Vai al contenuto

Sulla scomparsa di Angela Celentano

23 aprile 2018

Sulla scomparsa di Angela Celentano

aggiornamento-angela

Mio fratello Illuminato mi ha segnalato poco fa questa cosa che per noi è nuova in merito alla scomparsa di Angela Celentano (che non è dunque presente nel mio libro «Angela Celentano: un mistero che dura dal 10 agosto 1996»). Sul sito internet del programma «Chi l’ha visto?» a marzo del 2000 c’era presente questa informazione nella sezione dedicata ad Angela Celentano alla voce «Aggiornamento puntata del 28 settembre 1999»:
«Uno dei due ragazzini che per ultimi avevano visto Angela aveva detto ai Carabinieri di aver visto due uomini, uno dei quali con il codino, portare via Angela su un’auto.

Questa dichiarazione del ’96 coincide con una più recente. A distanza di tre anni un testimone ha dichiarato ai carabinieri che quel 10 agosto, intorno alle ore 13, mentre era diretto verso Vico Equense, avrebbe incrociato una Lancia Prisma di colore oro metallizzato targata Perugia. L’auto andava verso Castellammare di Stabia a forte velocità. Al volante della Lancia ci sarebbe stato proprio un uomo con il codino. Dopo avere urtato di striscio l’auto del testimone, rompendone lo specchietto retrovisore esterno sinistro, avrebbe poi ripreso la corsa, dopo qualche secondo di incertezza. Seduto sul sedile posteriore della Lancia ci sarebbe anche stato un altro uomo che teneva una mano appoggiata su qualcosa sotto il sedile.»

Questa informazione relativa al testimone che incrociò quella macchina non è più presente in quella sezione dedicata ad Angela Celentano, ma ritengo che sia molto interessante perché se Angela fu rapita intorno alle 12,30 come riporta «Il Mattino» del 12 settembre 1996: «Sabato 10 agosto, ore 12,30: la madre di Angela, Maria si accorge della scomparsa della figlia» (pag. 7), e messa su una macchina, l’orario del testimone coinciderebbe perché dal luogo del rapimento, cioè dal Centro Sportivo Faito, a Vico Equense c’è mezzora di macchina. E quindi quella macchina intorno alle 13 in effetti si sarebbe trovata sulla strada che andava da Vico Equense a Castellammare di Stabia.

Preghiamo Dio, fratelli, perché questo caso è molto complesso e gli inquirenti hanno le loro difficoltà. Ma la nostra fiducia è che Dio opererà per aiutarli a scoprire la verità.

Giacinto Butindaro

[Tratto dal blog “Chi ha orecchie da udire oda”, amministrato da Giacinto Butindaro]

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...