Vai al contenuto

L’odio di Friedrich Nietzsche verso Gesù Cristo

21 gennaio 2017

L’odio di Friedrich Nietzsche verso Gesù Cristo

Nietzsche1861

Friedrich Wilhelm Nietzsche (1844-1900) è stato un filosofo, poeta, compositore e filologo tedesco. E’ considerato tra i grandi filosofi e prosatori del XIX secolo. Odiava il Signore Gesù Cristo e il Cristianesimo, infatti ecco alcune sue eloquenti parole:

«Gesù è esattamente l’opposto di un eroe: è un idiota. Si senta la sua incapacità di intendere una realtà: egli si muove nel giro di cinque o sei concetti da lui prima uditi e a poco a poco capiti (cioè falsamente) – in essi ha la sua esperienza, il suo mondo, la sua verità – il resto gli è estraneo. Dice parole che tutti adoperano, ma non le intende come tutti, capisce solo i suoi cinque o sei sfuggenti concetti. Che i veri e propri istinti virili – non solo quelli sessuali, ma anche quelli della lotta, della fierezza, dell’eroismo – non siano mai maturati in lui, che sia un ritardato e sia rimasto infantilmente nell’età puberale: ciò fa parte del tipo di certe nevrosi epilettoidi. Gesù è nei suoi istinti più profondi antieroico: non si batte mai; chi vede in lui qualcosa come un eroe, come Renan, ha volgarizzato il tipo fino a renderlo irriconoscibile. Si senta d’altra parte la sua incapacità di intendere alcunché d’intellettuale: la parola ‘spirito’ diventa in bocca a lui un equivoco. Neanche il più lontano soffio di scienza, di gusto, di disciplina mentale, di logica ha sfiorato questo santo idiota: non più di quanto la vita l’abbia toccato. Natura? Leggi di natura? Nessuno gli ha rivelato che c’è una natura. Egli conosce solo effetti morali: un segno della cultura più bassa e assurda. Si deve tener fermo ciò: egli è un idiota» (Friedrich Nietzsche, Frammenti postumi 1888-1889, tr. it. di Sossio Giametta, Adelphi, Milano 1974, 28-29).

«La croce è il segno di riconoscimento per la più sotterranea congiura che sia mai esistita – contro salute, bellezza, costituzione ben riuscita, valentia, spirito, bontà dell’anima, contro la vita stessa. Questa eterna accusa al cristianesimo voglio scriverla su tutti i muri, ovunque esistano muri – posseggo caratteri per far vedere anche i ciechi. Definisco il cristianesimo l’unica grande maledizione, l’unica grande e più intima depravazione, l’unico grande istinto della vendetta, per il quale nessun mezzo è abbastanza velenoso, furtivo, sotterraneo, meschino – lo definisco l’unica immortale macchia d’infamia dell’umanità» (Friedrich Nietzsche, L’anticristo. Maledizione del cristianesimo, tr. It. Di Ferruccio Masini, Adelphi, Milano 1984, 96-97)

«Si fa bene a mettere i guanti quando si legge il Nuovo Testamento. La vicinanza di tanta sozzura quasi vi ci costringe» (Friedrich Nietzsche, L’anticristo, 63)

Dio però non lo lasciò impunito, infatti leggiamo in una sua biografia:

«Da sempre terribilmente sofferente di ogni genere di malattie, Nietzsche muore il 25 agosto del 1900 dopo una lenta agonia che ha contemplato negli ultimi anni anche l’insorgere della pazzia.» (http://biografieonline.it/biografia.htm…).

Egli è all’inferno assieme a tutti gli altri anticristi come lui che si sono succeduti nella storia.

Ah, un’ultima cosa, in seno alla Massoneria ha molti estimatori.

Chi ha orecchi da udire, oda.

Giacinto Butindaro

[Tratto dal blog “Chi ha orecchie da udire oda”, amministrato da Giacinto Butindaro]

Annunci
10 commenti leave one →
  1. Mickael permalink
    1 gennaio 2018 14:25

    Quanta verità nelle sue parole!

    Mi piace

  2. 1 gennaio 2018 14:59

    Gesù di Nazaret, il Cristo di Dio, che è la verità anzi l’UNICA VERITA’, è morto per i nostri peccati ed il terzo è risuscitato per la nostra giustificazione. Nietzsche, invece, è morto pazzo e la sua anima è stata gettata all’inferno, e là sta in attesa del giudizio. Due conclusioni completamente diverse. Esorto tutti gli atei che seguono le parole del pazzo Nietzsche di ravvedersi e di credere in Gesù Cristo di Nazaret che è la verità, e fuori di Lui non c’è salvezza, altrimenti saranno gettati all’inferno a far compagnia a Nietzsche.

    Mi piace

  3. 31 marzo 2018 15:47

    E ancora tanta ignoranza.. Nietzsche non aveva nulla contro Cristo, ma contro San Paolo. Quando dice che Cristo è un idiota fa riferimento a Dostoevskij, che nello scrivere L’Idiota, che è la storia di un uomo buono (così buono da sembrare idiota) si ispira proprio al Cristo. Ma sarebbe bastato mettere la frase prima della citazione che hai faziosamente messo. Purtroppo Dio dovrebbe punire voi e la vostra ignoranza e parzialità, visto che Nietzsche a furia di interrogarsi su questi argomenti ne è uscito pazzo, a differenza dell’autore del post che bello seduto sulla poltrona forse nemmeno immagina che travaglio possa essere. Per non parlare delle lettere che scrive Nietzsche, ma nemmeno è il caso di parlarne, tanto si vede che lei ha preso testi a caso senza aver idea del percorso intellettuale del filosofo, quindi resti convinto di aver la verità in tasca, che se davvero Dio esiste un posto a Nietzsche l’ha senz’altro riservato in Paradiso.

    Piace a 1 persona

  4. 3 aprile 2018 19:11

    È evidente che non ha letto bene, o ha interesse a dire quello che dice. Basta leggere quello che è stato postato per capire QUANTO tale persona odiasse Gesù Cristo, e non c’è nessun dubbio che lo odiasse. Più che ignoranza in questa discussione si dovrebbe parlare di interessi opposti. Sarebbe bello che tutti leggessero e capissero quello che viene riportato, invece ci sono quelli che leggono ma capiscono quello che fa loro comodo, per pregiudizio o per altri interessi. Bene, così sappiamo che ci sono in giro anche persone che credono le cose da lei esposte, e noi le facciamo passare, ma non le condividiamo assolutamente, e il post lo spiega bene.

    Mi piace

  5. 18 aprile 2018 03:50

    Mi dispiace per lei e per la sua superbia, ma del suddetto autore ho sicuramente letto più di lei per poter contestualizzare quelle parole. Ma dal momento che non vuole nemmeno ascoltare, nemmeno è il caso che le spieghi. Giusto una citazione, visto che le piacciono: “Non bisogna scambiare il cristianesimo con quell’unica radice che esso ricorda col suo nome: le altre radici da cui esso si sviluppò sono di gran lunga più potenti, più importanti di quanto lo sia stato il suo nucleo. È un abuso senza pari che quelle formazioni e deformazioni della decadenza che si chiamano “Chiesa cristiana”, “fede cristiana” e “vita cristiana”, si designino con quel nome sacro. Che cosa ha negato Cristo? Tutto ciò che oggi si chiama cristiano”, dai Frammenti del 1888. Quel nome sacro è Gesù Cristo. Basterebbe leggere l’Anticristo per comprendere che lui se la prende con San Paolo e non con Cristo, che se la prende col simbolo della croce e non con Cristo. Però bisognerebbe avere umiltà e leggere un po’, anziché tacciare come satanico (cosa c’entra la massoneria?) dopo due citazioni prese a caso e incomplete. Rimanga nella sua saccenza, io continuerò a leggere “Il santo” (così chiamavano Nietzsche a Torino per la sua bontà e sensibilità) che ha molto più da dirmi di questi articoli. Mi auguro che lei non pratichi la fede con la stessa superficialità, sarebbe davvero un peccato. I migliori auguri per il futuro.

    Piace a 1 persona

  6. 18 aprile 2018 19:51

    Se vuole ottenere un gran bene, e visto che neppure Nietzsche a suo dire non ne ha parlato male, le consiglio vivamente di leggere il libro del GIUSTO, del vero SANTO, che è la Bibbia. Può non leggere i miei articoli del blog, ciò non è fondamentale per scampare la sua anima dal tormento dell’inferno, invece è fondamentale che lei legga ciò che dice la Parola di Dio su Gesù Cristo, l’unica via di salvezza. Lei deve sapere che è grazie alla Parola di Dio, se uno in essa crede, nasce di nuovo e i suoi peccati vengono rimessi, diventa una creatura nuova spiritualmente e scamperà così al tormento dell’inferno.
    La informo, inoltre, che lei scambia la superbia con la certezza di quello che le viene detto, da questo punto di vista le sono scivolate le dita nei tasti sbagliati, ma può sempre migliorarsi leggendo le sacre Scritture che hanno salvato e salvano ancora tante anime. Nel caso non voglia sentire nulla sulla salvezza che le può dare solo Gesù il Cristo di Dio, che è l’unica via di salvezza, che è la verità, allora sappia che la sua condanna sarà giusta, perché lei avrà rifiutato di credere nell’unica persona che può salvarle l’anima. E questo non lo fanno le religioni, né alcun uomo, ma solo Gesù Cristo.

    Mi piace

  7. 28 aprile 2018 20:25

    Vedo che è inutile cercare di ragionare con lei, dato che non ha mai risposto sul merito. E mi preme infomarla che è superbia esser certi di ciò che si dice quando non si hanno conoscenze per dirlo, e sarebbe umiltà ascoltare chi ha letto di più. Lei invece, a dispetto di argomentazioni puntuali continua a “essere certo” di ciò che sta dicendo. Questa è superbia. Poi non deve vendermi a buon mercato la parola di Cristo, ho letto la Bibbia e vi rifletto ancora oggi. Solo che io vivo questo dubbio fra tormenti e contraddizioni, lei invece prende quelle parole e fa scivolare addosso a sé ogni debolezza umana. Questa ha ragione, non è superbia, mi azzarderei a definirla accidia (e uso questo termine proprio nel campo semantico che lei preferisce). Si ricordi che Cristo è venuto a salvare uomini che soffrono, non predicatori da blog che si sentono già beati e “protetti”. Arrivederci.

    Mi piace

  8. 29 aprile 2018 01:36

    Non ho risposto sul merito? Ma l’articolo è già un riassunto sufficiente del merito della questione. Quel Gesù a cui si riferiva Nietzsche con quelle parole che lei definisce amichevoli, erano rivolte essenzialmente ad un buon uomo, cosa che non corrisponde alla realtà, perché Gesù era vero uomo e vero Dio, degno di ricevere IL MASSIMO RISPETTO da tutti gli uomini. Il lettore interessato provvederà a leggere l’articolo e a leggere anche i commenti, anche quelli suoi, quindi si farà l’opinione che riterrà meglio, non sarà obbligato a vedere Gesù Cristo dal punto di vista di Nietzsche, come non è per forza obbligato a vedere e a credere che Gesù è il Cristo di Dio, l’unica via di Salvezza, degno di ogni lode, onore e gloria ed anche il massimo rispetto. Lei ha studiato di più le parole dell’impazzito Nietzsche, mentre io ho studiato molto di più le parole di Gesù Cristo, che è Dio e che è morto per i nostri peccati e che il terzo giorno è risuscitato. Quando io ho creduto in Gesù Cristo sono nato di nuovo, sono diventato una nuova creatura spirituale, sono tornato a vivere, ero morto e Gesù mi ha rigenerato spiritualmente, e questo mi porta a parlare con certezza e nella maniera corretta anche contro coloro che non rispettano la Sua divinità, tra i quali troviamo anche il suo caro Nietzsche.
    Se le sue argomentazioni puntuali saranno convincenti, allora non tema, il lettore è intelligente e saprà lui cosa pensare. Altrimenti non accettando questo tipo di libertà di formarsi una propria valutazione personale leggendo entrambe le versioni, potrebbe apparire come un voler tacitare la tesi contraria per voler avere forzatamente ragione.
    Io non vendo la Parola di Dio, ma la annunzio, così com’è scritta, senza interpretazione. Ci credo che lei vive nel dubbio, appunto perché non crede, non ha fede nella Parola di Dio e in Gesù Cristo, e mostra di avere più fede nelle parole di Nietzsche. La Bibbia è Parola di Dio, santa, buona, giusta, verace, se uno non si accosta sapendo questo non potrà mai capire quello che sta scritto. Chi non crede in Gesù Cristo è tormentato e vive in contraddizione, su questo ha detto la verità, perché è così; io quando sono nato di nuovo ho ricevuto lo Spirito santo che mi permette di essere sicuro di quello che dico, non per superbia mia o per intelligenza, ma mi è stato dato. Sono sicuro di tutto, anche di quello che non capisco della Bibbia, e vivo una vita in pace e in serenità sapendo dove sto andando, e mi concentro a rimanere fermo nella fede e a fare l’opera che Dio mi sospinge a fare. Certo, sono un uomo debole anch’io, ma la fede, il timore di Dio e lo Spirito santo mi fanno sentire fermo e sicuro, soprattutto sulla Parola di Dio. La fede e la certezza spingono all’azione, al movimento, perché lo Spirito santo mette nei cristiani veri il volere e l’operare, quindi l’accusa che mi ha mosso non ha alcun fondamento, sono parole dette solamente per insultare e gettare discredito.
    Ma per lei c’è anche una buona notizia, LA BUONA NOTIZIA, che Gesù Cristo è morto per salvare i peccatori, tra i quali c’è anche lei, e se si ravvede, si inginocchia nella sua cameretta e chiede pietà a Dio nel nome di Gesù Cristo, se crede che Iddio Figlio è venuto in carne ed ha abitato in mezzo a noi e che senza credere in lui non c’è salvezza, che il terzo giorno è risuscitato, le può essere dato di nascere di nuovo, e allora diventeremo fratelli in Cristo, anche lei riceverà lo Spirito santo, non avrà dubbi, e crederà in tutto quello che è scritto nella Bibbia, perché avrà sperimentato che essa è verace e le cose che sono scritte in essa si avverano. Il mio desiderio è che lei sia salvato, non ottengo nulla di più se penso solo alla mia di salvezza. Certo, devo badare a stare fermo nella fede sino alla fine, ma nel contempo devo annunziare la salvezza anche agli altri.
    Capisco che non piaccia che questo blog di uno sconosciuto le ricordi le sue afflizioni e i suoi dubbi, mentre l’autore del blog mostra certezza e sicurezza, ma le cose stanno così non perché l’amministratore del blog è più bravo o più sapiente, no, non per questo, ma perché l’autore del blog un giorno si è inginocchiato, e lo fa ancora, ed ha chiesto pietà a Gesù Cristo e perdono di tutti i suoi peccati, ed è stato esaudito.
    Le sto proponendo di frequentare qui anziché altre parti o di fare qualcosa di particolarmente difficile? Le è difficile inginocchiarsi alzare le mani e chiedere pietà e misericordia a Dio per i propri peccati? Non c’entrano le religioni e i gruppi religiosi, la salvezza che presenta la Bibbia è solo la NUOVA NASCITA, cioè in poche parole si incontra PERSONALMENTE Gesù Cristo e lo Spirito santo viene ad abitare sul peccatore rigenerandolo spiritualmente per mezzo della fede in Gesù Cristo. Non posso farlo io quello, non può farlo nessuna religione, non può farlo nessun uomo, ma solo lo Spirito santo può rigenerare spiritualmente. Quindi, da questo messaggio può tranquillamente vedere che non ho nessuna esclusiva nella salvezza, e può anche lei essere salvato senza frequentarmi e senza seguire più quello che dico. Non sono esclusivista perché penso che solo io o pochi di noi possono essere salvati, sono esclusivista perché dico che SOLO GESU’ CRISTO può salvare e perdonare dai peccati, CHIUNQUE si ravvede e crede nell’Evangelo.
    Lei qui sta dibattendo con una persona serena e tranquilla che le dice che la pace e la serenità insieme alla certezza, come descritto nel nuovo testamento, è anche per lei, è anche per tutti coloro che lo vogliono ardentemente e lo chiedono a Dio faccia a terra.
    Quello che lei vede come arroganza e superbia, in realtà è fede in Dio e nella Sua Parola. Le sembrerà strano, non lo può capire, ma le cose stanno così. Strano che molti studiosi prendano per buono tutto quello che hanno scritto certi filosofi della storia, ma debbano dubitare su ciò che è scritto nella Bibbia. La salvezza sta nella fede, si curi di studiare tutto su questa parola, dal punto di vista biblico, e si avvicinerà a comprendere di cosa stiamo parlando. Il suo arrivederci lo accetto se lei nasce di nuovo e salirà in cielo, ma se lei non si converte preferisco non incotrarla mai, soprattutto alla mia fine, perché lei se si rifiuta di credere sarà gettato all’inferno, ed è per evitarle questa fine che ho creato questo blog che lei mal sopporta. Spero che non arrivi mai a pensare: “Ah se avessi dato retta a quel poveraccio del blog, non mi troverei in questo luogo tormentato dalla fiamma”, come similmente disse il riccone ad Abramo (cfr Luca 16)
    Pace a lei e che Dio la benedica.

    Mi piace

  9. 1 maggio 2018 18:13

    Mai letto cose meno cristiane di queste.. E non rigiri l’argomento, io vado fiero delle mie “afflizioni”, dei miei dubbi, perché sono marchio di una persona che cerca autenticamente la verità, fino in fondo e senza riserve. Non invidio la sua posizione, e nemmeno intendo tacitarla, vorrei solo che evitasse di spargere false idee, perché lei non ha la minima idea di cosa Nietzsche pensasse, e non sono certo due frammenti estrapolati che le danno la competenza di parlare di ciò che non sa. Alla fine sono convinto che sarà apprezzato il mio sforzo molto umano di arrivare alla comprensione, sforzo che non si accontenta di una rivelazione a cui non riesce a credere (come sa, la fede è un dono, non una scelta) fino in fondo. Cristo, appunto, è venuto a salvare gli uomini che soffrono, non è venuto a distribuire differenze, il suo amore le annulla semmai. Cristo comprende le mie afflizioni, non mi giudica, come fa lei, come un peccatore. Sia convinto delle sue certezze, non gliele voglio togliere, ma non si arroghi il diritto di giudicarmi come uno stolto che vaga afflitto perché ignorante, i più grandi cristiani hanno vissuto afflizioni (che brutto termine che ha usato, ancora pieno di saccenza e superbia), e sono stati grandi uomini, caritatevoli e molto cristiani. Se arriverò al dono della fede non ci arriverò certo grazie all’annunzio (ancora, ma è sicuro di potersi dire annunciatore?) di un blog. Ad ogni modo, lei ha continuato a voler parlare di fede, mentre la mia critica poggiava solo sul fatto che lei parlasse di un pensatore senza nemmeno conoscerlo, quindi in effetti non ha mai risposto in merito. Io del suo blog mal sopporto le sue falsità in merito all’articolo, non in merito alla sua fede (che rispetterei di più se fosse tormentata, se fosse più umana, ma queste sono scelte sue e io non ci metto il becco), quindi cerchi di non interpretare in malafede le mie parole perché mi crede eretico o quel che preferisce. Ricordi che deve fare i conti con le contraddizioni della carne, Cristo ha annunciato la resurrezione dei corpi, se rifugge questo aspetto carnale della vita è lei fra i due che ha capito poco del messaggio del Nazareno. Viva come meglio crede, io non la giudico, ma eviti di parlare di cose di cui non sa nulla, questo sarebbe gradito.

    Piace a 1 persona

  10. 1 maggio 2018 21:25

    Rispondo solo riferendomi alle sue ultime parole per brevità, ma devo farlo. Lei dice a me di evitare di parlare di cose di cui non so nulla? Prima di rivolgere a me queste parole le deve mettere in pratica, ed evitare accuratamente di parlare di Gesù il Cristo di Dio e della fede, perché lei di tali cose non sa proprio nulla, deve solo ascoltare e abbassare il capo in segno di riverenza nei confronti della Parola di Dio, chiedendoGli che Egli abbia misericordia di lei e la salvi, evitando così di essere gettato all’inferno.
    Per ora non è il suo campo parlare di Gesù e della Bibbia, lasci stare, si continui ad occupare di Nietzsche, che è alla sua portata.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

No Temas Sino Habla

Entonces él Señor dijo de noche en visión á Pablo: No temas, sino habla, y no calles: Porque yo estoy contigo, y ninguno te podrá hacer mal (Hechos 18:9-10)

Blog di Aldo Prendi

Per la diffusione e la difesa delle dottrine bibliche

Acordai-vos

Tocai a trombeta em Sião, e dai o alarma no meu santo monte.

Egli è altresì scritto...

Blog di Nicola Iannazzo

Destatevi

"Suonate la tromba in Sion e date l'allarme sul mio santo monte" (Gioele 2:1)

Il Buon Deposito

Dottrine della Bibbia

La Massoneria Smascherata

"non v'è niente di nascosto che non abbia ad essere scoperto" (Matteo 10:26)

Listen to the sound of the sword

«Stand in the ways and see, and ask for the old paths, where the good way is, and walk in it» (Jeremiah 6:16)

Sana Dottrina

Perché verrà il tempo che non sopporteranno la sana dottrina; ma per prurito d'udire si accumuleranno dottori secondo le loro proprie voglie e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole.(2Timoteo 4:3-4)

La Buona Strada

Blog di Giuseppe Piredda, cristiano evangelico pentecostale trinitariano fondamentalista

He who has ears let him hear

A voice crying in the wilderness

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: