Vai al contenuto

Perché la Chiesa non deve chiedere allo Stato beni confiscati alla criminalità organizzata

27 dicembre 2017

Perché la Chiesa non deve chiedere allo Stato beni confiscati alla criminalità organizzata

nobeni

La Chiesa non deve chiedere allo Stato di farsi assegnare beni confiscati alla criminalità organizzata innanzi tutto perché la Chiesa non deve scendere in Egitto in cerca di soccorso (cfr. Isaia 31:1), e quindi per adempiere la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di lei la Chiesa non deve chiedere allo Stato (o meglio elemosinare) dei beni materiali siano essi mobili che immobili ma deve appoggiarsi sulle offerte volontarie dei propri membri e confidare in Dio affinché supplisca ad ogni suo bisogno; e poi perché i beni confiscati alla criminalità organizzata sono beni di origine illecita (rubati, estorti, comprati con soldi sporchi, etc.) e se la Scrittura dice: “Non porterai nella casa dell’Eterno, del tuo Dio, la mercede d’una meretrice” (Deuteronomio 23:18) è evidente che la Chiesa non deve incamerare beni macchiati dall’iniquità o di origine illecita, e poi perché la Chiesa, facendosi assegnare dei beni confiscati, si andrebbe ad esporre volontariamente a minacce o richieste di denaro (pizzo) o attentati da parte dei criminali ai quali sono stati confiscati i beni.

Qui di seguito metto due dei tanti casi che mostrano quanto sia pericoloso farsi assegnare beni confiscati alla criminalità organizzata.

«Minacce ai gestori dei beni confiscati a Chiaiano, interrogazione Pd

Il Fondo rustico Amato Lamberti di Chiaiano è un bene confiscato al clan Simeoli e affidato in gestione alla cooperativa “Resistenza”. Qui sono realizzate molteplici iniziative di carattere sociale. Più volte, i volontari hanno dovuto subire intimidazioni, minacce, attacchi. Lo scorso due aprile si è registrato l’ultimo, grave episodio: una porzione notevole del podere, di circa 14 ettari di terreno, è stata data alle fiamme mentre il titolare della cooperativa, è stato avvicinato da due persone in scooter che gli hanno gridato «Ve ne dovete andare». Una interrogazione al Ministro dell’Interno è stata presentata dal deputato del Pd, Salvatore Piccolo, componente della commissione Antimafia, sottoscritta anche da altri tre parlamentari napoletani dell’Antimafia, Luisa Bossa, Massimiliamo Manfredi e Giovanna Palma, e i deputati del Pd, Carloni e Sgambati. «Chiediamo al Governo – spiega Piccolo – di assumere iniziative per proteggere e tutelare dalle intimidazioni e da fatti delittuosi di chiara connotazione camorristica, le attività sociali che la cooperativa affidataria svolge sul bene confiscato, per testimoniare ancor più l’impegno e la fermezza dello Stato nel contrasto all’illegalità e al crimine organizzato».

Fonte: Il Mattino

«Minacce a coop gestisce beni confiscati

(ANSA) – ANOIA (REGGIO CALABRIA), 27 AGO – Un cartello con il disegno di una croce è stato lasciato da sconosciuti ad Anoia davanti al cancello d’ingresso della cooperativa ‘Giovani in vita’, che gestisce beni confiscati alla ‘ndrangheta. La cooperativa aveva già subito l’incendio di un trattore ed un furto di attrezzi. Era stata avviata una raccolta di fondi per far fronte ai danni. Stamane l’ennesima intimidazione. L’episodio è stato denunciato ai carabinieri, che hanno avviato le indagini.

Fonte: Ansa

Badate bene però che con questo non voglio dire che lo Stato faccia una cosa sbagliata nel confiscare i beni di origine illecita ai malavitosi, ma un’altra cosa, e cioè che la Chiesa deve rimanere fuori dall’amministrazione di questi beni.

Ricordatevi che la Chiesa è chiamata a conservarsi pura dal mondo (cfr. Giacomo 1:27) e ad astenersi da ogni mala apparenza (cfr. 1 Tessalonicesi 5:22), per potere comparire davanti a Cristo Gesù, il capo della Chiesa, “gloriosa, senza macchia, senza ruga o cosa alcuna simile, ma santa ed irreprensibile” (Efesini 5:27)

Qualcuno potrebbe infine dirmi: «Ma è legale chiedere allo Stato i beni confiscati alla criminalità organizzata!» Ma certo, non dico affatto che sia illegale, lo so bene che c’è una legge a tale proposito, ma non tutto quello che è legale fare secondo lo Stato è giusto nel cospetto di Dio. Per fare un solo esempio: è legale abortire, ma nel cospetto di Dio abortire significa commettere un omicidio.

Quindi, fratelli, se vi vengono offerti beni confiscati alla criminalità organizzata rispondete con un chiaro NO!

La grazia sia con voi

Giacinto Butindaro


Leggi anche:

Il locale di culto della Chiesa ADI di San Cipriano d’Aversa è stato costruito su un terreno confiscato alla camorra

Fabbricato e terreno confiscati alla mafia a Palermo ora in mano alle ADI

La Nuova Pentecoste prende beni confiscati alla camorra

Domanda a Lirio Porrello: la Parola della Grazia ha ricevuto una villa confiscata alla mafia?

[Tratto dal blog “Chi ha orecchie da udire oda”, amministrato da Giacinto Butindaro]

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

No Temas Sino Habla

Entonces él Señor dijo de noche en visión á Pablo: No temas, sino habla, y no calles: Porque yo estoy contigo, y ninguno te podrá hacer mal (Hechos 18:9-10)

Blog di Aldo Prendi

Per la diffusione e la difesa delle dottrine bibliche

Acordai-vos

Tocai a trombeta em Sião, e dai o alarma no meu santo monte.

Egli è altresì scritto...

Blog di Nicola Iannazzo

Destatevi

"Suonate la tromba in Sion e date l'allarme sul mio santo monte" (Gioele 2:1)

Il Buon Deposito

Dottrine della Bibbia

Listen to the sound of the sword

«Stand in the ways and see, and ask for the old paths, where the good way is, and walk in it» (Jeremiah 6:16)

Sana Dottrina

Perché verrà il tempo che non sopporteranno la sana dottrina; ma per prurito d'udire si accumuleranno dottori secondo le loro proprie voglie e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole.(2Timoteo 4:3-4)

La Buona Strada

Blog di Giuseppe Piredda, cristiano evangelico pentecostale trinitariano fondamentalista

He who has ears let him hear

A voice crying in the wilderness

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: