Skip to content

L’ingiustizia e l’aumento delle tasse rendono instabile e rovinano una nazione

12 marzo 2018

L’ingiustizia e l’aumento delle tasse rendono instabile e rovinano una nazione

imporre-tasse

«Il re, con la giustizia, rende stabile il paese; ma chi pensa solo a imporre tasse, lo rovina» (Proverbi 29:4)

Da diversi decenni stiamo assistendo, in Italia e in Europa, ad una costante eliminazione  dalla cultura, dalle tradizioni, dai principi etici generali, dalle leggi, tutto quello che in qualche modo trova fondamento nella Bibbia e nel cristianesimo. È dunque in atto un piano per eliminare completamente ogni influenza della Bibbia e dei comandamenti di Dio verso i popoli della terra.

Infatti, stiamo assistendo, contrariamente a quanto insegna la Bibbia, ad un incitamento e continua approvazione alla diffusione del peccato, anche piuttosto grave davanti a Dio, come l’omosessualità, il divorzio e la convivenza, l’eutanasia, l’aborto, il femminismo col continuo contrasto contro gli uomini, la delinquenza comune e organizzata non viene punita come lo deve essere; tanto per fare degli esempi, ma ce ne sono anche altri. Tutte queste opere, davanti a Dio sono definite ingiuste e malvagie, non fanno altro che produrre instabilità e destabilizzazione nelle nazioni e tra i popoli. I cittadini cominciano a non sentirsi più protetti dallo stato, anzi, cominciano a vedere nel governo e nelle autorità il proprio principale nemico e causa del proprio malessere, proprio come avverrebbe in una dittatura.

Oltre a creare instabilità, certi governi si sono dimostrato ostili anche alla crescita e alla stabilità economica, provvedendo all’ingrandimento della crisi e della recessione con l’aumento delle tasse, facendo scappare all’estero gli investimenti delle imprese che avrebbero dato lavoro ai disoccupati. Anzi, in Italia ad esempio, non solo ci sono pochi investimenti consistenti, ma pure le aziende importanti che c’erano se ne sono andate all’estero, causando un ulteriore aumento della disoccupazione e aggravio della situazione economica della classe operaia.

Queste scelte poste in essere dai governi europei, sono errori gravi, che vanno prima di tutto contro le leggi di Dio, poi danneggiano fortemente i popoli, le cui conseguenze sono davanti agli occhi di tutti: paura del futuro, instabilità economica ed incertezza nella giustizia istituzionale. Purtroppo quando l’uomo vive nella paura, darà sfogo prima o poi ad azioni eclatanti e dannose, si lascerà andare a scoppi d’ira, a causa della forte pressione spirituale interiore; ma questo è proprio ciò per cui certe scelte politiche vengono prese, per creare disordine ed abbassare il livello di democrazia, come ha scritto il massone Gioele Magaldi in un suo libro.

Leggendo tali considerazioni, sorge spontaneo domandarsi chi sono quei centri di potere che odiano il cristianesimo e la Bibbia e che si trovano a guidare i partiti e a formare i governi e a promulgarne le leggi delle nazioni europee? Ormai lo sanno tutti quelli che si informano fuori dai media istituzionali e controllati, che è proprio a causa di questo tipo di persone che stiamo assistendo ad un abbassamento della qualità della vita e e di libertà nei paesi occidentali. Stiamo assitendo a prove generali di una nuova forma di dittatura, celata sotto le spoglie della democrazia.

Contrariamente a quanto costoro possono pensare e fare, Gesù Cristo, l’unica via della salvezza per l’uomo, regna e guiderà tutte le cose verso il compimento dei piani di Dio Padre.

Com’è scritto, i cristiani devono pregare per le autorità, benché sia davanti agli occhi di tutti il fatto che stia accadendo qualcosa di epocale nella storia del mondo intero, attraverso il pretesto della globalizzazione, che non sta portando benessere alle democrazie, ma malessere economico, insicurezza e instabilità.

Noi, che abbiamo creduto in Gesù Cristo, abbiamo l’obbligo di rimetterci in ogni cosa nelle mani del Signore, continuando a pregare sia per le autorità sia per tutti i santi.

Cari nel Signore, vi esorto dunque a vegliare e perseverare nella preghiera, senza chiudere gli occhi su quello che sta accadendo, perché si sta preparando il tempo della venuta dell’Anticristo, affinché nessuno della Chiesa dell’Iddio vivente e vero sia colto di sorpresa dalle cose che devono avvenire e nessuno rimanga privo della grazia di Dio e della sua misericordia.

Giuseppe Piredda

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

No Temas Sino Habla

Entonces él Señor dijo de noche en visión á Pablo: No temas, sino habla, y no calles: Porque yo estoy contigo, y ninguno te podrá hacer mal (Hechos 18:9-10)

Blog di Aldo Prendi

Per la diffusione e la difesa delle dottrine bibliche

Acordai-vos

Tocai a trombeta em Sião, e dai o alarma no meu santo monte.

Egli è altresì scritto...

Blog di Nicola Iannazzo

Destatevi

"Suonate la tromba in Sion e date l'allarme sul mio santo monte" (Gioele 2:1)

Il Buon Deposito

Dottrine della Bibbia

La Massoneria Smascherata

"non v'è niente di nascosto che non abbia ad essere scoperto" (Matteo 10:26)

Listen to the sound of the sword

«Stand in the ways and see, and ask for the old paths, where the good way is, and walk in it» (Jeremiah 6:16)

Non tollero Jezabel

Il blog di Gian Michele Tinnirello

Sana Dottrina

Perché verrà il tempo che non sopporteranno la sana dottrina; ma per prurito d'udire si accumuleranno dottori secondo le loro proprie voglie e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole.(2Timoteo 4:3-4)

La Buona Strada

Blog di Giuseppe Piredda, cristiano evangelico pentecostale trinitariano fondamentalista

He who has ears let him hear

A voice crying in the wilderness

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: