Vai al contenuto

Contro il disprezzo verso i poveri

2 febbraio 2018

Contro il disprezzo verso i poveri

povero-ricco

Oggi in tante Chiese i poveri sono disprezzati e i ricchi onorati. I pastori non amano stare con i poveri delle Chiese, ma con i ricchi sì. E questo perché, essendo amanti del denaro, stanno lontani dai poveri che hanno bisogno di essere aiutati dalla Chiesa e corteggiano i ricchi per farsi dare da loro tanto denaro (decime, ingenti offerte etc), per poter fare la «dolce vita».

Tra un povero che conduce una vita pia, giusta e temperata e un ricco che è altero d’animo, ruba, mente e si conforma al presente secolo malvagio, preferiscono sempre quest’ultimo.

Tra il povero che abita in una modesta abitazione da lui presa in affitto, e il ricco che abita in una villa costruita con la frode e ogni sorta di iniquità, preferiscono sempre quest’ultimo.

Tra un povero che è spirituale in quanto cammina per lo Spirito, ed un ricco carnale in quanto vive secondo la carne, preferiscono sempre quest’ultimo.

Tra un povero che conosce le Scritture e quindi si attiene alla dottrina di Dio ma ha studiato poco (ha solo la quinta elementare o la terza media), e il ricco che non conosce le Scritture e contrasta la verità ma ha una laurea ottenuta in una prestigiosa università, preferiscono sempre quest’ultimo.

Ed anche il loro messaggio è diverso: il povero che si santifica ed è un esempio viene da loro schernito e offeso e la Chiesa messa in guardia da lui, mentre il ricco dato al male viene elogiato e presentato come un esempio da seguire.

Ma nessuno si illuda, perché la vendetta di Dio a suo tempo arriva, eccome se arriva, su questi pastori! Dio infatti sta esercitando le sue vendette su questi pastori amanti del denaro e ingiusti!

“L’Eterno è un Dio geloso e vendicatore; l’Eterno è vendicatore e pieno di furore; l’Eterno si vendica dei suoi avversari, e serba il cruccio per i suoi nemici. L’Eterno è lento all’ira, è grande in forza, ma non tiene il colpevole per innocente” (Nahum 1:2-3).

A Dio sia la gloria in Cristo Gesù ora e in eterno. Amen.

Giacinto Butindaro

[Tratto dal blog “Chi ha orecchie da udire oda”, amministrato da Giacinto Butindaro]

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...