Vai al contenuto

La salvezza è per grazia

28 marzo 2021

La salvezza è per grazia

Trascrizione della predicazione di G. Butindaro del 08/01/2021 [M-433]

Uomini e donne, piccoli e grandi, ricchi e poveri, savi e ignoranti, Ebrei e Gentili, ascoltate.

Così è scritto in Matteo: “Or la nascita di Gesù Cristo avvenne in questo modo. Maria, sua madre era stata promessa sposa a Giuseppe; e prima che fossero venuti a stare insieme, si trovò incinta per virtù dello Spirito Santo. E Giuseppe, suo marito, essendo uomo giusto e non volendo esporla ad infamia, si propose di lasciarla occultamente. Ma mentre aveva queste cose nell’animo, ecco che un angelo del Signore gli apparve in sogno, dicendo: Giuseppe, figliuol di Davide, non temere di prendere teco Maria tua moglie; perché ciò che in lei è generato, è dallo Spirito Santo. Ed ella partorirà un figliuolo, e tu gli porrai nome Gesù, perché è lui che salverà il suo popolo dai loro peccati.

Or tutto ciò avvenne, affinché si adempisse quello che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: Ecco la vergine sarà incinta e partorirà un figliuolo, al quale sarà posto nome Emmanuele, che, interpretato, vuol dire: “Iddio con noi”. E Giuseppe, destatosi dal sonno, fece come l’angelo del Signore gli avea comandato, e prese con sé sua moglie; e non la conobbe finch’ella non ebbe partorito un figlio; e gli pose nome Gesù”.

Dunque questa è la maniera in cui nacque Gesù il Cristo di Dio, cioè l’Unto di Dio, del quale Iddio aveva preannunziato la venuta nel mondo, per mezzo dei suoi santi profeti ab antico. “Ella partorirà un figliolo e tu gli porrai nome Gesù”, queste le parole che quell’angelo disse a Giuseppe, e sono parole molto importanti perché il nome di Gesù significa, Yahvè salva; Yahvè è il nome di Dio, o meglio, la maniera in cui viene pronunziato il tetragramma che è il nome di Dio.

E questo perché? A quel bambino, perché gli fu posto nome Gesù? A quel bambino che la Scrittura dice: “Fu generato dallo Spirito Santo” quindi non da seme d’uomo? Perché è Lui che salverà il suo popolo dai loro peccati! Infatti Gesù Cristo è il salvatore del mondo, Egli è stato mandato dal Padre in questo mondo, per essere il Salvatore del mondo. “Certa è questa parola e degna di essere pienamente accettata: che Cristo Gesù è venuto nel mondo per salvare i peccatori…”, dunque è Gesù il Salvatore del mondo, non c’è un altro, “In nessun altro è la salvezza perché non v’è sotto il cielo alcun altro nome che sia stato dato agli uomini, per il quale noi abbiamo a essere salvati”.

Dunque la salvezza è solamente in Gesù Cristo! La salvezza da che cosa? La salvezza dal peccato, perché chi commette il peccato è schiavo del peccato e dunque, Gesù Cristo è venuto nel mondo per salvare gli uomini dai loro peccati. In che maniera? Morendo sulla croce per i nostri peccati! Egli infatti pur non avendo conosciuto il peccato, badate bene, non avendo conosciuto il peccato, Egli che era il Santo, il Giusto, si caricò dei nostri peccati, li portò nel suo corpo sul legno della Croce, ecco dunque, perché Gesù Cristo morì sulla croce: Egli con il suo sacrificio ha annullato il peccato.

Questo è di fondamentale importanza per capire il valore di ciò che Cristo ha compiuto morendo sulla croce; e dopo che morì fu seppellito, ma il terzo giorno Dio lo ha risuscitato dai morti, ed Egli dopo essere risuscitato apparve ai testimoni che erano prima stati scelti da Dio cioè i discepoli, con i quali mangiò e bevve, parlò delle cose relative al regno di Dio per diversi giorni. Ora, siccome che Cristo Gesù è morto per i nostri peccati e con il suo sacrificio ha annullato il peccato, sappiate che la salvezza dei peccati è per grazia mediante la fede nel suo nome, cioè nel nome del Figliolo di Dio che è Gesù Cristo.

Infatti è scritto “Credi nel Signore Gesù e sarai salvato”, sì, credendo nel Signore Gesù Cristo sarai salvato dai tuoi peccati, sarai affrancato dal peccato e quindi smetterai di essere uno schiavo e sarai reso libero. Quindi la salvezza è per grazia mediante la fede, non è in virtù d’opere affinché nessuno si glori nel cospetto di Dio. Bada bene dunque, se ti stai affaticando pensando di guadagnare o meritare la salvezza, sappi che ti stai illudendo, perché la salvezza non si ottiene per opere, per le opere della legge, si ottiene per grazia mediante la fede in Gesù Cristo. Infatti l’apostolo Paolo, scrivendo ai santi di Efeso, cioè a persone che erano state salvate credendo nel Signore Gesù, disse loro: “Poiché gli è per grazia che voi siete stati salvati, mediante la fede; e ciò non viene da voi; è il dono di Dio. Non è in virtù d’opere affinché niuno si glori”.

Dunque Dio per togliere all’uomo ogni motivo per gloriarsi, ogni ragione per gloriarsi, ha stabilito che la salvezza dal peccato, sia per grazia mediante la fede nel Signore Gesù Cristo. Quindi voi che siete peccatori, che siete sotto il peccato, che siete schiavi del peccato, sappiate che per essere salvati dai vostri peccati, dovete ravvedervi e credere nel Signore Gesù Cristo; allora e solo allora, sarete salvati dai vostri peccati e strappati al fuoco dove siete diretti, sì, perché in quanto peccatori voi siete diretti nel fuoco dell’Ades; doveste morire in questo preciso momento, ve ne andreste all’inferno.

All’inferno, così è tradotta la parola Ades, o meglio, per Ades diciamo, s’intende l’inferno, il luogo di sotto, il luogo di tormento nel cuore della terra, dove vanno le anime dei peccatori; perché, quando gli uomini muoiono, essi continuano a vivere, la loro anima continua a vivere e l’anima dei peccatori continua a vivere all’inferno, in questo luogo di tormento dove Dio ha stabilito che vadano coloro che muoiono nei loro peccati.

Quindi bada bene a te stesso peccatore, perché devi sapere questo: coloro che muoiono nei loro peccati vanno in perdizione, vanno all’inferno dove si è tormentati. Hai capito dove stai andando peccatore? Stai andando all’inferno! Sei sulla via dell’inferno. E c’è solo un uomo che è in grado di salvarti e quell’uomo è Gesù Cristo il Figlio di Dio, che è sia uomo sia Dio benedetto in eterno, Egli è il salvatore del mondo.

Quindi te lo ribadisco: per essere salvato ti devi ravvedere e credere nel Signore Gesù Cristo, altrimenti quando morirai per te saranno guai, dolori, pianti, stridor di denti. Tu farai una fine orribile se morirai nei tuoi peccati, sappi che non ti può salvare né Maometto, né Budda, né Maria, non ti può salvare nessuna Chiesa. Solamente Gesù Cristo il Figlio di Dio può salvarti, perché Lui è il Salvatore; non ti puoi salvare nemmeno da te stesso considera; considera, non ti puoi salvare nemmeno da te stesso, hai bisogno del Signore Gesù Cristo per essere salvato. E quindi, è per quello che ti devi ravvedere e credere nel Signore Gesù Cristo, affinché tu sia salvato.

Dunque ti ho annunziato l’Evangelo, la Buona Novella mediante la quale, chi crede in essa viene salvato, perché l’Evangelo è potenza di Dio per la salvezza di ognuno che crede. Non importa se tu sei un Ebreo o un Gentile, mediante la fede nel Signore Gesù Cristo sarai salvato, ma se non crederai, se non crederai nell’Evangelo sarai condannato; Gesù lo ha detto, il Figlio di Dio: “Chi non avrà creduto sarà condannato”.

Dunque se ti hanno detto che alla fine Iddio salverà tutti, non importa quello che si crede o in chi si crede, guarda, ti hanno ingannato, ti sei illuso, perché Gesù Cristo, il figlio di Dio, disceso dal cielo per volontà di Dio, che ci ha detto le parole che ha udito da Dio, ha detto: “Chi non avrà creduto sarà condannato”. Dunque hai la condanna veramente certa se tu ti rifiuterai di credere nell’Evangelo, cioè se ti rifiuterai di credere che Gesù Cristo è morto sulla croce per i nostri peccati secondo le Scritture, che fu seppellito, che risuscitò dai morti il terzo giorno secondo le Scritture e che apparve ai suoi discepoli.

Se tu ti rifiuterai di credere in questa parola, che è la parola della Buona Novella, per te non ci sarà più speranza per l’eternità, sarai condannato, te ne andrai prima all’inferno, cioè nell’Ades e poi, nel giorno del giudizio, quando risusciterai in risurrezione di condanna, comparirai davanti al trono di Dio per essere giudicato secondo le tue opere, e sarai gettato nello stagno ardente di fuoco e di zolfo, perché è là che vengono gettati in quel giorno gli increduli. La tua parte quindi sarà nello stagno ardente di fuoco e di zolfo dove tu peccatore sarai tormentato per l’eternità, nei secoli dei secoli.

Considera quant’è grande la salvezza che Cristo Gesù il Figlio di Dio è venuto nel mondo a portare; considera! Quindi bada bene a te stesso, non ti illudere, ti aspetta prima l’inferno quando morirai e poi in quel giorno, lo stagno ardente di fuoco e di zolfo, il fuoco eterno! Che orribile fine che ti aspetta, che orribile eternità che ti aspetta, quindi affrettati, affrettati, ravvediti e credi, credi nel Signore Gesù Cristo e sarai salvato, per la sua grazia affrancato dal peccato e strappato al fuoco.

Chi ha orecchi da udire, oda!

La predicazione può essere scaricata e sentita dal seguente archivio: https://www.diretta.lanuovavia.org/archivio-registrazioni-44.html

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...