Skip to content

Il rito d’iniziazione alla massoneria

23 giugno 2016

Il rito d’iniziazione alla massoneria

iniziazione.jpg

INTRODUZIONE
Dal video testimonianza dell’ex massone John Salza che potete vedere e ascoltare sotto, ho estratto alcune frasi molto interessanti, che ci fanno capire chi sono realmente i massoni.

L’INIZIAZIONE
[min. 22′ 10″] “Ancor prima che inizi il rituale, ti portano in una stanza dove ti fanno promettere che non ti stai unendo alla massoneria per, cito letteralmente: “motivi mercenari”. Ora, a me parvero parole un po’ strane, visto il contesto, ma mi dissero che significava che non stavo aderendo alla massoneria per motivi di lavoro. Rimasi perplesso, era stato proprio quello il pretesto col quale mi avevano convinto ad entrare nella massoneria, e ora mi venivano a dire che non doveva essere quello il motivo? Era tutto molto strano …”

La massoneria, dalle informazioni trapelate che sono emerse e che si possono leggere e dai vari scandali che hanno visto coinvolti diversi massoni tra di loro, oltre che con la criminalità organizzata, fanno capire che la massoneria è una grande e ramificata lobby di potere, avendo in sè una concentrazione di potere e di autorità immense, i cui membri a causa di ciò si sentono intoccabili e immuni alla legislazione comune, diventando così arroganti nel loro modo di fare e di parlare, e questo diventa quindi, un altro importante elemento per riconoscere i massoni: L’ARROGANZA E LA SUPERBIA.

IL SIGNIFICATO
[min 23′ 30″] “… Questo è il primo dei gradi della massoneria, in questo momento sei nudo, letteralmente sei privo di qualsiasi oggetto o indumento. Teologicamente il simbolismo è chiaro “UNA RINASCITA”. In quel momento pensai a Gesù, alla sua resurrezione e mi fu illuminante, perché anche se non credevo affatto a quel che stava accadendo, mi parve chiaro che il loro intento fosse proprio quello di farti sentire rinato.”

Il credente non può, dopo aver creduto, fare questo rituale di iniziazione, perché cancella i precedenti riti, annulla l’efficacia assoluta e perfetta di quanto praticato per ordine del Signore tramite le Bibbia, cioé il battesimo in acqua e rende, quindi nulla tale testimonianza. Ecco perché, tra le altre cose, mettiamo in guardia i fratelli dall’entrare nella massoneria. State dunque attenti, fratelli nel Signore, state attenti alla massoneria, tenetevi lontani e nel contempo guardatevi dai massoni e da tutto ciò che ha a che fare con la massoneria, simboli, ideologie, parole, concetti, dottrine, pratiche e manifestazioni e moviementi vari che nascono e sono portati avanti perché in agenda massonica.

IL RITO UNIVERSALE D’INIZIAZIONE DELLA MASSONERIA
[min.28′ 20″] “Ho un cappuccio in testa, non vedo dove sto andando, mi dicono di bussare alla porta per tre volte, e così faccio, e una voce all’interno risponde “Chi osa battere alla porta del tempio?” Un massone, colui che mi deve guidare nella loggia mi sta tenendo per il braccio in quel momento, …, rispose “È John Salza, che ha vagato a lungo nell’oscurità, e adesso vuole la luce ed entrare nella fratellanza della massoneria. … la porta si aprì ed entrai ed entrai nella loggia. Ora, quello che sto per descrivere, è una cosa che sperimenta ogni massone, in qualsiasi loggia mondiale, perché è uno dei riti universali della massoneria. Dopo pochi passi sentì la punta di una qualche sorta di strumento appuntito pungermi il petto, in corrispondenza del cuore. Il rituale afferma che si tratta di uno strumento di tortura per la tua carne, in modo che il ricordo di quel dolore ti sia di monito, qualora volessi rivelare i segreti della massoneria, contravvenendo alle regole. Queste cose te le dicono con voce molto intimidatorie. Qualsiasi cosa fosse quello strumento, so solo che mi fece male, era tutto molto intimidatorio. … Un altro aspetto da considerare, è che non ti dicono in anticipo i contenuti di quel giuramento, ti chiedono semplicemente di ripetere: “io John Salza giuro solennemente dinnanzi a Dio”; ti stanno facendo pronunciare un vero giuramento teologico perché stai invocando il nome del Signore a testimonianza di ciò che prometti, dopo di che il giuramento si conclude con un’automaledizione. Questo avviene in ogni giuramento della massoneria … “che la mia lingua venga strappata dalle sue radici e sepolta nelle rozze sabbie del mare. Che il mio cuore venga strappato e dato in preda alle bestie selvagge dei campi e agli uccelli dell’aria.  Che il mio corpo venga fatto a pezzi, le mie viscere vengano estirpate e ridotte in cenere.” Inoltre, ad ogni incontro in una loggia massonica, e questo non durante un cerimoniale, ma quando qualcuno si alza per parlare al direttore delle cerimonie deve fare un segno con le mani il cosiddetto  ‘GUARDIA DOVUTA’ (il taglio della gola) … Nei riti massonici si fanno scherno di Gesù in molti modi, ma per quanto riguarda l’agnello, esso simboleggia Gesù ucciso, per loro Cristo non è  mai risorto, e ritengono che solo per il fatto di essere un buon massone, tu stesso, con i tuoi soli sforzi, risorgerai senza alcun aiuto da parte di Gesù. ” […]

“Dopo avermi consegnato il grembiule di pelle d’agnello, mi vennero spiegati alcuni dei simboli della massoneria, praticamente ascoltai una specie di lezione molto elaborata sui simboli e principi massonici che avrebbero dovuto guidare la mia vita. Ovviamente sono furbi, perché nei principi della massoneria hanno messo qualche pizzico di cristianesimo, di ebraismo, di islamismo; m’insegnarono le tre virtù teologali di fede, speranza e carità; le quattro virtù cardinali, cioè, come ben sappiamo, temperanza, fortezza, prudenza e giustizia. Sembra tutto ok superficialmente, ma se vai ad approfondire scopri diversi elementi che sono stati contorti. Ci sono costanti riferimenti alla legge mosaica, in merito all’ebraismo, insomma è tutto molto confuso, ma di sicuro con me insistettero affinché sapessi che quella loggia massonica era intitolata al mio santo patrono: San Giovanni Battista. Ecco cosa mi insegnarono …”

 [La parte in neretto è stata riportata dalla testimonianza di John Salza dal video linkato, mentre le altre parti sono considerazioni di Giuseppe Piredda]

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog di Aldo Prendi

Per la diffusione e la difesa delle dottrine bibliche

Acordai-vos

Tocai a trombeta em Sião, e dai o alarma no meu santo monte.

Egli è altresì scritto...

Blog di Nicola Iannazzo

Destatevi

"Suonate la tromba in Sion e date l'allarme sul mio santo monte" (Gioele 2:1)

Il Buon Deposito

Dottrine della Bibbia

prendialdo.wordpress.com/

Il blog di Aldo Prendi

La sana doctrina bíblica

Quien tiene oídos para oír, oiga

Chiesa Evangelica Pentecostale di Augusta

Gesù disse: Io son la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muoia, vivrà (cfr. Giovanni 11:25)

La Massoneria Smascherata

"non v'è niente di nascosto che non abbia ad essere scoperto" (Matteo 10:26)

SALVATI per GRAZIA

Blog Di Giuseppe Palamara

La verità rende liberi!

Sito di attualità e informazione cristiana

Listen to the sound of the sword

«Stand in the ways and see, and ask for the old paths, where the good way is, and walk in it» (Jeremiah 6:16)

Non tollero Jezabel

Il blog di Gian Michele Tinnirello

Sana Dottrina

Perché verrà il tempo che non sopporteranno la sana dottrina; ma per prurito d'udire si accumuleranno dottori secondo le loro proprie voglie e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole.(2Timoteo 4:3-4)

La Buona Strada

Il blog di Giuseppe Piredda, cristiano evangelico pentecostale trinitariano

He who has ears let him hear

A voice crying in the wilderness

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: