Skip to content

Io esalto e predico Gesù di Nazareth, il Cristo di Dio

15 gennaio 2017

Io esalto e predico Gesù di Nazareth, il Cristo di Dio

esalto-predico

Gesù di Nazareth era conosciuto come il falegname, non portava vestimenti magnifici, non viveva nelle delizie, e non aveva dove posare il capo, perché era povero, e non aveva fatto studi, ma parlò come nessun altro ha mai parlato, fece cose che nessun altro ha mai fatto, non conobbe peccato e portò i nostri peccati nel suo corpo sul legno della croce ed “ha distrutto la morte e ha prodotto in luce la vita e l’immortalità mediante l’Evangelo” (2 Timoteo 1:10), ed ora è seduto alla destra di Dio nei luoghi altissimi, perché dopo essere risuscitato dai morti ed essere apparso ai suoi discepoli, Dio lo fece “sedere alla propria destra ne’ luoghi celesti, al di sopra di ogni principato e autorità e potestà e signoria, e d’ogni altro nome che si nomina non solo in questo mondo, ma anche in quello a venire” (Efesini 1:20-21). E in cielo tutti gli angeli di Dio lo adorano per ordine di Dio Padre, perché Gesù è Dio. Ecco chi è Gesù, il Cristo di Dio, che benché noi non abbiamo veduto, noi amiamo; nel quale credendo, benché ora non lo vediamo, noi gioiamo d’un’allegrezza ineffabile e gloriosa, ottenendo il fine della fede: la salvezza delle anime (cfr. 1 Pietro 1:8-9).

Io lo esalto dunque, perché è stato grazie alla sua morte sulla croce, al suo sangue che ha sparso sul-la croce, che io ora sono salvato dai miei peccati, giustificato e riconciliato con Dio di cui prima ero un nemico nella mia mente e nelle mie opere malvagie: sì, perché anch’io ero in quel tempo un figliuolo d’ira come gli altri.

Ed oltre a ciò, lo predico, sì predico Cristo e Lui crocifisso – come faceva il nostro caro fratello Paolo – perché la parola della croce è potenza di Dio per la salvezza di ognuno che crede (cfr. Romani 1:16), perché “in nessun altro è la salvezza; poiché non v’è sotto il cielo alcun altro nome che sia stato dato agli uomini, per il quale noi abbiamo ad esser salvati” (Atti 4:12).

A Cristo Gesù, l’Unigenito venuto da presso al Padre per essere la propiziazione per i nostri peccati, siano la gloria e l’imperio nei secoli dei secoli. Amen.

Giacinto Butindaro

[Tratto dal blog “Chi ha orecchie da udire oda”, amministrato da Giacinto Butindaro]

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

No Temas Sino Habla

Entonces él Señor dijo de noche en visión á Pablo: No temas, sino habla, y no calles: Porque yo estoy contigo, y ninguno te podrá hacer mal (Hechos 18:9-10)

Blog di Aldo Prendi

Per la diffusione e la difesa delle dottrine bibliche

Acordai-vos

Tocai a trombeta em Sião, e dai o alarma no meu santo monte.

Egli è altresì scritto...

Blog di Nicola Iannazzo

Destatevi

"Suonate la tromba in Sion e date l'allarme sul mio santo monte" (Gioele 2:1)

Il Buon Deposito

Dottrine della Bibbia

La Massoneria Smascherata

"non v'è niente di nascosto che non abbia ad essere scoperto" (Matteo 10:26)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: