Skip to content

Fratelli non peccate! Se qualcuno ha peccato, li confessi al Signore e gli saranno rimessi

22 ottobre 2016

Fratelli non peccate! Se qualcuno ha peccato, li confessi al Signore e gli saranno rimessi

angoscia

«Figliuoletti miei, io vi scrivo queste cose affinché non pecchiate; e se alcuno ha peccato, noi abbiamo un avvocato presso il Padre, cioè Gesù Cristo, il giusto; ed egli è la propiziazione per i nostri peccati; e non soltanto per i nostri, ma anche per quelli di tutto il mondo.» (1 Giovanni 2:1-2)

«Se confessiamo i nostri peccati, Egli è fedele e giusto da rimetterci i peccati e purificarci da ogni iniquità.» (1 Giovanni 1:9)

Cari nel Signore, è doveroso ricordarvi che nelle sacre Scritture è presente di continuo l’esortazione rivolta ai santi di astenersi dal peccare. La via per santificarsi e mantenersi puri dal mondo ce lo ha mostrato lo stesso Gesù con queste parole:

«Vegliate ed orate, affinché non cadiate in tentazione; ben è lo spirito pronto, ma la carne è debole.» (Matteo 26:41)

Pertanto, sappiamo che dobbiamo perseverare nella preghiera e vegliare di continuo sulla nostra condotta, sui nostri sentimenti e sullo studio della Parola di Dio, perché solo così, stando concentrati il più possibile alle cose che sono in cielo e non ubbidendo e dando ascolto alle passioni e concupiscenze carnali che si agitano nella nostra carne, ci manterremo puri dalle grandi trasgressioni e saremo da Dio ricompensati e accolti in cielo a suo tempo.

Tuttavia, sappiamo che la natura dell’uomo è debole carnalmente, come anche Gesù ci ha ricordato, e non ignoriamo le macchinazioni di Satana messe in opera contro il popolo di Dio per farlo cadere, quindi, tenuto conto di tutte queste cose, può accadere che talvolta i figlioli di Dio commettano delle azioni che sono da Dio riconosciute come “peccato”.

Se un credente arriva al punto di peccare, e sappiamo che nessuno è così forte da non peccare mai, allora le sacre Scritture ordinano che colui che ha peccato lo deve confessare al Signore e gli sarà perdonato, il suo peccato sarà rimesso, lavato, e il credente potrà ritrovare così la sua comunione con Dio, la sua gioia e pace perdute.

Quando si pecca si perde quella comunione con il Padre Celeste, ci si sente angosciati, tribolati nell’anima e nello spirito. Questo serve per sospingere la persona che ha peccato a chiedere perdono al Signore, e il sangue di Gesù Cristo che è morto sulla croce per purificarci dai nostri peccati e ora siede alla destra di Dio per intercedere per i santi, lo perdonerà e la comunione con il Padre e con il Figlio sarà ristabilita.

Diletti e fedeli nel Signore, impegnatevi a combattere contro il peccato, con la preghiera e la meditazione della Parola di Dio, ma tenete bene a mente nel caso vi trovaste nella situazione di aver peccato, che avete l’obbligo di confessare il vostro peccato a Dio, riconoscendo di aver sbagliato e di essere abbisognevoli della sua misericordia e del suo perdono, ed Egli vi perdonerà e vi purificherà da ogni peccato.

Quanto è grande e misericordioso il nostro Signore Gesù Cristo, Egli sa che siamo deboli, fallaci, e che il peccato abita nella nostra carne, sa bene che pecchiamo tante volte al giorno, ed Egli è alla destra del Padre per intercedere per noi.

Cari nel Signore, abbiate questa fiducia nel vostro cuore, che se peccate Iddio è misericordioso ed è pronto a purificarvi da tutti i vostri peccati. Ma ricordatevi di non prendervi gioco del Signore e non fate le cose per ingannarLo, perché Egli sa ogni cosa, ed è anche un fuoco consumante, Egli punisce le iniquità di coloro che sono malvagi e non si ravvedono. Ricordatevi dei Corinzi che non si conducevano in maniera degna del Signore, secondo quanto è scritto:

«Or provi l’uomo se stesso, e così mangi del pane e beva del calice; poiché chi mangia e beve, mangia e beve un giudicio su se stesso, se non discerne il corpo del Signore. Per questa cagione molti fra voi sono infermi e malati, e parecchi muoiono.» (1 Corinzi 11:28-30)

E ancora leggiamo:

«Tutti quelli che amo, io li riprendo e li castigo; abbi dunque zelo e ravvediti.» (Apocalisse 3:19)

Vedete, dunque, di non prendere alla leggera quello che è scritto nella Parola di Dio.

A Dio Padre che è misericordioso e al nostro Signore Gesù Cristo che è morto per i nostri peccati, siano la gloria, l’onore e la lode, nei secoli dei secoli. Amen!

Giuseppe Piredda

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog di Aldo Prendi

Per la diffusione e la difesa delle dottrine bibliche

Acordai-vos

Tocai a trombeta em Sião, e dai o alarma no meu santo monte.

Egli è altresì scritto...

Blog di Nicola Iannazzo

Destatevi

"Suonate la tromba in Sion e date l'allarme sul mio santo monte" (Gioele 2:1)

Il Buon Deposito

Dottrine della Bibbia

prendialdo.wordpress.com/

Il blog di Aldo Prendi

La sana doctrina bíblica

Quien tiene oídos para oír, oiga

Chiesa Evangelica Pentecostale di Augusta

Gesù disse: Io son la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muoia, vivrà (cfr. Giovanni 11:25)

La Massoneria Smascherata

"non v'è niente di nascosto che non abbia ad essere scoperto" (Matteo 10:26)

SALVATI per GRAZIA

Blog Di Giuseppe Palamara

La verità rende liberi!

Sito di attualità e informazione cristiana

Listen to the sound of the sword

«Stand in the ways and see, and ask for the old paths, where the good way is, and walk in it» (Jeremiah 6:16)

Non tollero Jezabel

Il blog di Gian Michele Tinnirello

Sana Dottrina

Perché verrà il tempo che non sopporteranno la sana dottrina; ma per prurito d'udire si accumuleranno dottori secondo le loro proprie voglie e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole.(2Timoteo 4:3-4)

La Buona Strada

Il blog di Giuseppe Piredda, cristiano evangelico pentecostale trinitariano

He who has ears let him hear

A voice crying in the wilderness

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: