Sociologia delle Religioni e dell’Etica Sociale, presso la Facoltà di Teologia Protestante a Strasburgo, ha redatto una lista di dirigenti protestanti spagnoli affiliati alla Massoneria tra il 1868 e il 1939. Metto tutta la sua lista (dove sono specificati anche il nome della loggia massonica di appartenenza di ognuno e la sua posizione o funzione massonica, dove naturalmente è stato possibile per lui metterla), affinchè vi rendiate conto come anche in altre nazioni la Massoneria è ben addentro alle Chiese Protestanti. Ecco le Abbreviazioni che troverete nella lista: IEE = Iglesia Evangélica Española (Chiesa Evangelica Spagnola); IERE = Iglesia Española Reformada Episcopal (Chiesa Spagnola Riformata Episcopale); UEBE = Unión Evangélica Bautista Española (Unione Evangelica Battista Spagnola); P = pasteur (pastore); M = maître d’école (maestro di scuola); GONE = Gran Oriente Nacional Español (Grande Oriente Nazionale Spagnolo); GOE = Gran Oriente de España (Grande Oriente di Spagna); GOL = Gran Oriente Lusitano (Grande Oriente Lusitano); GLE = Gran Logia de España (Gran Loggia di Spagna); SCF = Supremo Consejo de Francia (Supremo Consiglio di Francia).

1. ALBRICIAS, Francisco, (?-1934), P, IEE, Alona No. 44 (GOE), Alicante, 1890, oratore; Esperanza (loggia indipendente), Alicante, Maestro Venerabile, 1896.

2. ALBRICIAS GOËTJ, Franklin, P, IEE, Constante Alona No. 3 (GOE), Alicante, 1930.

3. ALHAMA TEBA, Antonio, (1839-?), cappellano, IEE, Lux in Excelsis No. 7, Fávila, Granada, 1885, Gr. 3, Ospitaliere.

4. ALHAMA TEBA, José, (1826-1892), P, IEE, Lux in Excelsis No. 7, Mazzini, Granada, 1885, Gr. 13.

5. ALHAMA HERRERA, José, (1865- ?), cappellano, Beni-Garnata No. 170 (GONE), Granada, iniziato; Granada No. 271, Granada, Zorilla, Gr. 11, Segretario, 1885.

6. ALONSO LALLAVE, Manrique, P, IEE, Numancia No. 16 (GOL), Siviglia, 1886, Venerabile Maestro fondatore ; Numantina No. 67 (GLSE), Siviglia, Venerabile Maestro fondatore.

7. ARAUJO CARRETERO, Carlos, (1856-1925), P, IEE, Constancia No. 238, Gustavo Adolfo, Saragozza, Oratore nel 1914, Primo Sorvegliante nel 1915, Venerabile Maestro nel 1916.

8. BEN-OLIEL TICATI, Jorge Simeón, P, IEE, Alona No. 44 (GOE), Alicante, 1876, iniziato, Libre examen No. 152, Alcoy, 1879, fondatore.

9. BLANCO FERNÁNDEZ, Angel, P, IEE, Pirámides No. 250, Cadice, Oratore.

10. CABRERA e IVARS, Juan Bautista, (1837-1916), P, IERE, Mantuana No. 1 (GONE), Knox, Madrid, Iniziato nel 1888, Oratore, Venerabile Maestro, Gr. 33.

11. CAÑELLAS y RIVAS, Juan, P, IERE, Bética No. 110 (GOE), Lutero, 1864.

12. CARREÑO DEL TORO, Emilio, P, IEE, Espíritu Práctico No. 345 (GONE), Siviglia.

13. COCO y MARTÍN, Atilano, (1902-1936), P, IERE, Helmántica No. 22 (GOE), Timoteo, Salamanque, 1921, Primo Sorvegliante, fucilato il 9 décembre 1936.

14. DIAZ RODRÍGUEZ, Antonio José, (1889-?), P, IEE, Constancia No. 16, Mirapeix, Saragozza, 1932, Gr. 3.

15. DIGÓN, Ángel (?-1923), P, IEE, Providencia No. 270 (GONE), San Sebastiano, Oratore.

16. FUENTES, Juan Emeterio, (1855-?), P, IERE, Alianza de 1817 No. 112, Melanchtón, Granada, iniziato nel 1878, 1885, Gr. 18, Secondo Sorvegliante; Amigos de la Humanidad No. 61 (GONE), Melanchtón, Gijón, 1887, Gr. 33, Oratore nel 1889, Venerabile Maestro nel 1891-1894.

17. GAGEL SCHMITZ, Pablo, (1828-1912), P, IEE, Logia Virtud, Malaga.

18. GARCÍA RUBIERA, José, Bracciante, Diacono, IERE, Amigos de la Humanidad No. 61, (GONE), Gravina, Gijón, 1871, Primo Sorvegliante nel 1887, Gr. 3, Copritore nel 1892-1894.

19. GUTIÉRREZ MARÍN, Claudio, (1902-?), P, IEE, Patria Grande, Malaga, 1936.

20. HERAS BENITO, Benjamín (1909-), P, IEE, Constancia No. 16, Palavas, Saragozza, 1932, Gr. 3.

21. HERAS MAÍZ, Ángel, M, IEE, Altuna No. 15 (GOE), Euclides, San Sebastiano, 1932, Gr. 3, Secondo Sorvegliante.

22. LÓPEZ RODRÍGUEZ, Alejandro, M, IEE, Luz de Figueras No. 21 (GLE), Daniel, Figueras, 1891, Gr. 18.

23. LÓPEZ RODRÍGUEZ, Luís, P, IEE, Luz de Figueras No. 21 (GLE), Moisés, Figueras, 1891, Gr. 18, Gr. 33, Ospitaliere, 1934.

24. LÓPEZ-RODRÍGUEZ MURRAY, Luís, (1883-1937), P e medico, IEE, Luz de Figueras No. 21 (GLE), Figueras, Iniziato nel 1932, Oratore nel 1934.

25. LUSA HERRERO, Guillermo, (1901-?), M, musicista, IEE, figlio del pastore Mauricio Lusa (?-1941), membro del Triangolo massonico di Valladolid, 1936.

26. MARIBLANCA GARCÍA, Eliseo, M della scuola protestante, quadro dirigente del GOE a Siviglia, 1934.

27. MARQUÉS, José, P, IEE, Caridad No. 20 (GONE), Bilbao, Gr. 19, Oratore ; Luz del Norte No. 57, Bilbao, Gr. 30., Segretario.

28. MARQUÉS FERNÁNDEZ, Elías Bautista, P, IEE, Altuna No. 15 (GOE), Jonathan, San Sebastiano, 1932, Segretario.

29. MARTÍN MOLINA y ZURITA, Santos, (1900-1966), P, IERE, Isis y Osiris No. 377, Moisés, Siviglia, 1936.

30. MEDINA, Federico, IEE, Conde Real, 1939.

31. MORENZA, Juan, P, Alianza No. 57, Santander.

32. OREJÓN DELGADO, Felipe, P, IEE, Híjos de Hiram No. 118 (GONE), Cártago, Cartagena, Oratore; Sparta No. 18 (GOI), Cartagena, fondatore; Unión No. 160 (GOI), Cartagena, fondatore.

33. PALOMARES GARCÍA, Francisco, (1835- ?), P, IERE, Numantina No. 61, Galileo, Siviglia, 1878, Segretario.

34. REGALIZA, Daniel, P, IERE, Híjos de la Humanidad No. 251 (GONE), Melanchton, Salamanca, 1888, Maestro Venerabile.

35. ROLDÁN RODRÍGUEZ, Juan Pedro, (1899-?), P, EBE, Patria Grande, Malaga, 1937

36. SABIO DEL VALLE, Segundo, P, IEE, Caballeros de la noche No. 33 (GOL), Arnaldo de Brescia, Saragozza, 1886, primo diacono.

37. SALA y VILLARET, Pedro, (?-1916), P., IERE, Mantuana No. 1 (GONE), Madrid, Secondo sorvegliante, Gr. 32 nel 1894.

38. SANTELICES PELLÓN, José, IERE, Constante Ilona No. 3, Alicante, 1880, Gr. 33 nel 1898.

39. TIENDA, Enrique, (?-1905), P, IEE, Alianza No. 57 (GOLU), Autoskenes, Santander, fondatore, Oratore.

40. TORNOS y BLASCO, Cipriano, (1843-1918), P, IEE, Acacia Fraternal No. 3 (GONE), Madrid ; Mantuana No. 1 (GONE), Elliot, Madrid, 1892, Grande Oratore aggiunto.

41. TUDURY DE LA TORRE, Francisco, P, IEE, Amigos de la humanidad No. 158 (SCF), Mahon, fondatore, 1868.

42. TRIGO BUSTAMANTE, Miguel, (1825-?), P, IEE, Hijos de Hiram, Cartagena, 1869, fondatore, Maestro Venerabile nel 1869-1870; Union Africana, Oran, 1868, Iniziato.

43. TRIGO, Salomé, Híjas del Sol, Madrid, 1877.

Francia

In Francia sin dall’inizio, ci sono stati tanti protestanti nella Massoneria. Nel XVIII secolo la partecipazione dei protestanti alla massoneria fu notevole: prima dell’Editto della Tolleranza del 1787, ci furono molti protestanti nelle logge di Marsiglia, Bordeaux, Sedan, Strasburgo, Nantes e altre città. Tra questi protestanti c’era Antoine Court de Gébelin (1724 o 1728-1784), che dopo essere stato ordinato pastore nel 1754 aderì alla Massoneria nel 1771 e diventò un noto occultista che si occupava dell’interpretazione dei Tarocchi! Durante la Rivoluzione numerosi deputati protestanti erano massoni (tra cui 16 erano pastori). A partire dal 1802 i protestanti e i massoni furono riconosciuti dallo Stato, e si contavano circa 3000 protestanti massoni. François de Jaucourt (1757-1852), membro del Concistoro della Chiesa Riformata di Parigi, nonchè uno dei fondatori della Società Biblica di Parigi di cui ne fu il primo presidente dal 1818 al 1852, era un massone. Il pastore Frédéric Desmons, esponente di spicco dei protestanti liberali, aderì ad una loggia nel 1861, e dopo avere lasciato il pastorato, divenne Gran Maestro del Grande Oriente di Francia nel 1887. Attualmente, nella Massoneria francese ‘si trovano dei pastori, dei professori di teologia, e dei responsabili di associazioni protestanti’. Sul sito de L’Église Réformée de l’Oratoire du Louvre (La Chiesa Riformata dell’Oratorio del Louvre) che è una Chiesa Protestante appartenente alla Chiesa Riformata di Francia e quindi alla Federazione Protestante di Francia, alla domanda di un giovane lettore che chiede di sapere se ci sia incompatibilità tra l’iniziazione massonica e la dottrina protestante, il pastore Marc Pernot (dell’Église Réformée de Paris-Oratoire) risponde così: ‘Nella nostra forma di protestantesimo, noi siamo piuttosto dell’idea di lasciare le persone libere di decidere da loro stesse. Io conosco diversi parrocchiani de l’Oratorio che dicono pubblicamente che appartengono ad una loggia ed io evidentemente non ho niente da ridire a tale riguardo …. Certe persone appartengono a delle logge e lo nascondono, è un loro diritto farlo ….’ (4 Marzo 2011 – http://blog.oratoiredulouvre.fr/2011/03/protestantisme-et-franc-maconnerie/).

Segnalo infine che Claude Baty, il presidente della Federazione Protestante di Francia (FPF), ha partecipato nel 2011 ad una grande cena organizzata dalla Gran Loggia di Francia nel ristorante della propria sede in rue Puteaux a Parigi. I tavoli degli invitati erano 21, e il Baty era seduto al tavolo dove c’era il Gran Maestro della Loggia (http://blogs.lexpress.fr/). La Federazione Protestante di Francia ha tra i suoi membri Luterani, Riformati, Battisti, Salutisti, e Pentecostali, per un totale di circa 900.000 membri. Le Assemblee di Dio non ne sono ancora membri, ma da anni hanno avviato un dialogo con la Federazione.

Germania

In Germania la Massoneria è piuttosto diffusa nelle Chiese Evangeliche, anche grazie alla Commissione ufficiale del dialogo della Chiesa evangelica tedesca, che ha intrapreso colloqui con i massoni, la quale ha sostanzialmente dato il permesso ai cristiani evangelici di entrare nella Massoneria. E’ vero che questa Commissione ha espresso delle perplessità sui lavori che avvengono nel tempio massonico, dicendo: “Non è stato possibile agli ecclesiastici partecipanti al colloquio farsi una opinione definitiva sul significato del rituale e sulle sue ripercussioni nella vita interiore. Perciò essi si sono chiesti se l’influsso del rituale nella vita interiore e il lavoro del massone non concorressero a diminuire l’idea della giustificazione per grazia nei cristiani evangelici” (Information Nr. 20 der Evangelischen Zentralstelle für Weltanschauungsfragen, 56/74, p. 19 – cfr. http://www.alleanzacattolica.org/), ma esse non servono a impedire a dei credenti di rimanere presi nel laccio della Massoneria, perchè alla fine gli si dà il permesso di aderire ad una religione diabolica. Veramente una follia la conclusione a cui è arrivata questa commissione evangelica, ma d’altronde quando manca il timore di Dio e la conoscenza delle Scritture non si può che giungere a queste conclusioni che sono molte dannose per la Chiesa. Viene da loro detto che ‘non è stato possibile agli ecclesiastici partecipanti al colloquio farsi una opinione definitiva sul significato del rituale e sulle sue ripercussioni nella vita interiore’, il che va a loro vergogna, perchè invece avrebbero dovuto fare delle investigazioni serie e profonde, perchè qui c’è di mezzo la salvezza delle persone, che li avrebbero portati a fare delle dichiarazioni di tenore completamente diverso.

In Germania esiste la Massoneria Cristiana. La Große Landesloge der Freimaurer von Deutschland (Grande Loggia Nazionale dei Massoni di Germania), o il Freimaurerorden (FO), ossia l’Ordine dei Massoni, è una Grande Loggia Massonica tedesca fondata nel 1770 da Johann Wilhelm Kellner von Zinnendorf, un medico dell’esercito Prussiano.

grosse-landesloge

Non si definisce una comunità religiosa e non è richiesta l’affiliazione ad una particolare denominazione cristiana, come anche non è neppure richiesto ai membri dell’Ordine di essere espressamente Cristiani, tuttavia le regole dell’Ordine richiedono che ogni membro ‘riconosca gli insegnamenti di Gesù Cristo così come sono scritti nella Sacra Scrittura’. Mi domando come si faccia a riconoscere gli insegnamenti di Cristo e nello stesso tempo essere membri di un ordine massonico, quando la Massoneria per sua natura è contraria agli insegnamenti di Cristo. In effetti, coloro che accettano gli insegnamenti di Gesù Cristo non possono entrare a far parte di alcuna loggia massonica, neppure quindi di una loggia che si definisce cristiana.

E a conferma di questa commistione tra Chiese Protestanti tedesche e Massoneria c’è la recente notizia che il 29 settembre 2012 ad Amburgo, nell’edificio di culto della Chiesa Luterana chiamata ‘St. Michealis Kirche’ si sono radunati 1500 massoni provenienti da tutto il mondo (per il GOI c’era Gustavo Raffi), per commemorare con delle cerimonie massoniche i 275 anni della presenza massonica in Germania. Si è trattato della prima volta di un rituale massonico nell’edificio di culto di una Chiesa in Germania. E «per l’occasione, gli stessi fedeli evangelici sono stati “sfrattati” dal loro tempio: un cartello all’esterno ne ha proibito l’accesso per l’intera giornata, “causa manifestazione” si è scritto, come se all’interno vi fosse una normalissima riunione di condominio o un raduno dei sindacati» (http://www.corrispondenzaromana.it/per-la-prima-volta-1-550-massoni-riuniti-per-un-rituale-in-un-tempio-protestante/)! Ecco alcune foto di quel raduno massonico.

st-michealis-kirche

Da: http://eponymousflower.blogspot.it/2012/09/lutheran-church-closed-to-host.html

ritual-hamburger

Da: http://www.welt.de/newsticker/news3/article109543461/1-500-Freimaurer-treffen-sich-zu-Ritual-im-Hamburger-Michel.html

Norvegia

L’Ordine Norvegese dei Frammassoni (in norvegese: Den Norske Frimurerorden) è la Gran Loggia Massonica in Norvegia. Segue il rito Svedese, e per aderirvi bisogna aderire al Cristianesimo. Che cosa intendono per Cristianesimo? Un Cristianesimo che si sono fatti su misura, in quanto dicono che ai membri non viene richiesto di aderire a particolari dogma o credi. E poi basta considerare che all’interno del loro tempio centrale a Oslo ci sono simboli egizi, per capirlo. Quindi ci si trova davanti ad una Loggia Massonica che è ‘Cristiana’ solo di nome, perchè di fatto il loro rito è pieno di esoterismo ed occultismo. Leo Zagami, un ex Illuminati, ha affermato a proposito di questo rito: ‘Loro si chiamano un ‘ordine massonico cristiano’ ok? ammettono solo cristiani lì dentro [….] l’enfasi è all’esterno sulla cristianità, ma una volta dentro al tempio in cima noterete questo simbolo, che ha tutto fuorché origini cristiane, vi accorgerete che il tempio dentro che è del rito svedese, uno dei più esoterici ed occulti riti massonici che vengono praticati qui in Norvegia ed in tutta la Scandinavia’ (Leo Zagami – Confessioni di un ex Illuminatihttp://video.google.com/ – da 1 ora 10 minuti). L’Ordine nel 2009 aveva circa 20.000 membri. Fanno sapere che l’Ordine non si impegna in questioni politiche nazionali o internazionali, e neppure in dispute religiose o sociali; e che i membri mostreranno rispetto per l’Ordine stesso e gli obbiettivi della Frammassoneria. Di questo Ordine massonico faceva parte Anders Behring Breivik, l’estremista norvegese che nell’estate del 2011 uccise 77 persone.

norvegia-stemma-frammassoni

Ecco lo stemma dell’Ordine Norvegese dei Frammassoni a sinistra e la foto dell’interno del loro tempio in cui potete vedere in alto una simbologia occulta pagana (che è quella che fa notare Leo Zagami nel suddetto video indicandola però su un documento cartaceo). Foto prese da: http://en.wikipedia.org/wiki/Norwegian_Order_of_Freemasons

Svizzera

In un’intervista sulla Massoneria fatta da un giornalista della rivista Protestante Bonne Nouvelle al pastore Jean-Luc Rojas, teologo e massone lui stesso, alla domanda ‘Si trovano dei pastori nelle logge in Svizzera?’ questo pastore ha risposto così: ‘Sì, ma non tanti, meno di cento anni fa. Ce ne sono di più in Francia, in Belgio, e ancora di più nel mondo anglo-sassone. La tendenza evangelica attuale è molto antimassonica. Pertanto, i pastori del risveglio nel XIX secolo a Ginevra, erano massoni. Non esiste una posizione ufficiale nelle nostre Chiese e niente impedisce ad un pastore di essere massone. Anche per i fedeli c’è una totale libertà’ (http://www.bonnenouvelle.ch/)

Brasile

In Brasile la commistione tra la Massoneria e alcune denominazioni, in particolare quella Battista e quella Presbiteriana – è antica. Per quanto riguarda i Battisti, gli emigrati dagli USA che si stabilirono a Santa Bàrbara (stato di San Paolo) dove nel 1871 fondarono la prima Chiesa Battista brasiliana, nel 1874 fondarono in quella città la Loggia Massonica George Washington. José de Souza Marques (1894-1974), noto pastore e teologo battista, che ha ricoperto anche la carica di presidente della Convenzione Battista Brasiliana, era membro del Grande Oriente del Brasile, nonchè membro del Consiglio Supremo del Brasile del Rito Scozzese Antico ed Accettato. Il famoso pastore battista Rubens Lopes (1914 – 1979), che fu anche presidente della Convenzione Battista Brasiliana nonchè vice presidente dell’Alleanza Mondiale Battista, era un massone. Il pastore David Mein (1919-1995) che è stato il rettore del Seminario Teologico del Nord del Brasile, ed anche Presidente della Convenzione Battista, era un massone appartenente al Grande Oriente del Brasile ed aveva raggiunto il 30° grado. In merito ai Presbiteriani, bisogna dire che la presenza massonica in questa Chiesa portò nel 1903 una scissione al suo interno, dalla quale nacque la Igreja Presbiteriana Independente do Brasil (IPIB), il cui fondatore fu Eduardo Carlos Pereira (1856-1923) il quale assieme ad altri pastori si separò dalla Chiesa Presbiteriana perchè riteneva incompatibile la Massoneria con l’Evangelo di Cristo Gesù. Ci sono stati anche pastori pentecostali massoni, tra cui il famoso pastore Paulo Leivas Macalão (1903-1982), fondatore dell’Assemblea di Dio Ministério de Madureira – Rio de Janeiro, che peraltro compose e tradusse diversi inni che sono parte dell’innario ufficiale delle Assemblee di Dio; e l’altrettanto famoso Túlio de Barros Ferreira (1921-2007) pastore dell’Assemblea di Dio di São Cristóvão – Rio de Janeiro (cfr. Folha Maçônica, Nº 291, 9 de abril de 2011, pag. 2-4).

In Brasile la Massoneria in ambito evangelico sta crescendo molto, tanto che il 3 Agosto 2011, più di 60 massoni evangelici (appartenenti a circa 10 differenti Chiese Evangeliche) si sono radunati presso l’Hotel Guanabara, a Rio de Janeiro, per dare vita al Movimento de Integração dos Evangélicos Maçons (Movimento di Integrazione degli Evangelici Massoni) il cui obbiettivo è combattere le persecuzioni o discriminazioni che i massoni evangelici soffrono per opera delle loro Chiese, famiglie e amici, ‘per colpa di assurde menzogne disseminate in maniera irresponsabile dai nemici dell’Ordine Massonico’, così si legge sul sito del Grande Oriente del Brasile (http://www.gob.org.br/).

Il pastore Lindemberg Mendes Viana – che ha diretto il ‘culto’ massonico in quel raduno – è professore della Cappellania Fatum Facoltà Teologica universale, Pastore Presidente del Ministero Ruach, Direttore del Cappellania OTIB-federale (Ordine federale dei Teologi del Brasile), affiliato alla OMEB (Ordine dei Ministri Evangelici in Brasile); alla CGADB (Convenzione delle Assemblee di Dio del Brasile); alla COMADERJ (Convenzione dei ministri delle Assemblee di Dio dello Stato di Rio de Janeiro; alla CIMEB (Convenzione Interdenominazionale dei Ministri Evangelici del Brasile); e alla UCEBRAS (Unione dei Cappellani Evangelici del Brasile). Costui è il Maestro Venerabile della loggia Estrela do Rio Comprido Nº 2045 – GOB/RJ.

brasile-evangelici-massoni

Foto scattata a quel raduno: al centro si può leggere ‘1° Incontro degli Evangelici Massoni’.

Va anche detto che i seguenti pastori pentecostali sono amici del Grande Oriente di Goiás e collaborano con esso che quindi è molto grato a questi evangelici: si tratta del pastore e deputato federale João Campos – grande amico del vescovo Manoel Ferreira – che è pastore della Assemblea di Dio e deputato federale per il PSDB/GO, e leader della FPE (Fronte Parlamentare Evangelico); e del pastore e deputato di Stato Daniel Messac – Pastore della Chiesa dell’Assemblea di Dio Madureira (da: http://www.horadaverdade.com/ e http://www.gobgo.org.br/).

Inoltre, Stefani Saad, ex massone del 33° grado, dice che quando era nella massoneria era un pastore evangelico che illudeva le persone, ma il Signore lo ha salvato, ed afferma che i dirigenti delle denominazioni evangeliche più importanti, comprese le Assemblee di Dio brasiliane, sono massoni, e le chiese evangeliche sono sotto il controllo della massoneria che opera come una ‘mafia’. Tra i nomi che lui ha fatto ci sono: Edir Macedo (vescovo e fondatore della Chiesa Universale del Regno di Dio, che peraltro vuole costruire una replica del tempio di Salomone che come sappiamo è un simbolo molto caro ai Massoni); Jose Wellington Bezerra Da Costa, presidente della Convenzione Generale delle Assemblee di Dio in Brasile; Manoel Ferreira pastore delle Assemblee di Dio di Madureira; Silas Malafaia pastore della Igreja Assembleia de Deus Vitória em Cristo di Rio de Janeiro che ha circa 20.000 membri e che è stato vice-presidente della Convenção Geral das Assembleias de Deus del Brasile; e il ‘reverendo’ Isaías de Souza Maciel, della Chiesa Presbiteriana.

stefani-saad

Da: http://www.verdadeocultadownload.com/2011/05/testemunho-do-ex-macom-stefani-saad.html

In merito a quest’ultimo, diciamo che Isaías de Souza Maciel è presidente dell’OMEBE (Ordem de Ministros Evangélicos no Brasil e no Exterior ossia Ordine dei Ministri Evangelici in Brasile e all’Estero), che raggruppa ben 27.000 pastori evangelici), ed è stato Gran Maestro del Grande Oriente Indipendente di Rio De Janeiro dal 1981 al 1984, come si può vedere in questa foto presa dal loro sito internet, in cui si vede lui in paramenti massonici.

isaias-de-souza-macial

Da: http://goirj.com/site/index2.php?ctx_menu=8&fb_source=message

Peraltro vorrei far notare come nel logo dell’OMEBE c’è pure un piccolo pentalfa massonico.

omebe

Da: http://www.omebe.org.br/index.php

Isaías de Souza Maciel è anche presidente nazionale del SASE (Servizio di Assistenza Sociale Evangelico), ed anche della CONBRASE (Confederazione Brasiliana dei Servizi di Assistenza Sociale Evangelici), e dell’APE (Associazione Promotrice dell’Evangelismo). Isaías de Souza Maciel era intimo amico del pastore massone Paulo Leivas Macalão dell’Assemblea di Dio Ministério de Madureira (http://www.admadureira.com.br/) ed è in ottimi rapporti con questa denominazione pentecostale, come si può vedere da questi fotogrammi presi da un video dove il De Souza viene intervistato da João Nunes pastore dell’Assemblea di Dio:

pastori-massoni

Da: http://youtu.be/JRmse5O_hNY

Va anche detto che la Massoneria è penetrata anche nella Congregazione Cristiana del Brasile (CCB) che è una delle attuali denominazioni Pentecostali brasiliane più grandi (conta alcuni milioni di membri), il cui fondatore fu Luigi Francescon (1866-1964). Ci sono infatti conduttori di Chiese che sono massoni, e si dice che ci sono persone vicine al Presidente della CCB che sono legate alla Massoneria (cfr. http://www.blogdomario.com/2010/10/maconaria-esta-entre-nos.html). Inoltre ci sono fratelli che affermano che da qualche tempo hanno cominciato a notare segni e toccamenti massonici nel corso delle Assemblee Annuali della CCB.

Stati Uniti d’America

L’ex massone americano Jack Harris ha affermato che ‘molti pastori, anziani, diaconi, amministratori e insegnanti della Scuola Domenicale’ sono Massoni (Jack Harris, Freemasonry: The Invisibile Cult In Our Midst, pag. X) e un altro ex massone afferma che ‘molti predicatori che avevo conosciuto e amato e rispettato erano Massoni’ (John R. Rice, Lodges Examined by the Bible [Le logge esaminate per mezzo della Bibbia], Murfreesboro, Tennessee, Sword of the Lord, 1943, pag. 6).

Un rapporto datato 2000 fatto dalla Convenzione Battista del Sud dice che più di 1000 pastori di questa denominazione sono massoni. E questo perchè la Convenzione Battista del Sud (SBC) nel 1993 ha dichiarato che l’appartenenza alla Massoneria è ‘una questione di coscienza personale’, per cui un Battista è libero di aderirvi o meno (watch.pair.com/sbc.html). Secondo alcune stime esisterebbero tra i 400.000 e i 500.000 Battisti del Sud che sono massoni. Quelli che vi segnalerò qui di seguito sono stati dei noti Battisti americani affiliati alla Massoneria.

George W. Truett (1867-1944), pastore della First Baptist Church di Dallas (1897-1944), presidente della SBC (1927-1929), presidente della Baptist World Alliance (1934-1939), e amministratore della Baylor University e del Southwestern Baptist Theological Seminary, era un massone del Rito Scozzese. Diventò Maestro Massone nel 1920 nella Dallas Lodge No. 760; e ricevette il 32esimo grado nel 1921.

B.H. Carroll (1843-1914), primo presidente del Southwestern Seminary, era un membro della Waco Lodge No. 92 e della Herring Lodge No. 1224, ambedue localizzate a Waco, Texas. Fu autore di oltre 20 libri, tra cui The Bible Doctrine of Repentance (La Dottrina Biblica del Ravvedimento), Baptists and Their Doctrines (I Battisti e le loro Dottrine), e Evangelistic Sermons (Sermoni Evangelistici).

L.R. Scarborough (1870-1945) era un membro della Gray Lodge No. 329 di Houston, Texas. Fu pastore della First Baptist Church di Abilene, Texas, dal 1901 al 1908; professore di evangelismo presso il Southwestern seminary dal 1908 al 1914, quando ne diventò presidente. Fu autore di diversi libri.

W.W. Barnes (1883-1960), professore di storia della Chiesa presso il Southwestern seminary (1913-1953), era un attivo massone del 32esimo grado del Rito Scozzese.

W.T. Conner (1877-1952), che insegnò teologia al Southwestern seminary dal 1910 fino al 1949, era un membro della Southside Lodge No. 1114 di Fort Worth fino alla sua morte.

William W. Hamilton (1868-1960), massone, fu presidente del Baptist Bible Institute (BBI), ora chiamato New Orleans Baptist Theological Seminary, dal 1927 al 1943. Fu presidente della SBC dal 1940 al 1942.

Louie D. Newton (1892-1986), presidente della SBC (1947-1948) e vice presidente della Baptist World Alliance (1939-1959), era membro della Joseph C. Greenfield Lodge No. 400 di Atlanta. Era anche un massone del Rito di York.

James P. Wesberry (morto nel 1992), pastore della Morningside Baptist Church di Atlanta per 31 anni, era un massone del Rito di York, e un 32esimo grado del Rito Scozzese.

Joseph Samuel Murrow (1835-1929), un missionario dei Battisti del Sud, che secondo un resoconto fondò oltre 100 chiese, era chiamato ‘il fondatore della Massoneria in Oklahoma’. Diventato Maestro Massone nel 1867, fu Gran Maestro della Grand Lodge dell’Indian Territory dal 1877 al 1878, e scrisse il Murrow Masonic Monitor.

J.B. Lawrence, massone, fu vice presidente della SBC (1916-1917).

Richard A. McLemore, presidente del Mississippi College di Clinton (1957-1968), era membro della Hattiesburg Lodge No. 397 e un 33esimo grado del Rito Scozzese.

Da: http://jesus-is-savior.com/False%20Religions/Freemasonry/famous_baptists.htm

Oltre alla maggiore denominazione Battista americana, anche altre denominazioni Protestanti americane non hanno espresso ufficialmente nessuna obbiezione alla doppia appartenenza dei loro membri alla Massoneria e alla Chiesa (quindi non espellono quei membri di Chiesa che sono massoni e rifiutano di abbandonare la massoneria), e sono quella Metodista, quella Presbiteriana e quella Episcopale (cfr. William J. Whalen, Christiantity and American Freemasonary [Cristianesimo e Massoneria Americana], Ignatius Press, Terza Edizione, San Francisco USA, 1998, pag. 16). Da qui si spiega la presenza di molti Massoni (molti dei quali pastori di chiese) anche in queste denominazioni (basta leggere il libro di William R. Denslow e Harry S. Truman, 10,000 Famous Freemasons, ed anche quello di Forrest D. Haggard, The Clergy and the Craft, per rendersi conto di questo).

I massoni però sono presenti anche in denominazioni che dichiarano che nessuno può ricoprire incarichi di governo nella Chiesa o finanche essere un membro se appartiene alla Massoneria, come mi hanno confermato quelli di Followers of Jesus Christ che hanno la loro base a Evansville, Indiana (USA) – ritualabusefree.org – che confutano anche la massoneria e mettono in guardia i Cristiani da essa. Le ragioni sono essenzialmente tre: perchè i massoni generalmente costituiscono una risorsa finanziaria per queste denominazioni, perchè sono considerati delle persone rispettabili, e poi perchè la Chiesa ignora la storia e le pratiche della Massoneria (lettera inviatami il 5 gennaio 2012).

Keith Harris, nel suo libro The Masonic/Christian conflict explained, fa le seguenti affermazioni: ‘La schiavitù della Frammassoneria ha colpito il corso spirituale di molti individui – persino denominazioni intere – offrendo i mezzi tramite cui molte persone sentenziano sè stesse all’inferno riponendo la loro fiducia nelle cose sbagliate, per l’ammissione al regno di Dio’ (Keith Harris, The Masonic/Christian conflict explained, pag. 111), ed anche: ‘Un numero significativo di Massoni mantengono ancora posizioni di governo in chiese della nostra nazione’ (Ibid., pag. 113). E un testo massonico fa notare che quali insegnanti della Bibbia e della Scuola Domenicale, questi Massoni ‘stanno apportando all’interpretazione della Bibbia molte delle grandi rivelazioni della Massoneria’ in tema di religione (come la salvezza per meriti personali, l’idea che tutti gli uomini sono figli di Dio e quindi fratelli) – ma senza dottrina o teologia. In altre parole, la Bibbia viene reinterpretata dai Massoni per conformarla alla dottrina Massonica (cfr. John Ankerberg, The Secret Teachings of the Masonic Lodge, pag. 45-46).

Ci sono predicatori americani molto famosi che sono massoni, tra i quali Billy Graham (www.whale.to/b/33.html).

[Fonte: blog di Illuminato Butindaro, estratti dal libro “La Massoneria Smascherata”, di Giacinto Butindaro]

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog di Aldo Prendi

Per la diffusione e la difesa delle dottrine bibliche

Acordai-vos

Tocai a trombeta em Sião, e dai o alarma no meu santo monte.

Egli è altresì scritto...

Blog di Nicola Iannazzo

Destatevi

"Suonate la tromba in Sion e date l'allarme sul mio santo monte" (Gioele 2:1)

Il Buon Deposito

Dottrine della Bibbia

prendialdo.wordpress.com/

Il blog di Aldo Prendi

La sana doctrina bíblica

Quien tiene oídos para oír, oiga

Chiesa Evangelica Pentecostale di Augusta

Gesù disse: Io son la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muoia, vivrà (cfr. Giovanni 11:25)

La Massoneria Smascherata

"non v'è niente di nascosto che non abbia ad essere scoperto" (Matteo 10:26)

SALVATI per GRAZIA

Blog Di Giuseppe Palamara

La verità rende liberi!

Sito di attualità e informazione cristiana

Listen to the sound of the sword

«Stand in the ways and see, and ask for the old paths, where the good way is, and walk in it» (Jeremiah 6:16)

Non tollero Jezabel

Il blog di Gian Michele Tinnirello

Sana Dottrina

Perché verrà il tempo che non sopporteranno la sana dottrina; ma per prurito d'udire si accumuleranno dottori secondo le loro proprie voglie e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole.(2Timoteo 4:3-4)

La Buona Strada

Blog di Giuseppe Piredda, cristiano evangelico pentecostale trinitariano fondamentalista

He who has ears let him hear

A voice crying in the wilderness

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: