Skip to content

Raggi di luce di storia dei pionieri pentecostali: i giudizi di Dio

25 gennaio 2017

Raggi di luce di storia dei pionieri pentecostali: i giudizi di Dio

Giacomo-Lombardi_thumb.jpgStavo leggendo di nuovo un librettino sulla storia pentecostale, ed ecco che mi è saltato agli occhi questo racconto particolare, che vi ho riportato sotto, perché ciò che in esso viene evidenziato è confermato ampiamente negli scritti del Nuovo Testamento.

“”Una sera, Giacomo, tornando a casa, disse che finalmente era riuscito a parlare in una riunione di una Chiesa Evangelica. Questa doveva essere la Chiesa Battista di Piazza San Lorenzo in Lucina, nella quale aveva partecipato ad una conferenza religiosa ed aveva potuto intervenire. Lo avevano ascoltato con attenzione e alla fine alcuni lo avevano deriso ironicamente. Però gli si era accostato anche un anziano signore, molto distinto, il quale si era congratulato con lui per la sua “parola calda e vibrante”. Giacomo aveva risposto che quanto aveva dichiarato gli era stato suggerito dallo Spirito Santo e che aveva frequentato soltanto qualche classe della scuola elementare. Quel distinto signore era l’Avv. Mauro Paretti (1844 – 1926), il quale notò immediatamente che si trovava dinanzi ad un uomo semplice e illetterato, che gli rispondeva con un forte accento abruzzese.

Per qualche settimana Lombardi frequentò quella Chiesa, ma un giorno ebbe una sgradita sorpresa, mentre cercava l’occasione di testimoniare dell’esperienza pentecostale si trovò dinanzi alla ferma opposizione del pastore, il quale, preoccupato che i membri della propria chiesa potessero essere sviati dalla nuova dottrina annunciata(1), lo chiamò, lo redarguì severamente e lo espulse.

Giacomo aveva sperato di poter svolgere il proprio ministerio di testimonianza in quell’unica comunità che gli si era aperta. Mentre deluso si stava allontanando sentì la voce di Dio che gli disse: “Guarda, vedi quell’uomo che sta uscendo dalla chiesa(2), ti ha scacciato ed ha impedito l’opera Mia, morirà”. Una settimana dopo, quel pastore morì improvvisamente.

“L’indizio più valido per concludere che la chiesa battista frequentata dal Fr. Lombardi era quella di Piazza in Lucina è costituita dal suo racconto: ‘…l’ultima volta che vidi il pastore che bruscamente mi aveva scacciato dalla sua chiesa fu quando stando sul portone udii la voce del Signore che mi invitò a voltarmi proprio mentre il pastore stava percorrendo l’androne del palazzo…’. Se non vado errato” afferma Roberto Bracco, “la chiesa in questione è l’unica tra le quattro Chiese Battiste della capitale che abbia l’ingresso in fondo all’androne del palazzo” (Roberto Bracco, Breve storia inedita su Giacomo Lombardi, Roma, 1979)””

[Fonte: Giacomo Lombardi, autore Francesco Toppi, ADI-MEDIA, 1998, pagg. 37-39]

(1)   Giacomo Lombardi aveva ricevuto da Dio il mandato di annunziare non solo l’Evangelo alle anime perdute, ma anche quello di annunziare la promessa fatta a tutti i credenti del primo secolo fino alla venuta della perfezione, del ritorno del Signore, del battesimo con lo Spirito santo con l’evidenza del parlare in altre lingue, promessa di Dio che, allora e ancora oggi, in alcuni ambienti evangelici era ed è grandemente avversata. Invece, tale esperienza è perfettamente biblica, essa parla di una grande esperienza successiva alla Nuova Nascita. Questa esperienza del battesimo con lo Spirito santo non aggiunge nulla alla salvezza, essa è già perfezionata con la nuova nascita; tuttavia, con il battesimo con lo Spirito santo si riceve la pienezza dello Spirito per avere quella ulteriore aggiunta di potenza per portare frutto a Dio nell’annunziare la Sua Parola e per avere maggiore efficacia nelle opere che vengono compiute.

(2)   Siccome lo scrittore ha voluto riportare le parole esatte che Dio ha pronunciato a Giacomo Lombardi, e considerato che biblicamente per Chiesa non deve intendersi il locale di culto e le mura, ma è l’assemblea dei santi che sono stati lavati dal Sangue di Gesù Cristo e sono nati di nuovo, è doveroso far notare che di certo in questo caso l’errore è stato fatto da chi ha riportato i fatti e le parole e non Iddio, in quanto Egli è perfetto nelle sue opere e nelle sue parole. Una mancanza di una mia specificazione in questo caso potrebbe essere considerata da taluni come un assenso a ritenere la Chiesa come il locale di culto, cosa che non voglio assolutamente che sia neppure lontanamente pensata, ecco, quindi, che ho ritenuto doveroso effettuare, a tal proposito, questa mia specificazione. L’uomo è fallace, Dio no!

Sono sorti, da qualche tempo, dei seduttori di menti che insegnano con forza e con insistenza che Dio non manda giudizi sugli uomini, che non fa morire e non fa ammalare nessuno. Ma le cose non stanno come dicono costoro e, per accertarsene, è sufficiente leggere anche soltanto gli scritti del Nuovo Testamento (cfr Luca 13:1-5, 21:22; Atti 12:23, 5:1-11; 1 Corinzi 11:30, 2 Tessalonicesi 1:6; Ebrei 12:7-8; 10:30; Giacomo 5:13-15; Apocalisse 2:23), i quali riportano ampiamente che Dio è un vendicatore e fa vivere e morire chi vuole, alla pari degli scritti sacri del Vecchio Testamento. Tra coloro che insegnano che Dio non manda giudizi sugli uomini né tantomeno contro la Chiesa e i Suoi figli, ci sono anche dei pastori delle ADI, ed è per questo che, quando si leggono certe cose riportate nei libri scritti e pubblicati dalle stesse persone che avversano l’insegnamento che Dio manda i suoi giudizi sugli uomini, si intravede in queste una importanza maggiore, in quanto confermano chiaramente che le Scritture sacre hanno sempre ragione e a dirlo sono proprio coloro che avversano tali cose.

Vi ricordo, inoltre, che il concetto falso che Dio non punisce e non fa morire né ammalare nessuno, è propagandato dai massoni, i quali si sono insinuati in tutte le organizzazioni e associazioni evangeliche ufficiali e aiutate e riconosciute dallo Stato. Questo falso insegnamento massonico ha lo scopo di separare l’Iddio del Vecchio Testamento che faceva morire e puniva severamente i peccatori e i ribelli, dall’Iddio del Nuovo Testamento, da loro ritenuto che fa solo del bene e non anche fa morire e ammalare chi vuole. Pertanto, cari nel Signore, se cercano di instillare in voi il falso insegnamento che Dio non punisce e non fa morire nessuno, sappiate che oltre al fatto che sia una cosa falsa, non dimostrabile con la Bibbia, voi avrete la certezza che vi trovate davanti ad un filo-massone o ad un massone iniziato, quindi, guardatevi da costoro, state lontani, lasciateli e riunitevi nelle case per lodare e pregare il Signore con sincerità di cuore e buona coscienza. Se non siete sicuri di lasciarli a loro stessi, se avete ancora degli scrupoli di coscienza, chiedete a questi pastori un incontro tutti insieme appositamente per parlare di tutti quei passi del Nuovo Testamento in cui è scritto che Dio punisce e fa morire, per cominciare quelli che vi ho elencato sopra ad esempio, in modo da ascoltare la loro difesa e la loro tesi, se riesce a soddisfare la vostra sete di conoscenza e la vostra coscienza. Se non sarete soddisfatti, allora non vi rimane che lasciarli e lasciare loro i locali di culto, non intestarditevi a rimanerne in possesso, neppure se lo avete pagato voi, ormai non vi appartiene, voi avete pagato stoltamente ed ora ne pagate le conseguenze, ma lasciateli comunque, perché è proprio con la proprietà dei locali di culto che gli impostori vi tengono prigionieri, e Dio con essi vi mette alla prova, per sapere se voi Lo amate con tutto il vostro cuore e con tutto voi stessi o se andate dietro ai locali di culto più che alla verità e alla Sua Parola.

È sufficiente che voi impariate questa grande lezione, per adorare e dare gloria al Signore Gesù Cristo con tutto il cuore e sinceramente, più che seguire un uomo e le sue false dottrine, solo perché avete partecipato a pagarne il locale di culto.

Badate, fratelli nel Signore, che nessuno vi seduca con vani ragionamenti, perché ci sono molti cianciatori e seduttori di menti in mezzo alle Chiese di Cristo Gesù, tra i quali ci sono i massoni e i filo-massoni, i quali sono maestri nelle arti seduttrici dell’errore.

Giuseppe Piredda

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog di Aldo Prendi

Per la diffusione e la difesa delle dottrine bibliche

Acordai-vos

Tocai a trombeta em Sião, e dai o alarma no meu santo monte.

Egli è altresì scritto...

Blog di Nicola Iannazzo

Destatevi

"Suonate la tromba in Sion e date l'allarme sul mio santo monte" (Gioele 2:1)

Il Buon Deposito

Dottrine della Bibbia

La sana doctrina bíblica

Quien tiene oídos para oír, oiga

Chiesa Evangelica Pentecostale di Augusta

Gesù disse: Io son la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muoia, vivrà (cfr. Giovanni 11:25)

La Massoneria Smascherata

"non v'è niente di nascosto che non abbia ad essere scoperto" (Matteo 10:26)

SALVATI per GRAZIA

Blog Di Giuseppe Palamara

La verità rende liberi!

Sito di attualità e informazione cristiana

Listen to the sound of the sword

«Stand in the ways and see, and ask for the old paths, where the good way is, and walk in it» (Jeremiah 6:16)

Non tollero Jezabel

Il blog di Gian Michele Tinnirello

Sana Dottrina

Perché verrà il tempo che non sopporteranno la sana dottrina; ma per prurito d'udire si accumuleranno dottori secondo le loro proprie voglie e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole.(2Timoteo 4:3-4)

La Buona Strada

Blog di Giuseppe Piredda, cristiano evangelico pentecostale trinitariano fondamentalista

He who has ears let him hear

A voice crying in the wilderness

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: