Skip to content

Ecco qual è il modello di Chiesa da imitare e a cui bisogna rassomigliare in tutti i tempi

28 settembre 2015

Ecco qual è il modello di Chiesa da imitare e a cui bisogna rassomigliare in tutti i tempi

atti-apostoli1. PREMESSA

Stiamo assistendo oggi, purtroppo, ad una profonda crisi d’identità, dottrinale e morale della Chiesa Cristiana Evangelica Cristiana, dei cosiddetti protestanti che sono una derivazione della “Riforma”.

La crisi è d’identità, perché ormai non si distinguono e non cercano la distanza dai cattolici romani, anzi, praticano l’ecumenismo con la Chiesa cattolica romana; la dottrina non si attiene e non segue ciò che è scritto nella Bibbia, mentre la condotta e la santità non sono proprio considerate, ma ognuno fa quello che più gli piace, senza ricevere nessuna ammonizione dai pastori e dagli anziani. Infatti, nella Chiesa Evangelica attuale, non si parla contro il peccato, contro la fornicazione, l’adulterio e l’omosessualità, anzi, quando certi pastori parlano, lo fanno sempre in difesa di queste categorie di persone, e condannano con forza piuttosto noi che parliamo contro questi peccati.

Era ormai da tempo nell’aria la necessità di una “nuova riforma”, di un risveglio spirituale, cosa a cui oggi stiamo assistendo, grazie alla riscoperto della Parola di Dio, allo studio attento di essa e grazie anche alle preghiere dei fratelli che da anni chiedono un risveglio.

Pertanto, abbiamo potuto constatare che ci sono i conservatori e difensori del sistema attuale religioso evangelico, che vogliono che le cose non cambino, che rimangano così come sono o peggiorino sempre più, relativizzando la dottrina e la morale; poi ci sono quelli come noi, che ritengono che la Chiesa di Cristo stia vivendo dei tempi in cui ha urgente bisogno di un radicale cambiamento, di un ritorno alluguaglianza d’identità della Chiesa antica, come è descritto nel libro degli Atti degli apostoli.

Anche in questo è necessario fare ricorso alle sacre Scritture, perché in essa vi è la risposta a queste problematiche che oggi stiamo tutti vivendo o direttamente o indirettamente.

2. TUTTE LE CHIESE DI OGNI EPOCA HANNO AVUTO COME MODELLO DA SEGUIRE LA PRIMA CHIESA, COM’È DESCRITTA NEL LIBRO DEGLI ATTI DEGLI APOSTOLI

Il libro degli Atti degli apostoli è la continuazione dei fatti narrati nel Vangelo di Luca, e in esso sono narrati gli avvenimenti successivi alla vita, morte e all’ascensione e risurrezione di Gesù, cioé i fatti dei primi decenni della Chiesa.

Nei Vangeli sono narrati la storia della vita del Signore Gesù, il Cristo di Dio, la sua carità, le sue guarigioni, i suoi discorsi, le sue sofferenze, la sua morte e la sua risurrezione.

Nel libro degli Atti degli Apostoli, sono narrati gli effetti dell’opera compiuta da Gesù Cristo, la dispensazione dello Spirito santo sui primi discepoli, con la conseguenza che i discepoli hanno provveduto ad annunziare l’Evangelo in diverse parti della terra, facendo così nascere delle comunità di cristiani in varie località.

Per mezzo dei fatti narrati nel libro degli Atti, si viene a conoscenza di cose che sono state per i primi cristiani molto importanti, e che lo devono essere pure per noi oggi. Eccovi alcune cosa a cui farete bene a porre molta attenzione:

  • cosa è accaduto quando i primi discepoli di Cristo sono stati ripieni di Spirito santo (vgs Atti 2:1-13; 10:44-46; 19:5-7);

  • la conseguenza dell’annunzio dell’Evangelo e la conversione di quei peccatori che erano ordinati a vita eterna (vgs Atti 2:41-42; 8:5-13; 8:34-39; 9:3-16; 13.6-12; 13:42-43;  14:21-22; 16:13-15; 17:33-34),

  • delle guarigioni divine (vgs Atti 3:1-10; 8:6-7; 9:32-41; 16:16-18);

  • la chiamata di Dio al ministerio e scelta della Chiesa di certi credenti per svolgere l’uffiicio di anziani e diaconi (Atti 1:21-26; 6:2-6; 13:1-5; 14:23);

  • la carità dei credenti verso i fratelli in Cristo, anche se stranieri (vgs Atti 2:44-45; 4:32-36; 11:27-30);

  • lo zelo e l’impegno profuso nelle cose di Dio e del Regno celeste (vgs Atti 2:46-47; 12:5);

  • l’approccio alle problematiche che sono sorte all’interno della prima Chiesa cristiana (vgs Atti 6:1-6; 15:1-35);

  • la prima Chiesa credeva e temeva i giudizi di Dio, i quali potevano piombare addosso sia ai credenti ribelli, che contro gli increduli (vgs Atti 5:1-11; 12:20-23; 13:8-12);

  • neppure i credenti della prima Chiesa erano esenti dalle eresie e dal commettere degli scandali ed errori, perché erano anch’essi sottoposti alle stesse passioni che noi oggi e di quelle di ogni età (vgs Atti 6:1; 15:1; 15:36-40);

  • i credenti della prima Chiesa annunziavano l’Evangelo con tutta franchezza, ed erano a motivo di ciò perseguitati, soffrivano afflizioni e molti sono stati messi a morte a motivo dell’Evangelo (vgs Atti 4:1-3, 18-22; 5:17-21; 7:54-60; 12:1-6; 16:19-24; 17:5-8; 18:12-13; 19:23-39; 21:27-36; 23:12);

  • i credenti della Chiesa antica parlavano di Gesù e di tutto il consiglio di Dio, con franchezza, a chiunque si trovavano di fronte, senza il timore degli uomini o di perdere alcun privilegio acquisito (vgs Atti 2:14-40; 4:13; 5:27-33; 7:1-53; 13:16-40; 17:22-31; 20:17-21; 20:28-32; 21:37, 22:21; 24:10-21; 24:24-25);

  • i credenti della prima Chiesa confutavano le eresie e dimostravano per le Scritture la verità a cui bisognava credere con forza (vgs Atti 18:24-28);

Il libro degli Atti raccoglie tutte quelle testimonianze  concernenti la condotta dei primi credenti e come essi hanno parlato e annunziato l’Evangelo della salvezza delle anime.

Quindi, la Chiesa descritta nel libro degli Atti deve essere presa come modello da seguire, si deve desiderare la potenza dello Spiristo santo che era in essa, bisogna impegnarsi ad essere zelanti, catitatevoli e franchi nel parlare, proprio come lo erano i credenti della Chiesa antica.

Oggi stiamo assistendo ad una GRANDE crisi della Chiesa Cristiana, in riferimento a quella Evangelica, perché si è allontanata di molto dal modello della Chiesa antica, in quanto, in poche cose ormai si rassomigliano. Infatti, confrontando la Chiesa antica com’è descritta nel libro degli Atti degli Apostoli con la Chiesa Evangelica e protestante di oggi, si può notare l’enorme distanza che esiste tra di loro.

Basta studiare attentamente il libro degli Atti degli Apostoli e vi renderete conto personalmente di quanto la Chiesa che frequentate si è allontanata dal modello di Chiesa posto da Dio nel citato libro della Bibbia. È appunto per nascondere queste differenze molto evidenti, che diversi pastori e denominazioni tutte parlano male e contrastano la lettura del libro degli Atti degli Apostoli.

3. CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

Fratelli nel Signore, vi esorto a leggere il libro degli Atti degli Apostli, a leggerlo molto attentamente, perché farà crescere in voi la fede nella potenza di Dio e ravviverà in voi il desiderio di imitare la Chiesa antica, postaci da Dio come modello da imitare e da rassomigliare. È vero che neppure quella era una Chiesa perfetta, ma era certamente guidata dallo Spirito santo, sincera, che attraversava dei problemi e li affrontava e li risolveva con la sapienza di Dio.

Per fare degli esempi di raffronto con la Chiesa Evangelica moderna, leggendo il libro degli Atti si comprende come la Chiesa antica di cui si narra in tale libro della Bibbia, non era alla ricerca di costruirsi un impero economico-patrimoniale, non vi è scritto da nessuna parte che si usavano le collette per costruire locali di culto, né si dice che facevano dei mutui per costruirli o acquistarli; piuttosto si legge in tale libro che le collette che gli antichi credenti facevano era per soddisfare i bisogni dei poveri, a tal punto che sta scritto che non c’era tra loro nessun bisognoso.

La Chiesa antica non aveva regolamenti e statuti a cui i credenti dovevano sottomettersi, e neppure era organizzata con una struttura gerarchica a piramide.

Ci sono, inoltre, degli inventori di cose moderne, nuovi modi di rendere il culto, tutte cose che non sono scritte nella Bibbia, ma per giustificarle sono capaci di dire che lo Spirito santo oggi opera cose nuove.

No, cari nel Signore, le cose non stanno così come ve le stanno presntando nelle vostre comunità, ma la vera Chiesa di Cristo deve assomigliare all’antica Chiesa descritta nel libro degli Atti, perché Iddio ci ha lasciato la Bibbia da seguire, sui tutti i credenti devono appoggiarsi e fondarsi radicalmente, senza deviarne né a destra né a sinistra. E il libro degli Atti è molto importante per far notare ai credenti di tutte le generazioni dopo di quella descritta in tale libro, che devono tutti tendere a ricevere da Dio la medesima potenza dello Spirito, carità e zelo, per assomigliare ad essa il più possibile.

Quindi, fratelli nel Signore, dico a voi che state vivendo una crisi d’identità della Chiesa di Cristo, vi esorto a guardare a quel libro, al libro degli Atti degli Apostoli, la cui conoscenza vi metterà al riparo da molte pratiche sbagliate e da certi culti contrari alla volontà di Dio. Guardate a tale libro della Bibbia, e attenetevi ad esso, e voi avrete il modello di Chiesa da ricercare, a cui assomigliare, a cui tendere e per cui pregare Iddio, così in maniera tale da non sentirvi più smarriti né soli. Iddio esaudirà le vostre preghiere, perché Egli è fedele e giusto.

Diletti e fedeli nel Signore, lasciate dunque da parte tutte quelle denominazioni e tipi di comunità che non vogliono seguire il vero modello di Chiesa descritto nel libro degli Atti, abbandonatele, uscitevene, perché si sono corrotte, e stanno andando di male in peggio, perché affonderanno loro portandosi con sé nel baratro tutti coloro che non hanno al tempo debito voluto prendere una saggia e ferma decisione di seguire solo Cristo Gesù. Se vi confidate nell’uomo, se confidate in carri e in cavalieri, voi vi svierete dalla verità e sprofonderete nell’ingiustizia e nella menzogna, e alla fine voi perderete il premio che Dio ha stabilito di darvi alla fine della corsa: la gioia e la pace della vita eterna!

Vi esorto a studiare bene il libro degli Atti degli Apostoli, e di guardarvi da quelli che parlano contro questo libro, che non è passivo come taluni dicono, ma è un libro eccezionale, che ci mostra la VERA CHIESA a cui tutti devono tendere e desiderare.

Badate dunque a voi stessi, badate a come ascoltate, vegliate e guardate che nessuno vi seduca con vani ragionamenti.

Giuseppe Piredda, salvato per grazia mediante la fede nel sacrificio compiuto da Cristo Gesù nella croce.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog di Aldo Prendi

Per la diffusione e la difesa delle dottrine bibliche

Acordai-vos

Tocai a trombeta em Sião, e dai o alarma no meu santo monte.

Egli è altresì scritto...

Blog di Nicola Iannazzo

Destatevi

"Suonate la tromba in Sion e date l'allarme sul mio santo monte" (Gioele 2:1)

Il Buon Deposito

Dottrine della Bibbia

La sana doctrina bíblica

Quien tiene oídos para oír, oiga

Chiesa Evangelica Pentecostale di Augusta

Gesù disse: Io son la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muoia, vivrà (cfr. Giovanni 11:25)

La Massoneria Smascherata

"non v'è niente di nascosto che non abbia ad essere scoperto" (Matteo 10:26)

SALVATI per GRAZIA

Blog Di Giuseppe Palamara

La verità rende liberi!

Sito di attualità e informazione cristiana

Listen to the sound of the sword

«Stand in the ways and see, and ask for the old paths, where the good way is, and walk in it» (Jeremiah 6:16)

Non tollero Jezabel

Il blog di Gian Michele Tinnirello

Sana Dottrina

Perché verrà il tempo che non sopporteranno la sana dottrina; ma per prurito d'udire si accumuleranno dottori secondo le loro proprie voglie e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole.(2Timoteo 4:3-4)

La Buona Strada

Blog di Giuseppe Piredda, cristiano evangelico pentecostale trinitariano fondamentalista

He who has ears let him hear

A voice crying in the wilderness

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: