Vai al contenuto

Iddio parla ancora oggi, egli non è mutato

29 settembre 2020

Iddio parla ancora oggi, egli non è mutato

I Giudei avevano dei riguardi personali contro i gentili, ma Iddio, per comunicare a Pietro che tali pregiudizi erano sbagliati, gli parla in questa maniera raccontata da Luca:

«Or il giorno seguente, mentre quelli erano in viaggio e si avvicinavano alla città, Pietro salì sul terrazzo della casa, verso l’ora sesta, per pregare. E avvenne ch’ebbe fame e desiderava prender cibo; e come gliene preparavano, fu rapito in estasi; e vide il cielo aperto, e scenderne una certa cosa, simile a un gran lenzuolo che, tenuto per i quattro capi, veniva calato in terra. In esso erano dei quadrupedi, dei rettili della terra e degli uccelli del cielo, di ogni specie. E una voce gli disse: Lèvati, Pietro; ammazza e mangia. Ma Pietro rispose: In niun modo, Signore, poiché io non ho mai mangiato nulla d’immondo né di contaminato. E una voce gli disse di nuovo la seconda volta: Le cose che Dio ha purificate, non le far tu immonde. E questo avvenne per tre volte; e subito il lenzuolo fu ritirato in cielo. (Atti 10:9-16)

Pietro stava pregando e il Signore rapì la sua mente, cioè non poteva più vedere quello che c’era attorno a lui, ma vide ciò che Dio gli volle far vedere, per comunicargli che sotto la grazia i gentili, rappresentati figurativamente dagli animali impuri, non erano più da considerare impuri e da tenere alla larga, ma anch’essi erano anime da evangelizzare, esattamente uguali alle anime perdute dei giudei.

Una cosa importante che un credente deve sempre ricordare è che Dio ancora oggi, esattamente come ai tempi degli apostoli e la prima Chiesa, parla con una voce udibile, con i sogni e anche con le visioni (rapimento di mente come avvenuto a Pietro nel passo sopra citato).

Un’altra cosa, altrettanto importante della precedente, è quella che i credenti è necessario che siano sempre prudenti quando ascoltano le rivelazioni potenti di Dio che ha ricevuto qualcuno, perché devono esaminare ogni cosa, in quanto molte rivelazioni raccontate da falsi credenti e falsi profeti sono false, Iddio non ha mai parlato loro, esse provengono dalla presunzione degli uomini o da suggestione personale e possono provocare gravi danni a chi ci crede.

Quindi, fratelli nel Signore, state attenti, avete il dovere di credere che Dio ancora oggi parli e dia le sue rivelazioni agli uomini, come Egli vuole, ma dovete anche essere massimamente prudenti, perché non tutte le rivelazioni sono date da Dio e bisogna esaminare ogni cosa attraverso la Parola di Dio, per non rimanere ingannati e per non essere sviati dalla via della verità.

Il maligno contro le rivelazioni di Dio agisce in due modi; nella prima maniera ingannando certi fratelli che sono definiti cessazionisti, facendo loro credere che oggi Iddio non parla più attraverso i sogni e le visioni come faceva un tempo; nell’altra maniera ingannando i pentecostali, che credono che Dio ancora oggi parli attraverso sogni e visioni, attraverso messaggi falsi e ingannevoli per spingerli nella distruzione e nella falsità.

Quindi, bisogna essere credenti in tutto ciò che insegna la Parola, ma non bisogna essere creduloni e credere a tutto quello che dicono gli uomini, tra i quali ci sono persone malvagie e false che possono ingannare i CREDULONI. Dunque, siate credenti, ma non CREDULONI.

Cari nel Signore, badate dunque come ascoltate e state attenti che nessuno vi seduca con false rivelazioni.

Giuseppe Piredda

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...