Skip to content

Stepchild adoption: Oriana Fallaci l’ha definita illogica, irrazionale, figlia del mercato che permette di aquistare un bambino “come si compra un’automobile”

21 febbraio 2016

Stepchild adoption: Oriana Fallaci l’ha definita illogica, irrazionale, figlia del mercato che permette di aquistare un bambino “come si compra un’automobile”

“Con quale diritto i gay chiedono di adottare un bambino?”

Oriana Fallaci, nel suo libro “Oriana Fallaci intervista a sé stessa. L’apocalisse” si scagliava contro le adozioni gay: “La verità è che le leggi dello Stato non possono ignorare le leggi della Natura”

oriana-fallaci-gay

Il ddl Cirinnà entra nel vivo della discussione parlamentare, divide Aula e Paese. Un’Italia separata dal burrone difficilmente sanabile da una legge discutibile. Come raccontano i sondaggi, i contrari alle adozioni son ben più della minoranza che vuole “regalare” alle coppie “naturalmente infertili” l’affido di un bambino. Un’eventualità che anche Oriana Fallaci non aveva paura a definire irrazionale. Illogica. Figlia del mercato che permette di aquistare un bambino “come si compra un’automobile”. Proprio quello che succederà se la stepchild adoption contenuta nel disegno di legge sulle unioni civili diventerà legge. Incoraggiando, di fatto, il ricorso all’utero in affitto nei Paesi esteri che lo permettono.

[…] Con quale diritto dunque, una coppia di omosessuali (maschi o femmine) chiede d’adottare un bambino? Con quale diritto – scriveva la giornalista in “Oriana Fallaci intervista a sé stessa. L’apocalisse” – pretende d’allevare un bambino dentro una visione distorta della Vita cioè con due babbi o due mamme al posto del babbo o della mamma? E nel caso di due omosessuali maschi, con quale diritto la coppia si serve d’un ventre di donna per procurarsi un bambino e magari comprarselo come si compra un’automobile? Con quale diritto, insomma, ruba a una donna la pena e il miracolo della maternità? Il diritto che il signor Zapatero ha inventato per pagare il suo debito verso gli omosessuali che hanno votato per lui?!? Io quando parlano di adozione-gay mi sento derubata nel mio ventre di donna. Anche se non ho bambini mi sento usata, sfruttata, come una mucca che partorisce vitelli destinati al mattatoio. E nell’immagine di due uomini o di due donne che col neonato in mezzo recitano la commedia di Maria Vergine e San Giuseppe vedo qualcosa di mostruosamente sbagliato. Qualcosa che mi offende anzi mi umilia come donna, come mamma mancata, mamma sfortunata. E come cittadina. Sicché offesa e umiliata dico: mi indigna il silenzio, l’ipocrisia, la vigliaccheria, che circonda questa faccenda. Mi infuria la gente che tace, che ha paura di parlarne, di dire la verità. E la verità è che le leggi dello Stato non possono ignorare le leggi della Natura. Non possono falsare con l’ambiguità delle parole «genitori» e «coniugi» le Leggi della Vita. Lo Stato non può consegnare un bambino, cioè una creatura indifesa e ignara, a genitori coi quali egli vivrà credendo che si nasce da due babbi o due mamme non da un babbo e una mamma. E a chi ricatta con la storia dei bambini senza cibo o senza casa (storia che oltretutto non regge in quanto la nostra società abbonda di coppie normali e pronte ad adottarli) rispondo: un bambino non è un cane o un gatto da nutrire e basta, alloggiare e basta. E’ un essere umano, un cittadino, con diritti inalienabili. Ben più inalienabili dei diritti o presunti diritti di due omosessuali con le smanie materne o paterne. E il primo di questi diritti è sapere come si nasce sul nostro pianeta, come funziona la Vita nella nostra specie. Cosa più che possibile con una madre senza marito. Del tutto impossibile con due «genitori» del medesimo sesso”.

Difendere il diritto del bambino a crescere con un papà ed una mamma è un diritto inalienabile. Negarlo è un attacco a quelle “creature indifese e ignare”. Non era possibile dirlo meglio che con le parole di Oriana.

[Tratto da: http://www.ilgiornale.it/news/politica/quale-diritto-i-gay-chiedono-adottare-bambino-1225786.html%5D

Giuseppe Piredda

 

2 commenti leave one →
  1. Tonino permalink
    4 marzo 2016 17:27

    Perdonami se te lo faccio notare, ma in quella foto c’è una posa massonica…

    Mi piace

  2. 4 marzo 2016 19:02

    Che acume! Non penserai che ho scelto di mettere proprio quella così per caso?

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog di Aldo Prendi

Per la diffusione e la difesa delle dottrine bibliche

Acordai-vos

Tocai a trombeta em Sião, e dai o alarma no meu santo monte.

Egli è altresì scritto...

Blog di Nicola Iannazzo

Destatevi

"Suonate la tromba in Sion e date l'allarme sul mio santo monte" (Gioele 2:1)

Il Buon Deposito

Dottrine della Bibbia

Il blog di Aldo Prendi

La sana doctrina bíblica

Quien tiene oídos para oír, oiga

Chiesa Evangelica Pentecostale di Augusta

Gesù disse: Io son la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muoia, vivrà (cfr. Giovanni 11:25)

La Massoneria Smascherata

"non v'è niente di nascosto che non abbia ad essere scoperto" (Matteo 10:26)

SALVATI per GRAZIA

Blog Di Giuseppe Palamara

La verità rende liberi!

Sito di attualità e informazione cristiana

Listen to the sound of the sword

«Stand in the ways and see, and ask for the old paths, where the good way is, and walk in it» (Jeremiah 6:16)

Non tollero Jezabel

Il blog di Gian Michele Tinnirello

Sana Dottrina

Perché verrà il tempo che non sopporteranno la sana dottrina; ma per prurito d'udire si accumuleranno dottori secondo le loro proprie voglie e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole.(2Timoteo 4:3-4)

La Buona Strada

Il blog di Giuseppe Piredda, cristiano evangelico pentecostale trinitariano

He who has ears let him hear

A voice crying in the wilderness

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: