Vai al contenuto

Martirio di Mollio di Montalcino

10 gennaio 2019

Martirio di Mollio di Montalcino

eretico-rogo

Eretico al rogo

Giovanni Buzio, detto il Mollio, nato a Montalcino, in provincia di Siena, era un francescano minorita conventuale ed un predicatore, che ebbe all’epoca un vasto seguito, egli frequentò i circoli erasminiani di Brescia e nel 1538 si convertì alla dottrina luterana. Fu per questo arrestato, processato e infire messo al rogo dall’inquisizione.

Di lui ha scritto Aonio Paleario, riportato in Aonio Paleario, ossia  La Riforma in Italia, Firenze, Tipografia Claudiana, 1863, pagg. da 239 a 241:

«Mancherebbe un nome al martirologio romano, se non vi unissimo quello di un discepolo di Valdez, di un dotto professore dell’università di Bologna: Mollio di Montalcino. La sua condanna precedè di molti anni quella di Algieri e di Pascali. Preso a Ravenna sotto il pontificato di Giulio III e tradotto davanti all’inquisizione, comparve il 5 settembre 1553 al cospetto di un’assemblea solenne con una fiaccola in mano insieme a molti suoi discepoli che l’avevano seguito nelle carceri, ma la costanza dei quali non eguagliò la sua. Invitato a parlare, Mollio si difese con l’ardire di un uomo che non ha più alcun interesse terrestre da rispettare. Confessò altamente la dottrina della giustificazione per la fede, tacciò la messa d’idolatria, e il potere che si arrogavano il papa e i cardinali d’usurpazione

“Voi pretendete, disse loro, di essere i successori degli Apostoli, gli eredi del Cristo, e siete assetati del sangue dei santi; voi disprezzate la Parola di Dio, perseguitate i suoi ministri come se in Cielo non ci fosse un vendicatore!… Ah! dalla vostra sentenza, qualunque ella sia, mi appello al tribunale del sommo Giudice, e vi cito a rispondere nell’ultimo giorno, quando i vostri titoli pomposi, i vostri superbi ornamenti non ci abbaglieranno più di quel che non ci spaventano le vostre torture. In testimonianza di ciò, io vi rendo quello che voi mi avete dato!”

A queste parole, ei buttò in terra la fiaccola che teneva in mano, e col piede la spense. I cardinali frementi lo condannarono a perire nell’istante, con quelli dei suoi compagni che non rinnegavano i suoi sentimenti. Tisserano di Padova non volle separare la sorte sua da quella di Mollio. Condotti al Campo di Fiore, morirono con pari intrepidezza sul rogo.»

Informazioni raccolte e pubblicate da Giuseppe Piredda

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

No Temas Sino Habla

Entonces él Señor dijo de noche en visión á Pablo: No temas, sino habla, y no calles: Porque yo estoy contigo, y ninguno te podrá hacer mal (Hechos 18:9-10)

Blog di Aldo Prendi

Per la diffusione e la difesa delle dottrine bibliche

Acordai-vos

Tocai a trombeta em Sião, e dai o alarma no meu santo monte.

Egli è altresì scritto...

Blog di Nicola Iannazzo

Destatevi

"Suonate la tromba in Sion e date l'allarme sul mio santo monte" (Gioele 2:1)

Il Buon Deposito

Dottrine della Bibbia

Listen to the sound of the sword

«Stand in the ways and see, and ask for the old paths, where the good way is, and walk in it» (Jeremiah 6:16)

Sana Dottrina

Perché verrà il tempo che non sopporteranno la sana dottrina; ma per prurito d'udire si accumuleranno dottori secondo le loro proprie voglie e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole.(2Timoteo 4:3-4)

La Buona Strada

Blog di Giuseppe Piredda, cristiano evangelico pentecostale trinitariano fondamentalista

He who has ears let him hear

A voice crying in the wilderness

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: