Vai al contenuto

Ordine nelle riunioni della chiesa

8 gennaio 2020

Ordine nelle riunioni della chiesa

L’apostolo Paolo, tra l’altro, ha scritto sui doni dello Spirito santo ed ha anche parlato della loro manifestazione, che deve essere fatta con ordine, durante i culti e le riunioni della Chiesa. A tal proposito, ecco cos’ha scritto ai Corinzi:

«Se c’è chi parla in altra lingua, siano due o tre al più, a farlo; e l’un dopo l’altro; e uno interpreti; e se non v’è chi interpreti, si tacciano nella chiesa e parlino a se stessi e a Dio» (1 Corinzi 14:27, 28)

Dall’esame di tale passo, prima di tutto consideriamo le parole “se c’è chi parla in lingue” e da quel SE vuole significare che parlare in altre lingue non è una cosa obbligatoria che debba avvenire durante tutte le riunioni di culto.

Poi dice, qualora ci sia chi parla in lingue, che devono essere DUE O TRE AL PIÙ a farlo e lo devono fare UNO DOPO L’ALTRO; quindi mai tutti insieme, per non esserci disordine e confusione, perché Iddio non è un Dio di confusione, ma di ordine.

Inoltre, i due o tre al massimo, possono parlare in lingue con ordine, SOLTANTO SE c’è chi interpreti, ma se non c’è chi interpreta, allora quelli che parlano in lingue devono tacere, o parlare a sé stessi e a Dio soltanto.

L’apostolo Paolo scrive ispirato dallo Spirito santo, comandando a tutte le Chiese dei santi che bisogna fare obbligatoriamente in tale modo, ordinato e senza confusione.

Dobbiamo prendere atto, purtroppo, che nelle chiese pentecostali non ho mai sentito che le lingue si manifestassero secondo l’ordine imposto da Paolo.

Ciò può essere dovuto a diverse ragioni, la prima è che moltissimi che parlano in altre lingue, in realtà non sono battezzati con lo Spirito santo, ma fingono, si preparano a casa le paroline da dire, sempre le stesse, e farfugliano sillabe incomprensibili, ignorando che una lingua ha i suoi peculiari accenti e numero di parole, che sono tutte conosciute dallo Spirito santo. Poi ci sono i pastori/impostori che spingono i credenti a inventarsi le lingue e a parlarle tutti insieme, facendo una gran confusione e creando quell’atmosfera mistica che illude i credenti e li fa credere che si stia manifestato lo Spirito santo, quando invece si è manifestato solo lo Spirito di stoltezza e confusione, se non addirittura qualche spirito maligno.

Fratelli nel Signore, vi esorto a rigettare il falso battesimo con lo Spirito, a mettere ordine biblico in voi stessi e a ricercare il VERO BATTESIMO CON LO SPIRITO SANTO, il dono perfetto che viene dall’alto e non dall’uomo, per la vostra edificazione e per avere maggiore potenza per rendere testimonianza efficace nell’annunziare l’Evangelo.

Nessuno vi seduca con vani ragionamenti.

Giuseppe Piredda

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...