Vai al contenuto

Riflessioni sul “copiare” e “condividere”

17 aprile 2018

Riflessioni sul “copiare” e “condividere”

condividi

Ci sono persone sul web che ci accusano di fare copia e incolla di articoli vari, con l’intento di offenderci, non per amore di verità, non trovando altro da argomentare contro di noi.

I nostri accusatori e calunniatori non tengono conto di due cose semplici ma fondamentali, che mi accingo ad esporvi di seguito, che vi aiuteranno a capire quando il COPIARE e il CONDIVIDERE sono da riprovare e quando invece sono corretti.

Sia sui social che sui siti e blog, io e altri fratelli condividiamo gli articoli scritti da altri, con cui ci troviamo pienamente d’accordo sul piano biblico-dottrinale; tali articoli li condividiamo ponendo il nome e la fonte da dove sono stati prelevati, per evitare che qualcuno possa pensare che siamo voluti entrare nella fatica di altri, come se fosse la nostra. Ecco, tale tipo di CONDIVISIONE è corretta, quindi questo tipo di comportamento non è censurabile, è promosso dai vari sistemi informatici e piattaforme varie, e lo possiamo tranquillamente fare senza timore alcuno. Tale azione si chiama semplicemente CONDIVISIONE, ed è una pratica comportamentale corretta.

Ciò che non è corretto fare è il copia ed incolla di scritti di altri, facendoli passare come propri. Tale pratica non è condivisione corretta, ma sostituzione dell’autore dello scritto, cioè il COPIATORE non cita l’autore reale, apponendo, nella peggiore ipotesi, il suo nome facendolo passare come una propria elaborazione mentale. Questo è quel tipo di comportamento che è censurabile, scorretto, perché qualcuno si appropria della fatica di altri, gloriandosi di qualcosa che non ha prodotto e non ha faticato ad elaborarlo, godendone impropriamente i “mi piace” e le approvazioni varie dei fratelli che leggono, i quali, talvolta, sono più numerosi di quelli che vengono concessi al reale autore del post, a motivo dei pregiudizi negativi che in certi ambienti evangelici imperano nei confronti di certi credenti.

Pertanto, per amore di verità e per rispondere a certe voci calunniose che girano sul web, facciamo sapere ai fratelli che ci stimano e anche a quelli che sono indecisi, che devono aggiungere alla base dei loro giudizi anche questi ragionamenti, affinché non siano ingannati e spinti ad andare contro qualcuno che ha agito secondo coscienza e secondo verità.

Piuttosto, badate a guardarvi da coloro che non fanno le distinzioni di cui ho argomentato sopra sulla differenza tra il COPIARE e CONDIVIDERE, perché sono mossi da cattiva coscienza e lo fanno solo per screditare alcuni di noi che correttamente CONDIVIDONO degli articoli e materiale vario e non agiscono astutamente nel COPIARE sostituendosi al reale autore dello scritto.

Dunque, fratelli nel Signore, riflettete bene anche su queste cose e fate notare a chi parla a sproposito, con la malizia nel cuore, travisando VOLONTARIAMENTE il CONDIVIDERE e il  COPIARE, solo per la smania di volerci accusare e insultare, tentando di dimostrare che stiamo sbagliando a CONDIVIDERE. Inoltre, quante cose condividono costoro insieme ai loro seguaci, anche cose insensate e massoniche-sataniste, e pretendono che nessuno li censuri; mentre a noi e a coloro che sono vicini a noi, che sono d’accordo con quanto scriviamo, gli ingiusti censori vorrebbero vietare di farlo. Anche questo tentativo di censurare le condivisioni della verità della Parola e altre riflessioni utili per i stanti è una macchinazione di Satana, per cercare d’impedirne la diffusione.

Cari nel Signore, riprendete le opere infruttuose delle tenebre e i discorsi insensati, e riprendete anche coloro che COPIANO qualcosa da altri senza apporre il nome del reale autore. Riprendeteli per amore della verità, come dei veri figlioli di giustizia e di verità.

Che nessuno vi seduca con vani ragionamenti.

Giuseppe Piredda

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

No Temas Sino Habla

Entonces él Señor dijo de noche en visión á Pablo: No temas, sino habla, y no calles: Porque yo estoy contigo, y ninguno te podrá hacer mal (Hechos 18:9-10)

Blog di Aldo Prendi

Per la diffusione e la difesa delle dottrine bibliche

Acordai-vos

Tocai a trombeta em Sião, e dai o alarma no meu santo monte.

Egli è altresì scritto...

Blog di Nicola Iannazzo

Destatevi

"Suonate la tromba in Sion e date l'allarme sul mio santo monte" (Gioele 2:1)

Il Buon Deposito

Dottrine della Bibbia

La Massoneria Smascherata

"non v'è niente di nascosto che non abbia ad essere scoperto" (Matteo 10:26)

Listen to the sound of the sword

«Stand in the ways and see, and ask for the old paths, where the good way is, and walk in it» (Jeremiah 6:16)

Sana Dottrina

Perché verrà il tempo che non sopporteranno la sana dottrina; ma per prurito d'udire si accumuleranno dottori secondo le loro proprie voglie e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole.(2Timoteo 4:3-4)

La Buona Strada

Blog di Giuseppe Piredda, cristiano evangelico pentecostale trinitariano fondamentalista

He who has ears let him hear

A voice crying in the wilderness

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: