Vai al contenuto

Per fede si viene giustificati e lavati dai propri peccati

28 luglio 2019

Per fede si viene giustificati e lavati dai propri peccati

Da sempre, ci sono due soli modi per essere salvati e per piacere a Dio, uno è quello di comportarsi secondo quanto Iddio ha comandato, l’altro è essere salvati non per le opere che vengono compiute, ma per fede. Le religioni nel mondo possono anche essere molte, ma possono essere ridotte solo alle due che vi ho elencato. Le sacre Scritture insegnano che la salvezza non è una conseguenza delle opere fatte, bensì è un dono gratuito di Dio, immeritato, per mezzo della fede nel sacrificio che Gesù Cristo ha compiuto. Ecco i passi delle Scritture che affermano ciò:

«E tali eravate alcuni; ma siete stati lavati, ma siete stati santificati, ma siete stati giustificati nel nome del Signor Gesù Cristo, e mediante lo Spirito dell’Iddio nostro» (1Corinzi 6:11)

 

«Giustificati dunque per fede, abbiam pace con Dio per mezzo di Gesù Cristo, nostro Signore» (Romani 5:1)

«avendo pur nondimeno riconosciuto che l’uomo non è giustificato per le opere della legge ma lo è soltanto per mezzo della fede in Cristo Gesù, abbiamo anche noi creduto in Cristo Gesù affin d’esser giustificati per la fede in Cristo e non per le opere della legge, poiché per le opere della legge nessuna carne sarà giustificata.» (Galati 2:16)

 

«Egli ci ha salvati non per opere giuste che noi avessimo fatte, ma secondo la sua misericordia, mediante il lavacro della rigenerazione e il rinnovamento dello Spirito Santo» (Tito 3:5)

Chi viene salvato, giustificato e lavato dai suoi peccati, riceve tali cose per mezzo della fede in Cristo Gesù e non per le opere che ha fatto. Chi pretende di essere salvato per le sue opere, mette sulla bilancia di Dio sia le opere buone che quelle malvagie e le sacre Scritture ci insegnano che le opere dell’uomo sono come dei panni sporchi davanti a Dio e non sono mai per nessuno sufficienti per ottenere la salvezza per mezzo di esse.

Le opere acquistano valore solo dopo che si è salvati, perché esse sono da considerare come la manifestazione della fede e della salvezza che si è già ricevuta, a gloria e onore di Dio. Le opere dunque devono essere abbondanti, ma non bisogna pensare che si è salvati per esse, ma sono la conseguenza della salvezza già ottenuta per mezzo della fede.

Infatti è scritto:

«Poiché gli è per grazia che voi siete stati salvati, mediante la fede; e ciò non vien da voi; è il dono di Dio. Non è in virtù d’opere, affinché niuno si glorî» (Efesini 2:9)

Quindi, è necessario considerare le opere dal punto di vista di Dio e non da quello umano. Se non sei ancora giustificato e i tuoi peccati non sono ancora stati rimessi dall’anima tua, allora devi sapere che devi ravvederti e credere nell’Evangelo, avere fede in Dio e nel Suo Figliolo Gesù Cristo, solo allora Iddio avrà misericordia di te e ti salverà e ti giustificherà, per la sua misericordia, e tu non potrai glorificarti di nulla, ma tutta la gloria va data a Dio.

Ascoltate attentamente ciò che la Parola di Dio vi insegna, perché è in essa che è stata esposta la via della salvezza. Badate dunque alla vita vostra e non disprezzate quanto il Signore vuole farvi conoscere attraverso le sacre Scritture, per il bene dell’anima vostra.

Che Dio abbia pietà di tutti coloro che sono perduti nei loro falli e nei loro peccati e che si ravvedano e credano nell’Evangelo.

Giuseppe Piredda

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...