Vai al contenuto

Fratelli, studiatevi di crescere nella conoscenza della Parola di Dio

17 febbraio 2021

Fratelli, studiatevi di crescere nella conoscenza della Parola di Dio

L’apostolo Paolo, tra le altre, cose, ai santi di Colosse ha scritto queste cose:

«La parola di Cristo abiti in voi doviziosamente; ammaestrandovi ed ammonendovi gli uni gli altri con ogni sapienza, cantando di cuore a Dio, sotto l’impulso della grazia, salmi, inni, e cantici spirituali» (Colossesi 3:16);

per esortarli a studiare le sacre Scritture, affinché la Parola di Cristo dimorasse in loro in grande misura.

Cari nel Signore, ponete mente alle parole di Paolo, e badate ad impegnarvi per crescere nella conoscenza della verità della Parola di Dio, stando attenti a discernere ciò che è vero e conforme alla volontà di Dio, da ciò che invece è falso e deve essere rigettato. Queste cose su cui vi sto facendo riflettere, sono molto importanti, perché i cianciatori e i seduttori di menti, per raggiungere i loro fini e sfruttare i fratelli CREDULONI, si giovano dell’ignoranza delle sacre Scritture in cui giace il popolo di Dio. Infatti, agli impostori non li sentirete spesso esortare i santi a studiare copiosamente le sacre Scritture, anzi li scoraggiano dicendo loro: “attento che la conoscenza gonfia!”, e dicono anche di venire da loro se qualcuno vuole sapere qualcosa delle dottrine della Bibbia, perché da soli non sono in grado di capire le cose, perché non hanno gli stessi titoli di studio e non conoscono il greco né l’ebraico. Ben sapendo tutto anticipatamente, il Signore, per contrastare l’inerzia dei santi e per spingerli a studiare le Scritture con tutte le loro forze, ha sospinto il profeta a scrivere queste parole:

«Il mio popolo perisce per mancanza di conoscenza. Poiché tu hai sdegnata la conoscenza, anch’io sdegnerò d’averti per sacerdote; giacché tu hai dimenticata la legge del tuo Dio, anch’io dimenticherò i tuoi figliuoli.» (Osea 4:6)

Come avete letto, evitare di studiare le Scritture vuol dire disdegnare la conoscenza del Signore Iddio e della sua volontà, e coloro che non si interessano della conoscenza di Dio e della sua volontà, è scritto che PERIRANNO. Giudicate dunque da voi stessi se è bene studiare la Bibbia con costanza, oppure disinteressarsi di tale studio e non progredire nella conoscenza di Dio. Egli non si compiace degli stolti e neppure dei pigri che non manifestano fede che lo Spirito santo possa guidarli nella comprensione di quanto leggono, ma preferiscono riporre la loro fiducia nell’uomo.

Cari nel Signore, studiate le Scritture e badate che nessuno vi seduca con vani ragionamenti.

Giuseppe Piredda

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...