Skip to content

Impara a pregare e a leggere la Bibbia con perseveranza

9 maggio 2017

Impara a pregare e a leggere la Bibbia con perseveranza

george-muller«… [George Muller] gettò le fondamenta della propria vita di preghiera, affrontando gli ostacoli che gli sbarravano la via nella piena comunione con Dio.

Una carenza di preghiera è più evidente nei primi anni della sua conversione, in quanto quella santa abitudine dovette essere costruita con diligenza. Non si trattò di qualcosa che acquisì immediatamente. Per esempio, quando era ancora studente ad Halle, in seguito al suo risveglio spirituale, decise di iscriversi all’università di Berlino. All’improvviso lo Spirito santo lo riprese per aver preso la decisione in modo affrettato, senza aver cercato la volontà di Dio mediante la preghiera. Egli racconta: “Quando giunse il giorno in cui dovevo iscrivermi all’università, il Signore mi spronò a riconsiderare la cosa in preghiera”.

Dopo aver pregato scoprì che questo fosse un fatto insignificante, gli insegnò che le decisioni non devono essere prese senza essere considerate attentamente alla luce della preghiera. In seguito, nel suo lavoro, ci sarebbero stati molti eventi usati dal Signore per bloccarne le iniziative. Dio lo riprendeva per aver imboccato una strada senza averla precedentemente presentata a Lui. La sua certezza che un’azione fosse giusta era basata sulla necessità di non intraprenderla senza aver prima atteso in preghiera il benestare di Dio.

All’inizio del 1826 imparò un’altra lezione, che sarebbe stata usata per rafforzare la sua tempra spirituale. Dopo la conversione non leggeva la Bibbia, sebbene leggesse molto a proposito della Bibbia. Doveva perfezionare questa lezione nel suo curriculum di fede prima che Dio gli concedesse molte risposte alle preghiere. “La mia difficoltà nel comprendere la Bibbia, e il poco piacere che avevo nel leggerla, mi resero trascurato nella lettura…”.

Questo avveniva nel 1826 ma dopo sedici anni di combattimento spirituale, egli scoprì che un cambiamento radicale nel metodo di nutrire la sua anima gli consentì ulteriori vittorie. I suoi conflitti interiori ed esteriori erano grandi. Egli scrive: “Prima di questo periodo, la mia abitudine era stata, almeno per i dieci anni precedenti, di dedicarmi alla preghiera dopo essermi vestito la mattina. Ora compresi che la cosa più importante da fare era dedicarmi alla lettura della Parola di Dio, e alla sua meditazione, affinché il mio cuore potesse essere confortato, incoraggiato, ammonito e riprovato”.

Il tempo della preghiera, nel quale metteva completamente allo scoperto la sua anima davanti a Dio, era un momento di confessione: “Il risultato è”, afferma Muller, “che c’è sempre una buona parte di confessione da fare.” …»

[Estratto dal libro edificante dal titolo “George Muller”, di Basil Miller, ADI-MEDIA, edizione italiana 1997, da pag. 125 a 127]

Ci sono due cose essenziali che assicurano la crescita spirituale di ogni credente sincero e sottomesso a Dio; una è la preghiera, mediante la quale l’uomo parla a Dio; la seconda è studio della Bibbia, con il quale Dio parla all’uomo. Queste due cose devono essere sempre praticate ogni giorno da tutti i credenti. Se il credente non ama praticare queste due cose con perseveranza, o anche solo una di esse, ha certamente dei problemi spirituali e la sua crescita e di certo non sta costruendo sulla roccia, ma sulla sabbia e, a costoro, quando giungerà la prova, tutto quello che avranno fatto sarà spazzato via e ne avranno grande dànno.

 Nel Salmo primo leggiamo queste parole:

«Beato l’uomo … il cui diletto è nella legge dell’Eterno, e su quella legge medita giorno e notte. Egli sarà come un albero piantato presso a rivi d’acqua, il quale dà il suo frutto nella sua stagione, e la cui fronda non appassisce; e tutto quello che fa, prospererà.» (Salmi 1:1-3)

Come vedete, il salmista, sospinto dallo Spirito santo a scrivere quelle parole, afferma che bisogna prendere piacere (diletto) nello studiare la Parola di Dio.

L’apostolo Paolo, inoltre, esorta i santi di Colosse a perseverare nella preghiera:

«Perseverate nella preghiera, vegliando in essa con rendimento di grazie» (Colossesi 4:2)

Cari nel Signore, ricordatevi sempre che i primi vostri doveri verso il Signore sono quelli di prendervi del tempo per pregare il Signore durante la giornata e di studiare le sacre Scritture per metterle in pratica. Se fate queste cose, voi non rimarrete improduttivi nell’opera del Signore, sarete prima di tutto felici e l’Iddio della gloria benedirà tutte le opere che intraprenderete a fare.

Se non vi dedicate alla preghiera e allo studio della Parola, voi potrete fare tutte le cose che volete, ma non avrete la benedizione di Dio, perché e avrete volute fare senza di Lui e non sottomessi alla sua volontà e alla sua guida.

Quindi, fratelli nel Signore, badate a voi stessi, e valutate bene quello che dovete fare per piacere a Dio, e ricordatevi di prendervi del tempo per andare a trovare il Padre nostro celeste in preghiera, e per ascoltare, studiando la Bibbia, quello che Egli ci vuole comunicare. Non siate ribelli, né pigri in queste cose, perché Dio non si compiace delle persone stolte.

Giuseppe Piredda

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog di Aldo Prendi

Per la diffusione e la difesa delle dottrine bibliche

Acordai-vos

Tocai a trombeta em Sião, e dai o alarma no meu santo monte.

Egli è altresì scritto...

Blog di Nicola Iannazzo

Destatevi

"Suonate la tromba in Sion e date l'allarme sul mio santo monte" (Gioele 2:1)

Il Buon Deposito

Dottrine della Bibbia

prendialdo.wordpress.com/

Il blog di Aldo Prendi

La sana doctrina bíblica

Quien tiene oídos para oír, oiga

Chiesa Evangelica Pentecostale di Augusta

Gesù disse: Io son la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muoia, vivrà (cfr. Giovanni 11:25)

La Massoneria Smascherata

"non v'è niente di nascosto che non abbia ad essere scoperto" (Matteo 10:26)

SALVATI per GRAZIA

Blog Di Giuseppe Palamara

La verità rende liberi!

Sito di attualità e informazione cristiana

Listen to the sound of the sword

«Stand in the ways and see, and ask for the old paths, where the good way is, and walk in it» (Jeremiah 6:16)

Non tollero Jezabel

Il blog di Gian Michele Tinnirello

Sana Dottrina

Perché verrà il tempo che non sopporteranno la sana dottrina; ma per prurito d'udire si accumuleranno dottori secondo le loro proprie voglie e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole.(2Timoteo 4:3-4)

La Buona Strada

Blog di Giuseppe Piredda, cristiano evangelico pentecostale trinitariano fondamentalista

He who has ears let him hear

A voice crying in the wilderness

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: