Vai al contenuto

Precisazione sulla partecipazione di Cesare Turco, pastore ADI, al pranzo ecumenico

29 gennaio 2016

Precisazione sulla partecipazione di Cesare Turco, pastore ADI, al pranzo ecumenico

In data 22 gennaio 2016 ho pubblicato su FB (e il 24 l’ho pubblicata sul mio blog) la seguente notizia tratta dal sito ntr24.tv:

Benevento – Giubileo della Misericordia: pranzo ecumenico in carcere

Il giorno 23 gennaio all’interno dell’ottavario preghiera per l’unità dei cristiani il cappellano della casa circondariale di Benevento, padre Salvatore D’Alessandro unitamente alla comunità di Sant’Egidio di Napoli rappresentata da Antonio Mattone e in collaborazione con il direttore diocesano per l’ecumenismo, don Ivan Bosco, ha organizzato in carcere il primo pranzo ecumenico con i detenuti di varie fedi.

Prenderanno parte al pranzo mons. Andrea Mugione, arcivescovo di Benevento; i rappresentanti delle religioni cristiane presenti sul territorio: Sferruzzo Roberto (Chiesa evangelica cristiana “Fiumi Di Grazia” appartenente al Movimento della Riconciliazione); Testa Vincenzo (Chiesa evangelica Montesarchio e Benevento “Parola viva”); Turco Cesare (Chiesa evangelica ADI di Benevento); Falco Oreste (delegato del pastore Mauriello Paolo della CCEM) e don Kryvyy Roman (cappellano per Ucraini di Benevento e Campobasso, parroco della Chiesa ucraina ss. Vladimiro e Olga – diocesi di Avellino).

Accompagneranno l’arcivescovo il ministro provinciale dei frati minori del Sannio e dell’Irpinia, padre Sabino Iannuzzi; il direttore diocesano dell’ufficio migrantes, don Sergio Rossetti; il vicario episcopale per la carità don Nicola De Blasio; il direttore della pastorale sociale, Ettore Rossi e i volontari della pastorale penitenziaria.

Fonte: http://www.ntr24.tv/it/eventi/giubileo-della-misericordia-pranzo-ecumenico-in-carcere.html

Questo sito di informazione però la notizia l’ha presa dal sito dell’arcidiocesi di Benevento, dove infatti leggiamo in un post del 18 gennaio 2016:

Giubileo della Misericordia: pranzo ecumenico in carcere

18.01.2016

Il giorno 23 gennaio all’interno dell’ottavario preghiera per l’unità dei cristiani il cappellano della casa circondariale di Benevento, padre Salvatore D’Alessandro unitamente alla comunità di Sant’Egidio di Napoli rappresentata da Antonio Mattone e in collaborazione con il direttore diocesano per l’ecumenismo, don Ivan Bosco, ha organizzato in carcere il primo pranzo ecumenico con i detenuti di varie fedi. Prenderanno parte al pranzo mons. Andrea Mugione, arcivescovo di Benevento; i rappresentanti delle religioni cristiane presenti sul territorio: Sferruzzo Roberto (Chiesa evangelica cristiana “Fiumi Di Grazia” appartenente al Movimento della Riconciliazione); Testa Vincenzo (Chiesa evangelica Montesarchio e Benevento “Parola viva”); Turco Cesare (Chiesa evangelica ADI di Benevento); Falco Oreste (delegato del pastore Mauriello Paolo della CCEM) e don Kryvyy Roman (cappellano per Ucraini di Benevento e Campobasso, parroco della Chiesa ucraina ss. Vladimiro e Olga – diocesi di Avellino). Accompagneranno l’arcivescovo il ministro provinciale dei frati minori del Sannio e dell’Irpinia, padre Sabino Iannuzzi; il direttore diocesano dell’ufficio migrantes, don Sergio Rossetti; il vicario episcopale per la carità don Nicola De Blasio; il direttore della pastorale sociale, Ettore Rossi e i volontari della pastorale penitenziaria.

diocesi-beneventoFonte: http://www.diocesidibenevento.it/news.php?codice=1962

Ora, avendo oggi contattato il direttore diocesano per l’ecumenismo, egli mi ha riferito che Cesare Turco, pastore della Chiesa ADI di Benevento, non ha partecipato al pranzo ecumenico benché avesse accettato l’invito che gli era stato rivolto settimane prima e avesse promesso che avrebbe partecipato. Egli mi ha detto su Cesare Turco: «Cesare Turco prima mi disse di sì, poi gli ricordai questa cosa, disse: ‘Onoratissimo, ma non posso venire per impegni già presi». Cesare Turco ha avvertito il direttore diocesano che non avrebbe partecipato al pranzo ecumenico «uno o due giorni prima» del pranzo (su questo il direttore diocesano non ricordava con precisione), quando il direttore lo ha contattato per ricordargli l’evento.

Quindi il fatto che la diocesi di Benevento il 18 gennaio 2016 abbia incluso Cesare Turco tra coloro che avrebbero partecipato al pranzo ecumenico si spiega in questa maniera: Cesare Turco aveva ricevuto un invito dalla diocesi di Benevento ad un pranzo ecumenico ed aveva accettato l’invito!

Ho ritenuto opportuno fare questa precisazione per confermarvi che anche se in questo caso poi non c’è stata la partecipazione del sopracitato pastore ADI a questo evento ecumenico, nelle ADI i pastori sono ecumenici e l’accettazione dell’invito da parte di Cesare Turco lo conferma pienamente. Essi praticano con la Chiesa Cattolica Romana quello che Salvatore Cusumano ha chiamato l’ecumenismo etico (e non solo quello etico), e che la Scrittura condanna.

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

[Tratto dal blog “Chi ha orecchie da udire oda”, amministrato da Giacinto Butindaro]

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...