Vai al contenuto

Perché i Giudei cercarono di uccidere Paolo a Gerusalemme

27 marzo 2018

Perché i Giudei cercarono di uccidere Paolo a Gerusalemme

paologerusalemme

Paolo disse davanti al re Agrippa la ragione per cui i Giudei cercarono di ucciderlo a Gerusalemme quando lo presero nel tempio. Ecco le sue parole:

“… prima a que’ di Damasco, poi a Gerusalemme e per tutto il paese della Giudea e ai Gentili, ho annunziato che si ravveggano e si convertano a Dio, facendo opere degne del ravvedimento. Per questo i Giudei, avendomi preso nel tempio, tentavano d’uccidermi. Ma per l’aiuto che vien da Dio, son durato fino a questo giorno, rendendo testimonianza a piccoli e a grandi, non dicendo nulla all’infuori di quello che i profeti e Mosè hanno detto dover avvenire, cioè: che il Cristo soffrirebbe, e che egli, il primo a risuscitar dai morti, annunzierebbe luce al popolo ed ai Gentili” (Atti 26:20-23).

Dunque, Paolo si attirò l’odio dei Giudei perché annunciò loro la Buona Novella che Gesù era il Cristo del quale avevano parlato i profeti e Mosè, e li esortò a ravvedersi e a convertirsi a Dio, facendo opere degne di ravvedimento. E vi posso assicurare che chi imita Paolo ancora oggi viene odiato e perseguitato dai Giudei.

Giacinto Butindaro

[Tratto dal blog “Chi ha orecchie da udire oda”, amministrato da Giacinto Butindaro]

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...