Vai al contenuto

I falsi apostoli si rifiutano di dire come spendono le decime che danno le Chiese!

21 dicembre 2018

I falsi apostoli si rifiutano di dire come spendono le decime che danno le Chiese!

Il falso apostolo Enzo Incontro durante il culto di Domenica 2 Dicembre 2018 a Napoli, ha detto delle parole scandalose che badate bene dicono anche i pastori di tante altre denominazioni evangeliche che impongono la decima.

In sostanza, il discorso è questo: i membri di Chiesa devono portare la decima del loro stipendio o della loro pensione nella cosiddetta casa di Dio, cioè nel luogo di culto, e non devono interessarsi affatto di come quei soldi vengono spesi dal pastore! Che cosa significa nella pratica questo? Che se i soldi delle decime vengono poi impiegati dal pastore della Chiesa per comprarsi una Ferrari, una villa con piscina, vestiti lussuosi, gioielli d’oro, un orologio Rolex, o per andarsi a fare delle crociere, e per altri piaceri della vita, etc. questo non deve importare nulla a chi dà la decima!!

Insomma, i membri di Chiesa hanno il dovere di dargli la decima, ma non hanno il diritto di sapere che fine fanno le decime.

Ora, fermo restando che la decima sotto la grazia non va ordinata di pagare, è evidente che questo modo di ragionare e parlare è disonesto. Gli apostoli di Cristo infatti erano per una assoluta trasparenza nella gestione delle offerte che le Chiese dettero per i poveri, infatti in merito all’amministrazione della generosa colletta per i poveri (formata da libere offerte e non da decime) che fu da loro raccolta e amministrata, essi agirono in maniera tale da evitare che qualcuno potesse biasimarli circa quell’abbondante colletta, perché – disse Paolo – “ci preoccupiamo d’agire onestamente non solo nel cospetto del Signore, ma anche nel cospetto degli uomini” (2 Corinzi 8:21).

Ma se Enzo Incontro parla in quella maniera sulla decima che le Chiese devono dare vuole dire che lui e i suoi collaboratori non vogliono che le Chiese vengano a sapere dove vanno a finire i soldi delle decime.

E’ venuta dunque l’ora che tutti coloro a cui viene ordinato di pagare la decima – e non solo nella Missione Paradiso, e nella Parola della Grazia, ma anche nelle ADI etc – chiedano un rendiconto dettagliato e preciso su come quei soldi vengono spesi. E non solo, li esorto pure a fare delle indagini sul tenore di vita di questi uomini che si fanno chiamare apostoli, profeti, pastori, etc, e delle loro famiglie. Capiranno così quello che noi diciamo ormai da tanti anni, e cioè che costoro sono amanti del denaro e non di Dio e quindi bisogna ritirarsi da essi e non dargli neppure un centesimo.

Concludo dicendo questo: «Se lo Stato dicesse ai cittadini di questa nazione: voi avete il dovere di pagare le tasse, ma non avete il diritto di sapere come lo Stato impiega i vostri soldi, come reagirebbero i cittadini?»

Giacinto Butindaro

[Tratto dal blog “Chi ha orecchie da udire oda”, amministrato da Giacinto Butindaro]


Articoli correlati:

Il falso apostolo Enzo Incontro nega che Gesù era Dio

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...