Vai al contenuto

Messaggio rivolto agli Ebrei, dai quali è venuto, secondo la carne, il Cristo, che è sopra tutte le cose Dio benedetto in eterno

27 dicembre 2020

Messaggio rivolto agli Ebrei, dai quali è venuto, secondo la carne, il Cristo, che è sopra tutte le cose Dio benedetto in eterno

Voglio dire a voi che siete Ebrei di nascita che c’è solo una maniera per ottenere la remissione dei peccati, ed è credendo che Gesù di Nazareth è il Messia del quale l’Iddio d’Israele preannunciò la venuta ab antico per mezzo dei suoi profeti.

Gesù infatti morì sulla croce per i nostri peccati e risuscitò dai morti il terzo giorno apparendo ai suoi discepoli, e in questa maniera adempì le Scritture profetiche concernenti il Messia secondo le quali il Messia sarebbe stato trafitto a motivo delle nostre trasgressioni e fiaccato a motivo delle nostre iniquità (cfr. Isaia 53:5), e che non sarebbe stato lasciato nell’Ades e la sua carne non avrebbe veduto la corruzione (cfr. Salmo 16:10).

Per cui vi annuncio che “chiunque crede in lui riceve la remission de’ peccati mediante il suo nome” (Atti 10:43).

Non vi illudete, se rifiuterete di ravvedervi e di credere nella Buona Novella che Gesù è il Messia, i vostri peccati continueranno a contaminare la vostra coscienza, l’ira di Dio resterà sopra di voi, rimarrete sotto la maledizione della legge secondo che è scritto: “Maledetto chi non si attiene alle parole di questa legge, per metterle in pratica!” (Deuteronomio 27:26), e morirete nei vostri peccati andandovene nelle fiamme dello Sheol, dove sarete tormentati in attesa del giorno del giudizio quando risusciterete in resurrezione di condanna per essere giudicati secondo le vostre opere e gettati nel fuoco eterno.

Non importa quante opere della legge facciate, per mezzo di esse non potete essere giustificati, perché Dio ha detto tramite il profeta Habacuc: “Il giusto vivrà per la sua fede” (Habacuc 2:4), e difatti il patriarca Abrahamo fu giustificato per fede, secondo che è scritto: “Egli credette all’Eterno, che gli contò questo come giustizia” (Genesi 15:6).

Giacinto Butindaro

[Tratto dal blog “Chi ha orecchie da udire oda”, amministrato da Giacinto Butindaro]

One Comment leave one →
  1. Giovan battista permalink
    27 dicembre 2020 17:59

    Pentitevi dèi vostri peccati e credete che Gesù è figlio di Dio morto in croce per i nostri peccati e risorto il 3 giorno per giustificarci sarete salvati michea 5:1 Zaccaria 9:9 Isaia 7:14 53:1-12 versi che parlano del Messia Gesù questo dire agli ebrei

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...