Skip to content

Funerale massonico

26 giugno 2016

Funerale massonico

Acacia_massoneria

INTRODUZIONE
Dal video testimonianza dell’ex massone John Salza che potete vedere e ascoltare sotto, ho estratto alcune frasi molto interessanti, che ci fanno capire chi sono realmente i massoni.

FUNERALE MASSONICO
[…] “Quando muore un massone, egli ha il diritto di un funerale massonico. Ne ho presenziati alcuni, ed è un momento alquanto sgradevole, almeno per me. Un funerale massonico, tra l’altro, è l’unico momento in cui si possono vedere i massoni argomentare i loro principi in pubblico. Chiunque può andare ad un funerale massonico e vedere le cose che vi descriverò. Durante un funerale massonico, infatti, il maestro delle cerimonie conduce la funzione, il massone è nella sua bara, vestito col grembiule bianco, come fosse una veste battesimale. Dopo un po’, il maestro cerimoniere pronuncia le seguenti parole: “questo fratello ha lavorato nella miniera della loggia sulla terra, e ora lavora nella miniera della loggia in paradiso. I fratelli si mettono in fila, uno per uno, e uno alla volta si avvicinano alla bara del massone defunto, lì c’è un urna contenente i rami d’acacia, …, ciascun massone ne deposita uno sul petto del defunto, raccomandando la sua anima al grande architetto dell’universo. Questo è ciò che avviene pubblicamente, si tratta di religione, è un culto religioso, basta raffrontarlo con ciò che succede nel rito di Hiram, il suo corpo era stato scoperto grazie ad un ramoscello d’acacia, che simboleggia l’immortalità e la resurrezione. Ora stiamo attestando la nostra fede, nel fatto che quest’uomo , poiché ha vissuto come un buon massone, otterrà la vita eterna.” [1h 4′ 34″]

[…] “In genere cercano di ottenere che si celebri in una chiesa, a prescindere che si tratti di una comunità protestante o di una chiesa cattolica. Vogliono che si celebri in quel modo, perché così fanno passare l’idea che il funerale è ufficiato secondo la religione in cui il defunto credeva e professava, e il fatto che sia stata la religione ad averlo salvato.” […]

“Il terzo grado per i massoni è il grado più alto, e questo perché in esso si rivela la fede della massoneria nella vita eterna, nell’immortalità e nella resurrezione. Tutti gli altri gradi elevati, in realtà, si limitano ad ampliare e approfondire ciò che viene già insegnato nel terzo grado.” [1h 5′ 50″]

[La parte in neretto è stata riportata dalla testimonianza di John Salza dal video linkato, mentre le altre parti sono considerazioni di Giuseppe Piredda]

Acacia, Robinia (Robinia pseudoacacia)
Il legno di Acacia è noto per la sua resistenza e durezza: alla pianta vengono da sempre quindi associati significati quali la forza, il vigore, la perennità, la vittoria della vita sulla morte.
Considerata nell’antichità come il simbolo del legame tra i mondo del visibile e quello dell’invisibile, l’Acacia era spesso simbolo di saggezza e rinascita: non a caso l’Arca di Noè è stata costruita interamente col legno di questa pianta.
Nella tradizione degli antichi egizi si narra della nascita di alcuni dèi sotto i rami di un’Acacia e l’albero simboleggiava il passaggio dall’ignoranza a uno stato di conoscenza.
Anche nella più moderna tradizione massonica l’Acacia è vista come portatrice di positività: la tomba del famoso Hiram Abif fu infatti contrassegnata con un ramo d’acacia. Anche per questo motivo gli annunci funerari massonici vengono spesso ornati da questo simbolo. (da: http://www.latelanera.com/misteriefolclore/misteriefolclore.asp?id=308)

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog di Aldo Prendi

Per la diffusione e la difesa delle dottrine bibliche

Acordai-vos

Tocai a trombeta em Sião, e dai o alarma no meu santo monte.

Egli è altresì scritto...

Blog di Nicola Iannazzo

Destatevi

"Suonate la tromba in Sion e date l'allarme sul mio santo monte" (Gioele 2:1)

Il Buon Deposito

Dottrine della Bibbia

prendialdo.wordpress.com/

Il blog di Aldo Prendi

La sana doctrina bíblica

Quien tiene oídos para oír, oiga

Chiesa Evangelica Pentecostale di Augusta

Gesù disse: Io son la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muoia, vivrà (cfr. Giovanni 11:25)

La Massoneria Smascherata

"non v'è niente di nascosto che non abbia ad essere scoperto" (Matteo 10:26)

SALVATI per GRAZIA

Blog Di Giuseppe Palamara

La verità rende liberi!

Sito di attualità e informazione cristiana

Listen to the sound of the sword

«Stand in the ways and see, and ask for the old paths, where the good way is, and walk in it» (Jeremiah 6:16)

Non tollero Jezabel

Il blog di Gian Michele Tinnirello

Sana Dottrina

Perché verrà il tempo che non sopporteranno la sana dottrina; ma per prurito d'udire si accumuleranno dottori secondo le loro proprie voglie e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole.(2Timoteo 4:3-4)

La Buona Strada

Il blog di Giuseppe Piredda, cristiano evangelico pentecostale trinitariano

He who has ears let him hear

A voice crying in the wilderness

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: