Vai al contenuto

Ragionamenti sul tradimento di Giuda Iscariot tratti dalle sacre Scritture

26 aprile 2021

Ragionamenti sul tradimento di Giuda Iscariot tratti dalle sacre Scritture

Sulla scelta dei dodici apostoli fatta da Gesù, è scritto:

«Or avvenne in que’ giorni ch’egli se ne andò sul monte a pregare, e passò la notte in orazione a Dio. E quando fu giorno, chiamò a sé i suoi discepoli, e ne elesse dodici, ai quali dette anche il nome di apostoli: Simone, che nominò anche Pietro, e Andrea, fratello di lui, e Giacomo e Giovanni, e Filippo e Bartolommeo, e Matteo e Toma, e Giacomo d’Alfeo e Simone chiamato Zelota, e Giuda di Giacomo, e Giuda Iscariot che DIVENNE POI traditore.» (Luca 6:12-16)

Cari nel Signore, voglio che poniate mente alle parole “DIVENNE POI”, a riguardo di Giuda Iscariot che divenne TRADITORE.

Vediamo qual è il significato del verbo DIVENIRE:

“Indica l’evolversi graduale di una situazione”.

Quindi, Giuda era prima diventato discepolo di Gesù Cristo, poi fu scelto come APOSTOLO dal Signore Gesù, e SOLO DOPO TEMPO, la sua situazione spirituale si è evoluta, negativamente, ed egli DIVENNE TRADITORE. Questa è una conferma che Giuda prima era UN VERO CREDENTE, UN VERO DISCEPOLO di Gesù, solo che passato del tempo, la sua SITUAZIONE SPIRITUALE è cambiata, si è modificata, si è EVOLUTA in maniera negativa ed è diventato UN NEMICO di Gesù, il TRADITORE PER ECCELLENZA.

Non c’è nulla che ci debba cogliere di sorpresa in quel cambiamento spirituale negativo avvenuto in Giuda, perché è avvenuto di lui quello che Gesù raccontò nella parabola del seminatore, come riportato da Luca:

«E quelli sulla roccia son coloro i quali, quando hanno udito la Parola, la ricevono con allegrezza; ma costoro non hanno radice, CREDONO PER UN TEMPO, e quando viene la prova, si traggono indietro.» (Luca 8:13)

Dunque, per un tempo Giuda ha creduto ed è stato un discepolo di Gesù, egli è stato persino un apostolo di Gesù Cristo, ma poi è avvenuto che il suo spirito e il suo animo è mutato, e Giuda È DIVENUTO il traditore, è ricordato come uno che si è tirato indietro, che ha CESSATO DI CREDERE in Gesù Cristo.

Argomentando ancora su ciò che sta scritto di Giuda, è doveroso ricordare che i dodici apostoli che Gesù scelse, li mandò in missione, secondo quanto è scritto:

«Poi, chiamati a sé i suoi dodici discepoli, diede loro potestà di cacciare gli spiriti immondi, e di sanare qualunque malattia e qualunque infermità. Or i nomi de’ dodici apostoli son questi: Il primo Simone detto Pietro, e Andrea suo fratello; Giacomo di Zebedeo e Giovanni suo fratello; Filippo e Bartolommeo; Toma e Matteo il pubblicano; Giacomo d’Alfeo e Taddeo; Simone il Cananeo e Giuda l’Iscariota, quello stesso che poi lo tradì. Questi dodici mandò Gesù, dando loro queste istruzioni: …

Ecco, io vi mando come PECORE IN MEZZO AI LUPI; siate dunque prudenti come i serpenti e semplici come le colombe. …

Poiché non siete voi che parlate, ma è lo Spirito del Padre vostro che parla IN VOI.» (Matteo 10:1-5,16,20)

Prima di tutto, vediamo come Gesù diede ai dodici apostoli la potestà di cacciare gli spiriti immondi e di sanare qualunque malattia. Quelle cose furono date a tutti i dodici, non solo ad undici, perché così è scritto. Qualora Gesù non avesse ritenuto che Giuda era un pecora del Signore, cioè un vero credente, un vero suo discepolo sincero in quel momento, non avrebbe mai potuto dargli tale autorità, anche perché per cacciare i demoni c’è bisogno di avere dentro di sé lo Spirito santo. Senza avere in sé lo Spirito santo non si può cacciare nessun demone.

Nel versetto 16, Gesù fa capire che erano PECORE DEL SIGNORE tutti e dodici, non solo undici, infatti dice “VI MANDO COME PECORE IN MEZZO AI LUPI”. Se Giuda Iscariot non fosse stato una PECORA, ma bensì un lupo, Gesù non avrebbe potuto dire quelle parole che ha detto in riferimento a tutti i dodici. Se Giuda fosse stato lui stesso un lupo, Gesù che conosceva bene le persone e quello che era dentro il cuore degli uomini, non avrebbe potuto chiamarlo pecora in mezzo ai lupi.

Per quanto riguarda lo Spirito santo che era in tutti i DODICI, Gesù tra le altre istruzioni rivolte a loro tutti, e non solo agli undici, Egli dice “è lo Spirito del Padre vostro che parla IN VOI”. Quindi, essendo che quelle parole sono dette da Gesù AI DODICI, compreso Giuda, si capisce che in tutti e DODICI abitava lo Spirito santo in loro. Non accettare questo significherebbe credere che Gesù si è sbagliato a parlare e che non sapeva quello che diceva.

Tutte quelle parole Gesù le rivolse in quel momento ai DODICI, infatti è confermato dalle parole che Egli disse a conclusione di tali istruzioni, che qui riporto:

«Ed avvenne che quando ebbe finito di dar le sue istruzioni AI SUOI DODICI DISCEPOLI, Gesù si partì di là per insegnare e predicare nelle loro città.» (Matteo 11:1)

Pertanto, come abbiamo argomentato in questo breve scritto, di Giuda è dunque scritto che venne il momento che DIVENNE IL TRADITORE di Gesù Cristo, ma non c’è nessun passo, nessun discorso tratto dalle Scritture sacre che può essere preso per poter dire che Giuda NON È MAI STATO UN CREDENTE E CHE NON AVEVA LO SPIRITO SANTO dimorante in sé, perché tutte le parole di Gesù Cristo ce lo fanno intendere chiaramente. Non si devono torcere le sacre Scritture e far loro dire quello che piace, solo per difendere la falsa dottrina che “la salvezza non si può perdere”. Siccome questa falsa dottrina trova nella vita di Giuda un grosso scoglio da superare, è bene che tutti i santi riflettano bene su Giuda Iscariot, pregando il Signore, affinché quei passi siano compresi secondo verità. Ed è proprio per aiutarvi a riflettere su quei passi che vi ho scritto, affinché nei vostri ragionamenti non tralasciate niente, ma ogni cosa sia messa al posto giusto.

In conclusione, fratelli e sorelle nel Signore, coloro che vi dicono che Giuda non è mai stato un credente vero, lo dicono solo per SOSTENERE LA FALSITA’ che nessun ELETTO da Dio può perdere la salvezza, ma le Scritture li contraddicono; ebbene, notatelo quel tale e TENETELO LONTANO, perché vi sta mentendo e vi vuole menare lontano dalla via che il Signore ha detto di seguire, che è la via santa. State dunque attenti, perché i seduttori di menti sono tanti e i più pericolosi sono proprio in mezzo alla Chiesa di Cristo.

Badate dunque che nessuno vi seduca con vani ragionamenti.

Giuseppe Piredda

One Comment leave one →
  1. Giovan battista permalink
    26 aprile 2021 18:40

    Giuda Iscariota era ladro e come gli altri apostoli aspirava al primato luca 22:24-38 proverbi 27:1-2 e andrebbe messo nel seme sulle spine luca 8:4-15 Giovanni 12:6 vende Gesù per 30 denari prezzo di uno schiavo luca 22:1-5

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...